VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ZOOM
ZOOM
Ca' Foscari per il Giorno della Memoria. "Ascari e Schiavoni. Il razzismo coloniale a Venezia"
di C.S.   
martedì 17 gennaio 2017
untitled.pngCon il regio decreto legge numero 880 del 1937, l’Italia varò la prima legge di tutela della razza che vietava i matrimoni misti e il cosiddetto “madamismo”, cioè il concubinaggio con donne africane. Il decreto, rivolto in particolare agli uomini risiedenti nelle colonie puniva con la reclusione gli italiani che si macchiavano del delitto biologico di “inquinare la razza” e del delitto morale di “elevare” l’indigena al proprio livello, perdendo così il prestigio che gli deriva dall’appartenenza alla “razza superiore”.
Leggi tutto...
 
Giorno della Memoria 2017. Al Teatro Momo per non dimenticare
di Redazioneweb   
giovedì 26 gennaio 2017
cappuccetto-uf-2.jpgPartecipando alle iniziative per il Giorno della Memoria 2017, il Teatro Momo dedica una giornata speciale alla ricorrenza con due spettacoli dedicati che aiuteranno il pubblico a riflettere, a mantenere viva la memoria della shoah, perché non si perda nella nebbia del tempo, perché quel passato non debba mai più tornare ad e sere presente, per nessuno.
Leggi tutto...
 
Futuro anteriore. Sul significato della Memoria
di Renato Jona   
martedì 10 gennaio 2017

israel_12495_hall_of_names_in_yad_vashem.jpg27 gennaio, Giorno della Memoria: cosa significa? Che cos’è? Perché? È molto difficile racchiudere in poche righe tanti significati, tanta storia, tanti sentimenti. Quali parole in effetti , possono raccontare a persone diverse una catastrofe (questo il vero significato di Shoah)? Parole che ricordano per chi è più anziano, parole che dicono a chi all’epoca dei fatti non c’era. Le stesse parole hanno un significato differente per ciascuno, un peso diverso a seconda della sensibilità naturale di ogni soggetto, dell’esperienza maturata, dell’educazione ricevuta a casa e a scuola. Qualcuno, preoccupato, si domanda se la ripetizione annuale del ricordo non rischia di snaturare lo scopo del ricordo stesso, facendogli perdere significato, efficacia e quindi trasformandolo in una inutile (o dannosa?) ritualità. Viceversa ritornare con la mente e con le parole a ciò che accadde poco oltre 70 anni fa, facendo conoscere i “normali” soprusi, i tradimenti dell’Autorità Fascista in Italia nei confronti degli Ebrei, le bestialità commesse dalla Wermacht e dalle SS tedesche in tutta Europa, è opera di rispetto e correttezza nei confronti delle nuove generazioni.

 

6 milioni di morti! Sono una quantità immensa di esseri umani: prima emarginati, poi privati dei loro diritti, della loro dignità, poi declassati e considerati neanche più esseri umani e quindi soppressi in modo metodico, scientifico, inumano.

 

E tutto ciò fu attuato nella civilissima Europa, soltanto perché erano Ebrei. La piaga dell’antisemitismo è di lunga data, si dovrebbe più propriamente definirla antigiudaismo. Nella sostanza essa parte dall’intolleranza religiosa: è un fenomeno antico manifestatosi e sviluppatosi anche nei secoli passati in varie forme, con differente intensità, a seconda delle epoche e dei luoghi considerati. Ma non è mai stato così vasto, così violento, così furioso, così devastante nelle sue conseguenze come a metà del ventesimo secolo, epoca in cui si manifestò la decisa volontà della totale distruzione di tutti gli Ebrei esistenti, del loro annientamento assoluto e definitivo. Per raggiungere lo scopo furono utilizzate ogni genere di menzogne, di mezzi materiali, di tecniche allora all'avanguardia e di crudeltà. Ed è bene oggi ricordarle, altrimenti il tempo tende a deformarle, a non consentire di accettare più la loro realtà, addirittura a cancellare il contesto in cui si sono verificate.

Leggi tutto...
 
Memoria Condivisa. Antonia Arslan e Gabriele Nissi: voci dal mondo ebraico e armeno
di Redazioneweb   
venerdì 20 gennaio 2017
image.jpgNell'ambito delle iniziative per il Giorno della Memoria 2017 organizzate a Venezia, domenica 22 gennaio il Conservatorio Benedetto Marcello ospita alle 16. 30 la conversazione musicale La memoria condivisa: voci dal mondo ebraico e armeno.
Leggi tutto...
 
FrariFuori 2017. Se si sogna insieme è la realtà che comincia
di Redazioneweb   
lunedì 09 gennaio 2017

15874669_699376393563978_5664479885087709324_o.jpgDal 14 al 28 gennaio si rinnova il tradizionale appuntamento veneziano con FrariFuori, fantasmagorica rassegna di musica, danza, cinema, teatro e incontri che giunge quest'anno alla quindicesima edizione. FrariFuori 2017, lasciandosi ispirare dal discorso di Papa Francesco a Cracovia, in occasione della Giornata mondiale della gioventù, quando chiese agli oltre 2 milioni di giovani radunati: "Siete capaci di sognare?", ha deciso di legare insieme i propri eventi con il sottile fil rouge dei "Sogni". «Tutti abbiamo un sogno, tutti siamo in cerca di un sogno da realizzare, vogliamo che i sogni più belli diventino realtà.

 

FrariFuori vuole raccontare e condividere questi sogni, attraverso la musica, la danza, il cinema, il teatro, ascoltando i sogni dei ragazzi e, con l'aiuto di esperti, aiutando i genitori a interpretarli».
Nella ferma convinzione del potere dell'aggregazione e della socialità, FrariFuori presenta un fitto programma di appuntamenti dedicati alla cittadinanza tutta, che è invitata a partecipare e ad appendere i propri sogni all'Albero dei Sogni, perché se condiviso con gli altri anche il sogno più ardito può realizzarsi! 

Leggi tutto...
 
Orme a nord ovest. In viaggio nella Great Bear Rain Forest con Nico Zaramella
di Nico Zaramella   
giovedì 15 dicembre 2016

spirit-bear-durante-la-pesca-in-una-rapida.jpgHo l’impressione che la mia ricerca delle “orme a nord-ovest” sia un percorso concentrico a spirale attorno alla mia esistenza e all’esistenza di questo pianeta.

 

Che la direzione sia l’Est o l’Ovest mi ritrovo sempre più a cercare ciò che eravamo: un po’ per dimenticare ciò che siamo e per non pensare a ciò che potremmo essere. E allora rimangono solo tracce. Rimangono soltanto orme e quindi segni di un passaggio e, purtroppo, segni passeggeri. Notizie sconosciute di luoghi lontani dove uomini, animali e ambiente sono fratelli.

 

Luoghi dove ognuno si accontenta di ciò che ha e non vuole di più perché è superfluo al vivere. Sono luoghi magici perché gli abitanti di quelle terre hanno ormai varcato il confine: la sofferenza e la durata dell’esistenza non sono un valore primario, conta di più l’orgoglio e l’onore di salvare giorno dopo giorno il sacro del pianeta, la vita.

Leggi tutto...
 
INTERVISTA | L’altra metà del piano. Incontro con Michael Nyman
di Mariachiara Marzari   
lunedì 09 gennaio 2017

nyman.jpgEra una domenica di nebbia intensa a Venezia, una di quelle che regalano un’atmosfera ancor più sospesa ed irreale, quasi a fermare il tempo. Era pomeriggio e un appuntamento speciale, il messaggio scriveva: «ore 17.15 T Fondaco dei Tedeschi». Insolitamente in anticipo, entrata nel cortile del Fondaco, in mezzo al brulicare di gente intenta a fare shopping ecco scorgere Delphine Trouillard, efficiente e appassionata responsabile della sezione culturale del Fondaco, che si era spesa per fissarci l’appuntamento, e un signore, pantaloni, camicia e cappotto lungo rigorosamente total black, seduto al pianoforte, non intento a suonare, ma a scattare foto con una macchina digitale a curiose signore impegnate a provare cappelli (racconterà più tardi della sua ultima passione di immortalare istanti di vita casuale).

 

Michael Nyman, una leggenda della musica contemporanea, che non ha bisogno di presentazioni, mi accoglie con un sorriso, gli occhiali sulla testa e ottimo umore. T Fondaco dei Tedeschi ha organizzato un evento unico ed esclusivo, solo per 250 invitati con prenotazione libera, un concerto solo piano di Michael Nyman nella corte centrale per suggellare la sua partecipazione al nuovo lavoro site-specific di Fabrizio Plessi, suo vecchio amico, realizzato per l’apertura del nuovo spazio culturale creato da Rem Koolhaas tra la copertura della corte e il tetto del Fondaco: Under Water, 60 frammenti di un mosaico veneziano di tradizione orientale, un mosaico che non esiste, inventato digitalmente, e che si trasforma in un ideale, grande mosaico mentale.

 

Per l’intervista ci accomodiamo in un divano di una lounge nell’ammezzato del Fondaco, dove comodamente seduti inizia una conversazione come tra amici, un flusso continuo di parole, un fiume in piena di idee e pensieri, riflessioni e ricordi. Le domande sono quasi superflue, Nyman procede toccando tutti i punti che mi ero precedentemente fissata. Il tempo passa e la sua voce ipnotizza, ma è tempo di ultime prove tecniche e così ci salutiamo – ebbene sì, lo confesso, ho ceduto alla tentazione di un selfie con Nyman! – e ci diamo appuntamento per il concerto. Quello che ritrovo sul palco opportunamente posizionato su un lato della corte del Fondaco è un altro Nyman, il musicista puro, professionista assoluto che esegue in un continuum e in un crescendo le sue melodie più famose, una di seguito all’altra senza interruzione, solo inframmezzate dall’intercalare dolce delle note di Water Dance, celebre suo pezzo, straordinariamente aderente all’installazione di Fabrizio Plessi, di cui è traccia sonora. Quasi in trance, Nyman suona, suona, suona, tutt’uno col suo pianoforte. La musica è il suo linguaggio congeniale, l’espressione massima del suo genio, capace di creare un’atmosfera unica, avvolgente, gioiosa. Il gesto di far volare dolcemente i fogli della sua musica tra un brano e l’altro mi riporta all'intervista e al suo sguardo attento e curioso del mondo...
Grazie Nyman, grazie Delphine, è stato un giorno da ricordare!

Leggi tutto...
 
EPIFANIA 2017 | Regata delle Befane
di Redazioneweb2   
lunedì 05 dicembre 2016

regatabefane00017.jpgSono tante, tantissime, provengono da ogni latitudine. Imbacuccate, bardate da scialli dai colori improbabili e non proprio avvenenti nell’aspetto, le protagoniste di questa regata in Canal Grande brillano per spirito agonistico, ben determinate ad arrivare per prime al traguardo.

Leggi tutto...
 
NATALE 2016 | Luci a Dorsoduro. My Christmas Venice accende il Natale
di F.M.   
giovedì 15 dicembre 2016
15380303_1633178556976680_389736462993674658_n.jpgNatale 2016, fiat lux, finalmente si potrebbe dire, soprattutto  il sestiere di Dorsoduro si presenta 'brilluccicante' come non mai, di un colore caldo, elegante, non invasivo. Inseguendo un ideale filo luminoso che parte dall'albero alla Salute – una cascata di luci bianche che si riflettono nella notte veneziana regalando bagliori di grande suggestione e bellezza – si arriva fino all'Accademia attraversando corsie luminose di un bianco candido, come una nevicata ideale che rischiara le notti invernali.
Leggi tutto...
 
NATALE 2016 | Natale dentro. Inconfondibilmente... Venezia
di Fabio Marzari   
martedì 06 dicembre 2016

dsc_2001_opzione_bis.jpgIl Natale a Venezia riveste una dimensione più intima, volendo dare a questo aggettivo un significato di protetto, racchiuso. Protagonisti indiscussi sono le chiese, i teatri, i palazzi, cui ora si sono aggiunti anche i nuovi department store che invitano a sostare piacevolmente all’interno.

 

Come non partire tuttavia dalla Basilica di San Marco, trionfo di mosaici e di ori, simbolo assoluto di bellezza, arrivando poi ai Frari, a San Giovanni e Paolo e a tutte le chiese di Venezia, soprattutto quelle ‘minori’, che ospitano eventi legati al Natale che per la loro intrinseca bellezza invitano alla visita, anzi spesso alla conoscenza.

Leggi tutto...
 
NATALE 2016 | Pattinando sul ghiaccio a Mestre e Venezia
di Redazioneweb2   
lunedì 05 dicembre 2016
1_pattinaggio.jpgChi non ha mai desiderato volteggiare sul ghiaccio sulle note delle più belle canzoni natalizie? Poche cose ‘fanno’ Natale come le lame dei pattini che sferzano il ghiaccio, un berretto di lana con il pon-pon e un paio di calde muffole tra cui stringere una bella tazza di cioccolata bollente. Anche quest’anno, per la gioia di grandi e piccini, sono state allestite le piste di pattinaggio su ghiaccio in Campo San Polo a Venezia e in Piazza Ferretto a Mestre, aperte tutti i giorni (orari consultabili su events.veneziaunica.it ), rispettivamente fino al 28 febbraio la prima, e all’8 gennaio la seconda, con possibilità di noleggio pattini.
Leggi tutto...
 
NATALE 2016 | A Dorsoduro, scopri i segreti di My Christmas Venice
di Redazioneweb2   
lunedì 05 dicembre 2016
pueri_cantores.jpgIl coro di voci bianche Pueri Cantores della Basilica del Duomo di Milano, diretto da Don Claudio Burgio e accompagnato all’organo da Emanuele Carlo Vianelli, sarà capace grazie alle soavi voci dei cantori di accendere l’atmosfera del Natale con un evento unico nella Basilica della Salute. Non potevano che essere i bambini/cantori, in età compresa tra gli 8 e i 15 anni, ad essere protagonisti del Concerto di inaugurazione di My Christmas Venice, iniziativa che coinvolge l’intero sestiere di Dorsoduro con un ricco programma di eventi per le festività natalizie.
Leggi tutto...
 
NATALE 2016 | Lo shopping diventa impresa. Natale da McArthurGlen
di Redazioneweb2   
martedì 06 dicembre 2016

nov_switch_on2016-003.jpgNon poteva mancare, raccontando il periodo delle festività, una incursione nello shopping, ma questa volta, e nonostante il Natale e i regali da fare e da ricevere, l’attenzione è rivolta ad un esempio virtuoso di dare e avere. Registriamo infatti proprio in occasione del periodo shopping addicted per eccellenza l’espansione, con un investimento di ben 50 milioni di euro, del pluripremiato McArthurGlen Designer Outlet di Noventa di Piave, oggi la seconda impresa del Veneto Orientale con una ricaduta significativa su tutto il territorio circostante. La nuova espansione è il risultato della straordinaria performance finanziaria di Noventa e porterà all’ampliamento di 6.000 mq della superficie di vendita del Centro. Il progetto si concluderà entro la primavera del 2017 con l’apertura di ulteriori 11 negozi, dopo le aperture di questi giorni delle boutique di marchi di moda quali Polo Ralph Lauren, le cui dimensioni superano quelle di un supermercato, Casadei, Isaia, LeSilla, Cesare Paciotti e brand di abbigliamento sportivo come La Martina, The North Face e Columbia.

 

Conseguenza di questo ampliamento anche e naturalmente un nuovo parcheggio da 1.300 posti auto, che porta il numero totale a 3.100 e quindi a un notevole miglioramento della viabilità generale.

 

Nel 2016 le persone stabilmente occupate a Noventa sono state 1.150, tra addetti e collaboratori esterni, e diventeranno 1.300 a lavori di espansione conclusi. Da sottolineare che più dell’80% del personale impiegato è femminile. I numeri confermano un 2016 straordinario per il Designer Outlet, che ha registrato una crescita delle vendite del + 9,7% rispetto all’anno passato, senza tenere conto dell’apporto che potranno dare le nuove aperture nel corso delle ultime cinque settimane dell’anno, tradizionalmente molto importanti.

Leggi tutto...
 
CAPODANNO 2017 | La magia dei fuochi sulla Laguna accoglie il nuovo anno
di Redazioneweb2   
lunedì 05 dicembre 2016

52a9e62329d41b6810d07967.jpgInconfondibili profili architettonici illuminati a giorno, sagome che si stagliano imponenti nella notte e veloci nel cambiare tonalità per pochi minuti, istanti di passaggio attraverso la mezzanotte che restano nel cuore come fotografie dell’album di ricordi che ci portiamo dentro per tutta la vita. Piazza San Marco non delude mai, come potrebbe? Lo spettacolo pirotecnico ci fa finire e iniziare l’anno come meglio non si potrebbe, specchiandosi nella Laguna e confermandosi rito collettivo da ammirare col naso all’insù. 

Leggi tutto...
 
CAPODANNO 2017 | La festa per tutti in Piazza Ferretto, tra musica, risate e grande show
di Redazioneweb2   
lunedì 05 dicembre 2016

deborah-iurato-look-sanremo-francesco-paolo-salerno.jpg

Laguna e terraferma legate a doppia mandata, per un evento in piazza che idealmente tende la mano a Piazza San Marco, consacrandosi all’intrattenimento. Nelle due ore che precedono la fatidica mezzanotte a Mestre ce n’è per tutti i gusti: Rudi Zugno e il suo sarcasmo in salsa toscana hanno il compito di riscaldare la platea con sketch che si prendono beffe delle storture della società moderna e delle diavolerie tecnologiche.

Leggi tutto...
 
CAPODANNO 2017 | Al Lido con gli ibernisti, per brindare al 2017
di Redazioneweb2   
lunedì 05 dicembre 2016

ibernisti.jpgUna tradizione un po’ bizzarra che con il passare degli anni ha saputo attirare un numero sempre maggior di curiosi, turisti da ogni angolo del mondo e anche l’attenzione dei media, rimanendo sempre fedele al proprio spirito goliardico e informale. L’appuntamento con gli Ibernisti veneziani è, come di consueto, per l’1 gennaio alle ore 11, alla Spiaggia del Blue Moon del Lido di Venezia, per un tuffo da brividi che lascerà davvero tutti senza fiato. Un’occasione unica e originale per scambiarsi gli auguri in grande allegria davanti alla poesia del mare d’inverno, ballando sulle note dei tradizionali valzer viennesi.

Leggi tutto...
 
CAPODANNO 2017 | Feste al museo... e brindisi di Capodanno alla Guggenheim
di Redazioneweb2   
lunedì 05 dicembre 2016

tancrediparmeggiani-untitled-harmonious-memory-1952.jpgL’arte? Quale migliore occasione per festeggiare se non immergersi nell’arte e iniziare l’anno in bellezza? Venezia ovviamente non delude e le occasioni per festeggiare ad arte non mancano con musei e mostre – Palazzo Ducale, Correr, Ca’ Pesaro, Museo del Vetro – aperti anche a Natale e a Capodanno. Assolutamente da non mancare il brindisi a mezzogiorno del primo gennaio alla Collezione Peggy Guggenheim, appuntamento ormai diventato una consuetudine, tra le esplosioni di colori di Tancredi e del suo alter ego oltreoceano, Pollock.

Leggi tutto...
 
A lezione di mondo. Intervista con Umberto Vattani Presidente Venice International University
di Fabio Marzari   
giovedì 15 dicembre 2016

20160426110310812.jpgL’Ambasciatore Umberto Vattani è uno degli esponenti più accreditati della diplomazia italiana, uomo di grande esperienza, che ha vissuto in prima persona i passaggi fondamentali della storia degli ultimi decenni. La sua voce è quella di chi ha saputo dialogare alla pari con i Leader del mondo, rappresentando l’Italia al di fuori del ruolo marginale in cui eravamo confinati, dando al dialogo e al confronto la capitale importanza nello sviluppo delle relazioni internazionali. L’arte italiana del Novecento e soprattutto quella degli ultimi decenni deve moltissimo a Vattani, che in qualità di Segretario Generale del Ministero degli Esteri ha realizzato la grande collezione della Farnesina, curata da Maurizio Calvesi, che comprende un secolo di storia dell’arte in Italia, dal Futurismo a oggi, e che sta ricevendo consensi di rilievo internazionale grazie anche a un’importante serie di mostre che ha coinvolto e coinvolgerà ancora paesi di tutto il mondo. A Vattani si devono tra le altre la presenza della scultura equestre Zenith di Mimmo Paladino al Parlamento Europeo e il Grande Albero di Mario Rossello davanti alla sede della Commissione Europea a Bruxelles, la Grande Sfera di Arnaldo Pomodoro davanti al Palazzo delle Nazioni Unite a New York, la Doppia bifrontale di Pietro Consagra davanti al Parlamento Europeo a Strasburgo.

 

Dal 2001 è Presidente della Venice International University, un network di Università con sede a San Servolo, definita di recente in occasione del ventennale, dal Presidente Mattarella: «l’avanguardia di quello che dovrebbe essere sviluppato nel mondo».

Leggi tutto...
 
NATALE 2016 | Allo Splendid Venice Hotel, te e aperitivo sulle note dei Gospel più belli
di Redazioneweb2   
lunedì 05 dicembre 2016
3splendid.jpgConcerti Gospel all’ora del tè, una deliziosa rassegna dedicata alle più amate melodie gospel americane, firmata Veneto Jazz. A interpretarle in chiave intima ed acustica, la straordinaria voce di Betty Sfriso, già solista di Venice Gospel Ensemble, Joy Singers of Venice e Big Vocal Orchestra, con il piano di Giacomo Franzoso e il contrabbasso di Daniele Vianello, riuniti nel The Gospel Tree. Il repertorio gospel nel periodo natalizio promette aria di festa declinata a una nuova esperienza di tè in musica alla cinque del pomeriggio. Un nuovo salotto della musica dal vivo si apre così in uno degli hotel di charme di Venezia, lo Splendid Venice.
Leggi tutto...
 
NATALE 2016 | A Natale tutti più buoni con il Venice Christmas Charity Festival
di Redazioneweb2   
lunedì 05 dicembre 2016

babbo-natale-venezia-2.jpgVenice Christmas Charity Festival è un pomeriggio natalizio speciale, per raccogliere fondi per la ricostruzione della scuola alberghiera di Amatrice, per grandi, ma soprattutto per i più piccoli. Si parte di corsa o a remi: da un lato Santa Claus Run for Amatrice, alle 15, un percorso che si snoda attraverso Cannaregio per 3 km o alle 15.30, per i più allenati, per 6 km, con arrivo comune al Mercato di Rialto, dall’altra parte il Corteo di Babbo Natale alle 16, con imbarcazioni tipiche a remi addobbate a festa e rigorosamente condotte da Babbi Natale rematori, su cui è possibile prenotare un posto.

Leggi tutto...
 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 Pross. > Fine >>

Risultati 71 - 140 di 350