VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow VENICENESS arrow Dolcezze partenopee. Campania vs Veneto
Dolcezze partenopee. Campania vs Veneto
di F.M.   

struffoli_napoletani.jpgLa Prova del Cuoco con Elisa Isoardi giunta alla settimana numero 14 avverte in maniera sempre più spiccata il clima delle imminenti festività di fine anno. Tra una scorpacciata e l'altra continua la sfida tra le Regioni a colpi di piatti tipici della tradizione e stavolta il focus è tra Gregori Nalon, veneziano di terraferma, zona Riviera e Antonio Paolino di Salerno. Oggetto del contendere gastronomico è un dolce tipico della tradizione napoletana: gli Struffoli. Gli struffoli hanno origini antichissime, c’è chi sostiene che il loro nome derivi dal greco, precisamente dalla parola “strongoulos”, ovvero “arrotondato“. Altre antiche fonti sembrano far riferimento, invece, ad un dolce tipico spagnolo: il piñonate, molto simile agli struffoli, ma dalla forma leggermente più allungata.

 

E considerati i legami tra Napoli e la Spagna questa vicinanza gastronomica suona molto probabile. Secondo altri, invece, il termine “struffolo“ deriva dall’italiano “strofinare” facendo chiaro riferimento al gesto che si compie durante la preparazione per stendere la pasta e creare poi le palline.

 

Anticamente gli struffoli erano preparati nei conventi, dalle suore che poi li donavano a Natale alle famiglie nobili che si erano distinte per atti di carità. Oggi invece si possono trovare in ogni casa napoletana e di altre regioni italiane come la Puglia (con il nome di “porceddhuzzi”), Marche, Abruzzo e Molise nel periodo natalizio. Chissà se Nalon è in grado di valersi della tradizione dei fritti veneziani per rendere al meglio questo squisito piatto, testimonial delle tavole imbandite napoletane?