VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow CLASSICAL
CLASSICAL
Luogo di nascita. Romantico e barocco abitano qui
di Redazioneweb2   
venerdì 28 febbraio 2014
michelebenuzzi.jpgLo storico Palazzo Grimani non è solo uno spazio particolarmente adatto alla musica dal punto di vista architettonico e acustico, ma è anche un luogo che ha svolto un ruolo di cruciale importanza per la storia della musica in generale e di quella veneziana in particolare. I Grimani di Santa Maria Formosa furono fra i primi, nel Seicento, a dedicare un teatro all’opera pubblica, il Santi Giovanni e Paolo, salvo poi dedicarsi alla costruzione del più sontuoso dei teatri veneziani, il San Giovanni Grisostomo.
Leggi tutto...
 
Modulazioni di frequenza. Canoni declinati al Bru Zane
di Marta Fontana   
venerdì 28 febbraio 2014

bizjak.jpg

 

Il variegato programma del marzo di Palazzetto Bru Zane si apre lunedì 3, alle 20, per festeggiare in musica il Carnevale 2014 con un recital per pianoforte. Protagonista della serata il giovane talento Guillaume Vincent. Venerdì 7, Lidija e Sanja Bizjak anticipano la Festa della Donna ripercorrendo al pianoforte, a quattro mani, la storia delle compositrici romantiche a lungo nascoste.

 

Se pur l’apprendimento della musica fosse parte integrante dell’educazione femminile ottocentesca, sarà infatti solo dopo la metà del secolo che le donne verranno riconosciute per il loro talento ed ammesse al Conservatorio. Cécile Chaminade, Mélanie Bonis e Marie Jaëll, capofila di una generazione che iniziava ad emanciparsi, furono alla testa di un corpus successivo, variato nei generi ed armonicamente ricco.

Leggi tutto...
 
Sbalzi di tono. Grandi solisti e grandi ensemble
di Alberto Massarotto   
venerdì 28 febbraio 2014

andrsschiff.jpgLa musica di Ludwig van Beethoven costituisce il fil rouge che collega i due concerti di marzo della Stagione da camera organizzata dalla Società Veneziana Concerti. Gli squarci di luce del Tintoretto alla Scuola Grande di San Rocco incontrano il pensiero interpretativo di András Schiff, filtrato attraverso le ultime tre Sonate per pianoforte del compositore tedesco.

 

Forte di una serie di applauditissime esecuzioni del ciclo integrale, in cui i concerti venivano per l’occasione ulteriormente arricchiti da incontri anticipatori delle caratteristiche fondamentali di ogni singola opera, per l’appuntamento veneziano il pianista ungherese ha scelto di ripercorrere i passi di quel rinnovamento formale accolto all’interno dei brani pianistici scritti nei primi anni dell’Ottocento, parallelamente agli elaboratissimi accostamenti timbrici che si sono rivelati capaci di espandere sorprendentemente la gamma sonora dello strumento.

Leggi tutto...
 
Il cinema è donna. Una Salomè di sguardo e ascolto
di Mauro Masiero   
lunedì 03 marzo 2014

salom.jpg

 

Il 7 marzo a Palazzo Franchetti, sede dell'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, avrà luogo la proiezione di Salomè, film del 1923 di Charles Bryant. L'evento nasce da un'idea di Roberta Reeder, direttrice artistica dell'Associazione Musica Venezia ed è curato da Carlo Montanaro, presidente dell'associazione italiana per le ricerche di storia del cinema, nell'ambito delle celebrazioni per il Mese della Donna. La proiezione verrà accompagnata al pianoforte da Rossella Spinosa, con musiche da lei composte per l'occasione.

 

Il film è un dichiarato omaggio all'omonima pièce di Oscar Wilde e alle celebri illustrazioni che ne fece Oudrey Beardsley, rese vive e animate dall'opera di due artiste quale Alla Nazimova e Natacha Rembova. Alla Nazimova, russa naturalizzata statunitense, non è solo la protagonista del film, ma ne è anche la produttrice: si tratta infatti di una pellicola indipendente, estranea allo strapotere delle majors.

 

La grande libertà assicurata dalla Nazimova Productions consentì una notevole possibilità di sperimentazione: innovativi e raffinatissimi, infatti, sono i costumi e le scenografie di Natacha Rembova – curatrice d'immagine e seconda moglie di Rodolfo Valentino – basati sulle illustrazioni di Beardsley; Rembova fu un'artista e una donna di cultura a tutto tondo, ballerina e attrice a sua volta, oltre che antiquaria ed egittologa. Innovativa e, per l'epoca, motivo di scandalo e d'insuccesso nelle sale, fu anche la scelta di rendere visibilità e omaggio alla comunità omosessuale alla moda che entrambe le artiste frequentavano.

Leggi tutto...
 
La voce delle immagini. Musica e arte a Palazzo Labia
di Mauro Masiero   
lunedì 24 febbraio 2014

ree13_labia_affresco.jpgIn occasione del Mese della Donna in programma a Palazzo Labia due serate dedicate al barocco  italiano, dapprima con brani della veneziana Barbara Strozzi, successivamente con tre autori che misero in musica le gesta di una grandiosa figura femminile, Cleopatra.
Quella di tenere concerti nella sontuosa sala affrescata dal Tiepolo era una tradizione consolidata di cui qualcuno ancora serba memoria; la Dott.ssa Roberta Reeder, direttrice artistica dell'Associazione Musica Venezia, è fermamente intenzionata a riportarla in auge e, grazie alla collaborazione dell'assessore alla cittadinanza delle donne Tiziana Agostini e alla presidentessa del Centro Donne di Mestre Gabriela Camozzi, questo proposito è stato trasformato in concreta realtà.

 

Il 5 marzo ecco un concerto dedicato a Barbara Strozzi, compositrice che non ebbe una formazione musicale rigorosa ma crebbe in un ambiente colto e raffinato nella famiglia adottiva del giurista Giulio Strozzi, venendo a contatto con compositori di spicco. Lo stile cui si rifà è quello della monteverdiana Seconda Prattica, che predilige la purezza della linea melodica alla complessità della polifonia.

 

Giocando con tempi binari e ternari, sfruttando colorature libere alternate a passaggi più misurati, riesce a conferire ora tensione drammatica, ora estatico struggimento amoroso con notevole forza espressiva. Arie e duetti sono eseguiti dalla contralto Giovanna Dissera Bragadin, dalla soprano Elena Bertuzzi, Fernando De Luca al cembalo e Michele Cinquino alla tiorba.


Leggi tutto...
 
Tra le pieghe. Escursioni in territorio classico
di D.C.   
venerdì 28 febbraio 2014

francescadego.jpgStoricamente associata ai grandi nomi dell’improvvisazione contemporanea, con concerti su tutto il territorio nazionale ed eventi entrati di diritto nella storia della musica di genere, Veneto Jazz si conferma organismo culturale senza preclusioni non disdegnando in alcun modo ‘divagazioni’ classiche, con occhio attento alle più influenti personalità del panorama sinfonico italiano e internazionale. Supportata dalla Regione Veneto e dal Ministero delle Attività e dei Beni Culturali, l’ente nato nel 1988 si è affermato come uno dei promotori più qualificati fra i festival italiani, con una produzione di alta qualità e una serie di eventi che garantiscono sempre una massiccia copertura mediatica.

 

Ogni polo culturale che si rispetti, poi, deve fare della collaborazione con le Associazioni locali un proprio punto di forza, quel ‘fare rete’ perennemente invocato ma altrettanto spesso smentito nei fatti; si legge sotto quest’ottica la rassegna Acque Altr3, in programma all’Auditorium San Nicolò di Chioggia, manifestazione organizzata dall’Associazione Lirico Musicale Clodiense in collaborazione con Veneto Jazz che invita in laguna, rispettivamente il 6 e 14 marzo, Francesca Dego accompagnata da Domenico Nordio e i Fiati dell’Orchestra di Padova e del Veneto, per una vera e propria ‘collaborazione nella collaborazione’ tra l’Associazione Musicale e la celebre formazione padovana nata nel lontano 1966.

Leggi tutto...
 
In corso d’Opera. Fenice, vetrina metropolitana
di Martina Buran   
mercoledì 29 gennaio 2014

traviata_4.jpgIl mese di febbraio al Teatro La Fenice si apre con l’ultima recita dell’opera seria in due atti La clemenza di Tito di Wolfgang Amadeus Mozart, fatica del genio salisburghese musicata su libretto di Caterino Mazzolà, a sua volta basato su un melodramma del 1734 di Pietro Metastasio. L’opera, scritta per l’incoronazione di Leopoldo II d’Asburgo a re di Boemia (in diciotto giorni, secondo le testimonianze dell’epoca), ebbe un’accoglienza piuttosto fredda da parte del pubblico, ma le numerose trascrizioni di inizio Ottocento sono testimoni di un interesse che invece fu costante. L’opera da metà del XIX secolo cadde pian piano nell’oblio, che coprì molta della produzione seria del Settecento, per poi ridestare, giustamente, un certo interesse in epoca contemporanea.

 

Lo spettacolo, protagonista nel teatro veneziano sotto la sapiente direzione di Ottavio Dantone, è quello del Teatro Real di Madrid, che riprende l’allestimento dei coniugi Ursel e Karl-Ernst Herrmann.

 

Seppur inaugurata nel 1982 al Teatro La Monnaie di Bruxelles, tale messa in scena non ha perso né valore né bellezza nell’atemporalità che emana, nell’estetica algida, nell’uso dei colori e dei dettagli che è rimasto invariato.

Leggi tutto...
 
Ci vuole orecchio. Preziose occasioni d’ascolto
di Alberto Massarotto   
giovedì 30 gennaio 2014

ceysson.jpgSe si è pronti ad incorrere nel rischio di dedicare un ascolto a brani poco conosciuti o addirittura dimenticati, il Centre de musique romantique française del Palazzetto Bru Zane di Venezia ne rafforza il tiro. Per chi è solito pensare ai loro concerti come a una sorta di avventura nell’inconscio musicale del periodo romantico francese, i due appuntamenti che si profilano per il mese di febbraio accostano all’audace scelta musicale una spiccatissima originalità esecutiva.
È infatti totalmente dedicato all’arpa romantica l’appuntamento di giovedì 6 febbraio.

 

Forte del titolo per esser il primo arpista ad aver vinto tre dei principali concorsi internazionali, il giovane Emmanuel Ceysson si propone di far assaporare una manciata di composizioni originali dedicate al suo strumento, che difficilmente ci è permesso ascoltare in manifestazioni concertistiche. Se nel lento incedere che fa da introduzione all’Impromptu-caprice di Gabriel Pierné si cela il suo movimento rapsodico, la Légende di Henriette Renié ne raccoglie e amplifica il tratto distintivo.

Leggi tutto...
 
Eterni ritorni. Fantasia, intuizione, prontezza di esecuzione
di Alberto Massarotto   
giovedì 30 gennaio 2014

diegomatheuz.jpg

 

A volte può succedere che una parte del repertorio storico venga diffuso attraverso la propria rivisitazione. Tanto meglio, poi, se a rimaneggiarlo sono state illustri firme del panorama musicale. Il Teatro Toniolo di Mestre dedica loro uno spazio particolare nel mese di febbraio con il giovane direttore Diego Matheuz, accompagnato dall’Orchestra del Teatro la Fenice, impegnato a farci riscoprire le Quattro versioni originali della ritirata notturna di Madrid di Luigi Boccherini, sovrapposte e trascritte per orchestra da Luciano Berio.

 

L’interpretazione orchestrale della Passacaglia per organo in do minore di Johann Sebastian Bach, a cura della preziosa maestria timbrica di Ottorino Respighi, fa seguire l’acuta orchestrazione della Passacaglia di Webern che, se da un lato sancisce la fine del suo percorso accademico, dall’altro apre alla riconsiderazione della forma antica in chiave del tutto originale. Sebbene non si tratti di un brano riadattato, la Sinfonia “Tragica” di Schubert ne completa il quadro poiché fu rinvenuta solamente vent’anni dopo la morte del suo autore.

Leggi tutto...
 
Un giusto mix. Tre, classico numero perfetto
di Daniele Pennacchi   
giovedì 30 gennaio 2014

trio-brancusi.jpgIn collaborazione con VELA, Gruppo AMA e Ateneo Veneto, l’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia presenta il Trio Brâncuși, ossia il violino di Satènik Khourdoian, il violoncello di Laura Buruiană e il pianoforte di Mara Dobresco.

 

Titolare di un bagaglio di esperienza che sembra stridere con la giovanissima età delle componenti, il Trio vanta il primato mondiale di esecuzione dell’integrale del Trio per pianoforte, violino e violoncello di George Enescu, registrato nel 2011 per l’etichetta francese ZigZag Outhere Music.

Leggi tutto...
 
La versione di Sonig. Bartòk e Bach secondo Tchakerian
di Arianna Ceschin   
giovedì 30 gennaio 2014

sonigtchakerian.jpgTalento e passione sono le qualità di Sonig Tchakerian, violinista di origini armene, impegnata ne Le Ciaccone di Bartòk e Bach il 9 febbraio prossimo alla Fenice. Sonig scopre molto presto l’amore per la musica, dedicandosi completamente allo studio del violino sotto la guida del padre e dimostrando da subito un talento fuori dal comune.

 

Il diploma arriva a soli 16 anni, punto di partenza di una sfavillante carriera che la porta ad esibirsi in tutto il mondo, calcando i palcoscenici di prestigiosi teatri nazionali e internazionali, quali Verona, Milano, Londra e Monaco. Predilige le musiche di Bach, Beethoven, Schumann, Schubert, Debussy, Ravel ed è una dei pochi violinisti ad eseguire dal vivo l’integrale dei Capricci di Paganini.

Leggi tutto...
 
Esplorazioni sonore. Un Pollini da grandi interpreti
di Anna Barina   
giovedì 30 gennaio 2014

berner.jpg

 

Punto di riferimento per la musica classica a Padova, l’Auditorium Pollini propone anche a febbraio un’offerta accattivante. Ad aprire gli appuntamenti del mese è, il 4, la Stagione Concertistica degli Amici della Musica con un concerto dedicato al clavicembalo. Protagonista, al suo debutto a Padova, la francese Béatrice Martin, vincitrice del Primo Premio al Concorso Internazionale di Clavicembalo di Bruges nel 1998 e affermata solista e continuista, con un programma dedicato al 250° anniversario della morte di Jean-Philippe Rameau, con incursioni in lavori di Frescobaldi, Bach e Scarlatti.

 

Il concerto di martedì 11 prende ispirazione dal Lied di Schubert sul testo di Goethe Willkommen und Abschied D 76, porto di partenza per un viaggio che esplora la produzione per voce e pianoforte del compositore tedesco in compagnia del tenore Werner Güra e del pianista Christoph Berner. Gli ultimi due appuntamenti di febbraio degli Amici della Musica, mercoledì 19 e 26, sono invece dedicati alla formazione di trio.

Leggi tutto...
 
Arco in trionfo. A Padova il violino di De Meis
di Daniele Pennacchi   
giovedì 30 gennaio 2014

albertodemeis.jpgAbituato probabilmente più a riff poderosi o batterie indiavolate che non a virtuosismi di archetto, il Gran Teatro Geox fa più che volentieri un’eccezione, allontanandosi solo momentaneamente dall’universo pop per un recital di violino e pianoforte in compagnia di Alberto De Meis, tra i migliori violinisti del panorama italiano e internazionale.

 

Proveniente da studi classici compiuti al Mozarteum di Salisburgo e seguito dai Maestri Ricci e Kienzi, Alberto De Meis inizia una carriera concertistica che lo porterà negli anni ad esibirsi negli Stati Uniti per la first lady Hillary Clinton nella famosa Russian Tea Room di New York, per poi essere invitato dall’attore Anthony Hopkins a tenere un concerto privato.

Leggi tutto...
 
Romanzo musicale. Beethoven e Chopin, ballate al Comunale
di Davide Carbone   
giovedì 30 gennaio 2014

ingolfwunder.jpgIn principio fu il violino. Il primo amore di Ingolf Wunder fu infatti proprio questo strumento, incontrato all’età di quattro anni e approccio iniziale all’universo musicale in cui egli dimostrò subito di sentirsi a completo agio.

 

Successivamente venne il pianoforte. E fu chiaro fin da subito come il giovane artista austriaco avesse trovato il compagno di viaggio ideale, lo strumento capace di farsi tramite delle proprie emozioni e dei propri tormenti, il vestito che calza a pennello, il completamento del proprio orizzonte espressivo. Vincitore del secondo premio al Concorso Pianistico Internazionale Chopin di Varsavia nel 2010, il ventottenne Ingolf ha visto il proprio talento celebrato sui più grandi palcoscenici del mondo, accompagnato da autentiche istituzioni, quali la Sinfonieorchester di Francoforte o i Wiener Symphoniker.

Leggi tutto...
 
Audio gallery. Sensibilità musicali a confronto
di Martina Buran   
martedì 03 dicembre 2013

eliasstringquartet.jpgIl Palazzetto Bru Zane Centre de musique romantique française, fin dalla sua apertura nel 2009 ha avuto come vocazione la riscoperta del patrimonio musicale francese del grande ‘800 (1780-1920) attraverso la ricerca e l’editoria, la programmazione e la diffusione internazionale di concerti e il sostegno alla registrazione discografica. L’attuale quinta Stagione è l’occasione per proseguire un’avventura artistica ricca di esplorazioni inedite e inattese, alla riscoperta di un Romanticismo musicale ancora poco conosciuto. Gli appuntamenti che ci aspettano, nei mesi di dicembre e gennaio, vedono assoluto protagonista il quartetto d’archi, con le sue sonorità calde e avvolgenti.

 

Il 7 dicembre i musicisti della Wiener Philharmoniker eseguono il Quartetto per archi n. 6 di Théodore Gouvy e il Quartetto per archi op. 44 n. 1 di Felix Mendelssohn. Entrambi i compositori scrivono i due pezzi in seno ad un’estetica comune, fine ed elegante, fatta di una costruzione formale chiara, lontano dagli eccessi romantici radicali, affidandosi a questo genere per reinventare il Classicismo.

 

Il 19 dicembre ecco l’Elias String Quartet impegnarsi in un programma che spazia da Claude Debussy (Danse sacrée et Danse profane) a Florent Schmitt (Andante et Scherzo), per arrivare ad André Caplet (Conte fantastique) in una costante ricerca di nuovi colori e di nuove tessiture di suoni, caratteristica tipica della modernità francese che fiorisce all’inizio del Novecento.

Leggi tutto...
 
Colonna sonora. Fenice di balletto e sinfonia, tra 2013 e 2014
di Anna Barina   
martedì 03 dicembre 2013

gardiner.jpgUn dicembre speciale per il Teatro La Fenice che festeggia infatti, proprio il giorno 14, il decimo anniversario dalla propria ricostruzione dopo il devastante incendio del 29 gennaio 1996. Dieci anni fa fu Riccardo Muti a tenere a battesimo la ‘nuova’ Fenice, risorta dalla sue stesse ceneri come già molte volte nella leggenda. Oggi, per i primi due lustri dalla re-inaugurazione a salire sul podio è Sir Lorin Mazeel, esibitosi qui per la prima volta appena venticinquenne, nel novembre del 1955. Lo straordinario concerto vede l’Orchestra e il Coro del Teatro interpretare un lavoro di grande impegno e valore simbolico, la Nona sinfonia in re minore op. 125 di Ludwig van Beethoven, con il toccante Inno alla gioia finale su testo di Schiller interpretato dal soprano Ekaterina Metlova, dal mezzosoprano Kate Allen, dal tenore Jonathan Burton e dal basso Luca Tittoto.

 

Capolavoro del “genio di Bonn” carico di conseguenze per la storia della musica, la Sinfonia n. 9 è basata su un grandioso arco drammatico in cui la sete di comunicazione dei primi tre movimenti esplode nell’uso della voce umana e della parola dell’ultimo.

 

Il 6 e 7 del mese spazio ad un altro fuoriclasse del podio, Sir John Eliot Gardiner, impegnato a dirigere l’Orchestra di casa ne Le corsaire, ouverture in do maggiore op. 21, H. 101B di Berlioz, nella Sinfonia dell’Aida (versione 1872) e nel Te Deum per doppio coro a quattro parti e orchestra dai Quattro pezzi sacri di Verdi, per un omaggio che chiude idealmente l’anno del doppio bicentenario, verdiano e wagneriano, affidato ad una delle migliori bacchette del panorama europeo.

Leggi tutto...
 
Cent’anni, ed ascoltarli. Un secolo di Toniolo
di Davide Carbone   
giovedì 05 dicembre 2013

brunellopaolini_giuliofavotto.jpgNessuna personalità al mondo meglio di Giuseppe Verdi avrebbe potuto favorire l’incontro tra prosa e musica. Verdi, narrar cantando è uno spettacolo, in scena a Mestre il 17 dicembre, che nasce dall’unione di due giganti del palcoscenico quali Mario Brunello e Marco Paolini, e dalla loro capacità di coniugare grande drammaturgia e coinvolgente orchestrazione.

 

Il loro lavoro a quattro mani soddisfa il bisogno di scoprire il Verdi grande uomo di teatro oltre che titanico musicista, figura tra le più influenti nel panorama culturale italiano interdisciplinare.

Leggi tutto...
 
Idee vive. Ex Novo Musica, la contemporanea è di scena
di Andrea Oddone Martin   
giovedì 05 dicembre 2013

exnovo.jpgPer l’Ex Novo Ensemble la seconda parte della stagione 2013 si compie in dicembre con Appello Interstellare, il concerto previsto per il primo del mese alle Sale Apollinee del Teatro La Fenice. Ispirato al titolo di Appel interstellaire da Des canyons aux étoiles di Olivier Messiaen, il programma del concerto comprende anche la Sonata per due clarinetti di Poulenc, i Tre divertimenti per quartetto d’archi di Britten e il Sestetto per clarinetto, corno e quartetto d’archi di Ireland.

 

Il 4 dicembre due importanti appuntamenti per l’Ex Novo Ensemble, alle 18 presso l’Ateneo Veneto si presenta il volume di Sylvie Mamy Claudio Ambrosini. Un compositeur vénitien du XXI siècle. Entretien, libro-intervista dove il fondatore dell’Ex Novo Ensemble «ci fornisce, strada facendo, le chiavi affinché possiamo entrare senza sforzo nel suo universo, così ricco di suoni, di immagini, di profumi».

Leggi tutto...
 
Tutto si trasforma. Le leggi della musica
di Daniele Pennacchi   
martedì 03 dicembre 2013

herbertschuch_svc.jpgNato in Romania nel 1979, Herbert Schuch ha ricevuto le prime lezioni di pianoforte nella sua città natale. Trasferitosi nel 1988 con la famiglia in Germania (dove attualmente vive), ha continuato gli studi musicali con Kurt Hantsch e Karl-Heinz Kämmerling al Mozarteum di Salisburgo.

 

Su di lui cade la scelta della Società Veneziana di Concerti come nome d’apertura del 2014 per la Stagione di musica da camera in programma alla Fenice il 7 del mese, con note di Schubert e Janàcek a scorrere sciolte sulla tastiera di uno dei più apprezzati interpreti di una nuova generazione di virtuosi che si sta facendo notare in occasione di rinomati concorsi internazionali.

Leggi tutto...
 
A pieni voti. Al Pollini arriva la bella Stagione
di Alberto Massarotto   
giovedì 05 dicembre 2013

gerard_korsten.jpgL’Auditorium C. Pollini continua a rappresentare una piattaforma ideale per la musica a Padova; a testimoniarlo è la fitta attività concertistica che si nutre delle proposte degli Amici della Musica e dell’Orchestra di Padova e del Veneto. Dell’originale stile esecutivo del violinista Phillippe Graffin s’impreziosisce l’approfondimento sinfonico dedicato a Schumann, il 2 dicembre, che tocca la Fantasia op. 131, il Concerto in re minore e l’Ouverture op. 52, diretti da Tuomas Rousi.

 

Gérard Korsten dirige la Sinfonia Haffner in una serata dedicata a Mozart, e la voce di Eva Mei ne anticipa l’esecuzione con una serie di arie sacre e d’opera al Museo degli Eremitani. Gli Amici della Musica di Padova affrontano un’analisi sinfonica sulla figura di Debussy, in grado di esaltare l’importanza dell’eredità musicale di Caplet e Schmitt, in un concerto promosso dal Centre de Musique Romantique Française del veneziano Palazzetto Bru Zane che, in coproduzione col Comunale di Monfalcone, propone il 20 dicembre l’incontro tra il Quartetto Elias e l’arpa di Sandrine Chatron.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 Pross. > Fine >>

Risultati 281 - 326 di 326
    20|09|2018 - 28|09|2018
  • PRESENTAZIONE FESTIVAL "Jacques Offenbach e la Parigi della musica leggera"
    Palazzetto Bru Zane h. 18
    Fiona McGown mezzosoprano Flore Merlin pianoforte   Brani da opere di Jacques Offenbach

  • 26|09|2018
  • ORCHESTRA CAMERATA ACCADEMICA
    Chiesa di San Rosso h. 20.30
    "Festival di Galuppi"
    Gemma Bertagnolli soprano Sara Mingardo alto Paolo Faldi direttore Musiche di Galuppi, Vivaldi

  • 27|09|2018
  • IL BARBIERE DI SIVIGLIA
    Teatro La Fenice h. 19
    "Stagione Lirica e Balletto 2017/18"
    Musica di Gioachino Rossini Direttore Gregory Kunde Regia Bepi Morassi Allestimento fondazione Teatro la Fenice

  • 28|09|2018
  • LA TRAVIATA
    Teatro La Fenice h. 19
    "Stagione Lirica e Balletto 2017/18"
    Musica di Giuseppe Verdi Direttore Giacomo Sagripanti Regia Robert Carsen Allestimento fondazione Teatro la Fenice

  • 29|09|2018
  • GALA DI MUSICA LEGGERA
    Scuola Grande San Giovanni Evangelista h. 19.30
    Marie Perbost soprano Ambroisine Bré mezzosoprano Camille Tresmontant tenore Jean-Christophe Lanièce baritono Charlotte Bonneu...

  • MADAMA BUTTERFLY
    Teatro La Fenice h. 15.30
    "Stagione Lirica e Balletto 2017/18"
    Musica Giacomo Puccini Direttore Renato Palumbo Regia Àlex Rigola Allestimento fondazione Teatro la Fenice progetto speciale...

  • ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO
    Scuola Grande di San Rocco h. 20.30
    "Festival Galuppi"
    Paolo Brunello oboe Luca Lucchetta clarinetto Mimma Campanale direttore Musiche di Mozart

  • 30|09|2018
  • BARBIER, LECOCQ
    Palazzetto Bru Zane h. 17
    Frédéric Barbier, Faust et Marguerite Charles Lecocq, Sauvons la caisse Lara Neumann soprano Flannan Obé...

  • CORO POLIFONICO DI GIAVENALE
    Scuola Grande di San Rocco h. 20.30
    "Festival Galuppi"
    Alphorn Alessione Benedettelli Direttore Pierdino Tisato Musiche di Mozart

  • LA TRAVIATA
    Teatro La Fenice h. 15.30
    "Stagione Lirica e Balletto 2017/18"
    Musica di Giuseppe Verdi Direttore Giacomo Sagripanti Regia Robert Carsen Allestimento fondazione Teatro la Fenice

  • 02|10|2018
  • IVAN KRPAN pianoforte
    Teatro La Fenice, Sale Apollinee h. 20
    "Musikàmera"
    Ivan Krpan, pianoforte

  • 03|10|2018
  • DUETTI PER VIOLONCELLI
    Palazzetto Bru Zane h. 19.30
    Henri Demarquette, Aurélien Pascal violoncelli   Duetti per violoncelli di Jacques Offenbach, lettera F n. 1, 2 e 3

  • IVAN KRPAN pianoforte
    Teatro La Fenice, Sale Apollinee h. 20
    "Musikàmera"
    Ivan Krpan, pianoforte Musiche di Beethoven

  • 04|10|2018
  • I VIRTUOSI VENETI
    T Fondaco dei Tedeschi h. 20
    "Festival Galuppi"
    Musiche di Vivaldi, Galuppi, Albinoni

  • IL BARBIERE DI SIVIGLIA
    Teatro La Fenice h. 19
    "Stagione Lirica e Balletto 2017/18"
    Musica di Gioachino Rossini Direttore Gregory Kunde Regia Bepi Morassi Allestimento fondazione Teatro la Fenice

  • 05|10|2018
  • PETITE MESSE SOLENNELLE, CORO IRIS ENSEMBLE
    Chiesa di San Rosso h. 20
    "Festival Galuppi"
    Soprano Oriana Kurteshi Mezzosoprano Silvia Regazzo Tenore Carlos Natale Basso baritono Roberto Maietta Pianoforte Silvio Celeghin Pianoforte...

  • LA TRAVIATA
    Teatro La Fenice h. 19
    "Stagione Lirica e Balletto 2017/18"
    Musica di Giuseppe Verdi Direttore Giacomo Sagripanti Regia Robert Carsen Allestimento fondazione Teatro la Fenice

  • 06|10|2018
  • IL BARBIERE DI SIVIGLIA
    Teatro La Fenice h. 15.30
    "Stagione Lirica e Balletto 2017/18"
    Musica di Gioachino Rossini Direttore Gregory Kunde Regia Bepi Morassi Allestimento fondazione Teatro la Fenice

  • 07|10|2018
  • LA TRAVIATA
    Teatro La Fenice h. 15.30
    "Stagione Lirica e Balletto 2017/18"
    Musica di Giuseppe Verdi Direttore Giacomo Sagripanti Regia Robert Carsen Allestimento fondazione Teatro la Fenice

  • 08|10|2018
  • RAFAŁ BLECHACZ pianoforte
    Teatro La Fenice, Sale Apollinee h. 20
    "Musikàmera"
    Musiche di Mozart, Schumann

  • 09|10|2018
  • CANZONI DA CAFFÈ-CONCERTO
    Palazzetto Bru Zane h. 19.30
    Rodolphe Briand tenore Vincent Leterme pianoforte

  • LA TRAVIATA
    Teatro La Fenice h. 19
    "Stagione Lirica e Balletto 2017/18"
    Musica di Giuseppe Verdi Direttore Giacomo Sagripanti Regia Robert Carsen Allestimento fondazione Teatro la Fenice

  • 10|10|2018
  • ENSEMBLE ACCADEMIA DEI SOLINGHI
    Teatro La Fenice h. 20
    "Festival Galuppi"
    Concerto in forma scenica Musiche di Galuppi, Mozart

  • 11|10|2018
  • EMMA ARIZZA violino, NAREH ARGHAMANYAN pianoforte
    Teatro La Fenice, Sale Apollinee h. 18
    "Musica con le ali"
    Musiche del repertorio classico

  • 12|10|2018
  • DEBUSSY, PIERNÉ, GODARD, FAURÉ…
    Palazzetto Bru Zane h. 19.30
    Philippe Hattat pianoforte

  • MARGRIET BUCHBERGER soprano, LEONE MAGIERA pianoforte
    Teatro La Fenice h. 20
    "Festival Galuppi"
    Musiche di Liszt, Wagner

  • 14|10|2018
  • CORO PICCOLI CANTORI VENEZIANI, L.O.V. LABORATORIO ORCHESTRA VENEZIA
    Scuola Grande di San Rocco h. 20.30
    "Festival Galuppi"
    Direttore Diana D'alessio Musiche di Vivaldi, Galuppi

  • 16|10|2018
  • FAURÉ, MESSAGER, CHABRIER, LELEU, THUISY…
    Palazzetto Bru Zane h. 19.30
    Lidija e Sanja Bizjak pianoforte a quattro mani

  • 19|10|2018
  • SEMIRAMIDE
    Teatro La Fenice h. 19
    "Stagione Lirica e Balletto 2017/18"
    Musica di Gioachino Rossini Direttore Riccardo Frizza Regia Cecilia Ligorio Nuovo allestimento Fondazione Teatro la Fenice

  • 20|10|2018
  • IL BARBIERE DI SIVIGLIA
    Teatro La Fenice h. 15.30
    "Stagione Lirica e Balletto 2017/18"
    Musica di Gioachino Rossini Direttore Gregory Kunde Regia Bepi Morassi Allestimento fondazione Teatro la Fenice

  • 21|10|2018
  • SEMIRAMIDE
    Teatro La Fenice h. 15.30
    "Stagione Lirica e Balletto 2017/18"
    Musica di Gioachino Rossini Direttore Riccardo Frizza Regia Cecilia Ligorio Nuovo allestimento Fondazione Teatro la Fenice

  • 23|10|2018
  • SEMIRAMIDE
    Teatro La Fenice h. 19
    "Stagione Lirica e Balletto 2017/18"
    Musica di Gioachino Rossini Direttore Riccardo Frizza Regia Cecilia Ligorio Nuovo allestimento Fondazione Teatro la Fenice

  • 24|10|2018
  • IL BARBIERE DI SIVIGLIA
    Teatro La Fenice h. 19
    "Stagione Lirica e Balletto 2017/18"
    Musica di Gioachino Rossini Direttore Gregory Kunde Regia Bepi Morassi Allestimento fondazione Teatro la Fenice

  • 25|10|2018
  • SEMIRAMIDE
    Teatro La Fenice h. 19
    "Stagione Lirica e Balletto 2017/18"
    Musica di Gioachino Rossini Direttore Riccardo Frizza Regia Cecilia Ligorio Nuovo allestimento Fondazione Teatro la Fenice

  • 26|10|2018
  • IL BARBIERE DI SIVIGLIA
    Teatro La Fenice h. 19
    "Stagione Lirica e Balletto 2017/18"
    Musica di Gioachino Rossini Direttore Gregory Kunde Regia Bepi Morassi Allestimento fondazione Teatro la Fenice

  • 27|10|2018
  • SEMIRAMIDE
    Teatro La Fenice h. 15.30
    "Stagione Lirica e Balletto 2017/18"
    Musica di Gioachino Rossini Direttore Riccardo Frizza Regia Cecilia Ligorio Nuovo allestimento Fondazione Teatro la Fenice

  • 28|10|2018
  • IL BARBIERE DI SIVIGLIA
    Teatro La Fenice h. 15.30
    "Stagione Lirica e Balletto 2017/18"
    Musica di Gioachino Rossini Direttore Gregory Kunde Regia Bepi Morassi Allestimento fondazione Teatro la Fenice

  • 30|10|2018
  • IL BARBIERE DI SIVIGLIA
    Teatro La Fenice h. 19
    "Stagione Lirica e Balletto 2017/18"
    Musica di Gioachino Rossini Direttore Gregory Kunde Regia Bepi Morassi Allestimento fondazione Teatro la Fenice