VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow MUSICA
MUSICA
Uno su mille. Unico, instancabile, Morandi
di Davide Carbone   
martedì 01 ottobre 2013

morandi2.jpgDifficile spiegare cosa Gianni Morandi rappresenti e abbia rappresentato per il mondo della musica leggera italiana dal secondo dopoguerra ad oggi. Artista appartenente alla sempre più sparuta categoria di personaggi genuinamente nazional-popolari, conosciuto e celebrato da fasce d’età trasversali, capace di vendere oltre 50 milioni di copie dei propri album e accompagnare infanzia, adolescenza ed età adulta di una larghissima fetta di popolazione.

 

Fatti mandare dalla mamma a prendere il latte è esordio fulminante, cantato con tutta la sfrontatezza di un 18enne dal viso pulito e genuino, protagonista di musicarelli dalla trama dimenticabile ma dalle colonne sonore capaci di trasmettere alla platea tutta la magia popolare degli anni ’60 del boom economico. Un percorso artistico e personale che ha conosciuto momenti di difficoltà e sconforto, con amici e amori perduti, altri magari ritrovati, un successo sfuggito via e ripreso per i capelli parlando dritto al cuore delle persone.

Leggi tutto...
 
Urban rhythms. Al Centro della sperimentazione
di Carmela Donadio   
martedì 01 ottobre 2013

petersolo.jpg

 

«Jazz Groove» diventa «Candiani Groove». L'appuntamento fisso con la musica del Candiani non è più solo jazz, già da tempo la programmazione della rassegna punta alla varietà di generi musicali e al desiderio di scoprire e far conoscere diversi linguaggi espressivi frutto di nuove contaminazioni.

 

Venerdì 11 si parte con un doppio spettacolo, ad accogliere il pubblico il jazzista triestino Riccardo Morpurgo e il suo piano-solo utile a presentare il suo Dove è il nord, ultimo lavoro discografico edito, come il precedente Answering, da Caligola Records. A seguire ecco il nuovo progetto del contrabbassista veneziano Lorenzo Conte, Off The Charts, accompagnato da Pietro Tonolo al sax tenore e soprano, Andrea Pozza al pianoforte e Ferenc Nemeth alla batteria.

Leggi tutto...
 
Collezione privata. Panoramiche jazz da Pordenone
di Daniele Pennacchi   
martedì 01 ottobre 2013

zlatkokaucic.jpgSpazio aperto per eccellenza, la rassegna allestita dal Verdi di Pordenone si ripresenta al pubblico dopo l’esordio assai fortunato dell’edizione inaugurale allestita lo scorso anno, approfittando della dimensione informale e intima dello Spazio Due del teatro di viale Martelli. Proprio come in un loft, ecco regnare grandi finestre e spazi aperti, per meglio osservare e ancora più comodamente muoversi, in ogni direzione immaginabile.

 

Il chitarrista Andrea Massaria nel suo nuovo progetto Alchemy Trio ha riunito non il classico trio jazz ma una formazione atipica; una miscela in scena il 16 capace di annoverare la leggenda vivente del sax Oliver Lake, lo stesso Massaria e Zlatko Kaucic, batterista protagonista della scena europea.

Leggi tutto...
 
Questione di feeling. Se Cuba è nel Mediterraneo...
di Laura Spadari   
martedì 01 ottobre 2013

fresusosa_robertocifarelli.jpgUn incontro che ha lasciato il segno quello avvenuto nel 2006 tra Paolo Fresu e Omar Sosa, punto di partenza di un sodalizio musicale che si è concretizzato lo scorso anno con il progetto Alma, album riconosciuto dalla critica tra le migliori produzioni jazz del 2012.

 

Spiritualità, poesia ed energia uniscono queste due stelle della musica jazz contemporanea, oltre alle loro radici ‘isolane’; per Fresu ci riferiamo alla Sardegna, che l’ha svezzato al ritmo della banda del paese, mentre Sosa ha conosciuto nel cuore dell’Havana strumenti e melodie della tradizione cubana.

Leggi tutto...
 
È sempre lui. Metti sei sere in Arena...
di Laura Spadari   
lunedì 02 settembre 2013

luciano_ligabue.jpg«Un invito a cui era impossibile dire no», così Luciano Ligabue annuncia il suo ritorno in Arena a settembre con sei imperdibili appuntamenti, gli unici live in programma per il 2013 del rocker di Correggio. Inutile sottolineare come i biglietti per i concerti in programma dal 16 al 23 settembre a Verona risultino assolutamente introvabili da mesi: le prime quattro date hanno registrato il sold out nelle prime 24 ore di prevendita online e le ultime due, aggiunte in un secondo momento sotto la pressante richiesta del pubblico, sono andate esaurite in brevissimo tempo, a dimostrazione di quanto il popolo del “Liga” sia fedele al proprio re, anche (o soprattutto) in versione sinfonica.

 

Sì perché già nel 2008 e nel 2009 le sue Sette notti in Arena avevano riscosso un enorme successo di pubblico, documentato anche da un cd, da un dvd e da un libro fotografico servito a finanziare i restauri dell’Anfiteatro, riconosciuto dall’Unesco come “Patrimonio dell’Umanità”. Un fortunato connubio, dunque, nato quasi per caso, tra il rock ‘di casa nostra’ e la musica classica per eccellenza. Arrangiamenti unici, studiati insieme al Maestro Marco Sabiu che per l’occasione dirige l’Orchestra di Verona in formazione completa.

Leggi tutto...
 
Jazzy soul. Veneto Jazz a firma Gualazzi
di Carmela Donadio   
lunedì 02 settembre 2013

raphael_gualazzi.jpg

 

Tra jazz e blues, gospel e soul, Raphael Gualazzi occupa il palco del Teatro Comunale di Vicenza offrendo all’uditorio un esaltante spettacolo con le canzoni dei suoi due album Reality and Fantasy del 2011 e Happy Mistake, pubblicato a febbraio di quest’anno.

 

Il primo, già lavoro di alto livello, realizzato con molta cura (si pensi all’accompagnamento della tromba di Fabrizio Bosso), distilla emozioni grazie a tracce come Icarus e Follia d’amore, con cui ha partecipato a Sanremo sbaragliando la concorrenza trionfando nella categoria «Giovani» e aggiudicandosi inoltre il Premio della Critica intitolato a Mia Martini, il Premio della Sala Stampa Radio e Tv, quello di Assomusica per la migliore esibizione live e il riconoscimento SIAE come Miglior Compositore dell’anno.

Leggi tutto...
 
Talking dreams. Byrne & St. Vincent dispensano visioni
di F.D.S.   
lunedì 02 settembre 2013

david_byrne.jpg

 

Lui è unmagnifico sessantenne che a metà degli anni ‘70, per circa dieci anni, disegnò con i Talking Heads una delle parabole più intense ed estrose della musica rock, rappresentando mutazioni metropolitane, nevrosi contemporanee, disperazioni sotto-traccia del quotidiano americano con la cinica lucidità e il raffinato intellettualismo arty che solo quella generazione, stretta tra la fine del periodo classico del rock e la disseminazione seminale che sarebbe seguita all’esplosione della new wave, si sarebbe potuta permettere.

 

Lei è una trentenne cantautrice americana, la nuova stella del pop statunitense più coraggioso e spericolato, con un curriculum di tutto rispetto (ha suonato con i Polyphonic Tree e nella band di Sufjan Stevens, guarda caso un altro allucinato cantore-entomologo della società americana…) e tre dischi all’attivo, oscillanti tra follia e felicità, gioia e crudeltà, ansia strisciante e zuccherose certezze.

 

Dopo due anni di collaborazioni sporadiche, l’anno scorso il saggio anziano e la raffinata emergente hanno deciso di fare un disco insieme, Love This Giant, un piccolo classico fatto di grande eleganza, fascino artigianale, ritmi molto concentrati su fiati sincopati che cambiano spesso e volentieri, melodie sghembe e nevrotiche. Per dirla tutta, sembra un disco di Byrne cui St.Vincent abbia prestato un po’ di testi e di voce solista.

Leggi tutto...
 
Identità di genere. Hegarty e Battiato, due voci e un’anima nell’incanto dell’Arena
di Carmela Donadio   
domenica 01 settembre 2013
antonyandthejohnsons.jpg
La sola voce di Antony Hegarty basterebbe a creare un’atmosfera magica, delicata e profonda al tempo stesso, intima ed intensa. La continua e originale ricerca sulla musica popolare e colta, seguendo sia la tradizione italica che le sonorità di altre culture, fa di Franco Battiato un cantautore semplicemente unico. I due artisti si esibiscono all’Arena di Verona il 2 settembre, ognuno col proprio repertorio, secondo la rotta tracciata da Cut the World per Antony and the Johnsons e Apriti Sesamo per Battiato, con l’accompagnamento della Filarmonica Arturo Toscanini, una delle più importanti orchestre sinfoniche italiane.
 
Per Antony and the Johnsons, direttore d’orchestra sarà Rob Moose, con al pianoforte Thomas Bartlett, mentre per l’artista catanese suonerà il pianoforte e dirigerà Carlo Guaitoli. Cosa hanno in comune Franco Battiato e il cantante di origini inglesi, cresciuto in California nel mito di Boy George? Innanzitutto, non sarà sfuggita la bellissima Del suo veloce volo, canzone contenuta nell’album Fleurs 2 del 2008, che altro non è che l’adattamento in italiano della coppia Battiato- Sgalambro del brano originale di Antony and the Johnsons Frankenstein
Leggi tutto...
 
VENEZIA JAZZ FESTIVAL 2013 | Venetian mood
di F.D.S.   
martedì 02 luglio 2013

jarrettpeacockdejohnette2.jpg

 

Come si fa ad organizzare un festival jazz a Venezia, città che proprio perché, come sosteneva Nietzsche, è quella che meglio si presta ad ospitare l’idea stessa della musica, quella assoluta e platonica, in realtà presenta difficoltà notevoli ad accogliere singole declinazioni, specifici approfondimenti di questa stessa idea? La soluzione adottata dagli organizzatori della sesta edizione del «Venezia Jazz Festival», dal 13 al 28 luglio, corre su due linee convergenti e del tutto condivisibili: qualche concerto di caratura stellare nei luoghi istituzionali e un bel numero di eventi musicali e culturali che interessano la città nei suoi angoli più riposti, senza dimenticare poi nemmeno il cd ‘territorio’. Il 16 luglio Keith Jarrett torna nuovamente a calcare il palco della Fenice dopo lo straordinario concerto piano solo datato 2006. Questa volta il grande musicista suona insieme ai compagni Gary Peacock (contrabbasso) e Jack DeJohnette (batteria), in un sodalizio che prosegue imperterrito da 30 anni.

Leggi tutto...
 
VENEZIA JAZZ FESTIVAL 2013 | I volti, i luoghi, i suoni
di Redazioneweb2   
martedì 02 luglio 2013

shaimaestrotrio.jpg

SABATO 13 LUGLIO

ANTICIPAZIONE
h. 21.30 Teatrino di Palazzo Grassi
SHAI MAESTRO TRIO
Shai Maestro pianoforte

Jorge Roeder basso

Ziv Ravitz batteria

 

Il 26enne pianista, che per sei anni ha fatto parte stabilmente dei trio di Avishai Cohen, ha recentemente pubblicato un sensazionale album di debutto, Shai Maestro Trio, accompagnato dal bassista Jorge Roeder e dal batterista Ziv Ravitz, nel quale mette in mostra oltre alla sua straordinaria abilità al piano, anche notevoli doti di compositore.

 

jarrettpeacockdejohnette.jpg

 

MARTEDI' 16 LUGLIO
ANTEPRIMA FESTIVAL
Biglietti da € 45 a € 145
h. 20.00 Gran Teatro La Fenice
KEITH JARRETT, GARY PEACOCK, JACK DEJOHNETTE
30th Anniversary Tour
Keith Jarrett pianoforte
Gary Peacock contrabbasso
Jack Dejohnette batteria

 

Grazie ai rispettivi contributi di inventiva artistica, hanno scritto pagine memorabili della storia del jazz, con esibizioni fatte di standards travolgenti e repertori sempre originali, frutto di improvvisazioni ispiratissime. Il pianoforte di Keith Jarrett, il contrabbasso di Gary Peacock e la batteria di Jack DeJohnette avvolgono la Fenice in puro mood d’autore, meccanismo perfettamente oliato che in trent’anni di onorato sodalizio è stato nominato in tutti i principali premi internazionali, per un concerto imperdibile che rimarrà impresso per sempre in un cd live di prossima pubblicazione.

Leggi tutto...
 
Cronache marziane. A trenta secondi dal neoprogressive
di Laura Spadari   
giovedì 04 luglio 2013

thirtyseconds.jpgCresce l’attesa per l’esibizione live di Jared Leto e dei suoi Thirty Seconds To Mars, appuntamento di cartello dell’«Hydrogen Festival» dell’Anfiteatro Camerini di Piazzola sul Brenta.

 

Anche perché il loro ultimo tour è entrato nel Guinness World Records per aver battuto ogni primato in termini di durata: dal 2009 al 2011 la band ha registrato il sold out nelle arene di tutto il mondo, esibendosi dal vivo per il considerevole traguardo dei tre milioni di spettatori totali, in oltre 300 concerti.

Leggi tutto...
 
Play it again, Gordon. Le origini di Mr Sumner
di Laura Spadari   
giovedì 04 luglio 2013

sting.jpgSting torna in Italia e al suo primo amore. E non ha alcuna intenzione di interrompere il tour iniziato lo scorso anno per festeggiare i suoi 60 anni (sì, avete letto bene...) e i 25 anni di carriera da solista, Back to Bass appunto, con il quale tra 2011 e 2012 ha già incantato le platee di America, Europa, Asia e Sudafrica.

 

Sting torna a suonare il basso, il suo strumento, insieme al chitarrista storico Dominic Miller e ad una band composta da altri 4 elementi. Dimensioni più intime rispetto al precedente tour, in cui cantava accompagnato da 55 elementi di un orchestra sinfonica, dimensioni che gli permettono di suonare e cantare contemporaneamente, in altre parole di divertirsi facendo quello che gli riesce meglio.

Leggi tutto...
 
Rock, alla terza. Attenti a quei tre...
di Massimo Macaluso   
giovedì 04 luglio 2013

crosbystillsnash1.jpg

Età media 70 anni, più di quattro decadi di strada percorsa insieme alle spalle in mezzo a tanti casini vari ed eventuali, David Crosby, Stephen Stills e Graham Nash sono di nuovo in tour e quest’estate toccheranno l’italica penisola con tre concerti, con puntata a Piazzola sul Brenta il 20 di luglio. Eh sì ...il rock non è un paese per giovani, nemmeno lui. Date un’occhiata alla carta di identità di Bruce Springsteen, John Fogerty, Sir Paul McCartney e Robert Plant; gettate uno sguardo alla data di nascita di Roger Waters e Sting o di Mick Jagger e Keith Richard e poi ne riparliamo.

 

Sarà pure un fatto generazionale di noi ‘vecchi’ che restiamo avvinghiati ad un fin troppo aureo passato, ma non pare che in giro per i palchi scorrazzino ventenni o trentenni in grado di mandare definitivamente in pensione i succitati membri del favoloso Centro Anziani del rock. E d’altronde a questi concerti vedo anche tanti ragazzi che conoscono a memoria ogni singolo pezzo di questi mammasantissima del palco.

 

Una ragione pure ci sarà, o no? Problemi vari sul groppone di esistenze non facili, dunque, Crosby, Stills e Nash, posticipata ancora la pensione, sono ancora prepotentemente on the road. Cosa ci proporranno nei loro concerti? Cosa dobbiamo aspettarci dalle loro esibizioni? Una summa del loro folk-rock leggendario e antimilitarista, un condensato del loro west-coast rock romantico e idealista, chitarre dolci e taglienti, voci pressoché risparmiate dall’inclemenza del tempo e dagli eccessi di un passato fin troppo trasgressivo.

Leggi tutto...
 
Muro del suono. Ora come allora, la leggenda Pink Floyd
di Nicolò Groja   
giovedì 04 luglio 2013

rogerwaters.jpgCome un catino ribollente, è lo Stadio Euganeo di Padova ad accogliere entusiasta Roger Waters, in quello che il «New York Post» definì tout court «il miglior show di sempre». Dopo lo straordinario tour del 2010/11 l’ex bassista dei Pink Floyd torna a proporre dal vivo The Wall, concept album del 1979, con uno spettacolo ancor più magnificente di quello di due anni fa: dal chiuso dei palazzetti si passa infatti all’aperto dei grandi stadi europei, tra cui quello patavino, con un surplus di scenografie e giochi pirotecnici.

 

La scaletta prevede l’esecuzione integrale del disco - la storia del giovane Pink, costretto a costruire un muro immaginario tra sé e la società per sfuggire al proprio malessere esistenziale - con le ventinove canzoni riproposte nell’ordine originale. Il palco, oltre ad una band di dodici elementi, vedrà l’alternarsi incalzante di pupazzi giganti, video installazioni, coreografie e un enorme muro destinato ad essere smontato mattone per mattone durante il concerto.

Leggi tutto...
 
Long live music. L'onda lunga dell'estate
di Davide Carbone   
martedì 02 luglio 2013

pattismith.jpg

 

Meglio mettere subito le cose in chiaro: l’ultima intenzione di chi scrive è (o almeno era…) quella di lasciarsi prendere la mano da discorsi sulla capacità di un festival musicale di riuscire a coniugare qualità e quantità, o magari di «condurre il pubblico attraverso un viaggio attraverso i generi musicali più disparati» eccetera, eccetera, eccetera. Questo non perché i due concetti non corrispondano a verità, ma per evitare di sprecare energie e inchiostro a rimarcare un dato di fatto che di sottolineature proprio non ha bisogno.

 

Quella in programma nel mozzafiato Teatro Verde dell’isola di San Giorgio è una rassegna che, pur al secondo anno di vita, mette determinazione da veterana nell’appropriarsi di due comandamenti insindacabili da tenere sempre a mente: esaltare la musica di qualità e offrirla al pubblico attraverso un contatto ravvicinato, diretto, intimo con l’artista di turno.

 

Poche storie, chi sale sul palcoscenico dell’anfiteatro di quasi 1400 posti creato negli anni ’50 da Luigi Vietti e Angelo Scattolin viene dato in pasto al pubblico nudo e crudo, in pura e semplice dimensione acustica, senza poter contare sull’appoggio di ultimi ritrovati della tecnologia capaci di coprire magagne espressive e incertezze stilistiche.

Leggi tutto...
 
Summer Festivals 2013 | FESTIVAL DEL VITTORIALE
di Redazioneweb2   
lunedì 01 luglio 2013

festivaldelvittoriale.jpg

Posti unici e grandi artisti. Un binomio che raramente fallisce e ancor più raramente delude le aspettative di pubblico e addetti ai lavori. La cittadella monumentale costruita sulle rive del lago di Garda da Gabriele D’Annunzio insieme all’architetto Giancarlo Maroni restituisce meglio di qualsiasi altro discorso il rapporto di questi luoghi con l’edonismo e con il gusto del bello, da procacciarsi in ogni esibizione artistica capace di esaltare il talento puro.

 

La ricerca del piacere si apre con Ludovico Einaudi (3/7) e si chiude il 6 agosto con Vinicio Capossela e il suo concerto dedicato al rebetiko, genere musicale che rappresenta per i greci ciò che per gli argentini è il tango, per gli americani il blues e per i portoghesi il fado.

Leggi tutto...
 
Summer Festivals 2013 | FESTIVAL DI VILLA ARCONATI
di Redazioneweb2   
lunedì 01 luglio 2013

festivalarconati.jpg

 

L'happening milanese compie un quarto di secolo, ma non possiamo definire gli artisti proposti come un regalo di compleanno vero e proprio. Meglio considerare il programma una piacevole consuetudine a cui il pubblico è stato abituato negli anni, appuntamento che ha da sempre caratterizzato l'estate milanese imponendosi per qualità e quantità degli artisti in scena. Dopo il memorabile concerto veneziano di aprile riecco Sinèad O'Connor (2/7) a Castellazzo con il nuovo album How About I Be Me (And You Be You)?, seguita il 10 da uno dei più originali cantautori italiani, Daniele Silvestri. Una residenza di questo 'tenore' è luogo adatto per il Principe De Gregori (13/7) e per la voce baritonale con annessa vena tormentata di Mark Lanegan e della sua band (15/7).

Leggi tutto...
 
Summer Music Festivals 2013 | VILLAGE ESTATE
di C.S.   
lunedì 01 luglio 2013

estatevillage.jpg

 

Si avvia alla conclusione questa 15a edizione del «Village», la prima nella location di Parco San Giuliano. Si contano altre numerose novità, a partire dal Village Day-time, attività diurne nei weekend dedicate a sport, benessere e relax, con particolare attenzione all’alimentazione sana e biologica. Inedita la rassegna «4 Music Lovers», lunedì e martedì in seconda serata nell’area Circus, una selezione di concerti dedicati al jazz e alla musica d’autore. Inoltre, tra i consueti appuntamenti del mercoledì latino e delle country nights del venerdì, la cartoons band La Mente di Tetsuya il 9 luglio e il Joyful Gospel Group l'11, mentre domenica 7, From Woodstock to live aid, una giornata con la musica dei grandi festival, da Hendrix a Janis Joplin e gli U2. Si chiude il 13 con il collettivo di doppiatori veneti della DOLiWOOD Film, un esilarante susseguirsi di battute e gag tra le proiezioni dei loro più grandi successi.

Leggi tutto...
 
Summer Festivals 2013 | VERONA FOLK FESTIVAL
di Redazioneweb2   
lunedì 01 luglio 2013

veronafolk.jpg

 

A dispetto del nome, trattasi di rassegna non dedicata ad un unico genere, quanto piuttosto di un omaggio a tutti i generi nelle loro multiformi espressioni, italiane come internazionali. Steve Hackett sceglie il Teatro Romano (21/7) per il suo Genesis Rivisited, spettacolo che propone al pubblico una sintesi della carriera del grande chitarrista, come Phil Collins e Peter Gabriel capace di una carriera solista fortunata quanto quella con la storica formazione. Dieci giorni al Castello Zevio è la volta di Nicolò Fabi, prima dello show del 28 agosto di Marco Paolini con l'accompagnamento musicale di Lorenzo Monguzzi. Il 29 spazio ad Asaf Avidan e ad una versione pianoforte e voce della hit Reckoning song.

Leggi tutto...
 
Summer Festivals 2013 | VENETO JAZZ
di D. C.   
lunedì 01 luglio 2013

venetojazz.jpg

 

Per festeggiare il 25esimo compleanno, l’Associazione fondata e diretta da Giuseppe Mormile decide di regalarsi una programmazione capace di confermarla come una delle principali realtà jazz in Italia. Decide di farlo portando avanti i propri progetti e affrontando l’estate 2013 con un corollario di rassegne e festival che da anni costituiscono appuntamento fisso per gli appassionati del genere e piacevole sorpresa per chi, entrato per la prima volta in contatto con questo universo-famiglia, decide semplicemente di non lasciarlo più. Su tutto, due vette assolute: «Venezia Jazz Festival», in laguna dal 13 al 28 luglio, un workshop formativo a Chioggia dal 20 al 27 realizzato in collaborazione con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e diretto dai docenti della New School for Jazz and Contemporary Music di New York.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Pross. > Fine >>

Risultati 351 - 400 di 406