VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow VENICENESS arrow Gin da leccarsi i baffi!
Gin da leccarsi i baffi!
di F.M.   

movember_facebook.jpg

 

Il movimento Movember è promosso dalla Movember Foundation, ente benefico nato in Australia nel 2003, ed è giunto in Italia nel 2012. Oggi coinvolge oggi più di 20 Paesi, per un totale di 5 milioni di persone. Nel mese di novembre, il movimento invita tutti a tagliarsi la barba e a farsi crescere solo i baffi (Mo sta per moustache) per ricordare agli uomini di avere cura della propria salute. Di cambiare “faccia”, appunto, e atteggiamento. L'iniziativa è rivolta soprattutto alla lotta contro il tumore della prostata e del testicolo, con l'obiettivo di favorire la diagnosi precoce e la ricerca sui trattamenti. Ogni anno in questo mese tutti i Mo-bro e le Mo-sista del mondo si riuniscono per accrescere la sensibilizzazione e migliorare la vita degli uomini.

 

Lo Skyline del Molino Stucky Hilton ha deciso di sostenere questa importante causa con uno speciale evento dedicato al Movember il 16 novembre con dj-set a tema GIN in collaborazione con Bottega Spa. Per favorire una maggiore sensibilizzazione da parte del pubblico e raccogliere il maggior numero possibile di adesioni, non è previsto alcun costo di entrata all'evento in cui vengono serviti speciali cocktail a base di Gin creati ad hoc per Movember: Bottega Tonic Gin Bottega | Lillet Rouge | Tonic Bottega Collins Gin Bottega | Lampone (Raspberry) Succo di limone (lemon juice) Zucchero (sugar) | Soda Bottega Negroni Gin Bottega | Campari | Martini Red.

 

mof-qfb241_movember_foundation_primary_logo_black.jpg

 

È possibile inoltre registrarsi sul sito Movember.com e i Mo-bros e le Mo-sistas hanno diritto ad uno sconto sul prezzo dei drink. Inoltre è stata creata una raccolta fondi sulla pagina Movember Foundation. L'impegno di Hilton a favore di questa importante campagna di sensibilizzazione alla salute maschile trova eco nelle parole del professor Vincenzo Mirone, ordinario di Urologia alla Federico II di Napoli: «Prima ancora che un problema sanitario, è un problema culturale: è stato stimato da studi scientifici che le donne hanno una consapevolezza dell'importanza della prevenzione 30 volte maggiore degli uomini.

 

I maschi italiani conoscono poco o niente il tumore della prostata e solo una minoranza lo considera un tumore molto diffuso, che limita fisicamente, creando un importante stato depressivo e che ha un grande impatto sulla qualità della vita quotidiana, sessuale, compreso il bisogno di urinare spesso». Un Gin coi baffi può fare molto per la consapevolezza!

https://skylinebarvenice.it/movember-at-skyline/