VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ZOOM arrow Writers in Conversation. Voci tempestose sognando l'altra riva
Writers in Conversation. Voci tempestose sognando l'altra riva
Written by F.M.   

simonetta-agnello-hornby.jpgWriters in Conversation, il fortunato ciclo di incontri con la letteratura contemporanea organizzato da Università Ca’ Foscari e da T Fondaco dei Tedeschi, rappresenta una valida occasione per conversare a tu per tu con scrittori, giornalisti, artisti attraverso le pagine dei loro romanzi, inchieste, disegni, poesie.

 

Aperti al pubblico di studenti e di cittadini, durante il mese di febbraio sono tre gli appuntamenti previsti: nei giorni 8 febbraio alle 16.30 nell’Auditorium Santa Margherita con Simonetta Agnello Hornby, il 14 febbraio alle ore 19 presso T Fondaco dei Tedeschi con  lo scrittore Shi Yang Shi e il 21 febbraio alle 17.30 al CFZ Cultural Flow Zone alle Zattere con Margherita Belgiojoso.

 

 

Simonetta Agnello Hornby, palermitana di nascita, vive dal 1972 a Londra ed ha la doppia cittadinanza, italiana e britannica. Ha esercitato la professione di avvocato aprendo a Brixton lo studio legale “Hornby&Levy”, il primo in Inghilterra ad avere un dipartimento dedicato ai casi di violenza domestica. Ha insegnato diritto dei minori all’Università di Leicester ed è stata per otto anni Presidente dello Special Educational Needs and Disability Tribunal.

 

Ha scritto il suo primo romanzo La Mennulara (Feltrinelli) nel 2002 ed è stato un successo planetario. Donna del Sud sanguigna e vitale, al tempo stesso ferrea e disciplinata, rappresenta un mix in cui l’attaccamento alle radici e l’identità originaria non si sono mai perse ma sono perfettamente integrate con la sua vocazione di cittadina del mondo. A conversare con la Agnello Hornby è Susanna Regazzoni, docente a Ca’ Foscari.


shi_yang_shi.jpegAlter-Natives al T Fondaco è il titolo degli incontri con autori stranieri che hanno scelto l’italiano come lingua di scrittura, creando una letteratura “migrante” che racconta storie venute da lontano, storie di marginalità, talvolta di sofferenza e di rivolta, talvolta di amicizia e di unione che ci aiutano a capire una realtà multietnica a cui spesso dedichiamo uno sguardo distratto.

 

Shi Yang Shi, autore di Cuore di Seta (Mondadori, 2017) potrebbe appartenere a questa letteratura del doppio sguardo. Infatti, nato in Cina, arrivato in Italia a 11 anni e diventato cittadino italiano nel 2006, Shi Yang Shi ha tenuto fede a una cultura cinese forte che gli permette oggi di portare uno sguardo sull’Italia da dentro e da fuori. Nella sua vita ha svolto mille lavori, ora si sente un ‘ponticello’ tra la cultura cinese e quella italiana. Anche se l’italiano è la lingua che parla quotidianamente, è consapevole «di appartenere a due profonde culture e che solo attingendo a ciò che di più prezioso ci hanno lasciato […] possiamo, forse, inventarci un futuro più prospero ed equo per tutti». A dialogare con l’Autore, il prof. Flavio Gregori dell’Università Ca’ Foscari.


Margherita Belgiojoso, dialoga con Paola Severini Melograni prendendo spunto dal suo ultimo romanzo, Là dove s’inventano i sogni. Donne di Russia (Guanda, 2018). Intervengono le docenti Silvia Burini e Pia Masiero di Ca’ Foscari. La Belgiojoso ha vissuto in Russia per oltre 10 anni e viaggiato in lungo e in largo per i Paesi dell’ex Unione Sovietica.

 

margherita_belgiojoso.jpgNel suo libro raccoglie le vite di sedici donne russe formando una staffetta ideale dove il testimone è la storia della Russia negli ultimi due secoli. Scrittrici, poetesse, ballerine, rivoluzionarie, artiste, figure di potere, dissidenti: donne che si sono incontrate, hanno avuto una casa in comune o hanno lottato per gli stessi ideali. L’epilogo è dedicato a Anna Politkovskaja, che l’autrice ha incontrato di persona nei suoi anni a Mosca da giornalista.

«Writers in Conversation»
8, 14, 21 febbraio 2019

Auditorium Santa Margherita

T Fondaco dei Tedeschi

CFZ – Cultural Flow Zone

Venezia
www.unive.it