VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ARTE arrow Guardare il vero in faccia. La grande pittura veneta di paesaggio tra Otto e Novecento
Guardare il vero in faccia. La grande pittura veneta di paesaggio tra Otto e Novecento
di M.M.   
06_-_ettore_tito.jpgOgni paesaggio ha la sua storia e parlando di Venezia il paesaggio ha certamente una storia legata all’arte. L’eredità di un genere, quello della veduta prospettica e d’invenzione, che ha raggiunto vette altissime con Canaletto e Guardi nel Settecento, non può che essere naturale vocazione per gli artisti di scuola veneziana tra fine Ottocento e primo Novecento.

 

Un’interessante mostra, a Palazzo Querini a Dorsoduro, Venezia in chiaro. Dialoghi e silenzi nella pittura tra Ottocento e Novecento, curata da Luisa Turchi e Stefano Cecchetto, diventa l’occasione per riscoprire artisti e opere che mantengono inalterato il DNA proprio della tradizione pittorica veneziana, restituendo paesaggi, vedute e scene di genere legate alla quotidianità con profonda sensibilità cromatica e luministica. Un’intensa e vitale stagione per altro che segnerà il rinnovamento del linguaggio pittorico, una vera e propria rigenerazione.

 

La mostra presenta oltre settanta opere: i vedutisti ottocenteschi, con le loro lucide visioni prospettiche di Venezia nei suoi monumenti principali e negli angoli meno frequentati della città, da Giuseppe Bernardino Bison a Federico Moja, da Carlo Grubacs a Luigi Querena; i pittori di scene di genere a carattere popolare o borghese, tra contemporaneità e nostalgia del Settecento, come Giacomo Favretto, Alessandro Milesi, Luigi Nono, Ettore Tito, Egisto Lancerotto, Italico Brass; i paesaggisti che lavorano in studio ed en plein air come Gugliemo Ciardi e i figli Emma e Beppe, Pietro Fragiacomo, Giuseppe Miti Zanetti, Pieretto Bianco.

 

Ciò che accomuna questi pittori è un’arte, anche quando malinconica, in qualche modo ottimista e quindi luminosa, un’arte che parte dall’idea precisa di una Venezia trasparente, manifesta e comprensibile, e proprio per questo genuina e autentica.

«Venezia in chiaro»
Fino 13 gennaio 2019

Palazzo Querini, Calle Lunga San Barnaba - Venezia
www.fondazionelevi.it