VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow TEATRO arrow Tante maschere, pochi volti. Enrico Lo Verso nei panni pirandelliani di Gengé
Tante maschere, pochi volti. Enrico Lo Verso nei panni pirandelliani di Gengé
di Livia Sartori di Borgoricco   
uno_nessuno_centomila__giornalisti.jpg«Di ciò che posso essere io per me, non solo non potete saper nulla voi, ma nulla neppure io stesso». Uno, nessuno, centomila, ultimo romanzo di Luigi Pirandello, è anche quello che riesce a sintetizzare il pensiero dell’autore nel modo più completo: «il più amaro di tutti, profondamente umoristico, di scomposizione della vita», come egli stesso ebbe a scrivere. Non è un caso quindi che proprio questo testo inauguri la programmazione del Teatro Villa dei Leoni di Mira per celebrare lo scrittore siciliano nel 150esimo anniversario della nascita.

 

L’allestimento trasporta il romanzo in un monologo e insiste sulla forte contemporaneità del messaggio pirandelliano: l’importanza della ricerca del sé, costi quello che costi, sfuggendo alle omologazioni, svincolandosi dalla massa che sempre più tende a soffocare l’individuo.

 

Superare i centomila, per arrivare all’uno – mettendo in conto che potrebbe esserci il nessuno. A dare voce e volto al protagonista, Vitangelo Moscarda, ma anche a tutti gli altri personaggi del racconto, è Enrico Lo Verso, che alle acclarate e indubbie capacità attoriali unisce inflessioni e note di colore che vibrano al suono di una sicilianità condivisa con lo stesso Pirandello.

Uno, nessuno, centomila
17 novembre 2018

Teatro Villa dei Leoni-Mira
www.teatrovilladeileonimira.it