VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow CINEMA
CINEMA
VENEZIA 72 | Venti d’indipendenza. A spasso nei ‘non luoghi’, tra dialogo e ricerca
di Andrea Zennaro   
martedì 25 agosto 2015

gda.jpgLa dodicesima edizione delle Giornate degli Autori si presenta con una selezione variegata che, con le sue 20 opere, spazia tra 15 nazioni perlustrando, come in passato, le problematiche umane attraverso l'occhio elettronico della cinecamera. Film che lasciano un segno profondo tra gli spettatori della 72. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica e si dipanano attraverso varie sezioni.

 

Tre sono i film italiani presenti nella Selezione Ufficiale: Viva la sposa di Ascanio Celestini, storia di disadattati ai margini della società che campano di espedienti, La prima luce di Vincenzo Marra, regista la cui opera prima del 2001 Tornando a casa vinse il premio per miglior film nella Settimana Internazionale della Critica, Arianna dell'esordiente Carlo Lavagna sui turbamenti sessuali di una diciannovenne in lotta col suo passato.

Leggi tutto...
 
VENEZIA 72 | ¡Que viva México! I Leoni secondo Cuarón
di Sara Sagrati   
martedì 25 agosto 2015

cuaron.jpgPossibile che il regista di Harry Potter e il prigioniero di Azkaban sia il nuovo presidente di giuria della 72. Mostra del Cinema di Venezia? Assolutamente sì, se il suo nome è Alfonso Cuarón, responsabile di virtuosismi registici di grande successo come I figli degli uomini e Gravity, film d’apertura proprio a Venezia due anni fa e vincitore di 7 premi Oscar. Cuarón, insieme agli amici Guillermo del Toro e Alejandro González Iñárritu, è oggi il regista messicano più conosciuto al mondo. Insieme vengono definiti I tre amigos per essere riusciti a conquistare Hollywood, non solo dirigendo, ma anche scrivendo e producendo nuovi talenti e alimentando una nuova e fruttuosa corrente latina nella mecca del cinema.

 

Cuarón ha cominciato con film più intimisti come La piccola principessa (1995) e l’acclamato Y tu mama tambien (2001), riuscendo poi a modificare (in meglio!) il tono della saga del maghetto di J.K. Rowling e finendo nella lista 2014 dei 100 uomini più influenti del mondo stilata da «Time».

Leggi tutto...
 
VENEZIA 72 | The Director. Lo sguardo di Demme sul futuro
di Cesare Stradaioli   
martedì 25 agosto 2015

demme.jpgNon è facile inquadrare un regista come Jonathan Demme. Analizzando la sua opera si ha l’impressione di assistere alla parabola di un artista che potrebbe avere dato già il meglio di se e, tuttavia, considerati i nomi con i quali ha lavorato, capace ancora di riservare delle piacevoli sorprese. Il suo esordio, nel 1979, con un oscuro e un po’ opaco giallo interpretato da Roy Scheider e Christopher Walken - Il segno degli Hannan - avviene in un momento in cui Hollywood sta sparando cannonate di grosso calibro, sicché sopravvivere e rimanere in attività in maniera più che dignitosa è già significativo di per se.

 

Seguono, per tutta la decade successiva, alcune commedie di medio valore come Swing Shifts, che se non altro ha il merito di comporre una delle più famose e longeve coppie del cinema, Goldie Hawn e Kurt ‘chiamami Jena’ Russell, il frizzantissimo Qualcosa di travolgente, probabilmente l’ultima interpretazione degna di tale nome offerta da Melanie Griffith e Una vedova allegra… ma non troppo, orrenda trasposizione di Married to the Mob, con un cast di tutto rispetto composto da Matthew Modine, Michelle Pfeiffer e Oliver Platt.

Leggi tutto...
 
VENEZIA 72 | Affari di famiglia. Saverio Costanzo presiede la giuria delle Opere Prime
di Andrea Zennaro   
mercoledì 26 agosto 2015
saveriocostanzo.jpeg
Alla 72. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica la Giuria internazionale del Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis” - Leone del Futuro è presieduta da Saverio Costanzo, l'anno passato in concorso con Hungry Hearts. La figura autoriale di questo regista è difficilmente catalogabile: la sua opera prima Private sul conflitto israelopalestinese, girato interamente in Calabria, vinse il Pardo d'Oro al Festival di Locarno nel 2004.
 
Autore apolide per il quale il contenuto viene prima dello stile e della messa in scena, nei suoi film i personaggi sono i cardini che muovono l'intera costruzione registica ed il loro impatto drammaturgico fa fluire il racconto. Questo vale anche per i successivi suoi lavori, In memoria di me del 2007 ambientato nel monastero dell'isola di San Giorgio Maggiore a Venezia, luogo sospeso in una dimensione fuori dal tempo, e La solitudine dei numeri primi del 2010, tratto dal romanzo di Paolo Giordano, che scandaglia le vite e i rapporti umani di persone segnate da drammi profondi ed incapaci di comunicare i propri sentimenti. 
Leggi tutto...
 
VENEZIA 72 | A tu per tu. Al Lido un Giardino per niente segreto
di Davide Carbone   
mercoledì 26 agosto 2015

pif.jpgChe la Mostra del Cinema di Venezia non sia mai stata manifestazione ad uso e consumo esclusivo degli addetti ai lavori, è cosa ben nota a tutti. La Biennale quest’anno ha deciso di ribadire il concetto grazie a Il Cinema nel Giardino, rassegna aperta ad un pubblico quanto mai trasversale composto da cinefili, semplici curiosi e abitanti del Lido per incontri ad ingresso rigorosamente libero e gratuito, con uniche limitazioni relative alla capienza della nuova arena all’aperto ospitata dai giardini del Casinò lidense.

 

La formula dell’iniziativa è collaudata quanto apprezzata dal riscontro di pubblico e vede un primo momento caratterizzato dall’incontro/dibattito con personaggi dello spettacolo come Giuliano Montaldo, Pif, Giuseppe Tornatore, Gianni Amelio, Arturo Brachetti e Vasco Rossi a cui segue la proiezione di un documentario incentrato proprio sugli aspetti e le tematiche appena affrontate in viva voce.

Leggi tutto...
 
VENEZIA 72 | Questione di stile. La Biennale omaggia Monicelli
di Redazioneweb2   
mercoledì 26 agosto 2015

rapandreavierucci.jpgTra i più grandi liberi pensatori che la storia recente del nostro Paese abbia avuto, Mario Monicelli è stato in grado nel corso della propria lunghissima carriera di attraversare rivoluzioni storiche e sociali trasponendole sul grande schermo con lucidità critica disarmante. Pellicole come I soliti ignoti, La grande guerra, Amici miei e Speriamo che sia femmina, autentiche istantanee in movimento, sono solo alcuni esempi di una filmografia sterminata quanto varia nei generi, brillando al meglio nella commedia all’italiana tanto ben rappresentata assieme a Risi e Comencini.

 

La Biennale ripropone il suo Vogliamo i colonnelli nella sezione Classici e arricchisce l’omaggio con l’installazione Fantasmi di Chiara Rapaccini, in arte RAP, artista per oltre trent’anni compagna di vita del regista. Immagini inedite scattate da grandi fotografi di scena come Secchiaroli, Strizzi e Doisneau sul set di capolavori di Monicelli sono state recuperate dalla pittrice e designer fiorentina dopo che Monicelli stesso aveva deciso di sbarazzarsene.

Leggi tutto...
 
VENEZIA 72 | L'eclettico Tavernier. Vita di un Leone d'Oro alla carriera
di Michele Gottardi   
mercoledì 26 agosto 2015

bertrand_tavernier.jpgBertrand Tavernier inizia a girare nel 1973 con L’orologiaio di Saint-Paul, tratto da Georges Simenon e ambientato a Lione, città nella quale è nato nel 1941. La sua formazione risente del clima resistenziale della città e dell’atmosfera artistica della sua famiglia. Come molti suoi coetanei si dirige verso il cineclub: il suo parigino Nickelodéon diverrà un prototipo.

 

Dopo la frequentazione con gli immancabili Cahiers du cinéma, nel ’73 l’esordio citato. Il suo cinema recupera la dimensione narrativa che non piaceva alla Nouvelle Vague: un cinema povero ma non banale, fatto di un artigianato di grande qualità, sceneggiatura precisa, dialoghi sarcastici che descrivono una società assurda. Più in generale il suo cinema - definito da Alberto Barbera «anticonformista, eclettico» - adotta un linguaggio classico: non a caso Tavernier contribuisce a riscoprire John Ford e John Huston, Raoul Walsh e Michael Powell. I suoi film riscuotono ovunque consensi e premi da Che la festa cominci… e Il giudice e l’assassino a ‘Round Midnight, un film sul jazz, in concorso a Venezia, Oscar per la colonna sonora e una nomination per il protagonista, il sassofonista Dexter Gordon.

Leggi tutto...
 
Come prima, più di prima! Ciak e Venezia News ancora insieme per un ‘doppio’ Daily
di Redazioneweb2   
mercoledì 19 agosto 2015

nuova_sala_grande_4_foto_asac.jpg

 

Prosegue anche nel 2015 la collaborazione tra Ciak e Venezia News per la realizzazione del Daily ufficiale della Mostra del Cinema, due giornali in uno per sapere tutto sulla 72. Mostra. Direttamente dal cuore della rassegna, il Daily sarà per dieci giorni al servizio quotidiano del pubblico, dei festivalieri e dei professionisti, con presentazioni di tutti i film, interviste, servizi speciali sul panorama cinematografico internazionale, focus tematici e storici, notizie, rubriche e curiosità per vivere a fondo la Mostra e il Lido.

 

Ogni giorno, con Ciak e Venezia News, per non perdere nemmeno un istante di un appuntamento ‘semplicemente’ imperdibile!

Leggi tutto...
 
Era mio padre. Il cinema di John Fante
di Redazioneweb2   
mercoledì 19 agosto 2015

fante.jpg

 

Il festival letterario Il Dio di mio padre è una manifestazione culturale di livello internazionale dedicata allo scrittore italoamericano John Fante che si tiene ogni estate a Torricella Peligna, in Abruzzo, paese d’origine di suo padre Nick nonché materia letteraria di molti suoi romanzi e racconti. Arrivato quest’anno alla decimal edizione, il festival si presenta come una proposta culturale di ampio respiro, che si struttura intorno alla figura di John Fante per poi svilupparsi in sezioni parallele dedicate ad altri autori e tematiche in una prospettiva transnazionale e interculturale.

 

«Era uno scandaloso dongiovanni quando c'erano delle signore, e anche se dentro di lui il fuoco era estinto, c'erano ancora dei carboni ardenti sotto la cenere, e ogni tanto un vento che diffondeva un profumo seducente faceva fumare le braci che emanavano un calore molto forte». Così John Fante parla del padre in una lettera a Stan e Howard, nel febbraio 1954.

Leggi tutto...
 
Come eravamo, così saremo. Una "lunga estate calda"...
di Andrea Zennaro   
martedì 14 luglio 2015

kubrick.jpgIn questo inizio d’estate, dove il flusso delle proiezioni sembra non arrestarsi, nelle sale cinematografiche continuano ad arrivare produzioni statunitensi ad alto impatto visivo atte a contrastare la pirateria e i nuovi schermi casalinghi sempre più grandi e definiti (Ultra HD in competizione con il 4K cinematografico): la vasta produzione seriale per l’home theater è arrivata ad essere una vera e propria nuova forma di linguaggio per immagini di altissimo livello. Tra dinosauri e cyborg in 3D, quest’ultimi mandati a ritroso nel tempo per riscrivere la storia e la trama del primo Terminator di James Cameron datato 1984, sembra di essere dentro un ottovolante super tecnologico che non si ferma mai e ripete all’infinito lo stesso percorso, rendendo i fruitori annoiati e apatici.

 

Fortunatamente qualche spunto traspare all’orizzonte nel panorama fantascientifico, si veda Predestination di Michael e Peter Spierig, film anche questo su dei cronoviaggiatori, tratto comunque da un racconto di Robert A. Heinlein del 1959, ed il discorso aperto sull’intelligenza artificiale in Ex_Machina di Alex Garland.

 

Tra le opere più attese, in uscita ad agosto, c’è l’Orso d’Oro Taxi Teheran dell’iraniano Jafar Panahi: un lavoro estremo a causa della censura imposta, forse non troppo originale nella messa in scena, ma comunque dall’alto impatto emotivo.

Leggi tutto...
 
Quella sporca dozzina. Quando la Laguna si fa cinema
di F.M.   
martedì 14 luglio 2015

torcello_1.jpgTra i mille incroci di storie che si intersecano a Venezia, molte delle quali destinate a durare il solo spazio del racconto, uno particolarmente avvincente e concreto narra di tre giovani autori veneziani: Andrea Baesso, Christian Palazzo e Gianmaria Spavento. Con la loro associazione culturale Flamingo Art Media hanno dato vita al progetto Habitat #Torcello che racconta la vita quotidiana dei dieci o dodici abitanti, la questione è aperta, poiché i dati dell'anagrafe comunale e quelli della Curia non concordano, che vivono in quel complesso di isole riunite sotto il nome di Torcello, nel lembo estremo della Laguna Nord.

 

Un condominio orizzontale diffuso tra reperti archeologici, paludi d'acqua salata e fenicotteri, che sono tornati dopo anni, in cui si snoda un racconto per immagini che documenta una scelta di vita, all'apparenza estrema, in realtà molto ponderata, fiera e caparbia di un manipolo di temerari, non in lotta contro il contemporaneo bensì in pace con se stessi, ultimi testimoni di una civiltà lagunare importante di cui rimangono pochi, ma estremamente significativi esempi a Torcello, uno per tutti la Basilica di Santa Maria Assunta.

Leggi tutto...
 
A tutto schermo. Al Rossini l’occhio ha la sua parte
di Anna Corazza   
martedì 14 luglio 2015

wiseman_national_gallery.jpgAl Multisala Rossini la programmazione di Estate al Cinema si declina in una rassegna ad alto tasso artistico: dal 7 luglio al 19 agosto è tempo di La grande arte al cinema, sette lungometraggi per accompagnare il pubblico veneziano in un viaggio alla scoperta dei grandi nomi del mondo dell’arte. I martedì e i mercoledì sera, con doppia proiezione per ognuna delle due serate, sono quindi dedicati alla celebrazione di importanti musei e imprescindibili artisti.

 

Si parte martedì 7 e mercoledì 8 luglio, serate durante le quali viene proiettato Hermitage, tour cinematografico del museo di San Pietroburgo realizzato da Margy Kinmonth in occasione del 250° anniversario della storica istituzione. La settimana successiva è la volta di Matisse di Grabsky, visita alla mostra dedicata agli ultimi anni dell’artista ospitata alla Tate Modern di Londra e al MoMA di New York.

Leggi tutto...
 
[Film del mese] Luglio-Agosto 2015
di Redazioneweb2   
martedì 14 luglio 2015

spy.jpg

 

SPY
Regia di Paul Feig
Con Jude Law, Jason Statham, Melissa McCarthy, Jessica Chaffin, Miranda Hart

Susan Cooper (Melissa McCarthy) è una modesta analista della CIA che lavora in ufficio. Ma quando il suo partner (Law) scompare e un altro agente (Statham) viene compromesso, si offre volontaria per andare sotto copertura e infiltrarsi nel mondo del traffico d'armi.
Dal 15 luglio

 

 

 

 

pixels.jpgPIXELS
Regia di Chris Columbus
Con Peter Dinklage, Adam Sandler, Ashley Benson, Josh Gad, Michelle Monaghan

Una razza aliena scambia le immagini dei vecchi videogames per una dichiarazione di guerra e attacca la Terra usando i giochi stessi come modelli per i loro assalti. Il Presidente degli Stati Uniti chiama allora il suo amico d'infanzia Sam Brenner (Sandler), un campione di videogames negli anni ‘80, per difendere il pianeta.
Dal 29 luglio

Leggi tutto...
 
[:cinefacts] Any-family Day
di Marisa Santin   
martedì 14 luglio 2015

familyday.jpgPresto, presto, un Family Day! Tutti (no, non tutti…) in piazza a Roma a protestare contro un testo in discussione in Parlamento che vorrebbe equiparare le unioni civili ai matrimoni consacrati. Presto, presto, via tutti i libri ‘strani’ dalle scuole di Venezia! Che di omosessualità e famiglie diverse (da chi? Tra di loro?) se ne parli a casa, ché a scuola ci sono cose più importanti da imparare, tipo le tabelline. Cos’è questa storia del Genitore 1 e del Genitore 2? Mah, meglio non approfondire.

 

Luigi Brugnaro, neo eletto sindaco, neanche 10 giorni ed è già lì a scagliarsi contro Tango, il cucciolo di pinguino allevato da due papà allo zoo di Central Park a New York. In natura succede, «sarà l’istinto, sarà la vita», diceva De André. E invece no, quella storia pericolosissima i bambini delle scuole di Venezia non la devono sapere. Come se fosse questa la cosa importante, come se i bambini non avessero bisogno prima di tutto di rispetto, protezione e amore. Di qualsiasi gender.

Leggi tutto...
 
Audio-video. Cinema e Musica ad Art Night
di Roberta Reeder e Carlo Montanaro   
mercoledì 17 giugno 2015

blackpirate1.jpgSabato 20 giugno alle 21 a Palazzo Franchetti l’Associazione Culturale Musica Venezia e l’Archivio Carlo Montanaro, in collaborazione con Università popolare di Venezia, propongono a ingresso libero il cineconcerto The Black Pirate. La proiezione del film muto del 1926, diretto dal regista Albert Parker con l’attore Douglas Fairbanks, è accompagnata dal vivo dal pianista Ulisse Trabacchin. L’evento fa parte di Art Night Venezia, manifestazione ideata e coordinata dall’Università di Ca’ Foscari, in collaborazione con il Comune ed entrata nel calendario ufficiale delle Notti Europee.

 

L’acqua, tema di Venice to Expo 2015, evoca motivi infiniti di racconti e d’avventura. Il mito dei pirati si incrocia con la vita del primo degli scanzonati eroi della celluloide, che ha indossato i panni della gran parte dei personaggi epici dell’immaginario collettivo, da Robin Hood al ladro di Bagdad, da D’Artagnan a Zorro: Douglas Fairbanks. Produttore di se stesso, per quest’opera piena di avvenimenti gestiti sempre con leggerezza e ironia, ha investito sul primo attendibile anche se non ancora perfetto sistema di colore, il Technicolor bipack. Ne è uscito un film divertente ed avvincente, sontuoso dal punto di vista dell’ambientazione e della scenografia.

 

La proiezione de Il pirata nero è introdotta da Carlo Montanaro e accompagnata dal vivo dal pianista Ulisse Trabacchin, che si ispirerà ai motivi tradizionali della marineria inglese, con canzoni popolari inglesi del XVII° secolo, epoca in cui si svolge il film.

Leggi tutto...
 
Terra! Biennale e retrospettive, a Venezia un giugno di cinema
di Andrea Zennaro   
giovedì 04 giugno 2015

extrait_-round-midnight_0.jpgCon l’arrivo dell’estate la distribuzione cinematografica italiana entra in crisi d’identità: dare spazio ai blockbuster d’oltreoceano o dedicarsi al recupero di piccoli film d’autore, rimasti in aspettativa nel girotondo di uscite settimanali sempre più frenetiche durante l’anno? Una buona occasione per recuperare film usciti in sala per pochi giorni e per rivedere classici ancor oggi innovativi è sicuramente la programmazione d’essai della Casa del Cinema di Venezia che, ricollegandosi alle scelte autoriali della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, rimane luogo di incontro intellettuale fondamentale per la cittadinanza.

 

La Biennale ha deciso quest’anno di consegnare alla 72. Mostra il Leone d’Oro alla carriera al veterano del cinema francese Bertrand Tavernier, scelta originale che va a premiare un autore-artigiano che si è mosso all’interno dei generi cinematografici classici regalandoci storie e personaggi dal grande profilo espressivo.

 

Il Circuito Cinema di Venezia ripropone alcune opere del regista di Lione, famoso per quel Round Midnight-A mezzanotte circa del 1986, vero e proprio atto d’amore nei confronti del jazz con i suoi musicisti borderline ed i locali entrati nel mito.

 

Autentici jazzisti come Dexter Gordon ed Herbie Hancock recitano personaggi di finzione permeando l’intera opera di un realismo più tangibile di quello che si può trovare in freddi documentari tematici. Nel centenario della Grande Guerra il film del 1989 La vita e niente altro ci riporta all’immane tragedia del secolo scorso scavando nell’angosciante realtà dei trecentocinquantamila militari scomparsi nel nulla, annientati in quella spaventosa carneficina. La retrospettiva veneziana, iniziata a maggio, è occasione per vedere anche l’ultimo lavoro di Tavernier, Quai d’Orsay, sul mondo della politica francese vista dall’interno, con un occhio speculativo e ricercatore.

Leggi tutto...
 
Missione Cuarón. Da Città del Messico a Venezia, sulle ali del cinema
di Riccardo Triolo   
venerdì 05 giugno 2015

cuaron.jpgCon la nomina di Alfonso Cuarón alla presidenza della Giuria Internazionale della 72. Mostra, il direttore Alberto Barbera conferma la sua cifra, la sua cinefilia intransigente ma illuminata e dà alla giuria un'impronta attuale, niente affatto scontata. Se è vero che sono decenni che dalla giuria veneziana mancano i critici, categoria di fatto molto poco considerata in Italia, è innegabile che sempre più i festival, anche la mostra d'arte veneziana, nata come esposizione orgogliosamente estranea alle logiche di mercato, hanno la necessità di confrontarsi con l'aspetto produttivo.

 

Il valore di un film si misura quindi a partire dalle possibilità che ha di vivere oltre i festival, nelle sale. Di incontrare i gusti del pubblico, ma anche di intercettare lo zeitgeist, lo spirito del tempo. Non fa una piega.

Leggi tutto...
 
Il bambino d’oro. Date un pallone ad una pulce…
di Massimo Macaluso   
venerdì 05 giugno 2015

messi.jpgEgoismo. Protagonismo. Superbia. Lionel Messi non è nulla di tutto questo, lo sta dimostrando da anni, e il documentario di Álex de la Iglesia riesce a cogliere appieno la sua natura, la sua indole. Stella di prima grandezza nel firmamento del calcio mondiale di ogni tempo. E per piacere non cominciamo con i soliti paragoni improbabili con Maradona, Platini, Pelè e compagnia. Altro calcio, altra velocità e soprattutto altri schemi.

 

Ma c'è un punto di rottura fra lui e le altre divinità del calcio. La sua umile grandezza nel modo di affrontare questo calcio odierno, fatto di superstar egocentriche pompate dai media, di cui ti rendi conto quando non si adombra a giocare accanto a grandi campioni come Neymar e Suarez nel Barça, o attaccanti del calibro di Aguero e De Maria nella nazionale argentina.

Leggi tutto...
 
[Film del mese] Giugno 2015
di Redazioneweb2   
venerdì 05 giugno 2015

fury.jpg

 

FURY
Regia di David Ayer
Con Brad Pitt, Logan Lerman, Shia LaBeouf, Jon Bernthal, Michael Peña

Nell'aprile del 1945, mentre gli Alleati sferrano l'attacco decisivo in Europa, un agguerrito sergente, Wardaddy, comanda un carro armato Sherman e il suo equipaggio di cinque uomini in una missione mortale dietro le linee nemiche. In inferiorità numerica e disarmato, Wardaddy e i suoi uomini saranno protagonisti di gesta eroiche per colpire al cuore la Germania nazista.
Dal 2 giugno

eisenstein.jpgEISENSTEIN IN MESSICO
Regia di Peter Greenaway
Con Elmer Bäck, Luis Alberti, Maya Zapata, Rasmus Slätis, Jakob Öhrman

Nel 1931, al vertice della carriera, il regista sovietico è in Messico per girare un film. Incalzato dal regime stalinista, che vorrebbe richiamarlo in patria quanto prima, Eisenstein passa gli ultimi dieci giorni del suo viaggio nella cittadina di Guanajuato. Qui, con la complicità della sua guida Palomino Cañedo, scoprirà molte cose sul Messico ma anche sulla propria sessualità e identità di artista.
Dal 4 giugno

Leggi tutto...
 
[:cinefacts] Dalla Maratona alla corsa ad ostacoli
di Marisa Santin   
venerdì 05 giugno 2015

varoufakis.jpgVenti di turbolenza continuano a soffiare con insistenza sulla culla del nostro pensiero filosofico. Appena un mese fa il ministro dell'economia greco, Yanis Varoufakis, si definiva «fiducioso e ottimista» e anche il Presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, rassicurava: «Siamo pronti a qualsiasi evento, ma escludo al 100% una "Grexit"». Dopo qualche tira e molla, ora Atene annuncia che pagherà la prima rata del debito con il Fondo Monetario Internazionale prevista in scadenza il 5 giugno. Le voci sopra, sotto e tra le righe su un innominabile default si alternano, mentre i negoziati del governo Tsipras con i creditori internazionali proseguono tra mille difficoltà.

 

Recentemente fior di analisti si sono prodigati in ipotesi più o meno catastrofiche sulle possibili conseguenze di un crollo del Paese, ma nessuno in realtà sa prevedere con precisione cosa succederebbe. Si teme l’effetto contagio, ma è proprio Varoufakis l’unico, per ora, ad esprimere certezze al riguardo: «La nostra uscita dalla moneta unica sarebbe l'inizio della fine per il progetto dell'euro».

 

La Grecia è impegnata in una corsa contro il tempo, una corsa ad ostacoli più che una Maratona, nella quale probabilmente si sentirebbe molto più a suo agio. Secondo i dati attualmente disponibili in rete, i prestiti erogati alla Grecia dagli Stati europei ammonterebbero a circa 195 miliardi, di cui 40 dall’Italia, (euro) più o (dracma) meno.


Leggi tutto...
 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 Pross. > Fine >>

Risultati 211 - 280 di 363

:agenda cinema