VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ART
BIENNALE ARTE 2017 | Interview with Paolo Baratta. Biennale Toujours
Written by Massimo Bran   
mercoledì, 17 maggio 2017

paolo_baratta__photo_by_francesco_galli.jpgAs external spectators we are only invited to participate in the final act of the conceptual universe planned and executed for each new edition of the Exhibition. However the Biennale’s ‘journey’ begins with the selection of each new curator. Why Christine Macel? Have you managed to form a picture of her after the months you have been collaborating and now just before the launch of Viva Arte Viva?


The selection of a curator is not an impartial one. It doesn’t just involve choosing each time, as appropriate, between professionals with different levels of expertise. This might be the view of those who attend the great exhibitions while failing to distinguish between exhibitions and commercial fairs. This is a temptation which may have become more widespread in recent years, given the surprising phenomenon of the art price boom which, fuelled in part by financial speculation, may have created a cynical attitude towards art, artists and everything connected with them. We experience this contradiction: our attraction towards art - which should represent our desire to free ourselves from the masks with which we normally conceal at least part of ourselves, in order to adapt ourselves for the practical necessities of life – perversely becomes a demonstration of our practicality. We must not fall into this trap (nor into that economic bubble).
Curators are inspired researchers, each of them with their own unique character. The selection of a curator is not a leap in the dark, but is made with the clear understanding of the curator’s character and influenced by the specific and general ends which they seek. A Biennale must present contemporary art. But an exhibition, even if it must keep up-to-date, shouldn’t fall into too much of a shop-window approach lest it gets too close to being simply a display of the fashionable. When new tendencies appear it is our duty to show them, where new energies emerge it is important to take the risk of presenting them; not waiting to see if they are likely to be successful but in order to promote a continuous reflection on contemporary art and a continuous meditation on the diverse phenomena which characterise the artistic life of our time, which sometimes requires drawing correlations with the past.

Read more...
 
BIENNALE ARTE 2017 | See under: Artists
Written by Francesco Santaniello   
mercoledì, 17 maggio 2017

macel_baratta_-_photo_by_andrea_avezzu.jpg

The curator of the 57th Venice Art Biennale, Christine Macel, chose Viva Arte Viva as the official title – an anthem to the saving vitality of art. Viva Arte Viva is an exclamation that, conceptually, counters both the Hegelian thesis of the end, or death, of art and Arturo Martini’s sombre opinion on sculpture as a ‘dead language’.

Read more...
 
BIENNALE ARTE 2017 | Carolee Schneemann Golden Lion for Lifetime Achievement of the Biennale Arte 2017
Written by Anna Trevisan   
mercoledì, 17 maggio 2017
main-1.jpgModesty and taboo don’t belong here. For over fifty years, American artist Carolee Schneemann (1939) pushes the limits of the obvious and looks at the female body in all its primal, archaic strength, in open contrast with some male-originating vision of reified, silenced women. Christine Macel talks about her as a “She is a pioneer of feminist performance of the early 1960s. She has used her own body as the prevalent material of her art” While Schneemann calls herself a painter – she debuted as one in the 1950s – her art quickly veered towards the exploration of cinema, video, and performance.
Read more...
 
BIENNALE ARTE 2017 | Times of our time. Carlo Giordanetti and Swatch's passion for Art
Written by Mariachiara Marzari   
mercoledì, 17 maggio 2017
sd02_13_baselworld_planet_-copy-616x497.jpgSwatch and the Art Biennale
Watchword: “sharing”: Swatch believes that the Art Biennale is the most prestigious international occasion to tell about our passion for art. With title Swatch Faces, we are present at Arsenale and at Giardini with stories of artists and their vision of the world. The dialogue with artists is an inspiration, it’s our oxygen, an open channel to open our minds.
Read more...
 
BIENNALE ARTE 2017 | L'Italia Magica. Andreotta Calò, Cuoghi e Husni-Bey, personale/collettiva
Written by Mariachiara Marzari   
giovedì, 18 maggio 2017

main-3.jpgCecilia Alemani ha invitato Giorgio Andreotta Calò, Roberto Cuoghi e Adelita Husni-Bey a realizzare Il mondo magico: tre nuovi progetti, appositamente commissionati e prodotti per il Padiglione Italia nelle Tese delle Vergini all’Arsenale.

 

I tre artisti scelti condividono una visione dell’arte come creazione di universi paralleli in cui si mescolano cosmologie individuali e utopie collettive. La formazione nel campo della sociologia spinge Adelita Husni-Bey (1985) a sviluppare il suo linguaggio artistico attraverso interventi collettivi, con il coinvolgimento diretto dei protagonisti delle storie/inchieste che lei trasforma in workshop aperti e condivisi.

Read more...
 
Ideas waging war. Ettore Sottsass’ design at Le Stanze del Vetro
Written by Paolo Lucchetta   
giovedì, 18 maggio 2017

ettore-sottsass-42984.xl_.jpgLike most designers, Ettore Sottsass used objects as metaphor, foundations, memories, intentions of his autobiography. Projects, photographs tell a story. Sottsass wrote that story all throughout his long life. Simple or complex it may have been, curator Luca Massimo Barbero tried to piece it together: “More than ‘instruction manuals’, tools and things are, in the lives of men, what we use to celebrate the rite of life and if there is a reason design exists at all – the only possible reason – is that it may give or render tools and things that sacredness that lets men out of deathly automatism and enter back into the realm of rite” says Barbero.

 

Towards the end of the exhibition, visitors are likely to be become curious about a book by Barbara Radice, Perché morte non ci separi (Lest Death Do Us Apart), a window on the life of the great architect and designer, who once said: “I don’t care about life, I care about existence: to think about what can be, what will be, what has been existence.” Right next to it is Foto dal finestrino (Pictures from a car window), a collection of twenty-eight photographs that are unwitting taglines of a hidden world, one that no one else could see.

Read more...
 
Imprescindibile Tobey. Alla Collezione Guggenheim una retrospettiva dedicata all'artista americano
Written by Redazioneweb   
giovedì, 25 maggio 2017
wildfield.jpgNel contesto di un organismo vivente che si nutre di ricerca e della trasmissione di essa a un pubblico sempre più vasto, le mostre sono lo strumento principale di contatto e sviluppo dei due elementi. Ogni appuntamento espositivo offre la possibilità di fare un gradino in più nella scala della conoscenza del mondo dell’arte, in particolare dell’Arte Americana tra fine Ottocento e Novecento.
Read more...
 
[INTERVISTA] A proposito della bellezza. David LaChapelle, l’arte tra sogno e realtà
Written by Fabio Marzari   
giovedì, 25 maggio 2017
david-lachapelle_ok.jpgStare di fronte a David LaChapelle è come stare di fronte a una sua opera. I personaggi ritratti sono icone esattamente come lui, che ha iniziato la carriera fotografica nella New York degli anni Ottanta attirando l’attenzione di Andy Warhol, che gli offrì il suo primo incarico fotografico professionale. Le sue fotografie di personaggi famosi su «Interview» sono diventate ben presto copertine delle più svariate testate di prestigio internazionale e campagne pubblicitarie memorabili. Le sue fotografie mostrano le ossessioni contemporanee, il rapporto con il piacere, col benessere, con il superfluo e con una sfrenata esigenza di apparire. Il tutto ammantato da colori elettrici e superfici laccate, e caratterizzato dalla presenza ricorrente di un nudo sfacciato e aggressivo. Osservando il percorso compiuto da LaChapelle negli ultimi 30 anni, rappresentato in mostra ai Tre Oci, si scopre come le icone della moda e dello star system abbiano agito come materia grezza per la sua ispirazione, come base per la sua pratica creativa rivolta ad esprimere la propria visione del mondo per immagini.
Uno dei più importanti e dissacranti fotografi contemporanei appare difronte a noi come un’artista disponibile, riflessivo e consapevole. Un eterno ragazzo che ha raggiunto la piena maturità personale e professionale, diventando semplicemente un Maestro.
Read more...
 
Damien Hirst is back!
Written by Anna Trevisan   
martedì, 04 aprile 2017
-2.jpgProvocative, controversial, drastic: Damien Hirst’s talent is obsessive, fatal, and compulsively success-oriented. The English artist, born in Bristol in 1965, graduated in Fine Arts at the Goldsmith College in London in 1989.
Read more...
 
Quirky Beings. Glass art by Sottsass. Skill & Art
Written by Livia Sartori di Borgoricco   
mercoledì, 05 aprile 2017
ettore_sottsass.jpgCurated by Luca Massimo Barbero, exhibition Ettore Sottsass: il vetro is the last chapter of Le Stanze del Vetro, a multi-year project that since 2012 produces shows of international glass artists. This exhibit is dedicated to Sottsass’ glass art, one hundred years since his birth and ten from his death.
Read more...
 
Auteur Correspondence. Vik Muniz take on Collezione Cini
Written by Alessandra Morgagni   
giovedì, 13 aprile 2017

muniz_788x1024-788x1024.jpg

Palazzo Cini Gallery will open their 2017 season with an homage to modernity. From April 21 to July 24, the second floor will house Afterglow: Pictures of Ruins by photographer Vik Muniz. An homage to Venice, too, it was born of a conversation with curator Luca Massimo Barbero, director of the Art History Institute at Fondazione Giorgio Cini. A journey through images inspired by the great maestros whose art resides at Cini, like Francesco Guardi, Dosso Dossi, and Canaletto, as well as a special glass sculpture. Muniz, fascinated by Italian capriccios and the Venetian art tradition, presents photographs of bright hues and three-dimensional effects iconic elements in the Collection. The glass sculpture has been realized in 1989 by Studio Berengo.

Read more...
 
[INTERVISTA] Qualcuno con cui correre. Emanuela Fadalti e Matilde Cadenti ovvero Marignana Arte
Written by Mariachiara Marzari   
giovedì, 06 aprile 2017

marignana.jpg

La somiglianza non è soltanto fisica, ma anche elettiva. Emanuela Fadalti e Matilde Cadenti, madre e figlia, in comune hanno l’entusiasmo, la passione e la determinazione di intraprendere da neofiti un percorso insieme nel mondo del contemporaneo oggi. La loro Galleria, Marignana Arte, aperta nel 2013 a Dorsoduro, perfettamente inserita nel “miglio dell’arte” che dalle Gallerie dell’Accademia, passando per la Collezione Peggy Guggenheim, arriva a Punta della Dogana, è un luogo di ricerca e scambio, studio e confronto serrato con artisti, critici, curatori, collezionisti e pubblico. Uno spazio che fa dell’internazionalità di Venezia la sua vocazione primaria, avendo a modello le gallerie più di ricerca delle capitali del contemporaneo, ma mantenendo salda la sua identità territoriale e nazionale che coltiva attraverso progetti, relazioni con istituzioni pubbliche e private e fitto dialogo con Venezia. I risultati del lavoro sono tangibili, le loro mostre offrono una visione ampia sulle diverse espressioni della ricerca artistica contemporanea, prestando attenzione sia alle proposte delle nuove generazioni che alla valorizzazione di artisti già affermati in campo internazionale. Parlare con Emanuela e Matilde infonde sempre una certa energia del fare, un piacevolissimo e a volte inconsapevole volo libero nel mondo dell’arte.    

Read more...
 
[INTERVISTA] Le metafore dello spazio. Loris Cecchini al T Fondaco
Written by Mariachiara Marzari   
mercoledì, 29 marzo 2017

2._ritratto_l.cecchini.jpgLa parentesi spaziale progettata da Rem Koolhaas tra il tetto e la copertura interna, divenuta in poco tempo fulcro della fitta programmazione culturale di T Fondaco dei Tedeschi, si trasforma grazie all’installazione site-specific di Loris Cecchini in una forma organica, che contamina l’intero spazio e gioca con la gravità, interagendo con l’architettura e creando un effetto tridimensionale, al contempo naturale e artificiale. Sono i moduli di Waterbones, nuovo progetto dell’artista italiano che inaugura il 7 aprile la stagione Biennale del gruppo DFS.

 

Assemblati all’infinito fino a combinarsi in innumerevoli modi, i moduli spingono il pensiero ai confini tra scienza ed estetica, tra narrazione poetica e produzione industriale. Cecchini mette in scena un mondo in equilibrio tra realtà e finzione, che trova linfa vitale nello spazio stesso. Grazie all’allestimento curato da Hervé Mikaeloff, altrettanto suggestivo, che offre l’opportunità di un’immersione totale nell’opera, il pubblico è invitato a perdersi nelle moltitudini di realtà su cui si aprono le infinite possibili interpretazioni di questi frammenti di natura. L’installazione appare così concreta ed evanescente al tempo stesso, dando forma perfetta al pensiero creativo di Loris Cecchini.

Read more...
 
Le sommità della fotografia. Wilmotte + Chemollo, architetture per immagini
Written by Fabio Marzari   
martedì, 14 marzo 2017
manifesto-fondazione-wilmotte_a4_bd.jpgIl binomio Chemollo-Wilmotte è espressione della migliore sintonia che si possa chiedere alle immagini per raccontare un edificio o un complesso di edifici, come nel caso della cattedrale ortodossa e del nuovo centro culturale a Parigi, commissionati dalla Federazione Russa allo Studio Wilmotte & Associés Architectes.
Read more...
 
Di che (di)segno sei? Da Poussin a Cézanne: il lato intimo dei Maestri
Written by Redazioneweb   
martedì, 14 marzo 2017
da-poussin-a-cezanne---2.jpgIl disegno è una delle espressioni più alte che un artista possa lasciare a testimonianza della sua opera. Netto, incisivo, ricco di dettagli, o, viceversa, rapido, di getto, senza controllo e pentimenti, il disegno costituisce il diario più intimo dell’artista che, grazie alla libertà che questa tecnica consente, proprio alla sua immediatezza affida gli umori più autentici del suo estro creativo.
Read more...
 
Spirit maze. Bosch and art collection in Venice in the early 1500s
Written by M.M.   
mercoledì, 15 febbraio 2017
04_eremiti_44599_low.jpgA fascinating and mysterious artist, Hieronymus Bosch waits for you in Venice. Three very important pieces of his – two triptychs and four tables - are part of the Palazzo Grimani and Palazzo Ducale collections. They are now on show in a single exhibition about the origins and genesis of the art and the impact it had on Italian art. Marcantonio Michiel (Venice, 1484–1552), a literate and collector, lists three pieces by Bosch in the collection of Cardinal Domenico Grimani, sporting images of monsters, fires, and dreams. Those are what excited Venetian, and northern Italians in general, collectors of the time and what still fascinates us today.
Read more...
 
Surrealists in petticoats. Rita Kernn-Larsen as seen by Peggy
Written by Anna Trevisan   
martedì, 14 marzo 2017
7__mg_9201.jpgSurrealism is more than an upwards black moustache and liquefying watches. There is room for Rita Kernn-Larsen’s phantasmagoric art, too. The Danish artist studied at the Copenhagen Fine Arts Academy and in Paris, where she studied under Fernand Léger.
Read more...
 
Once upon a time in America. A retrospective of William Merrit Chase
Written by M.M.   
martedì, 07 febbraio 2017

8_william-merritt-chase_the-young-orphan_1884_national-academy-of-design-new-york_.jpg

An exhibition we have been waiting for quite some time, for the first time in Italy and in Europe, will open at Ca’ Pesaro on February 11. A co-production of The Phillips Collection of Washington, DC, the Boston Museum of Fine Arts, Terra Foundation for American Art, and Fondazione Musei Civici di Venezia, William Merritt Chase (1849–1916): an American Impressionist Master is an exhibition about the art and the influence that the American artist had in the 1880s and the early 1900s. Chase travelled to London, Paris, Holland, and Venice, where he studies the maestros of the past and meets his contemporaries. His art is original and very personal: it grew to archetypal standing for the following generations.

Read more...
 
The Angel’s game. Giambono and Paradise reconquered
Written by Mariachiara Marzari   
martedì, 07 febbraio 2017
d_db85f7ca43.jpgNot an exhibition: a cameo. Il paradiso riconquistato. Trame d’oro e colore nella pittura di Michele Giambono is an occasion to savour at once the essence of a time and of an artist. Nine of the thirteen pieces are, in fact, a small monograph of this peculiar artist. Giambono is a sensitive, refined painter, a protagonist of late Gothic art.
Read more...
 
Twice a dream David LaChapelle, art in a hundred pictures
Written by Anna Corazza   
martedì, 04 aprile 2017

news_of_joy_venice_show.jpgDavid LaChapelle’s first solo exhibition in Venice will open on April 12 at Casa dei Tre Oci. The surrealist spirit of one of the most famous modern photographer will show it all in 100 shots, including the world preview of series New World.

Read more...
 
[INTERVISTA] Oltre i confini dell’arte. A tu per tu con Silvia Burini, direttore CSAR
Written by Mariachiara Marzari   
giovedì, 09 marzo 2017

dsc_9300.jpg

Protagonista indiscussa della politica culturale di Ca’ Foscari e, grazie all’ideazione e organizzazione di Art Night, la notte bianca dell’arte di Venezia, più estesamente della città stessa, incontriamo Silvia Burini, Direttore del Centro Studi sulle Arti della Russia (CSAR) dell’Università Ca’ Foscari. I suoi corsi di Storia dell’arte russa, Storia della cultura russa e Storia dell’arte contemporanea comparata sono affollati di studenti, così come le mostre che cura e organizza, indagini visive approfondite che attraverso l’arte indagano la cultura e la società russa del Novecento fino agli esiti contemporanei. Il suo amore per la Russia si è dunque trasformato in studio e ricerca di altissimo profilo scientifico e accademico, ma anche in capacità di codificarne linguaggi e cultura, sapientemente trasmessi in modo nuovo e innovativo agli studenti e al pubblico. Molti i traguardi raggiunti e i riconoscimenti conseguiti in Italia e all’estero, soprattutto in Russia, dove nel 2014 è stata insignita dal presidente della Federazione Russa Vladimir Putin della medaglia Puškin e nello stesso anno è entrata a far parte, come membro onorario, dell’Accademia delle Arti della Russia. I risultati della sua instancabile energia sono tangibili e quest’anno, a partire da marzo, anche visibili in una serie di importanti mostre a Milano e a Venezia per la Biennale Arte, dove, ça va sans dire, sarà protagonista del Padiglione Russia ai Giardini.   

Read more...
 
INTERVISTA | La Confraternita di Giovanni. Giandomenico Romanelli presenta "Bellini e i belliniani"
Written by Mariachiara Marzari   
venerdì, 24 febbraio 2017

2_giovanni-bellini_madonna.jpg

Nuovo, attesissimo appuntamento a Palazzo Sarcinelli a Conegliano: dal 25 febbraio va in scena un ulteriore capitolo dell'indagine sull'arte veneziana tra '400 e '500. Un percorso che da Un Cinquecento inquieto è passato per Carpaccio. Vittore e Benedetto e per I Vivarini, arrivando ora a Giovanni Bellini e i Belliniani. La mostra, che celebra il quinto centenario della morte del Maestro, è particolare non solo per la puntuale e approfondita restituzione di un periodo particolarmente significativo per l'arte e la storia di Venezia, ma anche perché si fonda su una raffinatissima Collezione, quella dell'antica e prestigiosa Accademia dei Concordi di Rovigo, per molti inedita, che offre un suggestivo viaggio attraverso quel periodo tra capolavori e vere e proprie scoperte. Giandomenico Romanelli e Franca Lugato hanno dunque operato una duplice spirale: un percorso attorno a Giovanni Bellini e al milieu belliniano condotto sui binari dell’arte in generale e di questa collezione in particolare. Siamo entrati virtualmente, in anteprima, in mostra trovandoci davanti un universo popolato di vivide figure umane e di capolavori. Bellini ha lasciato indubbiamente il segno!

Read more...
 
Il senso di Venezia per la neve. Alla Casa dei Tre Oci, interminati spazi
Written by Alessandra Morgagni   
giovedì, 02 febbraio 2017

c2cdzhvucaaqxw5.jpgLa Casa dei Tre Oci non poteva scegliere momento migliore per salutare l’arrivo della mostra Artico.Ultima Frontiera, “on air” nei tre piani dello spazio espositivo fino al prossimo 2 aprile. Una nevicata breve, ma intensa e sufficiente a dare un tocco di magia in più ai giorni della vernice, ha accolto le meravigliose immagini in bianco e nero di tre maestri della fotografia di reportage: l’italiano Paolo Solari Bozzi, l’islandese Ragnar Axelson e il danese Carsten Egevang. Uno per piano i reporter hanno riunito per l’occasione i loro scatti più belli realizzati in tempi recenti in quella distesa di bianco infinito che è l’Artico. La rassegna, cura da Denis Curti, è un’indagine approfondita, attraverso tre angolazioni diverse, di un’ampia regione del pianeta che comprende la Groenlandia, la Siberia, l’Alaska, l’Islanda, e della vita della popolazione Inuit - oramai rimasti solo 150.000 individui - costretti a gestire, nella loro esistenza quotidiana, la difficoltà di un ambiente ostile. Le immagini, di altissima qualità e mirabile eleganza formale, raccontano la cultura millenaria delle popolazioni Inuit, che noi eravamo abituati a chiamare eschimesi e immaginavamo abitare negli igloo.

 

Ora gli igloo sono scomparsi, le case degli Inuit sono molto più simili a quelle di tanti altri abitanti del Nord Europa e loro cercano di sopravvivere tra caccia, pesca, ma anche smartphone di ultima generazione e gravi problemi di alcool, in un contesto ambientale molto duro e difficile. Orsi, cani da slitta, montagne ghiacciate si susseguono nelle sale, ma quello che colpisce della mostra è il nitore, quel bianco accecante che si può ritrovare là solo dove il ghiaccio, la neve, ammantano e coprono ogni cosa, così da farne perdere i contorni e le tracce. Valorizzate da un elegante allestimento nei toni del grigio perla, le fotografie emergono, escono dalle pareti ed è come se tutti fossimo inghiottiti da questo mare bianco e infinito, maestoso e dirompente. E per chi si fosse particolarmente affezionato ad un’immagine, al termine della mostra le opere saranno messe all’asta.

 

Read more...
 
Ritratto di famiglia. I Trentin nell'antifascismo europeo
Written by Redazioneweb   
martedì, 14 febbraio 2017
fitwidth.jpgPromossa dal Centro documentazione e ricerca Trentin, Iveser e Associazione rEsistenze, in collaborazione con gli Archivi Fotografici e Digitali del Comune di Venezia, la Fondazione Querini Stampalia e con il patrocinio del Consiglio d’Europa – Ufficio di Venezia, Una famiglia in esilio. I Trentin nell’antifascismo europeo (1926–1943) è una mostra che si propone di valorizzare il ricco fondo fotografico contenuto nell’Archivio di Franca Trentin, conservato dall’Associazione rEsistenze presso la Casa della memoria e della storia di Venezia a Villa Hériot, alla Giudecca, oltre 400 immagini che spaziano dalla Belle Époque ai primi anni Duemila.
Read more...
 
Perfect acquaintance.The Cadorin Bottega: a dynasty of Venetian artists
Written by Franca Lugato   
martedì, 06 dicembre 2016
img_1416.jpgIda Cadorin, known professionally as Ida Barbarigo, lies at the centre of an exhibition around the Cadorin dynasty, now open at Palazzo Fortuny. An exhibition of a family collection as well as a fabric of references, contaminations, intersections of the lives and works of painters, sculptors, photographers, and restorers in late XIX- and XX-century Venice.
Read more...
 
Tutti stanno a guardare. L'indagine contemporanea del Teatrino di Palazzo Grassi
Written by M.M.   
martedì, 07 febbraio 2017

imagepagehome_biennale1985.jpg

Con una programmazione capace di catturare l’energia e le dinamiche di una metropoli, l’astronave contemporanea di Teatrino di Palazzo Grassi inizia il 2017 all’insegna dell’arte. E naturalmente lo fa a modo suo, visto che il Teatrino ha assunto una identità definita e dichiarata, non contenitore neutro ma radar delle tendenze e dei fermenti più avanzati e seminali dell'arte e della cultura. Un intreccio vero e non presunto di generi, declinati in chiave internazionale e assolutamente aperti al confronto.

Read more...
 
Le stanze di Peggy. Rita Kernn-Larsen apre le Project Rooms
Written by Livia Sartori di Borgoricco   
venerdì, 24 febbraio 2017
2_knowthyself.jpgCon l’inaugurazione della mostra Rita Kernn-Larsen. Dipinti surrealisti il 25 febbraio prossimo prende il via un nuovo interessante progetto espositivo della Collezione Peggy Guggenheim, uno spazio sia fisico che concettuale: le Project Rooms sono due nuove sale recuperate dagli spazi della caffetteria dedicate a capsule collection di volta in volta dedicate a un artista del XX secolo o a uno specifico tema della sua produzione, legato alla Collezione o a Peggy stessa.
Read more...
 
L’altra verità. La Biennale per il 2017: Poker di Donne!
Written by Mariachiara Marzari   
lunedì, 06 febbraio 2017
In un panorama internazionale a dir poco preoccupante e piuttosto misogino, in cui sembra di essere ripiombati negli Anni ‘70, è necessario riconoscere con un certo entusiasmo i segnali positivi e ottimistici che provengono dal mondo della cultura e, in questo caso particolare, da La Biennale di Venezia. Dopo un 2016 segnato da un successo di pubblico e di critica per una Biennale Architettura quanto mai contemporanea per approccio e visioni, il 2017 si appresta a essere – il 6 febbraio vi sarà l’attesa conferenza della 57. Mostra Internazionale d’Arte – all’insegna delle quote rosa.
Read more...
 
Tra le domestiche mura. Tancredi re-incontra Peggy Guggenheim
Written by Fabio Marzari   
venerdì, 16 dicembre 2016

30-senza-tit-diari-paesani.jpgPoche persone hanno conosciuto Tancredi così a fondo come Peggy Guggenheim, non solo apprezzandone la sua arte, ma riconoscendo le zone d'ombra tra le pieghe di un carattere esuberante, dotato di una innata curiosità verso il mondo, oltre che di un talento naturale che lo rende unico nella scena italiana del secondo Dopoguerra.

 

Nel 1973 per la rivista «Arte» così ne scrive: «Tancredi è il miglior pittore italiano, dai Futuristi in poi. Nel suo periodo migliore, ai tempi in cui io lo proteggevo, dal 1952 al 1957, i suoi quadri avevano una qualità magica. Qualità mai raggiunta da nessun pittore italiano, né prima né dopo allora. Tancredi tuttavia non aveva senso critico del proprio lavoro, non sapeva mai se i suoi quadri erano buoni o cattivi. Pensava sempre che l’ultimo fosse il migliore. Era una cosa stranissima, ma per fortuna c’erano gli altri a giudicare. Era un artista molto prolifico e faceva centinaia di olii e gouaches. Per fortuna ci ha quindi lasciato una grande quantità di opere. La sua morte prematura è stata una triste perdita per l’umanità e per l’arte».

Read more...
 
“My Weapon Against the Atom Bomb is a Blade of Grass”. Tancredi, pure art at Guggenheim’s
Written by Franca Lugato   
giovedì, 16 febbraio 2017
21-spazio-acqua-natura-spettacolo.jpgAn icon maudit artist, a romantic and a rebel, Peggy Guggenheim’s protégé, the Italian Pollock… while all these labels may have had some part in projecting Tancredi Parmeggiani in the Olympus of art, only the retrospective at Peggy Guggenheim Collection will be able to present him not as a myth, but as one of the most important post-WWII Italian artists. Parmeggiani (1929–1964) is back in Venice with a choice of 90 pieces.
Read more...
 
More...
    18|03|2017 - 04|06|2017
  • DA POUSSIN A CÉZANNE Disegni della Collezione Prat
    Museo Correr, Piazza San Marco - VENICE
    A precious exhibition of drawings from one of the most important French collections: at Museo Correr, the masterpieces on paper from the Prat...

  • 18|02|2017 - 04|06|2017
  • HIERONYMUS BOSCH E VENEZIA
    Palazzo Ducale, Appartamento del Doge, Piazza San Marco 1 - VENICE
    A small but very enticing exhibition exhibition on the fascinating ‘Venetian’ art by the great Hieronymus Bosch, a well-known but still...

  • 25|02|2017 - 26|06|2017
  • RITA KERNN-LARSEN Dipinti surrealisti
    Project Rooms, Collezione Peggy Guggenheim, Dorsoduro 701 - VENICE
    Rita Kernn-Larsen (Hillerød, 1904–Copenhagen, 1998), a prominent Danish Surrealist artist, whom Peggy Guggenheim met in Paris in 1937,...

  • 15|04|2017 - 02|07|2017
  • ATTORNO A TIZIANO L’annuncio, la linea e la materia verso Fontana
    Centro Culturale Candiani, Piazzale Candiani - MESTRE (Ve)
    "Cortocircuito – Dialogo tra i secoli"
    A new, intriguing conversation between two giants of Italian art: Titian and Fontana. Curators Gabriella Belli and Luca Massimo Barbero worked on the...

  • 23|03|2017 - 23|07|2017
  • SERENISSIME TRAME Tappeti dalla collezione Zaleski e dipinti del Rinascimento
    Galleria Giorgio Franchetti alla Ca’ d’Oro, Cannaregio 3932 - VENEZIA
    Tessuti straordinari, coloratissimi, composti da elaborati intrecci dalla forte carica simbolica. Una selezione di 25 antichissimi e rarissimi...

  • 10|04|2017 - 30|07|2017
  • ETTORE SOTTSASS: il vetro
    Le Stanze del Vetro, Isola di San Giorgio Maggiore - VENICE
    On the occasion of the 100th anniversary of the birth of Italian architect Ettore Sottsass (1917–2007), the forth exhibition of Le Stanze Del...

  • 06|05|2017 - 31|08|2017
  • LISTEN. Imaging American Music by Rhona Bitner
    Palazzetto Bru Zane, San Polo 2368 - VENEZIA
    The Listen project is a visual catalogue of American Rock’n’Roll history. Assembled over ten years of research and road trips, this...

  • 12|04|2017 - 10|09|2017
  • DAVID LACHAPELLE Lost & Found
    Casa dei Tre Oci, Fondamenta delle Zitelle 43, Isola della Giudecca - VENICE
    A great monograph, curated by Reiner Opoku and Denis Curti, where 100+ images show the career of one of the most important, desecrating...

  • 29|04|2017 - 01|10|2017
  • CABINET OF CURIOSITIES La Collezione Drom
    Museo di Palazzo Mocenigo, Salizada di San Stae, Santa Croce 1992 - VENICE
    The extraordinary collection of the Storp family, who founded Drom Fragrances in Munich in 1911, and Palazzo Mocenigo’s own create a new...

  • 21|04|2017 - 15|11|2017
  • PALAZZO CINI. LA GALLERIA – VIK MUNIZ Afterglow: Pictures of Ruins
    Palazzo Cini, San Vio, Dorsoduro 864 - VENICE
    Vik Muniz opens the 2017 season at Galleria di Palazzo Cini with an homage to contemporary. Fascinated by Italian capriccio, Muniz revisits the genre...

  • 07|04|2017 - 27|11|2017
  • LORIS CECCHINI Waterbones
    Event Pavilion, T Fondaco dei Tedeschi, Riato, Calle del Fondaco - VENICE
    Large installations at the crossroads of sculpture, architecture, and organic dimension confuse the audience’s perception and stimulate their...

  • 09|04|2017 - 03|12|2017
  • DAMIEN HIRST Treasures from the Wreck of the Unbelievable
    Palazzo Grassi, San Samuele | Punta della Dogana, Salute - VENEZIA
    Un progetto inedito, frutto di un lavoro durato dieci anni, dell’artista britannico Damien Hirst che coinvolge per la prima volta...