VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow MUSICA arrow Fall in jazz. A Venezia, l'autunno una jam session
Fall in jazz. A Venezia, l'autunno una jam session
di Giuseppe Mormile Direttore artistico Venezia Jazz Festival   

aldimeola_photo_2018_07_copyright_earmusic_ben_wolf.jpgCrocevia di culture e risonanze, Venezia torna protagonista della programmazione di Veneto Jazz con un'edizione autunnale di Venezia Jazz Festival. Dal 25 ottobre al 13 novembre, concerti, incontri e workshop con i maggiori artisti del jazz internazionale animano teatri, chiese e hotel, pervasi dai suoni e dalle parole che raccontano la contemporaneità, sondando le diverse anime della musica del mondo. Ci sono i grandissimi dello strumento, come Al Di Meola e Gonzalo Rubalcaba, e maestri consolidati come Markus Stockhausen, Florian Weber e Philip Catherine; e tanta, tanta poesia, quella di Pasquale Mirra e Hamid Drake; di Hank Roberts e del giovane Filippo Vignato; e voci femminili, come la capoverdiana Carmen Souza, l'italiana (ma innamorata del Brasile) Chiara Civello, l'americana Ty Le Blanc. Gli spettatori sono invitati a seguire un percorso di voci e note, dal centro storico alle isole, dalle chiese ai teatri e ai club, trovando il proprio filo rosso, magari in una lezione musicale-spirituale di Markus Stockhausen dedicata all'euforia.

 

Gioiello di questa edizione è infatti un raro (ma aperto a tutti) workshop del compositore tedesco che, nell'affascinante auditorium Lo Squero dell'Isola di San Giorgio, accompagna in un'avventura spirituale attraverso la bellezza della musica, delle armonie e della pace interiore. Le alchimie si rincorrono. L'anteprima del festival è affidata al duo del vibrafonista Pasquale Mirra e del percussionista Hamid Drake, un caleidoscopico viaggio sonoro in cui si fondono ritmi africani e orientali e poetiche sonorità (25 ottobre, T Fondaco dei Tedeschi).

 

Il maestro della chitarra e pioniere della fusion, Al Di Meola, con Opus inaugura un nuovo capitolo della sua carriera che si inoltra in inediti confini musicali e una visione artistica più matura, accompagnato dagli ottimi italiani Peo Alfonsi alla seconda chitarra e Fausto Beccalossi alla fisarmonica (Teatro Goldoni, 31 ottobre). Nel salotto dello Splendid Venice Hotel, inoltre, Al Di Meola si racconterà in un'intervista con il critico americano Ashley Kahn.

 

_sol7091.jpegIl leggendario violoncellista americano Hank Roberts e il giovane talento del trombone Filippo Vignato si incontrano nelle navate della Chiesa della Pietà, due generazioni a confronto per un concerto intimista di rara bellezza (1 novembre), al quale segue un nuovo talk dal vivo fra Ashley Kahn e Hank Roberts, ancora allo Splendid. San Servolo ritorna protagonista del festival con l'esplosiva Carmen Souza, cantautrice jazz portoghese di origini capoverdiane, in trio (2 novembre). I musicisti di formazione classica e contemporanea, sempre alla ricerca di echi e risonanze profonde, Markus Stockhausen e Florian Weber, firmano Inside out (3 novembre, auditorium Lo Squero della Fondazione Cini).

 

Chiara Civello, fra le più interessanti pianiste e cantanti della sua generazione (7 novembre) e il chitarrista francese Kevin Seddiki con il maestro Philip Catherine (10 novembre) si esibiscono alla Sale Apollinee del Teatro La Fenice, mentre è la voce soul di Ty Le Blanc ad animare il nuovo concerto allo Splendid Venice Hotel, con un tributo ad Aretha Franklin (8 novembre). Si chiude al Teatro Goldoni il 13 novembre, con una stella del jazz mondiale, Gonzalo Rubalcaba in piano solo, ma è musica live (quasi) tutte le sere al Laguna Libre Jazz Club. Per i giovani talenti del jazz di domani il Pulsar Ensemble di Filippo Sala, uno dei vincitori del premio Tomorrow's Jazz.

«Venezia Jazz Festival Fall edition #1»
25 ottobre-13 novembre vari luoghi a Venezia
www.venetojazz.com