VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow TEATRO
TEATRO
Ricercatore del profondo. Al Teatro Verdi per la prima volta in Italia "Scandalo" di Schnitzler
di Luca Caldironi   
venerdì 12 febbraio 2016

scandalo.jpg

 

Tradurre il titolo di questa bella commedia di SchnitzlerDas Vermächtnis” con il termine “scandalo”, ci fa entrare, da subito, nel cuore del discorso.

Non è, infatti, la traduzione letterale, ma, pur di uno scandalo si tratta. La trama della vicenda tratta di uno scandalo, un amore fuori dai canoni, un figlio tenuto nascosto alla famiglia, un segreto rivelato... ma questo non è sufficiente, noi crediamo che lo scandalo sia da ricercare in qualcosa di ben più profondo.

Leggi tutto...
 
KIDS. Un febbraio a teatro anche per i più piccoli
di Redazione   
venerdì 12 febbraio 2016

dida.jpg

 

TEATRO GROGGIA - Venezia
21 febbraio h. 16
Cuore
(dai 4 anni)

 

Un giorno, un signore che ha deciso di togliersi il cuore e di metterlo nel cassetto più alto del suo armadio per non pensarci più. Da quel momento però le sue giornate cominciano a trascorrere più̀ lente e la sua energia va via via svanendo. I giorni si susseguono tutti uguali… solo il telefono sembra non tacere mai e il computer diventa un rifugio sicuro fino a tarda notte. La solitudine e la fatica si fanno sentire sempre di più̀, ma anche il cuore fa sentire la sua mancanza. Uno spettacolo senza parole lieve e profondo, un teatro di melanconica comicità dove le sceneggiate si alternano alle paure, ai desideri, ai sorrisi e alle lacrime che sbocciano come fiori tra palco e platea.

www.mpgcultura.it
Leggi tutto...
 
Esperimenti contemporanei. Una nuova rassegna OFF per il Teatro Stabile del Veneto
di Redazioneweb   
mercoledì 03 febbraio 2016
amorvacui.jpgInstancabile fucina di idee popolata di talenti autentici, il Teatro Stabile del Veneto – Teatro Nazionale, lancia un nuovo progetto dedicato alla sperimentazione e alla ricerca. Da febbraio fino a maggio, il teatro contemporaneo torna a essere protagonista grazie a OFFicina, una rassegna composta di 5 spettacoli e 2 laboratori ospitati dal Teatro Verdi e dal Teatro Goldoni, strettamente legati a Padova e Venezia, città caratterizzate da due modi differenti di fare e interpretare il teatro.
Leggi tutto...
 
Un tesoro fatto di persone. Una favola per ogni età al Teatro Groggia
di Filomena Spolaor   
giovedì 04 febbraio 2016

strisciagiardino.jpg

 

Cos’è la bellezza? Può essere una favola, come Il giardino delle Rose. Rivisitazione de La Bella e la bestia made in Belluno, lo spettacolo andrà in scena il 20 febbraio al Teatro Groggia. La sceneggiatura è di Elena Strada e la regia del giovane direttore artistico Rajeev Badhan, della compagnia Slow Machine.

 

Una fiaba in equilibrio sul filo che divide la fantasia dalla realtà. Ne Il Giardino delle Rose, come in un carillon che non si ferma mai, i protagonisti della fiaba centenaria de La Bella e la bestia, ruotano vorticosamente, inseguono i propri sogni, cercano la felicità e tramano per ottenerla.

 

Il testo di Elena Strada si ispira a questa storia antica, dove una giovane fanciulla imprigionata in una realtà in cui pare impossibile scindere il bene e il male, la cattiveria e la bontà, la sincerità e l’inganno, riesce a vedere attraverso le apparenze.

 

Leggi tutto...
 
Giochi di parole. Fratelli Dalla Via e l’abbecedario contemporaneo
di Redazione   
giovedì 04 febbraio 2016

banquo.jpg

 

“L’impresa famigliare che costruisce storie”, una delle realtà più brillanti della nuova generazione teatrale, Marta e Diego Dalla Via, presentano al Teatro Villa dei Leoni, il nuovo spettacolo Drammatica elementare, un esperimento di ludo linguistica fatto di enigmi e tautogrammi a servizio di una favola scolastica che ha l’obiettivo di viaggiare dentro l’evoluzione del lessico ed esaltarne la forza ritmica e contenutistica. «C’erano una volta la A di ape, la B di barca, la C di casa, e via così fino alla Z, ovviamente di zebra. Abbiamo cambiato queste regole: la A è di Attacco all’America, la G di Grande Guerra, la P di Poetica Polentona… Alcune accoppiate famose hanno dato vita a famosi vocabolari: il Devoto – Oli , il Sabatini – Coletti, il Castiglione – Mariotti… Come coppia anche noi abbiamo espresso il nostro desiderio di giocare con le parole per creare un dissacrante nuovo abbecedario: quello dei Fratelli Dalla Via […]

Leggi tutto...
 
La “favola possibile” di Eliza. Sold out al Toniolo per My Fair Lady
di M.M.   
venerdì 12 febbraio 2016

fairlady.jpgCome proporre al pubblico contemporaneo i classici del teatro musicale? Nel caso di My Fair Lady Corrado Abbati, regista, e la sua Compagnia, da più di 25 anni leader nazionale nel teatro d’operetta, non hanno dubbi: bisogna far rivivere la semplicità, l’eleganza e il fascino dell’originale, mettendo in scena una versione classica.

 

Costruita sul Pigmalione di George Bernard Shaw, My Fair Lady, testi e liriche di Alan Jay Lerner e musiche di Frederick Loewe, racconta la romantica e divertente storia di Eliza, giovane fioraia che diventa una gran signora per merito delle cure del professor Higgins.

 

La versione cinematografica del 1964, con Audrey Hepburn e Rex Harrison, che fece incetta di Oscar ed ebbe un successo planetario, rimane nell’immaginario collettivo.

Leggi tutto...
 
Vertigini esistenziali. Al Goldoni Francesco Zecca dirige "Il mondo non mi deve nulla" di Carlotto
di Matteo Savini   
lunedì 08 febbraio 2016
il-mondo-non-mi-deve-nulla-villoresi-casadio-pf-federico-riva.jpgLa trasposizione teatrale del testo di Massimo Carlotto, Il mondo non mi deve nulla, va in scena al Teatro Goldoni dal 12 al 14 febbrai, per la regia di Francesco Zecca. Due gli attori in scena, una donna (Pamela Villoresi) e un uomo (Claudio Casadio), due detriti della lunga crisi che svuota e trasforma molte esistenze e che si incontrano casualmente in una Rimini distante dall’immaginario turistico o felliniano, forse con maggiori assonanze con quella cinica e cruda cantata da De Andrè.
Leggi tutto...
 
La trama e l’ardito. Bergonzoni, comico funambolo sul filo del discorso
di Marisa Santin   
giovedì 04 febbraio 2016

bergonzoni.jpg

 

Prende le parole, le capovolge, le piega, le stira, le spezza, ci aggiunge una esse, ci toglie una enne; le ruba ad un contesto, le lancia per aria e le fa planare da un’altra parte. Per non parlare dei luoghi comuni, dei modi di dire. E che dire dei modi? Ti inonda di discorsi senza capo né coda.

Ma, un momento, certo che hanno un capo e una coda. Sono degli animaletti imbizzarriti che ti entrano nelle orecchie per poi lasciarsi addomesticare.

E il capo è lui, l’affabulatore con la sua magia, “labbracadabra”, che ti tiene sospeso sul filo del ragionamento. Perché, i ragionamenti hanno un filo? Solo se c’è la trama, direbbe lui. 


Alessandro Bergonzoni è altamente contagioso. Se stai a sentirlo per un’oretta, il tempo di uno spettacolo, o se solo cerchi di incasellarlo in un articolo di poche battute, niente niente e cominci anche tu a giocare con le parole e a cercare doppi e tripli sensi anche in preposizioni semplici.

Leggi tutto...
 
Nostro Signore dei carrelli. Ascanio Celestini al Corso con il nuovo spettacolo
di F. M.   
giovedì 04 febbraio 2016

laika.jpg«Oggi ci chiediamo chi sia e cosa sia Gesù, abbiamo bisogno di comprendere che tipo di domande ci farebbe lui a noi. E visto che la Chiesa non ci dà una risposta, cerchiamo di trovarla per conto nostro». Ascanio Celestini, uno degli interpreti più amati e apprezzati del teatro di narrazione, porta in scena Laika. In maniera grottesca e ironica interpreta un Gesù improbabile che dice di essere stato mandato molte volte nel mondo e che si confronta coi propri dubbi e paure.

 

Vive chiuso in un appartamento di qualche periferia. Dalla sua finestra vede il parcheggio di un supermercato e il barbone che di giorno chiede l’elemosina e di notte dorme tra i cartoni. Con Cristo c’è Pietro, la cui voce è di Alba Rohrwacher, che passa gran parte del tempo fuori di casa a operare nel mondo: fa la spesa, compra pezzi di ricambio per lo scaldabagno, si arrangia a fare piccoli lavori saltuari per guadagnare qualcosa.

Leggi tutto...
 
Da tenersi la pancia. A febbraio risate a crepapelle tra Teatro Toniolo e Corso
di Redazioneweb   
mercoledì 03 febbraio 2016

maurizio-battista3.jpgMAURIZIO BATTISTA


Allegro? Sì, sì... ma non troppo
Idolo del piccolo schermo, grazie a trasmissioni cult come Zelig, Maurizio Battista torna a calcare il palcoscenico dal vivo con Allegro? Sì, sì... ma non troppo, uno spettacolo che è un toccasana per chi soffre la negatività di questi tempi disgraziati. Le armi segrete del travolgente Battista sono l’ironia, lo sberleffo, la satira di costume e una serie di irresistibili battute, racchiuse in uno spettacolo semplice ed essenziale, divertente, comico, critico quanto basta a farci ridere di noi stessi, delle nostre debolezze, delle nostre cattiverie e ipocrisie. Ispirato alla Sinfonia n. 4 in mi minore di Brahms, lo spettacolo non segue un vero e proprio filo conduttore, ma è piuttosto un continuo divenire di idee, trovate geniali, storie e situazioni ideate ad hoc per spiazzare e divertire il pubblico rigorosamente… in “mi minore”!


5-6 febbraio h. 21, Teatro Toniolo-Mestre
www.culturaspettacolovenezia.it

Leggi tutto...
 
Magiche latitudini. Giovani compagnie a Ca’ Foscari tra classico e contemporaneo
di Filomena Spolaor   
giovedì 28 gennaio 2016

15-05-19313-1.jpgNon resta che affidarsi alla magia e allargare lo sguardo sui Paesaggi Teatrali della scena contemporanea del Teatro Ca’ Foscari. Primo cambio di visione in due serate di Carnevale, l’1 e il 2 febbraio, con Sogno di una notte di mezza estate per la regia di Stefano Pagin. L’incantesimo porta con sé verità, che è fonte di sofferenza e senso di colpa. La violenza si emana sopra ogni cosa. La gelosia di Oberon e Titania è la causa delle storture del mondo. Egeo si appella a una legge violenta. L’amore fra Ermia e Lisandro, sebbene puro, genera la crudeltà di Elena e Demetrio.

 

Ai comici è destinata la forca se la loro recita non dovesse essere gradita. Lo sbatter le ali di una farfalla può causare un uragano dall’altra parte del mondo? La traduzione di questa versione del Sogno è un regalo di Piermario Vescovo, docente di Ca’ Foscari e regista. Per differenziare i tre livelli linguistici di Shakespeare, presenti nella commedia, Vescovo ha scelto di tradurre in uno stratificato dialetto veneziano tutta la parte del mondo delle fate. Sua è anche la traduzione del livello degli amanti e della corte.

Leggi tutto...
 
Orgoglio e pregiudizio. I mille volti di Zingaretti conquistano il Toniolo
di Marzio Fabi   
venerdì 11 dicembre 2015

thepride1_ok.jpgSolo un grande attore come Luca Zingaretti, uno dei volti più noti al grande pubblico, può trovare la forza e il coraggio di sapersi staccare dal personaggio del commissario Montalbano che l’ha reso celebre nelle televisioni di tutto il mondo, per affrontare un ruolo più scomodo, giudicato ogni sera dagli applausi del pubblico nei teatri.

 

Al Toniolo di Mestre, dopo la pausa natalizia, dal 13 al 17 gennaio, il popolarissimo attore porta in scena The Pride, di cui è anche regista, del greco-britannico Alexi Kaye Campbell, con Valeria Milillo, Maurizio Lombardi e Alex Cendron. Zingaretti ha deciso di rappresentare uno spettacolo che mette al centro il tema delle scelte individuali, della libertà, dell’omosessualità: «Mi fa male leggere di ragazzini ghettizzati, insultati o picchiati, c’è uno scollamento fra il pensiero alto, anche delle istituzioni, e una omofobia strisciante. Io parlo di amore, di rapporti fra le persone, della voglia di stare insieme e condividere.

 

Sono rimasto folgorato dalla drammaturgia potente, nonostante gli amici mi dicessero che ero un pazzo. Mi ha convinto senza calcoli: non mi è venuto in mente che fosse un testo tematico o che portasse avanti una battaglia. Ognuno deve combattere la propria e io non volevo fare un manifesto politico. Anzi, le parti militanti sono quelle su cui metto meno gli accenti».

 

The Pride è un testo enigmatico costruito in maniera magistrale: due storie si svolgono in periodi di tempo lontani tra loro, il 1958 ed oggi: Londra 1958. È una serata speciale. Sylvia, una ex attrice reduce da un esaurimento nervoso, sta lavorando alle illustrazioni del libro di Oliver, uno scrittore per ragazzi. Non vede l’ora di presentarlo al marito Philip e quella sera, finalmente, usciranno a cena insieme.


Leggi tutto...
 
Lo sconcerto dei padri. Bisio porta in scena la genialità di Michele Serra
di Raffaele Avella   
venerdì 11 dicembre 2015

3claudio-bisio-con-father-and-son.jpgClaudio Bisio porta al Teatro Goldoni, dal 13 al 17 gennaio, Father and Son, attesissimo ritorno sulle scene dopo essere stato per anni al timone del programma televisivo cult Zelig e protagonista di film di successo come Benvenuti al Sud.

 

Father and Son è una pièce teatrale diretta da Giorgio Gallione e tratta da due libri di successo di Michele Serra, Breviario comico e soprattutto Gli sdraiati. Per chi non lo avesse letto, Gli sdraiati racconta in uno stile ironico ma a volte anche doloroso, l’assenza di confronto fra padri inconcludenti e nevrotici da una parte, e figli sprofondati nelle proprie felpe e sdraiati perennemente sui propri divani dall’altra.

 

Ragazzi che rifiutano e disprezzano il confronto con gli adulti e con il mondo, protetti dalle loro ‘protesi’ tecnologiche con cui formano un tutt’uno: auricolari, smartphone, iPod, televisione, divano.  Lo stesso registro beffardo e tenero, in bilico tra il comico e il tragico, permea anche Father and Son che vede un istrionico Claudio Bisio destreggiarsi tra monologhi interiori logorroici e invadenti in contrasto con l’assenza e il mutismo del figlio.

Leggi tutto...
 
Manifesto per una danza nuova
di Anna Trevisan   
giovedì 07 gennaio 2016

dance_for_health_italia_-2.jpgLa rivoluzione inizia danzando. “Non c’è giusto non c’è sbagliato”, ripetono come un mantra gli insegnanti durante le classi di danza. Perché ognuno danza con il proprio corpo, secondo le proprie possibilità. Ognuno è portatore di bellezza. Le lezioni di danza sono affollatissime di gente: adulti, famiglie con bambini, giovani e vecchi; parkinsoniani e semplici curiosi di passaggio. L’obiettivo è la danza, l’obiettivo è la gioia. L’armonia.

 

Dance for Health & Parkinson, oggi ribattezzata Dance Well, è un’avventura spericolata, e coraggiosa, iniziata nel 2013.

Leggi tutto...
 
Non ci resta che ridere. L'arte della leggerezza
di Chiara Sciascia   
mercoledì 02 dicembre 2015

sabina-guzzanti-ok.jpgCi troviamo in un momento storico difficile, funestato da accadimenti che stanno sconvolgendo il pianeta, ridisegnandone gli assetti, infrangendo equilibri secolari. «Il mondo ha sempre riso delle proprie tragedie, dato che questo è il solo modo di sopportarle…» scriveva Oscar Wilde nel 1893, e oggi non possiamo che convenire con lui, lasciandoci pervadere da un po’ di amenità e affrancandoci da quest’atmosfera opprimente senza troppi sensi di colpa.

 

Come di consueto, a venirci incontro in questa nostra piccola missione di “ricerca della felicità”– fossero anche due ore di risate soltanto – è l’arte e, più precisamente, sarà la verve comica del Teatro a tenere alto lo spirito. Tra Mestre e Venezia la programmazione di dicembre e gennaio è vasta e variegata e c’è solo l’imbarazzo della scelta.

 

Il Teatro Toniolo, con Comics&Dintorni, dopo una partenza clamorosa con Carlo&Giorgio, ci riprova il 3 dicembre con una coppia storica della comicità italiana, Gino & Michele, il duo più longevo del teatro comico che per il proprio quarantesimo compleanno riparte dagli esordi con il reading Passati col rosso, storico titolo del programma di Radio Popolare, in cui i due comici debuttarono nel 1976.

 

Tra citazioni da Cuore, Tango, dai testi scritti per Paolo Rossi e da quelli che resero celebre Smemoranda, Gino&Michele, in un esilarante excursus, percorrono la storia del nostro Paese, regalando al pubblico uno show unico, dall’impatto fortemente comico e sorprendentemente attuale.

 

Il 19 dicembre, il testimone passa nelle mani di un’eccellente Sabina Guzzanti che in Come ne venimmo fuori parla al pubblico da un futuro prossimo e felice in cui “Il secolo di merda” – sì, proprio quello che stiamo vivendo ora – si è finalmente concluso.

Leggi tutto...
 
Belle vere. Calendar Girls, quando le donne continuano a sorprendere
di Filomena Spolaor   
giovedì 07 gennaio 2016

angelafinocchiaro3-pha9giovannidesandre.jpgIl nudo di donne che non sono modelle da calendario Pirelli, ma donne con corpi veri e imperfetti. Donne che si spogliano serenamente per una buona causa, ma anche per divertirsi, per riconoscersi belle e seducenti. Con coraggio e ironia le Calendar Girls, per l’allegra regia di Cristina Pezzoli, si offrono allo sguardo della macchina fotografica e del pubblico del Toniolo, dal 22 al 24 gennaio.

 

Il testo è scritto da Tim Firth, tratto dall’omonimo film diretto da Nigel Cole, di cui Firth è autore e sceneggiatore. Nell’adattamento è mantenuta l’impostazione corale, con un ruolo da protagonista definito, quello di Chris, interpretata da Angela Finocchiaro. Ma nel fantastico cast ci sono anche Laura Curino, Ariella Reggio e Titino Carrara.

 

È una commedia di culto basata su un fatto realmente accaduto: un gruppo di donne di mezza età del Women’s Institute, associazione femminile legata alla Chiesa, si impegna in una raccolta fondi per salvare l’ospedale in cui è morto di leucemia il marito di una di loro.

 

 

Chris, stanca di vecchie e fallimentari iniziative di beneficenza, ha l’idea di fare un calendario diverso da tutti gli altri, e convince le amiche a posare nude. L’iniziativa fa scalpore e il calendario raccoglie oltre un milione di sterline e una straordinaria notorietà.

Leggi tutto...
 
Facciamola finita con le bugie… Vittoria Puccini è “Maggie la Gatta” sul palco del Toniolo
di Raffaele Avella   
giovedì 07 gennaio 2016

la-gattaok.jpgUn grande classico della cultura americana, secondo Premio Pulitzer nel 1955 per il drammaturgo statunitense Tennessee Williams (il primo nel 1948 gli fu assegnato per Un tram che si chiama desiderio), La gatta sul tetto che scotta è un testo straordinario che viene rappresentato al Teatro Toniolo dal 27 al 31 gennaio 2016. La pièce è famosa per la trasposizione cinematografica del regista Richard Brooks del 1958, con protagonisti Elizabeth Taylor e Paul Newman.

 

Oggi a vestire i panni di Margaret detta “Maggie la Gatta” e Brick Pollitt sono la bella e brava Vittoria Puccini e il celebre “Il Freddo” della serie tv Romanzo Criminale, Vinicio Marchioni, per la regia di Arturo Cirillo. Maggie e Brick portano avanti un matrimonio in bianco, senza sesso. Maggie, innamorata perdutamente del marito, ex sportivo attualmente infortunato, gli chiede, invano, di desiderarla.

 

Brick, invece, è piombato in uno stato depressivo, assorto nelle nebbie dell’alcol, da quando Skipper, suo ex compagno di squadra e con molta probabilità anche amante, si è suicidato perché innamorato di lui in una società che non li accetta.

Leggi tutto...
 
L’ossessione della rappresentazione. Rifici su Cechov tra teatro e mistero, verità e sogno
di Anna Trevisan   
venerdì 11 dicembre 2015

il-gabbiano-bg.jpg«Vorrei tanto essere nei vostri panni. Per sapere che cosa si prova ad essere uno scrittore brillante e importante. Che cosa si prova quando si è qualcuno? Che effetto vi fa essere famoso?» chiede il personaggio di Nina a quello di Trigorin nella celebre pièce di Čechov, Il gabbiano. E forse la risposta a questa domanda, frivola solo in apparenza, arriva qualche pagina dopo, in quello che è uno dei passi più simbolici del testo.

 

«Sulla riva di un lago fin da bambina vive una fanciulla, come potreste essere voi; ama il lago come un gabbiano, è felice e libera come un gabbiano – dice Trigorin a Nina – Ma un giorno arrivò un uomo, la vide e così, per ingannare il tempo, la uccise, come questo gabbiano».

 

Quell’uomo lascia intravedere in filigrana l’ombra della letteratura, un regno immortale dove chi scrive ha il potere del tutto arbitrario e incondizionato di catturare i propri personaggi, e di farli morire a piacere; dove chi scrive ha il potere di rappresentare la vita come meglio crede, e di controllarla, dove il lago e il gabbiano sono molto di più di un semplice lago e di un semplice gabbiano.

 

Ed è proprio la rappresentazione la chiave di lettura offerta da Carmelo Rifici nelle sue note di regia. «In Gabbiano tutti si rappresentano, anzi sono tutti ossessionati dalla rappresentazione […] Non a caso i protagonisti sono attori, scrittori, registi, e l’umanità che gira intorno a loro, fatta di contadini, di lavoratori, non sogna altro che di essere attori e scrittori». 

Leggi tutto...
 
Chi trova un tesoro… Il Teatrino Groggia riparte con una stagione di “cittadinanza teatrale”
di Chiara Sciascia   
giovedì 10 dicembre 2015

abbiati-lupinelli-foto_carezze2.jpgQualche tempo fa, Mattia Berto, Direttore artistico del Teatrino Groggia, nello svelarmi che anche quest’anno mpg.cultura sarebbe riuscita a presentare una stagione vera e propria, mi confessò che compiere l’impresa è stato un evento davvero miracoloso, e visto lo stato generale in cui versa l’economia culturale oggi, non fatichiamo a credergli. Ad ogni modo, eccoci, dalle pagine di questo numero bimestrale, a presentare la nuova stagione 2015/16 del Teatrino Groggia, con una certa gioia nel cuore e una rinnovata fiducia nelle istituzioni che, come la Municipalità di Venezia Murano Burano, si adoperano affinché queste preziosissime realtà non soccombano, schiacciate dalla crisi e da tagli ignoranti.

 

Il titolo della rassegna Caccia al tesoro fa riferimento a un ‘tesoro’ inestimabile fatto di persone, cittadini, artisti, politici, bambini, intere generazioni che in questi anni hanno collaborato, seguendo una vocazione, per restituire vita al Teatrino, oggi spazio di condivisione e coesione sociale in grado di donare nuova linfa vitale a una città che forse mai più di ora ne ha avuto bisogno.

Leggi tutto...
 
Oltre i confini. A Santa Marta i Paesaggi teatrali di Ca’ Foscari
di C.S.   
martedì 01 dicembre 2015
uominietopi_dsc_0092c2a9giuliagattere.jpgIn un momento storico particolarmente difficile, in cui il mondo riscopre e tende a trincerarsi dietro il concetto di “confine”, il Teatro universitario di Ca’ Foscari propone una rassegna che parte dall’idea di “limite”, la ‘linea rossa’ che è vietato, ma allo stesso tempo necessario oltrepassare, alla ricerca di nuove possibili congiunzioni, contaminazioni e sconfinamenti che caratterizzano l’attuale scena teatrale, in cui urge un cambio di visione. Il teatro s’interroga sulla società, sviscera la realtà con sguardo critico e si apre a infinite possibilità, infrangendo soprattutto i confini tra discipline.
Leggi tutto...
 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 Pross. > Fine >>

Risultati 211 - 280 di 437

:agenda teatro

    19|01|2019
  • LA BISBETICA DOMATA
    Teatro Goldoni h. 19
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    di William Shakespeare Adattamento e traduzione di Angela Demattè Regia di Andrea Chiodi con Angelo Di Genio, Ugo Fiore, Tindaro Granata,...

  • NON MI HAI PIÙ DETTO TI AMO
    Teatro Toniolo - Mestre h. 19.30
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    Scritto e diretto da Gabriele Pignotta con Lorella Cuccarini e Giampiero Ingrassia

  • 20|01|2019
  • LA BISBETICA DOMATA
    Teatro Goldoni h. 16
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    di William Shakespeare Adattamento e traduzione di Angela Demattè Regia di Andrea Chiodi con Angelo Di Genio, Ugo Fiore, Tindaro Granata,...

  • NON MI HAI PIÙ DETTO TI AMO
    Teatro Toniolo - Mestre h. 16.30
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    Scritto e diretto da Gabriele Pignotta con Lorella Cuccarini e Giampiero Ingrassia

  • 23|01|2019
  • IL PENITENTE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 19.30
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di David Mamet Traduzione e regia di Luca Barbareschi con Lunetta Savino e Luca Barbareschi

  • 24|01|2019
  • IL PENITENTE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 21
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di David Mamet Traduzione e regia di Luca Barbareschi con Lunetta Savino e Luca Barbareschi

  • 31|01|2019
  • TEMPO DI CHET. LA VERSIONE DI CHET BAKER
    Teatro Goldoni h. 20.30
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    di Leo Muscato e Laura Perini Regia di Leo Muscato Musiche originali di Paolo Fresu con Paolo Fresu (tromba), Dino Rubino (piano), Marco Bardoscia...

  • 01|02|2019
  • TEMPO DI CHET. LA VERSIONE DI CHET BAKER
    Teatro Goldoni h. 20.30
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    di Leo Muscato e Laura Perini Regia di Leo Muscato Musiche originali di Paolo Fresu con Paolo Fresu (tromba), Dino Rubino (piano), Marco Bardoscia...

  • 02|02|2019
  • TEMPO DI CHET. LA VERSIONE DI CHET BAKER
    Teatro Goldoni h. 19
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    di Leo Muscato e Laura Perini Regia di Leo Muscato Musiche originali di Paolo Fresu con Paolo Fresu (tromba), Dino Rubino (piano), Marco...

  • #HASHTAG 2.0
    Teatro Toniolo - Mestre h. 21
    "Io Sono Danza"
    Direzione artistica e coreografia di Riyad Fghani Produzione di Association Qui fait ça? con Pockemon Crew

  • 03|02|2019
  • TEMPO DI CHET. LA VERSIONE DI CHET BAKER
    Teatro Goldoni h. 16
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    di Leo Muscato e Laura Perini Regia di Leo Muscato Musiche originali di Paolo Fresu con Paolo Fresu (tromba), Dino Rubino (piano), Marco Bardoscia...

  • 06|02|2019
  • DON CHISCIOTTE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 19.30
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    adattamento di Francesco Niccolini dal romanzo di Miguel de Cervantes Saavedra Regia di Alessio Boni, Roberto Aldorasi e Marcello Prayer con...

  • 07|02|2019
  • PICCOLI CRIMINI CONIUGALI
    Teatro Goldoni h. 20.30
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    di Éric-Emmanuel Schmitt Adattamento e regia di Michele Placido con Michele Placido e Anna Bonaiuto

  • DON CHISCIOTTE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 21
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    adattamento di Francesco Niccolini dal romanzo di Miguel de Cervantes Saavedra Regia di Alessio Boni, Roberto Aldorasi e Marcello Prayer con...

  • 08|02|2019
  • PICCOLI CRIMINI CONIUGALI
    Teatro Goldoni h. 20.30
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    di Éric-Emmanuel Schmitt Adattamento e regia di Michele Placido con Michele Placido e Anna Bonaiuto

  • DON CHISCIOTTE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 21
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    adattamento di Francesco Niccolini dal romanzo di Miguel de Cervantes Saavedra Regia di Alessio Boni, Roberto Aldorasi e Marcello Prayer con...

  • 09|02|2019
  • PICCOLI CRIMINI CONIUGALI
    Teatro Goldoni h. 19
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    di Éric-Emmanuel Schmitt Adattamento e regia di Michele Placido con Michele Placido e Anna Bonaiuto

  • DON CHISCIOTTE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 19.30
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    adattamento di Francesco Niccolini dal romanzo di Miguel de Cervantes Saavedra Regia di Alessio Boni, Roberto Aldorasi e Marcello Prayer con...

  • 10|02|2019
  • PICCOLI CRIMINI CONIUGALI
    Teatro Goldoni h. 16
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    di Éric-Emmanuel Schmitt Adattamento e regia di Michele Placido con Michele Placido e Anna Bonaiuto

  • DON CHISCIOTTE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 16.30
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    adattamento di Francesco Niccolini dal romanzo di Miguel de Cervantes Saavedra Regia di Alessio Boni, Roberto Aldorasi e Marcello Prayer con...

  • 15|02|2019
  • LE SIGNORINE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 21
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di Gianni Clementi Regia di Pierpaolo Sepe con Isa Danieli e Giuliana De Sio

  • 16|02|2019
  • LE SIGNORINE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 19.30
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di Gianni Clementi Regia di Pierpaolo Sepe con Isa Danieli e Giuliana De Sio

  • 17|02|2019
  • LE SIGNORINE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 16.30
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di Gianni Clementi Regia di Pierpaolo Sepe con Isa Danieli e Giuliana De Sio

  • 19|02|2019
  • LA NOTTE POCO PRIMA DELLE FORESTE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 21 (fuori abbonamento)
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di Bernard-Marie Koltès Adattamento di Pierfrancesco Favino Regia Lorenzo Gioielli con Pierfrancesco Favino

  • 20|02|2019
  • LA NOTTE POCO PRIMA DELLE FORESTE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 19.30
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di Bernard-Marie Koltès Adattamento di Pierfrancesco Favino Regia Lorenzo Gioielli con Pierfrancesco Favino

  • 21|02|2019
  • SENTO LA TERRA GIRARE
    Teatro Goldoni h. 20.30
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    di Teresa Mannino e Giovanna Donini Diretto e interpretato da Teresa Mannino

  • LA NOTTE POCO PRIMA DELLE FORESTE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 21
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di Bernard-Marie Koltès Adattamento di Pierfrancesco Favino Regia Lorenzo Gioielli con Pierfrancesco Favino

  • 22|02|2019
  • SENTO LA TERRA GIRARE
    Teatro Goldoni h. 20.30
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    di Teresa Mannino e Giovanna Donini Diretto e interpretato da Teresa Mannino

  • LA NOTTE POCO PRIMA DELLE FORESTE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 21
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di Bernard-Marie Koltès Adattamento di Pierfrancesco Favino Regia Lorenzo Gioielli con Pierfrancesco Favino

  • 23|02|2019
  • SENTO LA TERRA GIRARE
    Teatro Goldoni h. 19
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    di Teresa Mannino e Giovanna Donini Diretto e interpretato da Teresa Mannino

  • LA NOTTE POCO PRIMA DELLE FORESTE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 19.30
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di Bernard-Marie Koltès Adattamento di Pierfrancesco Favino Regia Lorenzo Gioielli con Pierfrancesco Favino

  • 24|02|2019
  • SENTO LA TERRA GIRARE
    Teatro Goldoni h. 16
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    di Teresa Mannino e Giovanna Donini Diretto e interpretato da Teresa Mannino

  • LA NOTTE POCO PRIMA DELLE FORESTE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 16.30
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di Bernard-Marie Koltès Adattamento di Pierfrancesco Favino Regia Lorenzo Gioielli con Pierfrancesco Favino

  • 27|02|2019
  • CHURCHILL
    Teatro Toniolo - Mestre h. 19.30
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di Carlo G. Gabardini Regia di Paola Rota con Giuseppe Battiston e Maria Roveran

  • 28|02|2019
  • CHURCHILL
    Teatro Toniolo - Mestre h. 21
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di Carlo G. Gabardini Regia di Paola Rota con Giuseppe Battiston e Maria Roveran

  • 02|03|2019
  • SMASHED
    Teatro Toniolo - Mestre h. 21
    "Io Sono Danza"
    Direzione artistica di Sean Gandini, Kati Yla-Hokkala con Gandini Juggling

  • 06|03|2019
  • NEL TEMPO DEGLI DEI. IL CALZOLAIO DI ULISSE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 19.30
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di Marco Paolini e Francesco Niccolini Regia Gabriele Vacis con Marco Paolini

  • 07|03|2019
  • NEL TEMPO DEGLI DEI. IL CALZOLAIO DI ULISSE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 21
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di Marco Paolini e Francesco Niccolini Regia Gabriele Vacis con Marco Paolini

  • 08|03|2019
  • NEL TEMPO DEGLI DEI. IL CALZOLAIO DI ULISSE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 21
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di Marco Paolini e Francesco Niccolini Regia Gabriele Vacis con Marco Paolini

  • 09|03|2019
  • NEL TEMPO DEGLI DEI. IL CALZOLAIO DI ULISSE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 19.30
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di Marco Paolini e Francesco Niccolini Regia Gabriele Vacis con Marco Paolini

  • 10|03|2019
  • NEL TEMPO DEGLI DEI. IL CALZOLAIO DI ULISSE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 16.30
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di Marco Paolini e Francesco Niccolini Regia Gabriele Vacis con Marco Paolini

  • 13|03|2019
  • DR. NEST
    Teatro Toniolo - Mestre h. 19.30
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    un’opera di F. Baumgarten, A. Kistel, B. Leese, B. Reber, H. Schüler, M. Suethoff e M. Vogel Regia di Hajo Schüler Produzione di...

  • 14|03|2019
  • ROMEO E GIULIETTA. L'AMORE È SALTIMBANCO
    Teatro Goldoni h. 20.30
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    Soggetto originale e regia di Marco Zoppello con Anna De Franceschi, Michele Mori e Marco Zoppello

  • DR. NEST
    Teatro Toniolo - Mestre h. 21
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    un’opera di F. Baumgarten, A. Kistel, B. Leese, B. Reber, H. Schüler, M. Suethoff e M. Vogel Regia di Hajo Schüler Produzione di...

  • 15|03|2019
  • ROMEO E GIULIETTA. L'AMORE È SALTIMBANCO
    Teatro Goldoni h. 20.30
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    Soggetto originale e regia di Marco Zoppello con Anna De Franceschi, Michele Mori e Marco Zoppello

  • 16|03|2019
  • ROMEO E GIULIETTA. L'AMORE È SALTIMBANCO
    Teatro Goldoni h. 19
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    Soggetto originale e regia di Marco Zoppello con Anna De Franceschi, Michele Mori e Marco Zoppello

  • 17|03|2019
  • ROMEO E GIULIETTA. L'AMORE È SALTIMBANCO
    Teatro Goldoni h. 16
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    Soggetto originale e regia di Marco Zoppello con Anna De Franceschi, Michele Mori e Marco Zoppello

  • 21|03|2019
  • NIGHT BAR. IL CALAPRANZI, TESS, L'ULTIMO AD ANDARSENE, NIGHT
    Teatro Goldoni h. 20.30
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    di Harold Pinter Traduzione di Alessandra Serra Regia di Valerio Binasco con Nicola Pannelli, Sergio Romano, Arianna Scommegna

  • 22|03|2019
  • NIGHT BAR. IL CALAPRANZI, TESS, L'ULTIMO AD ANDARSENE, NIGHT
    Teatro Goldoni h. 20.30
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    di Harold Pinter Traduzione di Alessandra Serra Regia di Valerio Binasco con Nicola Pannelli, Sergio Romano, Arianna Scommegna

  • SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 21
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di William Shakespeare Regia di Massimo Bruno con Stefano Fresi, Violante Placido e Paolo Ruffini

  • 23|03|2019
  • NIGHT BAR. IL CALAPRANZI, TESS, L'ULTIMO AD ANDARSENE, NIGHT
    Teatro Goldoni h. 19
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    di Harold Pinter Traduzione di Alessandra Serra Regia di Valerio Binasco con Nicola Pannelli, Sergio Romano, Arianna Scommegna

  • SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 19.30
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di William Shakespeare Regia di Massimo Bruno con Stefano Fresi, Violante Placido e Paolo Ruffini

  • 24|03|2019
  • NIGHT BAR. IL CALAPRANZI, TESS, L'ULTIMO AD ANDARSENE, NIGHT
    Teatro Goldoni h. 16
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    di Harold Pinter Traduzione di Alessandra Serra Regia di Valerio Binasco con Nicola Pannelli, Sergio Romano, Arianna Scommegna

  • SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE
    Teatro Toniolo - Mestre h. 16.30
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di William Shakespeare Regia di Massimo Bruno con Stefano Fresi, Violante Placido e Paolo Ruffini

  • 04|04|2019
  • L'IMPORTANZA DI CHIAMARSI ERNESTO
    Teatro Toniolo - Mestre h. 21
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di Oscar Wilde Regia, scene e costumi di Ferdinando Bruni e Francesco Frongia Produzione di Teatro dell'Elfo

  • 05|04|2019
  • L'IMPORTANZA DI CHIAMARSI ERNESTO
    Teatro Toniolo - Mestre h. 21
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di Oscar Wilde Regia, scene e costumi di Ferdinando Bruni e Francesco Frongia Produzione di Teatro dell'Elfo

  • 06|04|2019
  • L'IMPORTANZA DI CHIAMARSI ERNESTO
    Teatro Toniolo - Mestre h. 19.30
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di Oscar Wilde Regia, scene e costumi di Ferdinando Bruni e Francesco Frongia Produzione di Teatro dell'Elfo

  • 07|04|2019
  • L'IMPORTANZA DI CHIAMARSI ERNESTO
    Teatro Toniolo - Mestre h. 16.30
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    di Oscar Wilde Regia, scene e costumi di Ferdinando Bruni e Francesco Frongia Produzione di Teatro dell'Elfo

  • 11|04|2019
  • LA CASA NOVA
    Teatro Goldoni h. 20.30
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    di Carlo Goldoni Regia di Giuseppe Emiliani con la Compagnia Giovani del Teatro Stabile del Veneto

  • 12|04|2019
  • LA CASA NOVA
    Teatro Goldoni h. 20.30
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    di Carlo Goldoni Regia di Giuseppe Emiliani con la Compagnia Giovani del Teatro Stabile del Veneto

  • SI NOTA ALL'IMBRUNIRE (SOLITUDINE DA PAESE SPOPOLATO)
    Teatro Toniolo - Mestre h. 21
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    Testo e regia di Lucia Calamaro con Silvio Orlando

  • 13|04|2019
  • LA CASA NOVA
    Teatro Goldoni h. 19
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    di Carlo Goldoni Regia di Giuseppe Emiliani con la Compagnia Giovani del Teatro Stabile del Veneto

  • SI NOTA ALL'IMBRUNIRE (SOLITUDINE DA PAESE SPOPOLATO)
    Teatro Toniolo - Mestre h. 19.30
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    Testo e regia di Lucia Calamaro con Silvio Orlando

  • 14|04|2019
  • LA CASA NOVA
    Teatro Goldoni h. 16
    "Stagione di Prosa 2018/19"
    di Carlo Goldoni Regia di Giuseppe Emiliani con la Compagnia Giovani del Teatro Stabile del Veneto

  • SI NOTA ALL'IMBRUNIRE (SOLITUDINE DA PAESE SPOPOLATO)
    Teatro Toniolo - Mestre h. 16.30
    "Io Sono Teatro 2018/19"
    Testo e regia di Lucia Calamaro con Silvio Orlando

  • 16|04|2019
  • CARMEN.MAQUIA
    Teatro Toniolo - Mestre h. 21
    "Io Sono Danza"
    Direzione artistica e coreografia di Gustavo Ramírez Sansano con Titoyaya Dansa