VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ART arrow Between Light and Music. Brian Eno torna in mostra Venezia alla Galleria Michela Rizzo
Between Light and Music. Brian Eno torna in mostra Venezia alla Galleria Michela Rizzo
Written by Redazione   
giovedì, 20 settembre 2018

cattura.jpgBrian Eno (Woodbridge GB, 1948) è sicuramente una tra le voci più influenti e ispirate nel mondo dell’arte e della musica contemporanea fin dai primi anni Settanta. Dopo quasi quarant’anni dall’ultimo solo show a Venezia, ritorna dal 22 settembre alla Galleria Michela Rizzo. La mostra include un’installazione di Lightboxes, ognuno dei quali sfocerà in una infinita combinazione di seducenti “colori” auto-generati usando una serie di luci a LED intrecciate, il tutto accompagnato da una composizione musicale unica.

Estendendo i confini temporali grazie ad un’opera che solo apparentemente non ha né inizio né fine, né finalità, Eno «incoraggia le persone a rimanere in un posto per un po’». «Se un dipinto è appeso a un muro, non ci sembra che ci manchi qualcosa senza prestarci attenzione. Tuttavia, con musica e video, abbiamo ancora l’aspettativa di una sorta di dramma. La mia musica e i miei video cambiano, – prosegue Eno – ma cambiano lentamente. E cambiano in modo tale che non importa se ti manca un po'».

 

La Galleria Michela Rizzo espone inoltre una serie di Lenticulars, che usano un mezzo con cui le lenti donano all’immagine stampata l’illusione di profondità e senso dell’animazione, regalando movimento a quella che altrimenti sarebbe una forma statica astratta, rafforzando il lavoro di Eno «che si può guardare allontanandosi e avvicinandosi come si farebbe con un dipinto: si ferma e si muove». Questa convergenza di media diversi è la chiave del lavoro di Eno, «pittura e musica sono sempre state intrecciate per me. Ho iniziato a giocare con la luce come mezzo all’incirca nello stesso periodo in cui ho iniziato a suonare quando ero adolescente. Quando ripenso a quello che ho fatto negli anni successivi, mi sembra di aver cercato di rallentare la musica […] nella speranza che le due attività si incontrassero e si fondessero nel mezzo».

Nella stessa mostra ci saranno una serie di sette Etchings a colori. Queste stampe, immagini singole e statiche si collocheranno in contrasto con i Lenticulars e i Lightboxes. Nessun suono, nessun movimento: solo colore e silenzio. La Galleria presenta anche una versione a quattro schermi del lavoro fondamentale di Eno, 77 Million Paintings, nato da un’idea per riempire lo spazio lasciato in casa da una TV vuota, era originariamente pensato per la vendita come programma per il computer per generare immagini combinatorie sullo schermo. La prima versione ha il titolo 77 Million perché era il numero di combinazioni possibili delle diapositive che conteneva. Il quadrato, e ovviamente la sua iterazione diagonale, il diamante è una forma geometrica che ha intrigato nel corso della storia artisti, tra cui Eno che ha sempre cercato di coniugare il dinamismo della musica con l’energia e l’atemporalità della pittura.

eno77million22.jpgIn dialogo con l’opera di Eno, la Galleria Michela Rizzo espone Blue Depth, 1961 di Joseph Albers, maestro del Bauhaus e grande innovatore del rapporto tra luce e colore, oltre ad una straordinaria opera di Riccardo Guarneri, Angolare ambiguo (2016) che è stata esposta al 57. Biennale Arte di Venezia nel 2017.

Brian Eno è un musicista inglese, compositore, produttore discografico e artista visivo noto come uno dei principali innovatori della musica ambient e della pittura generativa. Come artista visuale, espone dalla fine degli anni Settanta, esponendo il suo lavoro da Tokyo a Città del Capo, da Rio de Janeiro a New York, da Londra a Madrid ed ora a Venezia. Il suo lavoro è dedicato quasi esclusivamente alle possibilità offerte dal medium della luce. Nel 2009, Eno ha ricevuto il rarissimo invito ad esibirsi sulle vele iconiche della Sydney Opera House in Australia. L’installazione consisteva nel software di Eno 77 Million Paintings, un pezzo che crea una velocità, anche se quasi impercettibile, di una pittura leggera.

 

«Brian Eno. Ambient Paintings»
22 settembre – 24 novembre 2018
Galleria Michela Rizzo, Giudecca 800q - Venezia 

[Opening 22.09 h. 12.00]

www.galleriamichelarizzo.net