VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ZOOM
ZOOM
Speciale Regata Storica | C'eravamo tanto odiati
di Massimo Bran   
martedì 28 agosto 2018
regata_storica_benedizione.jpgPrima di produrci in mille distinguo, in altrettanti «Sì, ma…», in insopportabili quanto ossessivi «Ohh, come era più vero e bello un tempo…», sgomberiamo il campo da qualsiasi visione alternativa: la Regata Storica è a tutt’oggi uno spettacolo strepitoso. Punto. No, perché a star lì a misurare col bilancino quanto si è perso e cosa si è guadagnato in quasi 180 anni di storia di questa fascinosa sfilata e gara di voga alla veneta sul Canal Grande si finisce per cadere in un quaquaraquà tedioso e sterile. Chiunque di noi inviterebbe degli amici a vedere questa grande, unica rappresentazione storica sull’acqua, con l’acme in una vera, vibrante sfida tra campioni del remo in laguna, come migliore rappresentazione delle radici di questa città senza eguali!
Leggi tutto...
 
16. BIENNALE ARCHITETTURA | Meeting on Architecture: "Shaping Cities in an Urban Age"
di Redazioneweb   
venerdì 14 settembre 2018

teatro-tese-meetings.jpgNell’ambito del programma di incontri Meeting on Architecture curato da Yvonne Farrell e Shelley McNamara per esplorare i molteplici aspetti del Manifesto Freespace della 16. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia, sabato 15 settembre (h. 14.30) al Teatro alle Tese in Arsenale, la London School of Economics Cities e la Alfred Herrhausen Gesellschaft presentano il meeting Shaping Cities in an Urban Age.

 

La discussione si concentrerà su come Parigi, Città del Messico e Londra stanno affrontando le sfide dei cambiamenti urbani a livello spaziale e politico. Il dibattito sul ruolo che riveste l’architettura in un mondo sempre più urbanizzato sarà animato dalla presentazione di casi concreti che possano servire come esempio di Freespace, il tema della Biennale Architettura 2018. Partecipano all’incontro la curatrice Shelley McNamara, il Direttore di Urban Age e LSE Cities Ricky Burdett, l’architetto e pianificatore di Città del Messico, José Castillo, e il Vicesindaco di Parigi, Jean-Louis Missika.

 

Shaping Cities in an Urban Age

15 settembre 2018

Teatro alle Tese, Arsenale h. 14.30

Leggi tutto...
 
Venezia News #226lugAgo/JulAug2018
di Redazioneweb   
lunedì 02 luglio 2018

venews_226_lug-ago2018_cover.jpg Nelle edicole di Venezia e dintorni, nei bookshop
e nelle principali librerie della città
 
 
COVER STORY:
Fatoumata Diawara

Venezia Jazz Festival, 19 luglio h. 21.30 @Teatro Goldoni

© Aida Muluneh - Courtesy Veneto Jazz

 

 

SPECIALE    
Festa del Redentore

ZOOM/1
11. Venezia Jazz Festival

ZOOM/2
46. Biennale Teatro
Leone d’Oro. Intervista a RezzaMastrella
Leone d’Argento. Intervista ad Anagoor

Registi e spettacoli, programma

Leggi tutto...
 
Dialoghi a Spoleto. La voce delle Donne
di Fabio Marzari   
sabato 30 giugno 2018

quadro_giosetta_fioroni_2.jpgLa magnifica città umbra di Spoleto, grazie alla passione e alla lungimiranza di Giancarlo Menotti è divenuta sin dal 1958 un crocevia fondamentale per la Cultura. Il Festival dei Due Mondi è divenuto un punto fermo di altissima qualità per le produzioni teatrali e i concerti, e negli anni sono cresciute iniziative collaterali che contribuiscono a dare ulteriore lustro agli incroci di culture. Motore di una importante rassegna la giornalista e conduttrice radiofonica e televisiva Paola Severini Melograni, fondatrice di Superangeli2, da sempre frequentatrice del Festival e carissima amica di Carla Fendi, importantissima mecenate per Spoleto, ha ideato Dialoghi a Spoleto giunta alla sua seconda edizione.

 

Il tema proposto è intrigante: Le Donne conquisteranno il Mondo, Le Donne cambieranno il Mondo, Le Donne difenderanno il Mondo, Le Donne salveranno il Mondo? Appuntamenti al femminile per incontrarsi tra donne e scoprire quanto hanno in comune tra di loro pur se rappresentano, con i ruoli che ricoprono o le professioni che svolgono, scenari diversi della società. Dialogare per confrontarsi, senza eccedere nell’ironia di un mondo fatto solo al femminile, dando visibilità e spazio, nell’importante scenografia che il Festival dei Due Mondi di Spoleto da sempre offre, a donne investite da grandi responsabilità per ciò che fanno o ciò che rappresentano.

Leggi tutto...
 
[INTERVISTA] Essenzialmente Laurie. Laurie Anderson, musicista e artista sperimentale
di Massimo Bran   
giovedì 07 giugno 2018

20180131_laurieanderson_ebruyildiz_4.pngIncontrare Laurie Anderson significa, in una sola parola, incontrare l’essenza. Non mi viene in mente davvero null’altro di più stringente di questo termine per restituire il condensato di poesia, sperimentazione, suoni, semplicità, visionarietà che contraddistinguono in tutte le sue declinazioni espressive e relazionali di questa Artista davvero unica del nostro tempo. Incontrarla è emozionante e al contempo un’esperienza distensiva, in cui la soggezione che necessariamente può derivare dal fatto di trovarsi al cospetto di un vero e proprio gigante della cultura contemporanea si dissolve in un secondo, in un sorriso, il primo con cui ci si avvicina e con il quale tutto si relativizza, collocando il dialogo in una dimensione di altissima normalità. Dimensione quindi extraordinaria se solo raffrontata all’approccio che la maggior parte di star e starlette hanno quando abitualmente indossano gli abiti delle loro recite pubbliche.

 

La musicista newyorchese era a Venezia a metà di maggio invitata dal Center for the Humanities and Social Change dell’Università Ca’ Foscari Venezia, nuovo soggetto culturale diretto e guidato da Shaul Bassi, docente di Letteratura Inglese nell’Ateneo veneziano, che ha inaugurato quest’anno le sue attività che hanno come scopo quello di promuovere progetti di ricerca sul pluralismo culturale, prestando particolare attenzione ai temi del cambiamento climatico e ai suoi rapporti con arte e cultura.

Leggi tutto...
 
[INTERVISTA] United Arts. Luciano Benetton, imprenditore e filantropo urbano
di Massimo Bran, Fabio Marzari   
giovedì 07 giugno 2018

luciano-benetton_09.png

L’occasione era di quelle ghiotte, incontrare e intervistare un personaggio di caratura mondiale: Luciano Benetton, capitano d’industria, la cui fortuna, partita con i maglioni coloratissimi di lana, spazia dalla finanza, quella dai numeri stellari, e si espande in molte altre attività, mantenendo tuttavia un sincero, appassionato, fortissimo legame con il suo territorio e la città di provenienza, Treviso. C’è stato un momento in cui Treviso e Benetton quasi si sovrapponevano, Fabrica era un laboratorio della tolleranza e del rimescolamento dei ruoli prestabiliti, l’apertura verso il mondo era massima e malgrado gli anni della politica scellerata di chiusura verso il nuovo e l’esaltazione dell’iperlocalismo, compiuta dal sindaco sceriffo, il lavoro a favore della collettività da parte della famiglia Benetton non è mai venuto meno. Restauri importanti, iniziative culturali non demagogiche, dallo spessore solido e non monodirezionali, ed ora l’operazione delle Prigioni, in cui un luogo di reclusione diventa un moltiplicatore di libertà espressive, di mondi lontani e differenti che si uniscono nel dialogo universale dell’arte. Un “giovanesignore d’altri tempi, pacato, elegante, saggio e non altezzoso, pieno di vitalità ed entusiasmo, capace di mettere a proprio agio i suoi interlocutori e di conversare senza l’assillo dell’orologio, malgrado i molteplici impegni delle sue giornate, soprattutto ora, ritornato saldamente alla guida del Gruppo, dopo la gestione dei manager esterni. Il tema dell’incontro era la passione per le sfide, la cultura non imposta, ma proposta, il mecenatismo contemporaneo. Ne siamo usciti soddisfatti, anche e soprattutto umanamente.
Leggi tutto...
 
16. BIENNALE ARCHITETTURA | Baratta, Farrel & McNamara: Our free space for you
di Paolo Baratta, Yvonne Farrell, Shelley McNamara   
sabato 26 maggio 2018

Perché una mostra d’Architettura?

Perché persone non specialiste devono visitarla?

Perché la Biennale dura sei mesi, un tempo infinito se consideriamo le altre manifestazioni di Architettura del passato? Perché è importante oggi visitarla?

La ragione la possiamo scoprire direttamente noi, se una volta tanto pensiamo a noi stessi con uno sguardo più ampio, e ci rendiamo conto di quanto poco tempo dedichiamo a pensare allo spazio nel quale pur viviamo e operiamo, e che abitiamo nel più completo senso del termine.

Come dobbiamo viverlo, come possiamo meglio conoscerlo? Con quali strumenti? Come possiamo esprimere le nostre aspirazioni di persone civili che, oltre a essere consumatrici di merci e occupanti volumi costruiti, possono scoprire quanta ricchezza nascosta sta intorno a noi, nei momenti in cui avvertiamo che lo spazio che ci circonda è stato pensato, e ci risulta chiaro che anche noi, ora e qui, siamo l’oggetto di quel lontano pensiero? Una ricchezza non rilevata dalle statistiche sul reddito o sui patrimoni. E lo spazio libero e gratuito che l’architettura può contribuire a creare, non è forse un diritto per poter affermare una diversa qualità di vita? La Biennale Architettura ci attende, per fare un passo avanti nella costruzione della nostra civiltà.

[ Paolo Baratta ]

yvonne-farrell-shelley-mcnamara-paolo-baratta_photo-by-andrea-avezzu_courtesy-of-la-biennale-di-venezia.jpg

 

Ci auguriamo che la Biennale dia alle persone il coraggio di capire che la nostra professione arricchisce veramente la vita di tutti, che non è un extra, un qualcosa in più che semplicemente succede, ma una componente vitale per il futuro del mondo. Nel manifesto Freespace parliamo della Terra come cliente perché sappiamo che nei prossimi 50 anni il mondo sarà sempre più urbanizzato, il che significa che sarà sempre più un mondo costruito da architetti. Dentro la nostra professione abbiamo bisogno di trovare coraggio; al di fuori di essa abbiamo bisogno di trovare sostegno. Per questo, nell’affrontare l’impegno della curatela, abbiamo soprattutto cercato un modo di celebrare l’architettura in sé e per sé.

[ Yvonne Farrell, Shelley McNamara ]

 

Leggi tutto...
 
16. BIENNALE ARCHITETTURA | La voce dell'Architettura moderna. Leone d'oro a Kenneth Frampton
di Giovanni Vio   
giovedì 31 maggio 2018

frampton-portrait.png«Attraverso il suo lavoro Kenneth Frampton occupa una posizione di straordinaria intuizione e intelligenza, combinata con un senso di integrità unico. Si distingue come la voce della verità nella promozione dei valori chiave dell’architettura e del suo ruolo nella società [...]».

(Yvonne Farrell, Shelley McNamara)


I testi non si prendono più in mano, li si guarda su uno schermo, per frammenti o solo per immagini. In tali frangenti Modern Architecture: A Critical History, la cui prima edizione italiana è del 1982, continua ad avere successo, sfogliata come manuale, consigliata più nei corsi di progettazione che non in quelli di storia, leggibile trasversalmente o a salti.

 

Kenneth Frampton dichiara di non sentirsi un teorico, ma uno che scrive di architettura. Come hanno incisivamente puntualizzato Yvonne Farrell e Shelley McNamara, la sua analisi è impregnata di uno spirito umanistico. Egli ha il merito di smontare l’opera per ricercare nella relazione bidirezionale tra l’oggetto costruito, lo spazio, la società e i suoi individui le motivazioni e gli stimoli che spingono alle scelte e che determinano la fortuna di un progetto. Perché in ogni cultura, innovazione e tradizione sono aspetti strettamente correlati che, come proposto in Towards a Critical Regionalism: Six Points for an Architecture of Resistance (in The Anti-Aesthetic: Essays on Postmodern Culture, ed. Hal Foster, Bay Press, 1983), fanno del progetto un ponte tra il presente e la storia, le diverse storie.

Leggi tutto...
 
16. BIENNALE ARCHITETTURA | Mon pays l'Europe. Bruxelles e il tessuto urbano dell'Unione
di Fabio Marzari   
giovedì 31 maggio 2018

1.pngBELGIO

 

Il Padiglione del Belgio ai Giardini, eretto nel 1907, è uno degli edifici più antichi, secondo solo a quello italiano. Il progetto Eurotopie si occupa delle problematiche e delle sfide sostenute dall’Unione Europea nel suo insediamento fisico nel tessuto urbanistico di Bruxelles.

 

Nel cuore geografico e politico dell’Europa, il quartiere europeo di Bruxelles, non rappresenta solo una condivisione di spazi fisici, ma è anche espressione del sistema politico dell’Unione Europea, considerato troppo distante dai cittadini comunitari e dagli stessi abitanti di Bruxelles.

Leggi tutto...
 
16. BIENNALE ARCHITETTURA | Esplorazioni urbane. Un Collettivo alla ricerca del futuro
di Fabio Marzari   
giovedì 31 maggio 2018

lequipe-dencore-heureux_elodie-daguin-elodie-daguin_encore-heureux.pngFRANCIA

 

Il Padiglione francese risponde al tema proposto da Yvonne Farrell e Shelley McNamara con Luoghi Infiniti. Costruire edifici o fare luoghi?.

 

Affidato al collettivo Encore Heureux, formato dagli architetti Nicola Delon, Julien Choppin e Sébastien Eymard, il Padiglione tende a considerare la globalità di un territorio, evidenziando tutte quelle azioni svolte dalla società civile e dalla collettività nel suo insieme che riconducono a un pensiero portato alla sperimentazione e alle possibili aperture dell’architettura.

Leggi tutto...
 
16. BIENNALE ARCHITETTURA | Risoluzioni architettoniche. I luoghi sacri e la coesistenza
di Chiara Sciascia   
giovedì 31 maggio 2018

landscape_10.pngISRAELE

 

Nel contesto geopolitico della Terra Santa, la combinazione di eventi storici, miti e tradizioni ha creato una straordinaria concentrazione di luoghi sacri.

 

A causa della loro importanza religiosa, questi siti sono spesso diventati arene di aspre lotte tra gruppi e comunità rivali. La mostra esplora il meccanismo dello Status Quo, istituito nel IXX secolo per regolare i conflitti e facilitare la coesistenza nei luoghi sacri.

Leggi tutto...
 
16. BIENNALE ARCHITETTURA | Isola mondo. La libertà di costruire attorno allo spazio
di Fabio Marzari   
giovedì 31 maggio 2018

03.pngGRAN BRETAGNA

 

Island è il titolo dell’esposizione del Padiglione britannico, dal contenuto del tutto originale e provocatorio.

 

I curatori, lo studio di architettura londinese Caruso St John Architects, in collaborazione con l’artista Marcus Taylor, hanno deciso di distaccarsi dalla consuetudine, lasciando le sale espositive completamente vuote.

 

La mostra vera e propria si sviluppa in forma di una grande terrazza costruita sopra il tetto del Padiglione e sostenuta da un ponteggio che ingloba l’intero edificio. Al centro della piattaforma fuoriesce il tetto dell’edificio, riferimento al “mondo sommerso” sottostante.

Dalla terrazza la visione si espande sulla laguna e sui Giardini.

Leggi tutto...
 
16. BIENNALE ARCHITETTURA | Train de vie. Le stazioni, la memoria, un paese
di Fabio Marzari   
giovedì 31 maggio 2018

arkady-shaikhet-kievsky-station-1936-courtesy-arkady-shaikhet.pngRUSSIA

 

Stazione Russia è il titolo del Padiglione, che per una singolare, ma non troppo, coincidenza è stato costruito su progetto dell’ingegnere Alexei Shchusev, che disegnò anche la stazione ferroviaria di Kazan a Mosca: vi è infatti una certa somiglianza fra le due architetture.

 

È lo sterminato territorio della Russia a essere protagonista, solcato da linee ferroviarie che arrivano quasi dappertutto, fin nei più remoti ambiti, e anche la dimensione architettonica delle infrastrutture, che rendono possibile spostarsi, mettendo in connessione le persone, sin dalle stazioni, luoghi di incontro e scambio.

Leggi tutto...
 
16. BIENNALE ARCHITETTURA | Scappo dalla città. Nostalgia e futuro
di Redazioneweb   
giovedì 31 maggio 2018

04-philip-f.pngCINA Repubblica Popolare cinese

 

La Cina si lascia sedurre dal passato e dalla tradizione pur guardando con estrema lucidità e praticità al presente e al futuro.

 

Il termine “xiangchou”, che in cinese esprime la nostalgia per i territori rurali, è il concetto di partenza per il Padiglione che torna «a esplorare la campagna dove è nata la cultura cinese, per riportare alla luce valori dimenticati e possibilità ignorate», come afferma il curatore, Li Xiangning.

Leggi tutto...
 
16. BIENNALE ARCHITETTURA | A misura d'uomo. Indagini urbane senza quartiere
di Davide Carbone   
giovedì 31 maggio 2018

dsc00846.pngEMIRATI ARABI UNITI

 

Uno sguardo discreto e puntuale sulla vita quotidiana in quattro differenti zone urbane di Dubai e Abu Dhabi ancora considerate a misura d’uomo e in cui prevale un’interessenza tra l’ambiente urbano e un certo dinamismo progettuale.

 

Si tratta, nello specifico, di quartieri residenziali contraddistinti da griglie di arterie stradali che delimitano grandi blocchi urbani attraversati da stretti camminamenti (sikkak).

 

Il Padiglione intitolato Lifescapes Beyond Bigness esamina quattro tipologie urbane, tra cui quartieri residenziali (Al Satwa e Al Shorta a Dubai e Baniyas ad Abu Dhabi), reti stradali e sikkak (Deira e Bur Dubai a Dubai e Abu Dhabi centro), blocchi urbani (Al Zahya, Al Danah, Al Dhafrah e Al Zaab ad Abu Dhabi) e paesaggi naturali (Oasi di Al Mutaredh e Jebel Hafeet ad Al Ain). 

Leggi tutto...
 
16. BIENNALE ARCHITETTURA | Dorsale Italia. Viaggio sull'asse Nord-Sud
di Marisa Santin   
venerdì 01 giugno 2018

03_06.png  ITALIA

 

Con un affascinante gioco semantico, il curatore del Padiglione italiano Mario Cucinella trasforma la nostra Penisola in un Arcipelago, letteralmente un insieme di isole, che significativamente intende raccontare quella striscia di territorio italiano che dal mare e dalla costa è il più lontano.

 

Il progetto concentra la sua attenzione sui luoghi dell’entroterra, un percorso in otto itinerari che racchiude un centinaio di tappe suggerite da piccole architetture di qualità, raccolte attraverso una call pubblica.

 

Il viaggio, del quale lo stesso curatore si fa guida in un docu-film trasmesso all’entrata del Padiglione, si sofferma sull’importanza che le comunità e le culture autoctone hanno nella definizione degli spazi abitati.

Leggi tutto...
 
16. BIENNALE ARCHITETTURA | Punti di incontro. Terreno di confronto tra generazioni
di Davide Carbone   
venerdì 01 giugno 2018

museuarquipelagojosecampos.pngPORTOGALLO

 

Dodici progetti di edifici pubblici creati negli ultimi dieci anni da diverse generazioni di architetti sono il nucleo della mostra presentata nel padiglione portoghese, una riflessione sullo spazio pubblico che evidenzia il ruolo e l’influenza dell’architetto nella società contemporanea.

 

Se da un lato disegni, modelli e fotografie raccontano i progetti selezionati senza seguire alcun ordine cronologico o gerarchico, sottolineando la cultura universale e l’eccellenza transgenerazionale dei professionisti portoghesi nati tra gli anni ‘30 e ‘80; dall’altro una serie di film d’artista regala una panoramica sullo stato attuale delle opere, in cui si esplorano i modi e le dinamiche con cui le persone che, frequentemente o sporadicamente, usufruiscono della missione pubblica delle opere stesse, se ne appropriano e le vivono.

Leggi tutto...
 
16. BIENNALE ARCHITETTURA | Spazio tra gli spazi. Alla Biennale, il caso Karachi
di Davide Carbone   
venerdì 01 giugno 2018

press-image-02.pngPAKISTAN | new entry

 

L’enorme crescita di Karachi, megalopoli pakistana che ha superato i 20 milioni di abitanti, ha creato un divario incontrollabile tra domanda e offerta di alloggi, favorendo la scomparsa di spazi aperti pubblici destinati alla socialità condivisa.

 

Negli unici spazi disponibili, che sono quasi degli interstizi tra un edificio e un altro e dove spesso la luce giunge solo occasionalmente, si sono create le condizioni per una grande vitalità.

 

Tali luoghi angusti adempiono alla duplice funzione di via di comunicazione e di collettori di socialità, fungendo da vivaci arene per incontri, scambi di idee, attività ludiche.

Leggi tutto...
 
16. BIENNALE ARCHITETTURA | Colori urbani. Il design tra arte e architettura
di Redazioneweb   
venerdì 01 giugno 2018

 

unnamed.png

SAN MARINO

 

La Repubblica di San Marino mette in comunicazione diretta architettura e arte, portando avanti il progetto Friendship Project delle ultime Biennali d’Arti Visive e interrogandosi su come creatività e colore possano influire sullo sviluppo delle nuove aree urbane.


Lampade ballerine, panche dispettose, elementi decorativi a forti tinte pop sono al centro dei tre differenti progetti protagonisti di un’esposizione che vuole ristabilire un nesso diretto tra abitante e abitato come tra architetto e designer, per una comunione d’intenti che possa portare a un obbiettivo comune: il miglioramento della qualità della vita.

 

Urban Colours guarda alla trasformazione delle aree urbane, o delle aree di vivibilità, attraverso il rapporto che intercorre tra colore e arte che, insieme a una oculata gestione delle forme architettoniche, possono contribuire a tracciare nuovi paesaggi, rigorosamente colorati.

Leggi tutto...
 
16. BIENNALE ARCHITETTURA | Proiezione mentale. Tra persone e spazio sta l'architettura
di Redazioneweb   
venerdì 01 giugno 2018

image03.pngEventi Collaterali | MACAO

 

Tra i popolatissimi grattacieli di Macao, lungo i sentieri del Lou Lim Ieoc Garden, tra le antiche rovine della cattedrale di St. Paul o nel trambusto dei bazar di Rua da Emenda, è possibile osservare l’armoniosa interazione tra le persone e l’architettura subire una trasformazione “non intenzionale” con il passare del tempo.

 

La mostra, sfruttando le carte da gioco come simbolo della rapida ascesa economica di una città sempre più internazionale come Macao, crea quattro zone espositive con temi diversi.

 

La progettazione architettonica cede così il passo alle persone per diventare disciplina in grado di interagire, partecipare e diffondersi.

Leggi tutto...
 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 Pross. > Fine >>

Risultati 71 - 140 di 493