VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ARTE
ARTE
BIENNALE ARTE 2017 | Incontro con Paolo Baratta. Biennale Toujours
di Massimo Bran   
mercoledì 17 maggio 2017

paolo_baratta__photo_by_francesco_galli.jpgInutile dire, per chi conosce la vita della Biennale da molto tempo, che Paolo Baratta, nei suoi diversi mandati a cavallo dei due secoli, è stato più di ogni altro il protagonista chiave della crescita strutturale di questa istituzione culturale unica al mondo. Crescita che circolarmente ha coinvolto sia il percorso dei contenuti, delle visioni che i grandi festival e mostre dovevano e devono esprimere artisticamente sulla vita dei nostri giorni, quindi con delle conseguenti, adeguate scelte curatoriali, sia la radice strutturale, fisica su cui distribuire in particolare le grandi esposizioni, con un lavoro certosino e continuo di recupero e riqualificazione di spazi storico-industriali, in primis l’Arsenale, che ha risposto e risponde tuttora a una visione più complessiva della destinazione alta delle funzioni che questa città dovrebbe fare sue oggi. Una lettura d’insieme rara in un establishment come quello italiano, e quindi, va da sé, veneziano, che fatica a esprimere interpreti in grado di produrre visioni sistemiche, complesse e articolate in cui inserire adeguatamente ogni processo e progetto di trasformazione della società, del territorio, della cultura, fuori da ogni vitalismo interventista fine a se stesso. 


 

In questo breve ma stringente incontro abbiamo cercato di fare un punto sugli assi portanti di questa 57. edizione curata da Christine Macel, senza mai però rinunciare a stimolarlo su una lettura di natura storica delle trasformazioni da lui espresse in questa straordinaria macchina della cultura contemporanea.

Leggi tutto...
 
BIENNALE ARTE 2017 | Vedi alla voce: artisti
di Francesco Santaniello   
mercoledì 17 maggio 2017

macel_baratta_-_photo_by_andrea_avezzu.jpg

Viva Arte Viva, il titolo scelto da Christine Macel per la Mostra ufficiale della 57. Biennale d'Arte di Venezia, è un inno alla vitalità salvifica e aurorale dell’arte volto «a celebrare, e quasi a rendere grazie, all’esistenza stessa dell’arte e degli artisti, che ci offrono con i loro mondi una dilatazione della nostra prospettiva e dello spazio della nostra esistenza» (Paolo Baratta, Presidente della Biennale).

Leggi tutto...
 
BIENNALE ARTE 2017 | A corpo nudo nell’arte. Carolee Schneemann Leone d'oro della 57. Biennale
di Anna Trevisan   
mercoledì 17 maggio 2017
main-1.jpgOltre i limiti del pudore, oltre i tabù. Da più di cinquant’anni l’artista statunitense Carolee Schneemann (classe 1939) si spinge e ci spinge ad andare oltre l’estetica dell’ovvio e a guardare il corpo femminile in tutta la sua forza primitiva e arcaica, in aperta polemica con un certo immaginario maschile che lo ha invece reificato e ammutolito. Di lei Christine Macel parla come di una «pioniera della performance femminista dei primi anni ‘60 [che] ha utilizzato il proprio corpo come materia principale della propria arte».
Leggi tutto...
 
BIENNALE ARTE 2017 | Tempi contemporanei. Carlo Giordanetti e la passione per l’arte di Swatch
di Mariachiara Marzari   
mercoledì 17 maggio 2017
sd02_13_baselworld_planet_-copy-616x497.jpgDa sempre Swatch ama portare l’arte tra la gente. Partner principale della 57. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia per la quarta edizione consecutiva, la casa orologiera svizzera si rivolge ancora una volta ad un pubblico internazionale entusiasta.
Nelle parole di Carlo Giordanetti, direttore creativo di Swatch, a cui abbiamo chiesto di presentarci Swacth Faces 2017, l’entusiasmo diventa energia pura.
Leggi tutto...
 
BIENNALE ARTE 2017 | L'Italia Magica. Andreotta Calò, Cuoghi e Husni-Bey, personale/collettiva
di Mariachiara Marzari   
giovedì 18 maggio 2017

main-3.jpgCecilia Alemani ha invitato Giorgio Andreotta Calò, Roberto Cuoghi e Adelita Husni-Bey a realizzare Il mondo magico: tre nuovi progetti, appositamente commissionati e prodotti per il Padiglione Italia nelle Tese delle Vergini all’Arsenale.

 

I tre artisti scelti condividono una visione dell’arte come creazione di universi paralleli in cui si mescolano cosmologie individuali e utopie collettive. La formazione nel campo della sociologia spinge Adelita Husni-Bey (1985) a sviluppare il suo linguaggio artistico attraverso interventi collettivi, con il coinvolgimento diretto dei protagonisti delle storie/inchieste che lei trasforma in workshop aperti e condivisi.

Leggi tutto...
 
La dura battaglia delle idee. Le ragioni del design di Ettore Sottsass a Le Stanze del Vetro
di Paolo Lucchetta   
giovedì 18 maggio 2017
ettore-sottsass-42984.xl_.jpgGli oggetti costituiscono per i designers gli elementi più rilevanti del racconto del proprio lavoro, spiegano le radici autobiografiche della loro opera, sono metafore, fondamenti, memorie e intenzioni, confessioni poetiche e filosofiche. In questo senso per lungo tempo si è immaginato che i progetti, i disegni, gli oggetti, le fotografie, le riviste di Ettore Sottsass, oltre a stupire e innovare, raccontassero una storia.
Leggi tutto...
 
Imprescindibile Tobey. Alla Collezione Guggenheim una retrospettiva dedicata all'artista americano
di Redazioneweb   
giovedì 25 maggio 2017
wildfield.jpgNel contesto di un organismo vivente che si nutre di ricerca e della trasmissione di essa a un pubblico sempre più vasto, le mostre sono lo strumento principale di contatto e sviluppo dei due elementi. Ogni appuntamento espositivo offre la possibilità di fare un gradino in più nella scala della conoscenza del mondo dell’arte, in particolare dell’Arte Americana tra fine Ottocento e Novecento.
Leggi tutto...
 
[INTERVISTA] A proposito della bellezza. David LaChapelle, l’arte tra sogno e realtà
di Fabio Marzari   
giovedì 25 maggio 2017
david-lachapelle_ok.jpgStare di fronte a David LaChapelle è come stare di fronte a una sua opera. I personaggi ritratti sono icone esattamente come lui, che ha iniziato la carriera fotografica nella New York degli anni Ottanta attirando l’attenzione di Andy Warhol, che gli offrì il suo primo incarico fotografico professionale. Le sue fotografie di personaggi famosi su «Interview» sono diventate ben presto copertine delle più svariate testate di prestigio internazionale e campagne pubblicitarie memorabili. Le sue fotografie mostrano le ossessioni contemporanee, il rapporto con il piacere, col benessere, con il superfluo e con una sfrenata esigenza di apparire. Il tutto ammantato da colori elettrici e superfici laccate, e caratterizzato dalla presenza ricorrente di un nudo sfacciato e aggressivo. Osservando il percorso compiuto da LaChapelle negli ultimi 30 anni, rappresentato in mostra ai Tre Oci, si scopre come le icone della moda e dello star system abbiano agito come materia grezza per la sua ispirazione, come base per la sua pratica creativa rivolta ad esprimere la propria visione del mondo per immagini.
Uno dei più importanti e dissacranti fotografi contemporanei appare difronte a noi come un’artista disponibile, riflessivo e consapevole. Un eterno ragazzo che ha raggiunto la piena maturità personale e professionale, diventando semplicemente un Maestro.
Leggi tutto...
 
Hirst is back! La nuova personale dell'artista a Palazzo Grassi e Punta della Dogana
di Anna Trevisan   
martedì 04 aprile 2017
-2.jpgProvocatorio, controverso, drastico: il talento di Damien Hirst per l’arte contemporanea sembra avere qualcosa di ossessivo, fatale e compulsivamente votato al successo.
«È incredibile dove si possa arrivare con un 4 in arte, un’immaginazione bacata e una sega elettrica» pare abbia dichiarato nel 1995, ritirando il prestigioso Turner Prize alla Tate Gallery di Londra.
Leggi tutto...
 
Organismi complessi. I vetri di Sottsass, ai confini tra tecnica e arte
di Livia Sartori di Borgoricco   
mercoledì 05 aprile 2017
ettore_sottsass.jpgEttore Sottsass: il vetro, a cura di Luca Massimo Barbero, è l’ultimo capitolo in ordine di tempo de Le Stanze del Vetro, il progetto culturale pluriennale di Fondazione Cini e Pentagram Stiftung che, dal 2012, ospita mostre monografiche e collettive dedicate ad artisti internazionali che, nell’arco della loro carriera, si sono confrontati con il vetro.
Leggi tutto...
 
Corrispondenze d’autore. Vik Muniz ‘rilegge’ la Collezione Cini
di Alessandra Morgagni   
giovedì 13 aprile 2017
muniz_788x1024-788x1024.jpgFino al 24 luglio la Galleria di Palazzo Cini a San Vio ospita per la stagione espositiva 2017 un omaggio alla contemporaneità: gli spazi al secondo piano accoglieranno la mostra Afterglow: Pictures of Ruins del noto fotografo Vik Muniz. È un omaggio a Venezia, nato da un dialogo con il curatore Luca Massimo Barbero, Direttore dell’Istituto di Storia dell’Arte della Fondazione Giorgio Cini; un percorso per immagini ispirate ai grandi maestri della Collezione Cini, come Francesco Guardi, Dosso Dossi e Canaletto, oltre a una speciale scultura in vetro.
Leggi tutto...
 
[INTERVISTA] Qualcuno con cui correre. Emanuela Fadalti e Matilde Cadenti ovvero Marignana Arte
di Mariachiara Marzari   
giovedì 06 aprile 2017

marignana.jpg

La somiglianza non è soltanto fisica, ma anche elettiva. Emanuela Fadalti e Matilde Cadenti, madre e figlia, in comune hanno l’entusiasmo, la passione e la determinazione di intraprendere da neofiti un percorso insieme nel mondo del contemporaneo oggi. La loro Galleria, Marignana Arte, aperta nel 2013 a Dorsoduro, perfettamente inserita nel “miglio dell’arte” che dalle Gallerie dell’Accademia, passando per la Collezione Peggy Guggenheim, arriva a Punta della Dogana, è un luogo di ricerca e scambio, studio e confronto serrato con artisti, critici, curatori, collezionisti e pubblico. Uno spazio che fa dell’internazionalità di Venezia la sua vocazione primaria, avendo a modello le gallerie più di ricerca delle capitali del contemporaneo, ma mantenendo salda la sua identità territoriale e nazionale che coltiva attraverso progetti, relazioni con istituzioni pubbliche e private e fitto dialogo con Venezia. I risultati del lavoro sono tangibili, le loro mostre offrono una visione ampia sulle diverse espressioni della ricerca artistica contemporanea, prestando attenzione sia alle proposte delle nuove generazioni che alla valorizzazione di artisti già affermati in campo internazionale. Parlare con Emanuela e Matilde infonde sempre una certa energia del fare, un piacevolissimo e a volte inconsapevole volo libero nel mondo dell’arte.    

Leggi tutto...
 
[INTERVISTA] Le metafore dello spazio. Loris Cecchini al T Fondaco
di Mariachiara Marzari   
mercoledì 29 marzo 2017

2._ritratto_l.cecchini.jpgLa parentesi spaziale progettata da Rem Koolhaas tra il tetto e la copertura interna, divenuta in poco tempo fulcro della fitta programmazione culturale di T Fondaco dei Tedeschi, si trasforma grazie all’installazione site-specific di Loris Cecchini in una forma organica, che contamina l’intero spazio e gioca con la gravità, interagendo con l’architettura e creando un effetto tridimensionale, al contempo naturale e artificiale. Sono i moduli di Waterbones, nuovo progetto dell’artista italiano che inaugura il 7 aprile la stagione Biennale del gruppo DFS.

 

Assemblati all’infinito fino a combinarsi in innumerevoli modi, i moduli spingono il pensiero ai confini tra scienza ed estetica, tra narrazione poetica e produzione industriale. Cecchini mette in scena un mondo in equilibrio tra realtà e finzione, che trova linfa vitale nello spazio stesso. Grazie all’allestimento curato da Hervé Mikaeloff, altrettanto suggestivo, che offre l’opportunità di un’immersione totale nell’opera, il pubblico è invitato a perdersi nelle moltitudini di realtà su cui si aprono le infinite possibili interpretazioni di questi frammenti di natura. L’installazione appare così concreta ed evanescente al tempo stesso, dando forma perfetta al pensiero creativo di Loris Cecchini.

Leggi tutto...
 
Le sommità della fotografia. Wilmotte + Chemollo, architetture per immagini
di Fabio Marzari   
martedì 14 marzo 2017
manifesto-fondazione-wilmotte_a4_bd.jpgIl binomio Chemollo-Wilmotte è espressione della migliore sintonia che si possa chiedere alle immagini per raccontare un edificio o un complesso di edifici, come nel caso della cattedrale ortodossa e del nuovo centro culturale a Parigi, commissionati dalla Federazione Russa allo Studio Wilmotte & Associés Architectes.
Leggi tutto...
 
Di che (di)segno sei? Da Poussin a Cézanne: il lato intimo dei Maestri
di Redazioneweb   
martedì 14 marzo 2017
da-poussin-a-cezanne---2.jpgIl disegno è una delle espressioni più alte che un artista possa lasciare a testimonianza della sua opera. Netto, incisivo, ricco di dettagli, o, viceversa, rapido, di getto, senza controllo e pentimenti, il disegno costituisce il diario più intimo dell’artista che, grazie alla libertà che questa tecnica consente, proprio alla sua immediatezza affida gli umori più autentici del suo estro creativo.
Leggi tutto...
 
Il labirinto degli spiriti. Bosch e il collezionismo nella Venezia del primo Cinquecento
di M.M.   
mercoledì 15 febbraio 2017
04_eremiti_44599_low.jpgPittore affascinante, enigmatico e per certi versi ancora sconosciuto, proprio per questo molto amato dal pubblico, Hieronymus Bosch, vi aspetta a Venezia. Tre importantissime sue opere – due trittici e quattro tavole – sono infatti conservate nelle collezioni di Palazzo Grimani e di Palazzo Ducale e ora sono riunite in una mostra che fa luce sulle origini e il significato di queste opere e sull’impatto che ebbero sull’arte italiana.
Leggi tutto...
 
Il Surrealismo è donna. Rita Kernn-Larsen vista da Peggy
di Anna Trevisan   
martedì 14 marzo 2017
7__mg_9201.jpgNon è solo baffi neri all’insù e colate di orologi il Surrealismo. C’è anche la pittura fantasmagorica e colorata di Rita Kernn-Larsen (1904–1998), artista danese formatasi prima all’Accademia di Copenaghen e poi a Parigi, dove diventa allieva di Fernand Leger. Tra le poche donne ad aver avuto un ruolo riconosciuto nel movimento surrealista, la Kernn-Larsen fa il suo ingresso nel mondo dell’arte nel periodo di piena fioritura del Surrealismo.
Leggi tutto...
 
C’era una volta in America. L’attesa prima retrospettiva di William Merritt Chase
di M.M.   
martedì 07 febbraio 2017

8_william-merritt-chase_the-young-orphan_1884_national-academy-of-design-new-york_.jpgUna mostra molto attesa, per la prima volta in Italia e in Europa, William Merritt Chase è protagonista di una grande retrospettiva a Ca’ Pesaro, a partire dall’11 febbraio.

 

Organizzata in co-produzione con The Phillips Collection, Washington, DC, Museum of Fine Arts, Boston e Terra Foundation for American Art, Fondazione Musei Civici di Venezia, la mostra William Merritt Chase (1849–1916): un pittore tra New York e Venezia presenta al pubblico il lavoro e l’influenza che l’artista americano ebbe nella scena internazionale tra gli anni Ottanta dell’Ottocento e il primo decennio del Novecento.

Leggi tutto...
 
Il gioco dell'Angelo. Giambono e il Paradiso riconquistato
di Mariachiara Marzari   
martedì 07 febbraio 2017
d_db85f7ca43.jpgNon una mostra, ma un vero e imperdibile cameo. Come capita in alcuni film, in cui il regista o un personaggio di spicco entra in scena per una manciata di secondi tali da renderla memorabile, così Il paradiso riconquistato. Trame d'oro e colore nella pittura di Michele Giambono, due sale perfettamente allestite per poter fruire al meglio ed eccezionalemente di capolavori dell'arte gotica veneziana, è una vera e rara occasione di assaporare 'tutto d'un fiato' l'essenza di un periodo e di un artista.
Leggi tutto...
 
Doppio sogno. David La Chapelle, la sua arte in 100 scatti
di Anna Corazza   
martedì 04 aprile 2017

news_of_joy_venice_show.jpg«Amo creare tramite l’uso della fantasia, tramutando in immagine i miei sogni». David LaChapelle


 

Arriva a Venezia la prima monografica dedicata a David LaChapelle: dal 12 aprile al 10 settembre è la Casa dei Tre Oci a ospitare lo spirito surrealista di uno dei più noti fotografi contemporanei. L’appuntamento estivo della città con i grandi nomi della fotografia sarà quindi incentrato sulla tanto discussa produzione dell’artista statunitense: con oltre 100 immagini, e l’anteprima mondiale della serie New World, i Tre Oci si confermano promotori della cultura fotografica internazionale a Venezia.

Leggi tutto...
 
[INTERVISTA] Oltre i confini dell’arte. A tu per tu con Silvia Burini, direttore CSAR
di Mariachiara Marzari   
giovedì 09 marzo 2017

dsc_9300.jpg

Protagonista indiscussa della politica culturale di Ca’ Foscari e, grazie all’ideazione e organizzazione di Art Night, la notte bianca dell’arte di Venezia, più estesamente della città stessa, incontriamo Silvia Burini, Direttore del Centro Studi sulle Arti della Russia (CSAR) dell’Università Ca’ Foscari. I suoi corsi di Storia dell’arte russa, Storia della cultura russa e Storia dell’arte contemporanea comparata sono affollati di studenti, così come le mostre che cura e organizza, indagini visive approfondite che attraverso l’arte indagano la cultura e la società russa del Novecento fino agli esiti contemporanei. Il suo amore per la Russia si è dunque trasformato in studio e ricerca di altissimo profilo scientifico e accademico, ma anche in capacità di codificarne linguaggi e cultura, sapientemente trasmessi in modo nuovo e innovativo agli studenti e al pubblico. Molti i traguardi raggiunti e i riconoscimenti conseguiti in Italia e all’estero, soprattutto in Russia, dove nel 2014 è stata insignita dal presidente della Federazione Russa Vladimir Putin della medaglia Puškin e nello stesso anno è entrata a far parte, come membro onorario, dell’Accademia delle Arti della Russia. I risultati della sua instancabile energia sono tangibili e quest’anno, a partire da marzo, anche visibili in una serie di importanti mostre a Milano e a Venezia per la Biennale Arte, dove, ça va sans dire, sarà protagonista del Padiglione Russia ai Giardini.   

Leggi tutto...
 
INTERVISTA | La Confraternita di Giovanni. Giandomenico Romanelli presenta "Bellini e i belliniani"
di Mariachiara Marzari   
venerdì 24 febbraio 2017

2_giovanni-bellini_madonna.jpg

Nuovo, attesissimo appuntamento a Palazzo Sarcinelli a Conegliano: dal 25 febbraio va in scena un ulteriore capitolo dell'indagine sull'arte veneziana tra '400 e '500. Un percorso che da Un Cinquecento inquieto è passato per Carpaccio. Vittore e Benedetto e per I Vivarini, arrivando ora a Giovanni Bellini e i Belliniani. La mostra, che celebra il quinto centenario della morte del Maestro, è particolare non solo per la puntuale e approfondita restituzione di un periodo particolarmente significativo per l'arte e la storia di Venezia, ma anche perché si fonda su una raffinatissima Collezione, quella dell'antica e prestigiosa Accademia dei Concordi di Rovigo, per molti inedita, che offre un suggestivo viaggio attraverso quel periodo tra capolavori e vere e proprie scoperte. Giandomenico Romanelli e Franca Lugato hanno dunque operato una duplice spirale: un percorso attorno a Giovanni Bellini e al milieu belliniano condotto sui binari dell’arte in generale e di questa collezione in particolare. Siamo entrati virtualmente, in anteprima, in mostra trovandoci davanti un universo popolato di vivide figure umane e di capolavori. Bellini ha lasciato indubbiamente il segno!

Leggi tutto...
 
Il senso di Venezia per la neve. Alla Casa dei Tre Oci, interminati spazi
di Alessandra Morgagni   
giovedì 02 febbraio 2017

c2cdzhvucaaqxw5.jpgLa Casa dei Tre Oci non poteva scegliere momento migliore per salutare l’arrivo della mostra Artico.Ultima Frontiera, “on air” nei tre piani dello spazio espositivo fino al prossimo 2 aprile. Una nevicata breve, ma intensa e sufficiente a dare un tocco di magia in più ai giorni della vernice, ha accolto le meravigliose immagini in bianco e nero di tre maestri della fotografia di reportage: l’italiano Paolo Solari Bozzi, l’islandese Ragnar Axelson e il danese Carsten Egevang. Uno per piano i reporter hanno riunito per l’occasione i loro scatti più belli realizzati in tempi recenti in quella distesa di bianco infinito che è l’Artico. La rassegna, cura da Denis Curti, è un’indagine approfondita, attraverso tre angolazioni diverse, di un’ampia regione del pianeta che comprende la Groenlandia, la Siberia, l’Alaska, l’Islanda, e della vita della popolazione Inuit - oramai rimasti solo 150.000 individui - costretti a gestire, nella loro esistenza quotidiana, la difficoltà di un ambiente ostile. Le immagini, di altissima qualità e mirabile eleganza formale, raccontano la cultura millenaria delle popolazioni Inuit, che noi eravamo abituati a chiamare eschimesi e immaginavamo abitare negli igloo.

 

Ora gli igloo sono scomparsi, le case degli Inuit sono molto più simili a quelle di tanti altri abitanti del Nord Europa e loro cercano di sopravvivere tra caccia, pesca, ma anche smartphone di ultima generazione e gravi problemi di alcool, in un contesto ambientale molto duro e difficile. Orsi, cani da slitta, montagne ghiacciate si susseguono nelle sale, ma quello che colpisce della mostra è il nitore, quel bianco accecante che si può ritrovare là solo dove il ghiaccio, la neve, ammantano e coprono ogni cosa, così da farne perdere i contorni e le tracce. Valorizzate da un elegante allestimento nei toni del grigio perla, le fotografie emergono, escono dalle pareti ed è come se tutti fossimo inghiottiti da questo mare bianco e infinito, maestoso e dirompente. E per chi si fosse particolarmente affezionato ad un’immagine, al termine della mostra le opere saranno messe all’asta.

 

Leggi tutto...
 
Ritratto di famiglia. I Trentin nell'antifascismo europeo
di Redazioneweb   
martedì 14 febbraio 2017
fitwidth.jpgPromossa dal Centro documentazione e ricerca Trentin, Iveser e Associazione rEsistenze, in collaborazione con gli Archivi Fotografici e Digitali del Comune di Venezia, la Fondazione Querini Stampalia e con il patrocinio del Consiglio d’Europa – Ufficio di Venezia, Una famiglia in esilio. I Trentin nell’antifascismo europeo (1926–1943) è una mostra che si propone di valorizzare il ricco fondo fotografico contenuto nell’Archivio di Franca Trentin, conservato dall’Associazione rEsistenze presso la Casa della memoria e della storia di Venezia a Villa Hériot, alla Giudecca, oltre 400 immagini che spaziano dalla Belle Époque ai primi anni Duemila.
Leggi tutto...
 
Perfetti conosciuti. La 'dinastia' Cadorin in mostra a Palazzo Fortuny
di Franca Lugato   
martedì 06 dicembre 2016
img_1416.jpgÈ sull’emozionante filo dei ricordi di un “lessico famigliare” rievocato da Ida Cadorin, in arte Barbarigo, pittrice e ultima straordinaria vestale delle memorie di famiglia che è stata costruita in maniera raffinata e sapiente la mostra dedicata alla dinastia dei Cadorin nei suggestivi spazi di Palazzo Fortuny, dove contenitore e contenuto diventano complici grazie alla maestria dei curatori. Dunque non solamente l’esposizione di una raccolta di famiglia (circa 200 opere, tra fotografie, disegni, dipinti e sculture) ma una trama di rimandi, contaminazioni e intrecci che vede coinvolti pittori, scultori, architetti, fotografi e restauratori nella Venezia di fine Otto e Novecento.
Leggi tutto...
 
Tutti stanno a guardare. L'indagine contemporanea del Teatrino di Palazzo Grassi
di M.M.   
martedì 07 febbraio 2017

imagepagehome_biennale1985.jpg

Con una programmazione capace di catturare l’energia e le dinamiche di una metropoli, l’astronave contemporanea di Teatrino di Palazzo Grassi inizia il 2017 all’insegna dell’arte. E naturalmente lo fa a modo suo, visto che il Teatrino ha assunto una identità definita e dichiarata, non contenitore neutro ma radar delle tendenze e dei fermenti più avanzati e seminali dell'arte e della cultura. Un intreccio vero e non presunto di generi, declinati in chiave internazionale e assolutamente aperti al confronto.

Leggi tutto...
 
Le stanze di Peggy. Rita Kernn-Larsen apre le Project Rooms
di Livia Sartori di Borgoricco   
venerdì 24 febbraio 2017
2_knowthyself.jpgCon l’inaugurazione della mostra Rita Kernn-Larsen. Dipinti surrealisti il 25 febbraio prossimo prende il via un nuovo interessante progetto espositivo della Collezione Peggy Guggenheim, uno spazio sia fisico che concettuale: le Project Rooms sono due nuove sale recuperate dagli spazi della caffetteria dedicate a capsule collection di volta in volta dedicate a un artista del XX secolo o a uno specifico tema della sua produzione, legato alla Collezione o a Peggy stessa.
Leggi tutto...
 
L’altra verità. La Biennale per il 2017: Poker di Donne!
di Mariachiara Marzari   
lunedì 06 febbraio 2017
In un panorama internazionale a dir poco preoccupante e piuttosto misogino, in cui sembra di essere ripiombati negli Anni ‘70, è necessario riconoscere con un certo entusiasmo i segnali positivi e ottimistici che provengono dal mondo della cultura e, in questo caso particolare, da La Biennale di Venezia. Dopo un 2016 segnato da un successo di pubblico e di critica per una Biennale Architettura quanto mai contemporanea per approccio e visioni, il 2017 si appresta a essere – il 6 febbraio vi sarà l’attesa conferenza della 57. Mostra Internazionale d’Arte – all’insegna delle quote rosa.
Leggi tutto...
 
Tra le domestiche mura. Tancredi re-incontra Peggy Guggenheim
di Fabio Marzari   
venerdì 16 dicembre 2016

30-senza-tit-diari-paesani.jpgPoche persone hanno conosciuto Tancredi così a fondo come Peggy Guggenheim, non solo apprezzandone la sua arte, ma riconoscendo le zone d'ombra tra le pieghe di un carattere esuberante, dotato di una innata curiosità verso il mondo, oltre che di un talento naturale che lo rende unico nella scena italiana del secondo Dopoguerra.

 

Nel 1973 per la rivista «Arte» così ne scrive: «Tancredi è il miglior pittore italiano, dai Futuristi in poi. Nel suo periodo migliore, ai tempi in cui io lo proteggevo, dal 1952 al 1957, i suoi quadri avevano una qualità magica. Qualità mai raggiunta da nessun pittore italiano, né prima né dopo allora. Tancredi tuttavia non aveva senso critico del proprio lavoro, non sapeva mai se i suoi quadri erano buoni o cattivi. Pensava sempre che l’ultimo fosse il migliore. Era una cosa stranissima, ma per fortuna c’erano gli altri a giudicare. Era un artista molto prolifico e faceva centinaia di olii e gouaches. Per fortuna ci ha quindi lasciato una grande quantità di opere. La sua morte prematura è stata una triste perdita per l’umanità e per l’arte».

Leggi tutto...
 
“La mia arma contro l’atomica è un filo d’erba”. Tancredi, arte pura alla Collezione Guggenheim
di Franca Lugato   
giovedì 16 febbraio 2017
21-spazio-acqua-natura-spettacolo.jpgIcona di artista bello e dannato, giovane romantico ribelle, protégé di Peggy Guggenheim, il Pollock italiano… tutte queste etichette sono state sicuramente funzionali a elevare Tancredi alla sfera dell’Olimpo degli artisti, ma solo la retrospettiva in corso alla Collezione Peggy Guggenheim, costruita con grande rigore scientifico e una sapiente maestria dal curatore Luca Massimo Barbero, ha potuto affrancarlo da questi miti e presentarlo finalmente come uno dei maggiori artisti italiani e internazionali del Secondo dopoguerra.
Leggi tutto...
 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 80 di 476
    18|03|2017 - 04|06|2017
  • DA POUSSIN A CÉZANNE Disegni della Collezione Prat
    Museo Correr, Piazza San Marco - VENEZIA
    Una preziosa mostra di disegni, provenienti da una della più importanti raccolte private francesi: nelle sale del Museo Correr sfilano...

  • 18|02|2017 - 04|06|2017
  • HIERONYMUS BOSCH E VENEZIA
    Palazzo Ducale, Appartamento del Doge, Piazza San Marco 1 - VENEZIA
    Una mostra piccola dal fascino intramontabile alla ricerca delle opere ‘veneziane’ del grande Hieronymus Bosch, pittore affascinante ed...

  • 25|02|2017 - 26|06|2017
  • RITA KERNN-LARSEN Dipinti surrealisti
    Project Rooms, Collezione Peggy Guggenheim, Dorsoduro 701 - VENEZIA
    Un inedito approfondimento dedicato all’arte surrealista di Rita Kernn-Larsen (Hillerød 1904–Copenaghen 1998), che nel 1937...

  • 15|04|2017 - 02|07|2017
  • ATTORNO A TIZIANO L’annuncio, la linea e la materia verso Fontana
    Centro Culturale Candiani, Piazzale Candiani - MESTRE (Ve)
    "Cortocircuito – Dialogo tra i secoli"
    Un inedito e intrigante dialogo tra due giganti dell’arte italiana: Tiziano e Fontana. Gabriella Belli e Luca Massimo Barbero, curatori della...

  • 23|03|2017 - 23|07|2017
  • SERENISSIME TRAME Tappeti dalla collezione Zaleski e dipinti del Rinascimento
    Galleria Giorgio Franchetti alla Ca’ d’Oro, Cannaregio 3932 - VENEZIA
    Tessuti straordinari, coloratissimi, composti da elaborati intrecci dalla forte carica simbolica. Una selezione di 25 antichissimi e rarissimi...

  • 10|04|2017 - 30|07|2017
  • ETTORE SOTTSASS: il vetro
    Le Stanze del Vetro, Isola di San Giorgio Maggiore - VENEZIA
    Le Stanze del Vetro celebrano la produzione vetraria dell’architetto italiano Ettore Sottsass (1917–2007), nel centenario della sua...

  • 06|05|2017 - 31|08|2017
  • LISTEN. Imaging American Music by Rhona Bitner
    Palazzetto Bru Zane, San Polo 2368 - VENEZIA
    Il progetto Listen di Rhona Bitner è un catalogo visivo della storia americana del Rock’n’Roll. Una raccolta frutto di oltre dieci...

  • 12|04|2017 - 10|09|2017
  • DAVID LACHAPELLE Lost & Found
    Casa dei Tre Oci, Fondamenta delle Zitelle 43, Isola della Giudecca - VENEZIA
    «Amo creare tramite l’uso della fantasia, tramutando in immagine i miei sogni». David LaChapelle Una grande mostra monografica,...

  • 29|04|2017 - 01|10|2017
  • CABINET OF CURIOSITIES La Collezione Drom
    Museo di Palazzo Mocenigo, Salizada di San Stae, Santa Croce 1992 - VENEZIA
    La straordinaria collezione della famiglia Storp, fondatrice nel 1911 a Monaco di Baviera di Drom Fragrances, dialoga con il Museo di Palazzo...

  • 21|04|2017 - 15|11|2017
  • PALAZZO CINI. LA GALLERIA – VIK MUNIZ Afterglow: Pictures of Ruins
    Palazzo Cini, San Vio, Dorsoduro 864 - VENEZIA
    Afterglow: Pictures of Ruins di Vik Muniz inaugura la stagione 2017 della Galleria di Palazzo Cini a San Vio con un omaggio alla...

  • 07|04|2017 - 27|11|2017
  • LORIS CECCHINI Waterbones
    Event Pavilion, T Fondaco dei Tedeschi, Riato, Calle del Fondaco - VENEZIA
    Le sue grandi installazioni si collocano al crocevia tra scultura, architettura e dimensione organica e confondono le percezioni dello spettatore per...

  • 09|04|2017 - 03|12|2017
  • DAMIEN HIRST Treasures from the Wreck of the Unbelievable
    Palazzo Grassi, San Samuele | Punta della Dogana, Salute - VENEZIA
    Un progetto inedito, frutto di un lavoro durato dieci anni, dell’artista britannico Damien Hirst che coinvolge per la prima volta...