VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow CINEMA arrow [VENEZIA76] DAILY#7 (3 settembre/September 2019)
[VENEZIA76] DAILY#7 (3 settembre/September 2019)
di F.D.S.   

Image >>DOWNLOAD<<

SFIDA D'AUTORE

Autori di un cinema dalla forte impronta personale e autoriale si ‘affrontano’ in Sala Grande. Lo svedese Roy Andersson, già vincitore del Leone d’Oro nel 2014 con Un piccione seduto sul ramo riflette sull’esistenza, presenta About Endlessness, altro film dalle trame sovrapposte concepito per quadri narrativi. In Guest of Honour, con protagonista David Thewlis (il Remus Lupin di Harry Potter), il canadese Atom Egoyan prosegue la nutrita galleria dei suoi film in cui si parla di una colpa lontana, che emerge dopo molti anni e che pone il protagonista davanti alla propria responsabilità verso la comunità di cui fa parte. Un bambino ebreo in fuga dai Nazisti è al centro di The Painted Bird del regista ceco Václav Marhoul, che chiude la terzina in Concorso. Interprete fra i più intensi e versatili di Hollywood (Le ali della libertà, Cadillac Man), Tim Robbins salirà sul tappeto rosso, ma in qualità di regista del documentario Fuori Concorso 45 Seconds of Laughter, che racconta l’attuazione di un programma rieducativo in un carcere americano. Ma oggi è anche il giorno di un autore molto amato a Venezia, Tsai Ming-liang, che vinse nel 1994 il Leone d’Oro con Vive l’amour, di cui ricordiamo ancora i dialoghi rarefatti, le inquadrature fisse, la Taipei pullulante di solitudini esistenziali. Al Teatro delle Tese dell’Arsenale (e domani in Sala Giardino qui al Lido) sarà proiettata la versione restaurata di uno dei suoi film più belli, Goodbye Dragon Inn (2003), che narra, coi consueti silenzi fantasmatici di Tsai, l’ultimo giorno di attività di un cinema decrepito di Taipei. In Sala Giardino, la strana coppia Terry Gilliam e Achille Lauro incontra il pubblico per il cortometraggio multimediale Happy Birthday. L’unico italiano in concorso nella programmazione della Settimana della Critica, che per tradizione presenta opere prime focalizzate sulla narrazione dei grandi fenomeni sociali contemporanei, è il barese Ascanio Petrini, regista di Tony Driver, che narra la strana storia di Pasquale Donatone, un tassista italo-americano che, dopo 45 anni di vita negli USA, a seguito di un blitz anti-immigrazione sulla frontiera con il Messico viene estradato in Italia, dove si ritrova a vivere in una grotta a Polignano a Mare. Le Giornate degli Autori ci offrono Mondo sexy di Mario Sesti, una compilation di spezzoni di quei film che nei primi anni ’60 si incaricavano di documentare l’arte dello spogliarello in giro per il mondo. Classici Doc propone un omaggio al grande Lucio Fulci, maestro di horror, terrorista dei generi – come amava considerarsi – e guru filmico di Tarantino. Fulci for Fake, di Simone Scafidi, racconta la storia di un attore che deve recitare la parte di Fulci in un biopic a lui dedicato e per prepararsi al ruolo entra nel mondo magico del maestro romano./We know Swedish director Roy Andersson for his Golden Lion-awarded A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence. Andersson is in Venice today with his film About Endlessness. Atom Egoyan participates with Guest of Honour, starring David Thewlis, the story of a longforgotten guilt that haunts the protagonist years after the fact. Another author that is much loved here at the Venice Film Festival is Tsai Ming-liang, performing live at Teatro alle Tese (Arsenale) and presenting the restored version of his masterpiece Goodbye Dragon Inn (tomorrow the screening will be in the Sala Giardino here on the Lido). If you fancy remembering the good old classics, Fake for Fulci by Simone Scafidi is for a good part an homage to Lucio Fulci, Italian horror movie director whom Quentin Tarantino looks up to. In the Orizzonti section, Metri Shesho Nim is an Iranian crime movie. One of Hollywood’s most intense and versatile actors, Tim Robbins will walk on the red carpet as the director of the documentary 45 Seconds of Laughter.