VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow TEATRO arrow Arte e vita, pagina e palcoscenico. Jan Fabre, la sintonia tra immagine e lingua
Arte e vita, pagina e palcoscenico. Jan Fabre, la sintonia tra immagine e lingua
di M.M.   
Image«Quale “consilience artist”, credo nella convergenza dei rami della conoscenza e dei linguaggi come unico modo per porre domande sul mondo. Il termine “consilience” è stato introdotto dal biologo, filosofo ed entomologo Edward O. Wilson. Riguarda la combinazione, convergenza, di fatti e idee tra discipline, in modo da poter trovare collegamenti e dare loro nuove interpretazioni. Lo faccio da quarant’anni, la mia scrittura teatrale influenza le mie arti visive, le mie sculture e le installazioni mi influenzano per la mia messa in scena teatrale, i movimenti e la strategia degli insetti ispirano il mio lavoro coreografico. Per tutta la vita ho abbracciato sistematicamente l’idea di ricerca ed esperimento» (Jan Fabre).

 

L’arte, dunque, per Jan Fabre (Anversa, 1958) è l’idea di umanesimo, in cui materiali diversi, linguaggi diversi, discipline diverse convergono. Ecco perché la sua arte e la sua vita, la sua pagina e il suo palcoscenico coincidono in un unico flusso vitale come accade in The Night Writer. Giornale notturno, di cui è interprete Lino Musella, in scena al Teatro Goldoni il 16 e 17 gennaio.

 

The Night Writer è infatti la raccolta dei diari di Jan Fabre scritti tra il 1985 e il 1991, che, in una totale fusione di pensiero, ambizione e determinazione, comprende alcuni dei suoi scritti più importanti (tra gli altri Io sono sangue, L’angelo della morte, Drugs kept me alive). Un viaggio a tinte forti, dalla giovinezza al giorno d’oggi, che rivela come il mondo culturale dell’artista sia inscindibile dalla sua materialità.

 

Il pubblico si trova travolto da un flusso di pensieri che attraversano sia la vita diurna, con il suo brusio d’idee irresistibili e progetti ambiziosi, che quella notturna, in cui la creatività diventa furiosa e le sue riflessioni esistenziali sono intrise dell’energia sanguigna del corpo. Arte, teatro, senso della vita, famiglia, amore e sesso si rivelano attraverso la parola che guida il pubblico dai moti più intimi dell’animo del giovane ventenne, determinato e autoironico, fino ad arrivare al Fabre di oggi, amato e discusso in tutto il mondo per la sua arte iconica e provocatoria.

 

«Stimolare il pubblico all’ascolto, a pensare in modo diverso, cercando di fare quel salto nell’ignoto per trovare nuove interpretazioni, è ciò che cerco di fare come artista». The Night Writer è lo spettacolo di Jan Fabre che non ti aspetti.

The Night Writer. Giornale notturno
16-17 Gennaio 2020

Teatro Goldoni - Venezia

www.teatrostabileveneto.it