VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ZOOM
ZOOM
[VENICE GHETTO 500] In un perimetro ristretto un universo di memorie
di Renato Jona   
martedì 08 marzo 2016

porta-dorata-scuola-canton.jpgLa “data tonda” non può lasciare indifferenti, è infatti importante sia per chi ha subito la separazione dagli “altri”, sia per chi ha deciso di separare gli ebrei. Non può e non deve perciò essere sottovalutata soprattutto poiché costituisce un grande stimolo per tante riflessioni. Esiste una parte storica: «Li giudei debbano tutti abitar unidi in la Corte delle Case che sono in Ghetto presso San Girolamo. Ed acciocchè non vadino tutta la notte intorno: sia preso che dalla banda del Ghetto Vecchio dov’è un Ponteselo piccolo e similmente dall’altra banda del Ponte siano fatte due porte cioè una per cadauno di detti luoghi, qual porte se debbino aprir la matina alla Marangona e la sera siano serrate a ore 24 per quattro custodi Cristiani a ciò deputati, e pagati da loro Giudei a quel prezzo che parerà conveniente al Collegio Nostro».

 

Così recita il decreto emanato dai Reggitori di Venezia, prima dal Collegio e poi approvato dal Senato a larghissima maggioranza. Il “recinto” doveva essere completato con due alti muri: tutte le uscite dovevano essere chiuse e le porte e le finestre dovevano essere murate.

 

Inoltre gli ebrei dovevano pagare due barche che, giorno e notte, con continuità avrebbero percorso i canali che circondavano la zona, così riporta Riccardo Calimani. Quindi da quel momento i margini di libertà degli Ebrei furono ristretti in maniera grave e sostanziale.

Leggi tutto...
 
[VENICE GHETTO 500] I grattacieli di Venezia. La verticalità architettonica del Ghetto
di Donatella Calabi   
martedì 08 marzo 2016

veduta_area_ghetto_-_davide_calimani_per_coopculture.jpgIl Ghetto Nuovo cresce fin dall’inizio su se stesso in altezza intorno ad una vera e propria ‘piazza’ (la “corte di case” citata dal decreto istitutivo). Questa individuazione non solo garantiva sorveglianza e una certa sicurezza agli ebrei, e di conseguenza ai cittadini veneziani, ma prevedeva anche un uso collettivo dello spazio aperto intorno al quale abitazioni, botteghe e magazzini si sarebbero potuti organizzare. Era infatti una piccola ‘contrada’ caratteristica della struttura urbana di Venezia.

 

Rappresentata in modo grossolano come un invaso porticato, quella ‘corte’, nella sua organizzazione, sarebbe diventata a breve un modello identitario per gli ebrei stessi, al punto da essere presa a esempio nella successiva realizzazione del Ghetto di Padova (1603) e di quello di Modena (1633). I primi rilevamenti fiscali mostrano un rapido processo di frammentazione interna in appartamenti di piccola, spesso piccolissima dimensione.

Leggi tutto...
 
[VENICE GHETTO 500] Un Museo che vive nel tempo. Passato e presente della Comunità Ebraica veneziana
di Marcella Ansaldi e Michela Zanon   
martedì 08 marzo 2016

museo_ebraico_-_paola_baldari_per_coopculture.jpgContribuire alla diffusione della conoscenza dell’ebraismo per combattere pregiudizi e sempre nuove forme di antisemitismo attraverso la conoscenza della storia e delle arti di una delle più importanti Comunità ebraiche europee, presente in Laguna già dal Medioevo e dal 1516 rinchiusa nel primo ghetto d’Italia fino al 1797: questi in sintesi gli obiettivi del MEV - Museo Ebraico di Venezia, aperto al pubblico nel 1954 con solo due stanze, capace nel tempo di procedere ad un costante ampiamento di spazi e di contenuti tali da rendere ora urgente un importante e complessivo intervento di restauro, ampliamento e rinnovo dell'intera area museale.

 

Urgenza che la Comunità ebraica di Venezia ha trasformato in un progetto internazionale di raccolta fondi - ancora in corso - affidato a Venetian Heritage e che simbolicamente verrà sancito con la posa della prima pietra del MEV del futuro in occasione della ricorrenza dei 500 anni del Ghetto a fine marzo, con la realizzazione di una struttura in Campo del Ghetto che permetterà una migliore fruizione degli ingressi, maggior sicurezza e racconterà con strumenti multimediali il progetto al grande pubblico.

 

Il Museo Ebraico non poteva che sorgere nel cuore del Ghetto, unicum urbanistico che ha mantenuto quasi inalterata nei secoli la propria struttura architettonica e che custodisce al suo interno ben cinque sinagoghe risalenti al XVI secolo, di queste ben tre sono inserite nel percorso di visita guidata che completa l'itinerario museale diffuso.

Leggi tutto...
 
[VENICE GHETTO 500] 1516-2016. L'identità del Ghetto di Venezia oltre la storia
di Redazioneweb2   
martedì 08 marzo 2016

jacopo_de_barbari_veduta_di_venezia_1500_museo_correr.jpegCinquecento anni di storia, una parola - ghetto - assurta ad indicare qualcosa di negativo, escludente. Alcune voci autorevoli legate a vario titolo all'ebraismo, per appartenenza o per vicinanza culturale, hanno risposto alla traccia proposta: 1516-2016. L’identità del Ghetto di Venezia oltre la storia. Una polifonia senza dissonanze, con varie sfumature, per una data importante, che non è una celebrazione, ma un dies a quo della storia.

 

Un anniversario che va ricordato e fatto conoscere, perché solo nella libertà del presente si può comprendere meglio una pagina del passato che arriva fino ai giorni nostri, infittendo la trama di un libro che ha assunto spesso il carattere di cronaca degli orrori. Venezia e il suo Ghetto raccontano molte storie: la parola va ai protagonisti, a noi il compito di ascoltare e diffondere.


Leggi tutto...
 
Venezia News #203 Apr16
di Redazioneweb   
lunedì 29 febbraio 2016

venews_203_cover_sito.jpgNelle edicole di Venezia e dintorni, nei bookshop e nelle principali librerie della città
 


ZOOM: Shakespeare400
 
TRACCE: Architettura a Venezia

 
ARTE: Giovanni Bellini. L’ebbrezza di Noè | Imagine. Intervista a Luca Massimo Barbero | Helmut Newton Fotografie. Intervista a Matthias Harder | Sigmar Polke + Accrochage | “I Modi” di Giulio Romano e i modi di Carlo Scarpa e Álvaro Siza | Il vetro degli architetti. Vienna 1900-1937 | Aldo Manuzio | Intervista a Joseph Klibansky | Capolavori ritrovati della collezione di Vittorio Cini | Splendori del Rinascimento a Venezia | C-Arte Kids Creative Lab | Silvia Levenson – Identidad desaparecida | Geminiano Cozzi e le sue porcellane | Mostre in città | Gallerie
London Calling | Giuseppe Penone | Edward Hopper | I Vivarini |  María Verónica León Veintemilla dalla Biennale di Venezia al MACRO | XXI TRIENNALE 2016
 
MUSICA: Ezio Bosso | Enrico Ruggeri | Daniele Silvestri | Anastacia | De Gregori Stadio | Marcus Miller | Marco Mengoni | Chris Cornell | Steven Wilson | Ramazzotti
 
NIGHTLIFE: Buzzcocks | Micah P. Hinson | Ruotaliberatutti | S.a.L.E. Docks | Xavier Rudd | Rivolta pvc
 
CLASSICAL: Festival Benjamin Godard nei salotti parigini | Stagione Sinfonica La Fenice e Malibran | Fondazione Musicale Omizzolo-Peruzzi | Venetian Centre for Baroque Music | Società Veneziana Concerti | Fondazione Cini | Comunale G. Verdi di Pordenone | Biennale College Musica
 
CINEMA: Hitchcock/Truffaut | Supervisioni | Cinéma Clair. Personale di René Clair | Second Life-Dopo la prima | 18. Far East Film Festival | David di Donatello 2016 | Venezia è sempre moda. Fashion in laguna dal 1920 al 1970 | Film del mese
 
TEATRO: Hamlet in Jerusalem. Paolini @ Toniolo | Teatro Goldoni | Teatro Ca’ Foscari | Teatro Groggia | Teatro Corso | Comics
Evoluzioni | Centorizzonti
 
ETCC: Centro Ricerche Tai Chi | Su e zo per i ponti | Corrimestre | Venice Night Trial | I poeti scalzi | Cartoons on the bay | Casadei Libri | Libri del mese
 
MENU: Villa Cipriani Asolo | La Bottiglia | Osteria PLIP | Piedàterre Venezia | Acqua di Venezia | Ivan Catenacci | Veneziani a tavola – Rosa Emilia

Leggi tutto...
 
Passi leggeri. La maratona poetica de I Poeti Scalzi
di Redazioneweb   
venerdì 08 aprile 2016

poetiscalzi.jpg

Dopo il festival internazionale di letteratura Incroci di Civiltà, Venezia ospita, domenica 10 aprile, I Poeti Scalzi, una maratona di poesia multilingue organizzata da Samuele Editore di Pordenone, e curata da Alessandro Canzian e Davide Trame. I Poeti Scalzi riunisce 18 poeti da tutta Italia, che proporranno i loro versi in italiano, in inglese e in dialetto «perché la Poesia può e deve essere un momento di conoscenza prima di tutto fra le persone e per le persone, che si apre e si deve continuamente aprire all’altro soprattutto in un momento quale quello odierno, che giocoforza ci spinge alla chiusura, alla paura. Per questo molte lingue, molte culture, diversi modi di conoscere il mondo». L’evento, aperto a tutti e gratuito, sarà ospitato a partire dalle ore 16 dal Centro Scalzi di Cannaregio, e vedrà protagonisti Emilia Barbato, Ilaria Boffa, Alessandro Burbank, Guido Cupani, Sebastiano Gatto, Francesco Giusti, Andrea Longega, Gabriella Musetti, Sandro Pecchiari, Francesco Sassetto, Fulvio Segato, Silvia Secco, Rachel Slade, Federico Rossignoli, Jacopo Terenzio, Davide Trame, Giacomo Vit e Claudia Zironi.

Leggi tutto...
 
[INCROCI DI CIVILTÀ 2016] Babele contemporanea. A Venezia la 9. edizione di Incroci di Civiltà
di Fabio Marzari   
mercoledì 02 marzo 2016

incroci16.jpgNato nel 2008, Incroci di Civiltà, Festival Internazionale di letteratura a Venezia, promosso da Ca’ Foscari e dal Comune di Venezia - Assessorato alle Produzioni Culturali, si pone come medium contemporaneo secondo la tradizione propria della città, crocevia di culture, razze, lingue e tradizioni differenti, creando un dialogo tra autori e lettori intorno ai temi più urgenti del nostro oggi. Vorremmo poter ricordare che la cultura è tolleranza e rispetto di ogni genere, ma si andrebbe fuori dal seminato e soprattutto le polemiche non possono oscurare l’importanza di un dialogo universale che mai come ora viene compromesso da muri, purtroppo anche fisici, che si frappongono alla libera circolazione delle persone e delle idee.

Leggi tutto...
 
[INCROCI DI CIVILTÀ 2016] Aspettando Incroci. Consigli di lettura
di F. M.   
mercoledì 02 marzo 2016

In attesa di poterli incontrare e ascoltare dal vivo durante le intense giornate di Incroci di Civiltà, di seguito alcuni suggerimenti di lettura con una selezione di titoli degli Autori presenti a Venezia.

maaloufdisorientati.jpg

 

AMIN MAALOUF
I disorientati
(Bompiani) Una chiamata inattesa spinge Adam, professore arabo di Storia, a tornare nella propria terra d’origine dopo venticinque anni di esilio. Tutto è rimasto identico, il tempo non è trascorso per i luoghi che frequentava. Quel “paradiso perduto” si accompagna ai nomi dei suoi amici di gioventù, il Circolo dei Bizantini, che volevano cambiare il mondo e sono stati invece cambiati da una guerra che li ha separati e spinti ognuno verso una strada diversa…

 

lindale.jpg

 

LINDA LÊ
Lettera al figlio che non avrò
(Edizioni Clichy) La nostra società obbliga ogni donna ad essere madre, ad avere e amare dei figli. Linda Lê si emancipa da questa imposizione sociale e culturale e racconta, con tutto l’amore possibile, perché ha deciso di non entrare in questo schema. Un libro che ha acceso un ampissimo dibattito in Francia.

Leggi tutto...
 
Idee senza frontiere. Letteratura in "Dedica" a Pordenone
di Fabio Marzari   
lunedì 29 febbraio 2016

khadra.jpg

 

Giunto all'edizione numero 22, Dedica Festival a Pordenone è un appuntamento che negli anni ha saputo conquistare un posto importante nel panorama delle rassegne letterarie a livello nazionale, a dimostrazione di una vivacità intellettuale molto presente in città che ha sempre reso Pordenone un angolo di provincia colta e curiosa nello scenario talvolta desolante del Nord Est.

 

La caratteristica di questo Festival è data dall'essere incentrata su un unico grande personaggio della scena letteraria di caratura internazionale, con una visione aperta sui grandi temi del nostro contemporaneo: non si tratta di una vetrina, ma un’occasione concreta di poter avere uno sguardo profondo sulle prospettive del nostro mondo.

Leggi tutto...
 
Venezia News #202 Mar16
di Redazioneweb   
lunedì 29 febbraio 2016

venews_202_cover_sito.jpgNelle edicole di Venezia e dintorni, nei bookshop e nelle principali librerie della città

 

ZOOM: 1516-2016: 500 anni del Ghetto di Venezia

 

TRACCE: 9. Incroci di Civiltà

 

INCONTRO: Giampietro Brunello - Presidente Fondazione di Venezia

 

ARTE: Aldo Manuzio. Il rinascimento di Venezia | Postwar Era: una storia recente | Archivio della Galleria del Cavallino | Andrea Schiavone tra Parmigianino, Tintoretto e Tiziano | Biennale Architettura Preview | Tre Oci/Tre Mostre Giudecca Fotografia | Lo schermo dell’arte Film Festival | Inverno a Palazzo Fortuny | Joseph Klibansky. Beautiful Tomorrow | Il fashion in Laguna tra il 1920 e il 1970 | I Modi di Giulio Romano e i modi di Carlo Scarpa e Álvaro Siza | Kids Creative Lab@Guggenheim | Fashion Design made in Venice | I Vivarini | La grande arte dei Guggenheim | To the Son of Man Who Ate the Scroll | Sulla scena del crimine | Simbolismo | Correggio e Parmigianino

 

MUSICA: Joe Jackson | Le Salon Ideal | Ornella Vanoni | Fresu & di Bonaventura | Candiani Groove | Live Music Aperitif @ Hotel Splendid | Stefano Bollani & Valentina Cenni |Nørdic Frames | Danilo Rea | Mario Biondi | Max Gazzè | JAM Festival | Eros Ramazzotti

 

NIGHTLIFE: Marlene Kuntz @Rivolta pvc | Mame Club | Ruotaliberatutti | Spazio Aereo | Kilometro 01 | New Age Club | Il Deposito

 

CLASSICAL: Teatro La Fenice e Malibran | Palazzetto Bru Zane | Società Veneziana Concerti | Serata Bach | Io Sono Musica 2015-2016 | Comunale G. Verdi di Pordenone | Teatro Comunale di Treviso 

 

CINEMA: Ca’ Foscari Short Film Festival | Nel paese dei fratelli Coen | Le donne di Silvio Soldini | Un mito chiamato Marilyn | Second Life-Dopo la prima | Supervisioni | Cinefacts

 

TEATRO: Teatro Corso | Teatro Goldoni | Teatro Ca’ Foscari | Teatro Groggia | Teatro Toniolo | Comics&Dintorni | Teatro a l’Avogaria | Teatrino Zero | Teatro di Mirano | Officina di Teatro Contemporaneo @Teatro Verdi

 

ETCC: Dedica Festival 2016 | Classici Contro | Bellum in terris @Ateneo Veneto | Emilio Ceccato Venezia

 

MENU: Tiffany | Il grande libro dei formaggi italiani | Ristorante Local | Bacarretto Bistrot | Torta Pasqualina 

Leggi tutto...
 
[INTERVISTA] La forma del tempo. Guido Guerzoni racconta M9
di Mariachiara Marzari   
mercoledì 10 febbraio 2016

guerzoni.jpg

 

Realizzare un’esposizione permanente sulla storia del Novecento è una sfida affascinante e ambiziosa, dacché presuppone una ricerca dai confini smisurati e una progettazione corale. La Fondazione di Venezia ha voluto indagare a fondo cosa significhi progettare un museo nel XXI secolo, avviando nel 2008 una ricerca sistematica coordinata dal Project Manager Guido Guerzoni per comprendere la natura e le caratteristiche delle istituzioni museali di ultima generazione.

 

La ricerca è divenuta oggetto di discussione e confronto, grazie al coinvolgimento di un nutrito gruppo di studiosi e intellettuali che hanno operato parallelamente all’interno di specifici gruppi di lavoro, concentrandosi sugli aspetti storici, tecnologici, museografici e narrativi del progetto. Un team affiatato che è giunto in circa tre anni a una definizione puntuale dei contenuti, delle modalità narrative e allestitive del Museo e dell’esposizione permanente di M9 e che per bocca del responsabile del progetto ci racconta la strada percorsa fino ad ora.

Leggi tutto...
 
10 febbraio. Il senso universale di un Ricordo
di Luka Stojnic   
venerdì 05 febbraio 2016

giornoricordo.jpg

Nel piccolo comune di San Lorenzo del Pasenatico, confinante con il comune di Parenzo - Porec, in Istria, Croazia, per commemorare la vittoria sull’occupazione nazista venne eretto nel secondo dopoguerra un curioso monumento bronzeo in stile “social-realista” o del realismo socialista: uno stile d’altronde molto comune di quell’epoca. Erede degli stili populistico-figurativi dei sistemi totalitaristi precedenti, l’immagine aveva un compito ben preciso: “parlare alla gente”. La gente, sebbene una bella fetta ancora semianalfabeta, doveva riuscire senza troppi sforzi a comprendere ciò che l’autore aveva voluto esprimere. Non crediate che i presupposti di questa ‘arte’ siano stati molto differenti da quelli che informavano le immagini ecclesiali di qualche secolo prima; sebbene il soggetto abbia subito una completa trasformazione, il committente in tutti e due i casi aveva un compito ben preciso: stimolare i sentimenti della gente. Ebbene, la statua raffigurava un partigiano con le braccia vittoriosamente innalzate: stringeva con le sue mani il fucile nell’aria mentre sotto il suo stivale sinistro, schiacciava la testa a un soldato tedesco con l’elmo e la svastica impressavi sopra. La scultura rimase così fino agli anni ’80, se ben ricordo.

Leggi tutto...
 
Non calpestare i fiori del deserto. Viaggio in Qatar
di Fabio Marzari   
mercoledì 03 febbraio 2016

apertura.jpgIl racconto di un viaggio non può che partire dal viaggio stesso. Siamo così poco abituati oramai a dare importanza a come veniamo trasportati da un luogo all'altro, stivati come valigie in aerei scomodi e con compagni di viaggio rumorosi, che quando si ha la fortuna di poter assaporare la gioia di un viaggio a 5 stelle si comprende la differenza tra un semplice andare ed una esperienza di volo. Qatar Airways è il vettore aereo del piccolo Emirato del Golfo Arabo divenuto stato sovrano nel 1971. Da allora il Qatar ha saputo investire i ricchissimi proventi del petrolio e del gas naturale, di cui possiede uno dei più vasti giacimenti al mondo, per creare letteralmente dalla sabbia un Paese, piccolo e fiero, esempio di sviluppo possibile e non necessariamente di ostentato gigantismo economico. Il denaro del Qatar alimenta intere zone, le più esclusive, del centro di Londra, i grattacieli di Milano Porta Nuova sono di proprietà del fondo sovrano del Qatar, hotel come il Gritti a Venezia, l'Excelsior di Roma e il Gallia di Milano battono bandiera del piccolo Emirato. L'elenco poi continua con la squadra di calcio del Paris Saint-Germain, la Maison Valentino e molto altro ancora.

Leggi tutto...
 
[INTERVISTA] Il compositore suonato. A Bru Zane "Les Chevaliers" di Hervé
di Davide Carbone   
mercoledì 27 gennaio 2016

472.jpg

«C’era una volta... un Paese improbabile, tra l’'800 e il 2017, ove tutto è ancora possibile e meraviglioso...». Un mondo immaginario ricco di riferimenti a un Medioevo incantato, dove Merlino, Lancillotto, Rodomonte, Rinaldo danno un’idea alquanto annacquata del coraggio cavalleresco, mentre Melusina, Totoche e Angelica si contendono il primato, mettendo in caricatura l’amore, la gelosia, la cupidigia e la sensualità. Accompagnati da una quantità di personaggi secondari.
È Les Chevaliers de la Table ronde, opéra-bouffe in tre atti, su libretto di Henri Chivot e Alfred Duru e musica di Hervé, uno spettacolo ambizioso, dove parodia, energia ritmica, virtuosismo non convenzionale e melodia popolare si fondono perfettamente.

 

«La musica di Hervé è fine, lieve, piena di spirito. Le melodie sono semplici ed efficaci, l’armonia è naturale, l’orchestrazione limpida... Ma è soprattutto dal ritmo che proviene la traboccante energia che la caratterizza» (Thibault Perrine).

Leggi tutto...
 
2 YEARS! Of FabLab Venezia. Open day del laboratorio al VEGA
di Federica Sicchiero   
mercoledì 17 febbraio 2016

fablab_1.jpg

FabLab Venezia, primo laboratorio di fabbricazione digitale del Nordest, legato all’IMT di Boston e alla Fab Foundation, apre le porte al pubblico in occasione del suo secondo anniversario/compleanno. A partire dalle 10 e fino alla mezzanotte di giovedì 18 febbraio, è possibile visitare il laboratorio situato all’interno del Parco Scientifico Tecnologico VEGA e approfittare di ciò che viene messo a disposizione, come dimostrazioni di stampa 3D, taglio laser, laser scanner (FabLab offre infatti servizi e processi innovativi nel mondo della manifattura digitale) e momenti di svago, relax e degustazioni attraverso un pizza party, l’immancabile taglio della torta e un momento di cabaret musicale in compagnia de La Ghenga Fuoriposto.

 

In questa giornata-evento il pubblico incontra i soci ed i partner del laboratorio che risponderanno a tutte le domande e curiosità, oltre a figure istituzionali di spicco come Pier Paolo Baretta, Sottosegretario di Stato al Ministero dell'Economia e delle Finanze, Luca Felletti, Segretario Generale della Programmazione della Regione del Veneto, Michele Bugliesi (Rettore dell’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Leggi tutto...
 
Venezia News #201Feb16
di Redazione   
mercoledì 03 luglio 2013

201_cover-sito.jpgNelle edicole di Venezia e dintorni, nei bookshop e nelle principali librerie della città 

 

ZOOM: Carnevale di Venezia 2016

 

TRACCE/1: Les Chevaliers de la Table ronde

 

TRACCE/2: Viaggio in Qatar

 

INCONTRO/1: Philip Rylands - Direttore Collezione Peggy Guggenheim

 

INCONTRO/2: Guido Guerzoni - Project Manager di M9

 

ARTE:

Postwar Era: una storia recente | Andrea Schiavone tra Parmigianino, Tintoretto e Tiziano Gastini, Icaro, Mattiacci, Spagnulo | Roberto Salbitani. Storia di un viaggiatore | A Tale of Costume | Tre Oci / Tre Mostre Giudecca Fotografia | Ida Barbarigo, Romaine Brooks, Sarah Moon, Henriette Fortuny | Architour | Mostre in città | Jheronimus Bosch. I dipinti veneziani restaurati | Arte in Italia. Intervista a Giandomenico Romanelli

 

MUSICA: Nørdic Frames | Set Up @Punta della Dogana | Candiani Groove | Dire Straits Over Gold & The Alchemy Strings Ensemble | Slipknot | Massive Attack | Brian May&Kerry Ellis | Morandi&Baglioni | Marracash | Verona Jazz Winter Festival | Carmen Consoli

 

NIGHTLIFE: Eagles of Death Metal | Subsonica | RuotaLiberaTutti | Shigeto | Bob Marley’s Birthday Fest | Audien


CLASSICAL: Teatro La Fenice  | Palazzetto Bru Zane | Venice Centre for Baroque Music | Società Veneziana Concerti | Teatro Toniolo | Opera Foyer | Amici della Musica di Padova | Teatri Spa | Teatro Comunale Verdi di Pordenone | Fondazione Arena di Verona

 

CINEMA: Á propos de Paris… | John Williams | Cinema e disabilità | Second Life-Dopo la prima | Festival di Berlino | Ennio Morricone e gli Oscar 2016 | Supervisioni | Cinefacts | Film del mese

 

TEATRO: Teatro Goldoni | Teatro Ca’ Foscari | Teatro Groggia | Teatro Toniolo | Ascanio Celestini | Fratelli Dalla Via | Comics&Dintorni | Scandalo | Kids

 

ETCC: Giorno del Ricordo | Libri del mese


MENÙ: Altri Carnevali | Gritti Palace| Il digiuno

 
VENEZIANI A TAVOLA di Pierangelo Federici: Emanuele Dal Carlo

 
[CARNEVALE 2016] Molocinque presenta Arsenale Carnival Experience
di Redazioneweb   
mercoledì 03 febbraio 2016
12654378_1702232370034429_4186741421355661424_n-960x400.jpgAnche quest'anno i suggestivi cantieri navali della Serenissima Repubblica di Venezia ospitano le "Notti dell'Arsenale" e fin dal pomeriggio riprendono vita grazie alla magia del Carnevale con spettacoli di musica, teatro, arti varie e sensazionali giochi pirotecnici sull'acqua. Dalle 23.15 la regia notturna della festa passa nelle mani di Molocinque con Arsenale Carnival Experience: ogni sera un mood diverso e un tema sempre da affrontare con carnascialesca creatività in compagnia dei numerosissimi ospiti.
Leggi tutto...
 
[CARNEVALE 2016] CarnevalARTika. Il Carnevale ad arte di F30
di Redazioneweb   
mercoledì 03 febbraio 2016
carnevalartika.jpgLuogo cult della nightlife veneziana, F30 Music Addicted si conferma anche quest'anno partner event del Carnevale 2016 e, abbracciandone il tema "Creatum ovvero delle Arti e delle Tradizioni", lancia dal 3 al 9 febbraio CarnevalARTika, la nuova travolgente rassegna di eventi musicali che animerà le folli notti carnevalesche ai piedi del Ponte di Calatrava (posizione strategica per chiunque arrivi dalla terraferma).
Leggi tutto...
 
[CARNEVALE 2016] Che la festa cominci. Tempo di "Creatum"
di Alessandra Morgagni   
lunedì 25 gennaio 2016

carnevale_1.jpg«Da che mondo ebbe favella, ad ognun piace la frittella, che danzando sull’olio bollente fa felice tanta gente!». Così declamava qualche giorno fa il pasticcere Rizzardini a San Polo, ricordandoci come non ci sia nulla di meglio di una gratificante esperienza gastronomica per festeggiare un Carnevale tutto dedicato alla tradizione e alle arti veneziane. Creatum ovvero delle Arti e delle Tradizioni è il titolo ed il tema di una kermesse che quest’anno cade ‘bassa’, a cavallo tra gennaio e febbraio, sfidando i rigori dei giorni più freddi dell’inverno e registrando il debutto del nuovo direttore artistico Marco Maccapani, prestato dal mondo della moda per rilanciare l’evento e, ipse dixit, «restituire il Carnevale ai veneziani».

 

Leggi tutto...
 
[CARNEVALE 2016] Venice Reggae Carnival: allo ZanziBar di Santa Maria Formosa i ritmi della Giamaica
di Redazioneweb   
martedì 02 febbraio 2016

kalado-photo.jpgTorna anche per il 2016 il Venice Reggae Carnival, il più frizzante, musicale, emozionante (e gratuito!) Carnevale in Campo di tutta la città. Dal 1994  «Rasta Snob»,  unica rivista reggae in Italia dal 1988, si è fatta ambasciatore dei ritmi giamaicani festeggiando il Carnevale in con il "Careggaetton", il sound system della Laguna, girando in lungo e in largo Venezia tra Piazza San Marco, Ponte di Rialto, Strada Nova, Campo Sant'Angelo, contribuendo al successo del Torino Notte in Campo San Luca, e alla Stazione Marittima a San Basilio. In Campo Santa Maria Formosa il Carnevale è targato ZanziBar, il mitico bar da sempre attento e appassionato al reggae sound dalla Giamaica.

Leggi tutto...
 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 Pross. > Fine >>

Risultati 211 - 280 di 422