VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow MUSICA
MUSICA
Lezioni col piano. Al cospetto del gigante Bowie
di Redazioneweb2   
mercoledì 21 dicembre 2016

davidbowie.jpgAscoltare la musica, vedere la musica, raccontare la musica. Ernesto Assante e Gino Castaldo, critici musicali de «La Repubblica», hanno seguito le cronache musicali degli ultimi quattro decenni. In Lezioni di Rock  indagano temi e personaggi della storia del rock ricostruendo storie, raccontando dischi, curiosità, aneddoti e testi, per guidare il pubblico nell’ascolto di opere che fanno parte della storia della musica ma anche della vita di noi tutti. Il format è sempre quello: due ore di lezione ricche di canzoni memorabili e storie indimenticabili.

 

In un 2016 che verrà ricordato negli annali per i tanti lutti che hanno colpito il panorama culturale transnazionale, impossibile non pensare a lui, il Duca Bianco, David Robert Jones da Londra, autentico gigante del panorama musicale, artistico, sociale.

Leggi tutto...
 
Swiss...on! Versioni svizzere di sperimentazione musicale
di Redazioneweb2   
giovedì 15 dicembre 2016

0007503725_10.jpg Se accostando le parole ‘musica’ e ‘Svizzera’ vi vengono in mente solo lo yodel, i suonatori del lungo corno delle Alpi o, addirittura, il suono dell’uccellino che esce da un orologio a cucù, questa è la rassegna che fa per voi. Ben al di là degli stereotipi e dei luoghi comuni infatti, la particolare vivacità della nuova musica svizzera, in particolare quella che si muove attorno ai linguaggi contemporanei del jazz, della ricerca e dell’elettronica, è un fattore apprezzato e consolidato a livello europeo.

Leggi tutto...
 
Music Feast, la carica dei 18. Al Bauer il jazz è sotto l’albero
di Redazioneweb2   
mercoledì 21 dicembre 2016

aba.jpgDal 23 dicembre al 6 gennaio l’Hotel Bauer di Venezia offre a veneziani e turisti la possibilità di trascorrere le festività natalizie accompagnati dalle voci e dai suoni di straordinari artisti. Per 9 giorni si alterneranno nello storico BBar del Cinque Stelle lagunare 9 band che si esibiranno in 18 concerti, due per sera, alle 19 e alle 22, nella fortunata formula che permette di coniugare il momento dell’aperitivo e del dopocena con imperdibili occasioni di godimento musicale, all’irrisorio costo di 9 € come supplemento sulla prima consumazione obbligatoria.

 

Una kermesse unica nel suo genere che porta a Venezia tutta l’energia della musica nata a cavallo tra Otto e Novecento dagli schiavi afroamericani e propagatasi poi in tutto il mondo a partire dagli storici locali di New Orleans. Un calendario fitto e variegato: il 23 ecco Claudia Martin, che dopo gli anni a New York e collaborazioni importanti con Gloria Gaynor e Santana, Christina Aguilera e Jon Bon Jovi, torna in Italia per regalarci momenti imperdibili grazie alla sua voce.

Leggi tutto...
 
Qui, dove batte il cuore. Dulce Pontes al Teatro La Fenice
di Lara Cavalli   
martedì 13 dicembre 2016
pontes1.jpgCamminando per l’Alfama canticchio Fado Marujo e immagino lacrime e abbracci da marinai, e cerco di contare i baci che devono essere stati tanto sospirati in questi vicoli stretti, ricoperti di sanpietrini e petali di mandarini che si colorano di arancione con il sole che scende sotto la linea dell'orizzonte. Si respira un’atmosfera ineguagliabile, decadenza e gioia di vivere, nobiltà e pulsioni carnali, nessun posto al mondo è capace di tanta disperazione come questa lunga striscia di terra selvatica chiamata Portogallo. Terra selvatica, profumata, strapazzata dalle tormente oceaniche e arsa dal sole più splendente, una luce che si trova solo qui, solo nei piccoli porti tra le barchette di legno, ammaccate ma non spezzate, solo negli occhi della gente che è essa stessa tempesta e siccità, grazia e violenza.
Leggi tutto...
 
NATALE 2016 | Gospel & r'n'b con Dennis Reed Jr.
di Redazioneweb2   
lunedì 05 dicembre 2016
dennis-reed.jpgAtmosfera natalizia e sonorità contemporanee si fondono nell’atteso appuntamento all’Hotel Ca’ Sagredo di Venezia, in programma, come da tradizione il giorno di Santo Stefano. La musica dal vivo di Veneto Jazz si unisce all’accoglienza di uno degli hotel più prestigiosi, con un concerto abbinato ad un cocktail o cena. Dennis Reed Jr, giovane artista che sta scalando la scena americana del gospel contemporaneo, grazie al suo talento di pianista e vocalist, parte dalla musica sacra della tradizione afroamericana, fondendo sapientemente le sonorità e gli stili più moderni come r’n’b e hip hop, creando uno stile nuovo e accattivante.
Leggi tutto...
 
A voce piena. Mannoia, nostra signora del pop
di Redazioneweb2   
giovedì 15 dicembre 2016
mannoia.jpeg
A distanza di due anni dal suo ultimo progetto discografico, il 28 ottobre è uscito Combattente, il nuovo album di inediti di Fiorella Mannoia anticipato dall’omonimo singolo, in radio e in digitale dal 23 settembre. «Tutti combattiamo: - dichiara Fiorella Mannoia - per un’idea, un amore, un’ingiustizia, un traguardo. In generale per il diritto di essere felici». Molte le grandi firme che hanno collaborato alla realizzazione dell’album, autori della nuova generazione, ma anche storici nomi del cantautorato italiano: Ivano Fossati, con il quale Fiorella torna a collaborare dopo qualche anno, poi Giuliano Sangiorgi, Federica Abbate, Cheope, Fabrizio Moro, Amara, ma anche la stessa Fiorella insieme a Bungaro e Cesare Chiodo.
 
Nell’album sarà contenuta anche Perfetti sconosciuti, il brano scritto da Fiorella Mannoia con Cesare Chiodo e Bungaro e che le è valso (al suo debutto come autrice e interprete di una colonna sonora) il Nastro D’Argento 2016 per la Migliore Canzone Originale nell’omonimo film diretto da Paolo Genovese
Leggi tutto...
 
Oltre il muro. Omaggio alla leggenda Floyd
di D.C.   
giovedì 15 dicembre 2016

dsc2788.jpgRoger Waters e David Gilmour scorrazzano ancora liberi e felici sui palchi di tutto il mondo, portando a tutte le latitudini del globo terracqueo una vena artistica ed espressiva che sembra abbeverarsi a piene mani alla fonte dell’eterna giovinezza.

 

Una serata evento interamente dedicata al mito dei Pink Floyd è quella che si svolgerà il prossimo 16 dicembre al Pala Arrex di Jesolo, quando a trasportare il pubblico fra le sonorità memorabili e atmosfere sospese del gruppo che ha fatto la storia della musica saranno i Pink Sonic, una delle più quotate tribute band europee che, con un sound capace di mantenere fedelmente il lato rock e la psichedelia della leggendaria band britannica, evocherà l’energia e il brivido trasmesso dai mostri sacri Waters e Gilmour nello spettacolo dal titolo The Diamond Inside.

Leggi tutto...
 
Ti penso ad ascoltare… A Pordenone generi senza tempo
di Redazioneweb2   
giovedì 15 dicembre 2016

randalu.jpgÈ stato classificato nel 2011 come Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, come canzone urbana di Lisbona, simbolo dell’identità della città e dell’intero Portogallo. Genere triste e appassionato, il Fado è anche una ‘musica del mondo’ che parla un linguaggio universale. Canta il sentimento, l’amore, la vita quotidiana, la nostalgia per qualcuno che è partito: in fondo gli incontri e gli abbandoni della vita sono un tema che non finisce mai di ispirare canzoni.

 

È un genere senza tempo, che trova continuamente appassionati e interpreti anche tra le nuove generazioni. Cresciuta con la musica di Amália Rodrigues, Hermínia Silva, Alfredo Joiner, Fernando Farinha, Fernando Maurício, Lucilia do Carmo Beatriz ha inciso il suo primo cd (Beatriz appunto) a soli 17 anni: oggi, poco più che ventenne, è una delle nuove regine del Fado e arriva al Comunale di Pordenone il 14 dicembre.

Leggi tutto...
 
All inclusive. Al Candiani sono tutti invitati
di Davide Carbone   
martedì 13 dicembre 2016
daniele-di-bonaventura--giovanni-guidi-di-fabiana-laurenzi.jpgEssere un avamposto sperimentale, non chiudere le porte in faccia a nessun genere. Poi, in aggiunta, una parentesi natalizia e un gennaio che porta a Mestre cavalli di razza, personaggi con qualcosa da cantare e da raccontare, collettivi dalla forza dirompente. Candiani Groove ci ha abituati a tutto questo e ad altro ancora, praticamente impossibile ipotizzare le direzioni che potrà intraprendere una rassegna capace di portare in Piazzale Candiani musicisti di ogni provenienza, messi assieme dal puro talento musicale.
Leggi tutto...
 
Suono di materia. A scuola di jazz
di Redazioneweb2   
lunedì 28 novembre 2016

kazenodokaishida.jpgIl 30 novembre ritorna il Musicafoscari / San Servolo Jazz Fest con un programma ancora più ricco rispetto a quello dell’anno scorso: cinque giornate (30 novembre - 4 dicembre) completamente gratuite dedicate alla musica per contribuire a una crescita culturale trasversale degli studenti e della cittadinanza. Alle due tradizionali sedi del Festival, il Teatro Ca’ Foscari e l’Auditorium dell’Isola di San Servolo, si sono aggiunte per l’edizione 2016 anche CFZ- Cultural Flow Zone, spazio cafoscarino dedicato agli studenti, la Fondazione Ugo e Olga Levi e Ca’ Pesaro - Galleria Internazionale d’Arte Moderna. La musica attuale entra anche in luoghi diversi da sale da concerto e teatri, dialogando con pubblici nuovi.

 

Oggi il “jazz”, più che un genere, è un luogo condiviso internazionale, in cui soprattutto piccoli gruppi mettono la propria musica alla prova di ascoltatori anche non abituali. Questo può richiedere continue decisioni su come usare i materiali di partenza.

 

Questi musicisti sono, perciò, dei compositori-esecutori della propria musica e improvvisatori. Non c’è limite ai materiali usati.

Leggi tutto...
 
Miti e leggende. Cobham e Jordan al Toniolo con Veneto Jazz
di Giuseppe Mormile – Direttore artistico CultNet/Veneto Jazz   
giovedì 03 novembre 2016

cobham.jpgÈ il 1973 e il percussionista panamense Billy Cobham immette sul mercato il suo primo album da solista, Spectrum, per la casa discografica Atlantic Records. Ha già avuto esperienze fondamentali e irripetibili, come la fondazione con John McLaughlin della Mahavishnu Orchestra, formazione jazz-rock destinata ad influenzare la storia della musica. L’album contiene in particolare il brano Snoopy’s Search, caratterizzato da un frenetico sintetizzatore Moog dai contorni psichedelici, un'opera che rappresenta i vertici compositivi del jazz rock e della fusion, che ha sedotto una generazione di musicisti anche al di fuori del jazz. Elementi di jazz, rock e funky formano una miscela brillante di tecnicismi e strutture, mai fino ad allora fruibili da una fascia di ascoltatori così ampia, con un approccio stilistico meno pretenzioso di altre esperienze dell’epoca e con una nuova concezione delle sonorità delle percussioni.

 

Nella sua sterminata discografia, è con questo capolavoro che vorrei presentare Billy Cobham, 72 anni il 16 maggio scorso, un’icona della batteria ma soprattutto un artista che ha sempre saputo essere rivoluzionario, conquistando pubblici diversi. Ritmo e virtuosismi, swing, groove, amore per l’improvvisazione, sono le parole che lo descrivono e che sicuramente vedremo in scena nel concerto del 19 novembre al Toniolo che riporta sul palco il grande jazz.

Leggi tutto...
 
Vibrazioni elettroniche. Rob Mazurek e Raiz al Candiani
di Redazioneweb2   
giovedì 03 novembre 2016

raiz_mesolella.jpgIl cornettista e compositore, ma anche artista multimediale, Rob Mazurek, è tra i talenti più multiformi e visionari della musica contemporanea. Attivo sulla scena dell’improvvisazione jazzistica dall’inizio degli anni ‘90, ha contribuito a rivitalizzare la scena di Chicago gettando un ponte vitale tra la generazione dell’Art Ensemble of Chicago e quella più giovane, vicina al rock ed alla musica elettronica. Il suo primo disco da leader, in quartetto, risale al 1994. Durante la sua permanenza in Amazzonia incontra Mauricio Takara e assieme a lui darà vita all’esperienza São Paulo Underground, formazione che fin da subito è riuscita a distinguersi all’interno del panorama di genere a livello planetario.

 

Mazurek ha riunito di recente il trio con Guilherme Granado e lo stesso Takara per registrare, a dieci anni esatti dal primo, il quinto album di São Paulo Underground, Cantos Invisiveis, pubblicato in ottobre e il prossimo 4 novembre, in esclusiva per il Veneto, al Candiani di Mestre.

Leggi tutto...
 
A modo suo. La musica, per Elisa
di Davide Carbone   
giovedì 03 novembre 2016

elisacarolinaamoretti.jpgCresce l’attesa per l’ON Tour di Elisa che debutterà l’8 novembre con una speciale data zero al Pala Arrex di Jesolo per poi proseguire nei palasport delle principali città italiane. Elisa porterà in scena, concerto dopo concerto, un live esclusivo entusiasmando il pubblico con i suoi più grandi successi e alcuni brani estratti dal suo ultimo disco On. Inoltre, in occasione del tour autunnale nei palasport, Elisa ha scelto Lele Esposito, giovane finalista di Amici 15, come opening-act di alcune date dei propri concerti.

 

«C’è stata una sensazione che mi ha accompagnato durante la scrittura del disco, - spiega la cantautrice di Monfalcone - m’interessava un discorso introspettivo, ma volevo comunicarlo all’esterno, volevo arrivare al dunque, anche perché non avevo tempo. Dovevo essere immediata».

Leggi tutto...
 
The artist. Vedova e l’avanguardia musicale
di Redazioneweb2   
giovedì 03 novembre 2016

deamericapaologasparini.jpgTra gli anni ’50 e ’60 Emilio Vedova, protagonista dell’avanguardia artistica italiana già dall’immediato dopoguerra, entra in contatto molto stretto e frequente con la realtà artistica e culturale americana. È nel De America, grande ciclo di circa cinquanta dipinti su tela e su carta eseguiti a Venezia tra il 1976 e il 1977 che la sua intensa esperienza ‘americana’ trova espressione, sensibile alle radicali trasformazioni che, tra gli anni ‘60 e ‘70, agitano la società su entrambe le sponde dell’Atlantico.

 

Proprio in riferimento a questa formidabile stagione della pittura vedoviana, la Fondazione Emilio e Annabianca Vedova ha organizzato Euroamerica, ciclo di concerti dedicati agli Stati Uniti e all’Europa curato da Mario Messinis che ha avuto un “prologo” lo scorso luglio con due formidabili concerti allo Spazio Vedova del Chick Corea Quintet, riunito in occasione del settantacinquesimo compleanno del grande pianista.

Leggi tutto...
 
Radicalmente liberi. Diciannove volte Padova Jazz
di Redazioneweb2   
giovedì 03 novembre 2016

mauroottolini.jpgIl programma del diciannovesimo Padova Jazz Festival, in scena dal 7 al 20 novembre, coinvolge artisti di grande notorietà extra-jazzistica, come il guru dei dj radiofonici Nick The Nightfly e uno degli idoli del cantautorato alternativo italiano, Roy Paci, per l’occasione in compagnia del trombonista, compositore e arrangiatore Mauro Ottolini. Con questi spettacoli in cui la storia della musica afroamericana passa attraverso l’interpretazione carismatica di musicisti capaci di comunicare con un pubblico vasto ed eterogeneo, Padova Jazz 2016 sale sulla ribalta del Teatro Verdi.

 

Ma la kermesse jazzistica padovana si insedierà per un alcuni concerti anche nella sala 8 del Cinema Porto Astra, sempre più centro poliedrico delle attività culturali cittadine.

Leggi tutto...
 
In volo con i Garbage. Al Geox la band di Butch Vig e Shirley Manson
di Redazioneweb2   
giovedì 03 novembre 2016

garbage2016groupv3-final_s.jpgShirley Manson, Duke Erikson, Steve Marker, Butch Vig. Loro sono i Garbage e lo scorso giugno hanno conquistato il palco del Fabrique di Milano presentando il nuovo album Strange Little Birds ed ora si preparano a tornare per due nuovi appuntamenti invernali, mercoledì 2 novembre all’Obihall di Firenze e giovedì 3 novembre al Gran Teatro Geox di Padova.

 

Tra le band più apprezzate della scena alternative rock internazionale grazie alle sfumature uniche del loro inconfondibile soundsound, alla provocatoria visione estetica ed alla carismatica figura della front-woman Shirley Manson, i Garbage hanno pubblicato il 10 giugno il sesto album in studio Strange Little Birds, a quattro anni dal precedente Not Your Kind Of People, segnando un ritorno verso le sonorità dell’acclamato album di debutto omonimo.

Leggi tutto...
 
Miss Jones. Inconfondibile Norah
di Redazioneweb2   
giovedì 03 novembre 2016

norah_jones_002.jpgLa cantante e cantautrice Norah Jones, vincitrice di 9 Grammy Award, torna in Europa dopo 4 anni e per farlo ha scelto un’eccellenza del panorama delle location italiane come il Gran Teatro Geox di Padova. Norah Jones si presentò sulla scena mondiale con l’uscita nel febbraio 2002 di Come Away With Me, da lei stessa descritto come “piccolo lunatico album” che introduce una nuova singolare voce, poi cresciuta fino a diventare un fenomeno globale, ricevendo molti premi ai Grammy Awards nel 2003 e segnalando un paradigma che si allontana dalla musica pop prevalente del tempo, per approdare a suadenti sonorità smooth jazz. Da quel momento sono passati oltre 40 milioni di album venduti ad ogni latitudine che ne hanno fatto un fenomeno mondiale. Ha pubblicato una serie di album da solista acclamati dalla critica e che hanno avuto un successo commerciale, come Feels Like Home (2004), Not Too Late (2007), The Fall (2009), e …Little Broken Hearts (2012), così come album con le sue band The Little Willies and Puss’n’Boots.

Leggi tutto...
 
È jazz, bellezza! Kurt Elling, storia di un crooner
di Redazioneweb2   
giovedì 03 novembre 2016

b_kurtelling-photo_by_anna_webber3267_r.jpgGuest star a Umbria Jazz 2016, dopo aver dato un assaggio al pubblico italiano già nell’edizione di Umbria Jazz Winter 2015 deliziando il Teatro Mancinelli di Orvieto con un repertorio a tutto Sinatra, voce nota in tutto il mondo, già premio Grammy, autore capace di creare un ponte tra poesia e musica: Kurt Elling è uno dei più importanti e famosi jazz vocalist a livello internazionale. Una straordinaria estensione vocale gli consente di muoversi tra maestria tecnica ed emozioni, con un repertorio che include composizioni originali e moderne reinterpretazioni, ognuna delle quali è trampolino di improvvisazioni e formidabili jazz solo. La critica lo celebra: «Dalla metà degli anni ‘90 - si legge sul «The Washington Post» - nessun altro cantante è stato coraggioso, dinamico, originale come lui. Con il voluttuoso fluttuare della sua voce, il lirismo, le agilità vocali e il senso di vivere la musica come una missione, incarna oggi il vero spirito creativo nel repertorio jazz».

 

Erede naturale di pionieri del jazz come Eddie Jefferson, King Pleasure e Jon Hendricks, Elling è autore di testi e di solo improvvisati per Wayne Shorter, Keith Jarrett e Pat Metheny. Spesso, nei suoi lavori, si ispira ad autori come Rilke, Rumi, Neruda e Proust. Robert Creeley - recente Premio Bollingen - ha scritto di lui: «Kurt Elling ci porta in un universo di sacri dettagli. Le sue parole sono plasmate da un potentissimo spirito poetico».

Leggi tutto...
 
New wave, old school. A Bologna l’evento Cure
di Redazioneweb2   
giovedì 27 ottobre 2016

thecure.jpgLa storia dei Cure inizia nel 1976 quando nei dintorni di Crawley, una piccola cittadina del Sussex, inizia a diffondersi l'interesse per una giovane e sconosciuta band chiamata Easy Cure. Il leader è uno strano personaggio, si chiama Robert Smith e si dimostra sin da subito l'antitesi della rockstar per eccellenza: schivo e refrattario ad ogni tipo di cerimoniale, eppure capace, una volta sul palco, di attirare gli sguardi e l'attenzione del pubblico. Il primo singolo dei Cure esce alla fine del 1978 e si intitola Killing an arab, brano che per la violenza del testo attira l'attenzione della stampa musicale. È invece del 1979 il loro primo album, si intitola Three Imaginary Boys e segna l'esordio con l'etichetta Fiction, che pubblica anche gli altri lavori del gruppo.

 

Nel corso degli ultimi 7 anni i Cure hanno tenuto una serie di spettacoli di alto profilo a Londra, sono stati headliner dei più importanti festival europei, tra cui Roskilde, Werchter, Reading e Leeds, Pinkpop, Hurricane e Southside, Paleo, Vieilles Charrues, BBK, Belfort, Optimus Alive!, Primavera, Frequenza, Electric Picnic, Bestival e molti altri.

Leggi tutto...
 
60. BIENNALE MUSICA | Extended version. Incontro con Ivan Fedele
di Andrea Oddone Martin   
mercoledì 28 settembre 2016
_mg_9564.jpgDislocato tra Arsenale e Ca’ Giustinian, il Festival Internazionale di Musica Contemporanea della Biennale di Venezia tocca quota quota 60 edizioni. Un traguardo importante, segnato dalla direzione artistica di Ivan Fedele, che incontriamo nella sede della Fondazione veneziana per farci guidare attraverso le istanze programmatiche di un’edizione più che mai ad ampio raggio, curiosa e mai elitaria, frutto di un dosaggio equilibrato di commissioni e nuove esecuzioni. Tra musica da camera, realtà italiane ed internazionali e grazie al rinnovato slancio del progetto Biennale College, una rassegna che festeggia lo speciale compleanno assegnando il Leone d’Oro a Salvatore Sciarrino e quello d’Argento a Ryo Murakami.

Nella nostra intervista dello scorso anno, ipotizzando a quell'epoca una conferma del suo mandato, aveva affermato che avrebbe certamente scommesso su Biennale College. A tutt'oggi, scommessa vincente?
Dal punto di vista della formazione e delle condizioni professionali che riusciamo a mettere in gioco, in modo da permettere al talento e alla creatività dei giovani di realizzarsi al meglio, certamente. Mi auguro ora che i lavori dei ragazzi raccolgano il consenso che meritano. Stiamo già raggiungendo livelli che superano ogni più rosea aspettativa, almeno per due lavori in produzione che ho già visto. Si tratta di obbiettivi certamente formativi che non perdono di vista però l'aspetto estetico, capace di permettere ai giovani di esporre i loro punti di vista sul teatro musicale, che è sempre non solo un luogo scenico, ma anche concettuale, su cui si discute quotidianamente. Ha senso, al giorno d'oggi, parlare ancora di teatro musicale? La risposta è affermativa, a giudicare per esempio dal numero di richieste di partecipazione al College. Dobbiamo dire che sia le nostre energie organizzative che economiche non sono state lesinate; riguardano una parte importante del budget artistico complessivo che comunque non potremmo definire “sontuoso”.

Leggi tutto...
 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 101 - 150 di 465