VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ARTE arrow Archivio
Archivio



Ecco le entrate archiviate per 0 0


BIENNALE ARTE 2011 | Il potere della lingua
di Redazioneweb2   
mercoledì 04 maggio 2011

asia_centrale.jpg[Padiglione Asia Centrale] Kazakistan, Kirghizistan, Tajikistan e Uzbekistan studiano il concetto di ‘lingua franca’ sotto diversi punti di vista, al fine di investire di questo ruolo anche l’arte contemporanea. Lingua del potere, parlata dal dominatore che non apprende la lingua dei dominati. Ma anche lingua di tutti, trait d’union tra i mondi d’Oriente e quelli d’Occidente./ Kazakhstan, Kyrgyzstan, Tajikistan and Uzbekistan analyse the concept of lingua franca under several points of view, trying to extend this role to contemporary art. The language of the dominator unwilling to learn the language of the dominated, but also the language of everybody, able to link the East to the West.

 

Lingua Franca
Palazzo Malipiero, San Marco

www.labiennale.org

 

 

 

 

 
BIENNALE ARTE 2011 | Back to creativity
di Redazioneweb   
mercoledì 04 maggio 2011

__russia.jpg[Padiglione Russia] Andrei Monastyrski e gli artisti del gruppo «Azioni Collettive» danno vita ad un allestimento coinvolgente, che tende alle radici della creatività, alla vita stessa, insuperabile forma d’arte. Le Zone deserte gettano uno sguardo disincantato sulle nostre esistenze, aprono ad un concetto di vita intrecciata all’arte. La vita stessa è un capolavoro; le metafore adoperate dai vari artisti tendono a dimostrare questo assioma d’inestinguibile fascino./ An intriguing exhibition tending to the roots of creativity and to life itself, unrivalled form of art. Empy Zones casts a disenchanted look at our existence, opening to an idea of life intertwined with art. Life itself is a masterpiece; the metaphors used here by the artists tend to prove an ever fascinating axiom.

 

Empty Zones

Giardini della Biennale

www.ruspavilion.ru

 
BIENNALE ARTE 2011 | Introspezione panoramica
di Redazioneweb2   
mercoledì 04 maggio 2011

[Padiglione della Repubblica dello Zimbabwe] Dice un proverbio africano: «vedere è credere», a dire che si ha bisogno di vedere qualcosa prima di poterne accettare l’esistenza. Così, per esplorare la realtà del proprio esistere, gli artisti dello Zimbabwe, per la prima volta alla Biennale di Venezia, ‘guardano se stessi’ e il proprio paesaggio geografico e temporale mediante la pittura, la fotografia, l’installazione video e la scultura./ According to an African saying «seeing is believing», we need to see something in order to accept its existence. To explore the reality of our existence, the artists from Zimbabwe – for the first time at the Venice Biennale – “look at themselves” and at their geographical and temporal landscapes through painting, photography, video installations and sculpture.

 

Seeing ourselves: questioning our geographical landscape and the space we occupy from yesterday, today and tomorrow
Santa Maria della Pietà, Castello

www.labiennale.org

 
BIENNALE ARTE 2011 | La forza dell'unione
di Redazioneweb2   
mercoledì 04 maggio 2011

ucraina.jpg[Padiglione Ucraina] Un'installazione interamente composta da uova di legno decorate - i krashenka della tradizione ucraina – che creano un'architettura vera e propria, ispirata all'opera I giardini del Paradiso dei fratelli Van Eyck, artisti rinascimentali. Un gigantesco mosaico di cui le uova sono i tasselli, uno stretto connubio tra sacro e profano, antico e moderno./ An installation of decorated wooden eggs – the krashenkas of the Ukrainian tradition – create a real architecture inspired to The gardens of Eden by Jan and Hubert Van Eyck. The eggs are the tiles of a gigantic mosaic, a close mixture of sacred and profane, ancient and modern.

 

Post-vs-Proto-Renaissance
Chiesa di San Fantin, Campo San Stae
www.sydorenko.kiev.ua
 
BIENNALE ARTE 2011 | Visioni e revisioni
di Redazioneweb   
mercoledì 04 maggio 2011

romania1.jpg[Padiglione Romania] Il progetto propone una revisione della storia indagando il significato che termini come Est e Ovest assumono soprattutto per paesi ex-comunisti. L’intento è quello di evidenziare come la storia viene riflessa nell’opera dell’artista e iniziare un dialogo tra due diversi tipi di storia: l’avanguardia storica e la post-avanguardia. All’interno vi è un progetto speciale di interazione con il pubblico./ The project revises history by investigating the meaning of the words East and West, with a focus on former communist countries. The aim is to highlight how history is reflected on art works, and to start a dialogue between two different kinds of history: the historical vanguard and the post-vanguard. The project includes a special interactive part.

 

Performing History

Giardini della Biennale

www.icr.ro

 

 
BIENNALE ARTE 2011 | Esperienza collettiva
di Redazioneweb2   
mercoledì 04 maggio 2011

thailandia.jpg[Padiglione Thailandia] Un'installazione dinamica, che include l'intervento diretto dello spettatore e, con uno stile innovativo, integra le esperienze individuali o di comunità con eccentriche favole. É l'ambizioso para-Padiglione del Paradiso di Navin, riconoscimento ufficiale della non-nazione (immaginaria) di Navinland: un ambiente ricco di sfaccettature capaci di ri-definire le percezioni di identità e di nazionalità./ A multifaceted, dynamic exhibition integrating community or individual experiences into eccentric fictional tales. The ambitious para-pavilion shows the imaginary nation of Navinland, an environment questioning the perceptions of identity and nationality.

 

Navinland Pavilion
Giardini della Biennale
tel. +66(0)2-422-8828

 

 
BIENNALE ARTE 2011 | Ritorno al Passato
di Redazioneweb2   
mercoledì 04 maggio 2011

singapore.jpg[Padiglione Singapore] L’opera è ispirata a un testo del quattordicesimo secolo, una guida per monaci nella pratica della devozione religiosa. Scritto secondo la tradizione della teologia mistica cristiana, il testo descrive le sensazioni di incertezza e di dubbio nella ricerca del divino. Per i modi in cui vengono rappresentate, le nuvole sono un veicolo di provocazione: tra il sacro e il trascendente, tra il profano e il terreno./ The work is inspired to a 14th century text that was aimed at guiding monks in the practice of their devotions. Written in the tradition of Christian mystical theology, it describes the feelings of uncertainty and doubt in the search of divinity. The clouds are objects that challenge for how they are represented: between sacred and transcendent, profane and earthly.

 

The Cloud of Unknowing
Salone di SS.Filippo e Giacomo del Museo Diocesano di Venezia
tel. +65 6346 9471

 
BIENNALE ARTE 2011 | Tendenze
di Redazioneweb2   
mercoledì 04 maggio 2011

romania.jpg[Padiglione Romania] Il Centro di Cultura Contemporanea «Club Electro Putere» di Craiova si trasferisce temporaneamente alla Biennale con l’intento di diffondere l’attività di un centro indipendente d’arte romeno in un contesto artistico internazionale: ampia documentazione ed una piattaforma di ricerca dell’arte contemporanea romena e analizzando le tendenze degli ultimi anni./ Craiova’s Centre for Contemporary Culture «Club Electro Putere» is temporarily moving to the Biennale with the purpose of spreading the activity of an independent Romanian art centre in an international artistic context, proposing wide documentation and a research platform on Romanian contemporary art and its latest trends.

 

 

 

Romanian Cultural Resolution - documentary

Istituto romeno di cultura e ricerca Umanistica, Cannaregio

+40745624526

 

 
BIENNALE ARTE 2011 | Ponte transgenerazionale
di Redazioneweb   
mercoledì 04 maggio 2011

repcecaslovacca.jpg[Padiglione Repubblica Ceca e Slovacca] Scultura ed oggetti come dialogo tra generazioni. Il lessico di un padre che attraversa il tempo per raggiungere le ‘parole artistiche’ di un figlio. La città che dorme è una presentazione che diviene biografia spaziale e, nello stesso tempo, ritratto di un padre, Jirì Lang, prigioniero della sua epoca. Ritratto, attraverso il genitore, del popolo ceco durante e dopo il Comunismo. Assorto omaggio alla storia, ad un padre, all’arte che unisce./ Sculptures and objects promote the dialogue between generations. A father’s lexicon travels through time and connects to his son’s “artistic words.” The Sleeping City becomes space biography and the portrait of a father, Jirì Lang, trapped in his own times, while a picture of the Czech population before and after Communism peeks through the father’s portrait. A thoughtful tribute to history, to a father, and to the uniting strength of art.

 

The sleeping city

Giardini della Biennale

www.54venicebiennial.cz

 
BIENNALE ARTE 2011 | Incredible machine
di Redazioneweb2   
mercoledì 04 maggio 2011

portogallo.jpg[Padiglione Portogallo] Francisco Tropa, uno degli artisti portoghesi più rinomati, presenta un’installazione-dispositivo in cui diversi oggetti dialogano tra loro. Proiettori collocati nello spazio, come sculture, proiettano immagini enigmatiche, alle quali si aggiungono le ombre di altri oggetti dislocati intorno: tronchi, tavole di legno, scatole. Il risultato è un’atmosfera oscura e allegorica./ Francisco Tropa, one of the most renowned Portuguese artists, created a device in which different objects are forced to interact. Enigmatic pictures are projected on the walls together with the shadows produced by objects such as trunks, boards and boxes. The result is an obscure and allegorical atmosphere.

 

Scenario

Fondaco Marcello, San Marco

http://franciscotropa.com/
 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 Pross. > Fine >>

Risultati 121 - 180 di 433
    23|03|2017 - 23|07|2017
  • SERENISSIME TRAME Tappeti dalla collezione Zaleski e dipinti del Rinascimento
    Galleria Giorgio Franchetti alla Ca’ d’Oro, Cannaregio 3932 - VENEZIA
    Tessuti straordinari, coloratissimi, composti da elaborati intrecci dalla forte carica simbolica. Una selezione di 25 antichissimi e rarissimi...

  • 10|04|2017 - 30|07|2017
  • ETTORE SOTTSASS: il vetro
    Le Stanze del Vetro, Isola di San Giorgio Maggiore - VENEZIA
    Le Stanze del Vetro celebrano la produzione vetraria dell’architetto italiano Ettore Sottsass (1917–2007), nel centenario della sua...

  • 09|05|2017 - 24|08|2017
  • GIOVANNI ANSELMO Senza titolo, invisibile, dove le stelle si avvicinano di una spanna in più, mentre oltremare appare verso Sud-Est, e la luce focalizza...
    Fondazione Querini Stampalia, Campo Santa Maria Formosa - VENEZIA
    Il lavoro di Anselmo è un paradigma che si propone ricomponendosi e direzionandosi sempr ein modo diverso ogni volta che incontra uno spazio e...

  • 06|05|2017 - 31|08|2017
  • LISTEN. Imaging American Music by Rhona Bitner
    Palazzetto Bru Zane, San Polo 2368 - VENEZIA
    Il progetto Listen di Rhona Bitner è un catalogo visivo della storia americana del Rock’n’Roll. Una raccolta frutto di oltre dieci...

  • 12|04|2017 - 10|09|2017
  • DAVID LACHAPELLE Lost & Found
    Casa dei Tre Oci, Fondamenta delle Zitelle 43, Isola della Giudecca - VENEZIA
    «Amo creare tramite l’uso della fantasia, tramutando in immagine i miei sogni». David LaChapelle Una grande mostra monografica,...

  • 29|04|2017 - 01|10|2017
  • CABINET OF CURIOSITIES La Collezione Drom
    Museo di Palazzo Mocenigo, Salizada di San Stae, Santa Croce 1992 - VENEZIA
    La straordinaria collezione della famiglia Storp, fondatrice nel 1911 a Monaco di Baviera di Drom Fragrances, dialoga con il Museo di Palazzo...

  • 21|04|2017 - 15|11|2017
  • PALAZZO CINI. LA GALLERIA – VIK MUNIZ Afterglow: Pictures of Ruins
    Palazzo Cini, San Vio, Dorsoduro 864 - VENEZIA
    Afterglow: Pictures of Ruins di Vik Muniz inaugura la stagione 2017 della Galleria di Palazzo Cini a San Vio con un omaggio alla...

  • 26|11|2017
  • PERSONAL STRUCTURE
    European Cultural Centre, Palazzo Mora, Cannaregio 3659 | Palazzo Bembo, Riva del Carbon, San MArco 4793 - VENEZIA
    La mostra è una polifionia di artisti provenienti da diverse parti del mondo, con diverse culture e di conseguenza diversi linguaggi...

  • 13|05|2017 - 26|11|2017
  • INTUITION
    Museo di Palazzo Fortuny, San Marco 3958 - VENEZIA
    Un'esposizione magnificca che riunisce artefatti antichi e opere del passato affiancati ad altre moderne e contemporanee, tutte legate ali concetti...

  • 26|11|2017
  • GLASSTRESS 2017
    Palazzo Franchetti, San Marco 2487 - VENEZIA| Berengo Exhibition Space, Campiello della Pescheria - MURANO
    Quaranta imporatanti artisti internazionali, tra cui Ai Weiwei, Jann Fabre Abdulnasser Gharem, Alicja Kwade, Laure Prouvost, Ugo Rondinone, Thomas...

  • 07|04|2017 - 27|11|2017
  • LORIS CECCHINI Waterbones
    Event Pavilion, T Fondaco dei Tedeschi, Riato, Calle del Fondaco - VENEZIA
    Le sue grandi installazioni si collocano al crocevia tra scultura, architettura e dimensione organica e confondono le percezioni dello spettatore per...

  • 09|04|2017 - 03|12|2017
  • DAMIEN HIRST Treasures from the Wreck of the Unbelievable
    Palazzo Grassi, San Samuele | Punta della Dogana, Salute - VENEZIA
    Un progetto inedito, frutto di un lavoro durato dieci anni, dell’artista britannico Damien Hirst che coinvolge per la prima volta...