VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow VENICENESS arrow Archivio
:wineaccountant
di Fabio Marzari   

Durante il mese di novembre e per la precisione dal giorno 6 dell’anno di vendemmia...

 

a cura di Fabio Marzari

 

...la legge italiana prevede che il vino novello possa essere messo in vendita. Bisogna sgombrare il campo da equivoci, il vino novello non è solo un vino ‘nuovo’, ma tale bevanda nasce da una produzione particolare e differente dal solito per tipo di vinificazione.

 

Questo metodo è stato ideato da un'équipe di ricercatori francesi nel 1934. Uno degli esperimenti includeva la conservazione dei grappoli a bassa temperatura a contatto con Anidride Carbonica. Dopo un paio di mesi si accorsero che i grappoli erano diventati gassosi e frizzanti, dal sapore peculiare ma non sgradevole.


Naturalmente i grappoli non erano più adatti per la commercializzazione e pertanto decisero di vinificarli; il vino che ne uscì risultò certamente ‘diverso’ ma piacevole. Il vino novello francese prende il nome dalla zona di produzione: Beaujolais Nouveau. Negli ultimi anni, la moda del vino novello ha contagiato consumatori e produttori italiani.

 

Ma come fa un vino a essere pronto dopo poche settimane dalla raccolta dell'uva? Il segreto si chiama macerazione carbonica, da cui risulta un vino particolarmente profumato. Attraverso questa tecnica di vinificazione i grappoli non vengono pigiati, ma messi tutti interi in recipienti ermetici in cui lo spazio libero è riempito con anidride carbonica.

 

La mancanza di ossigeno provoca reazioni particolari (produzione di glicerina e abbattimento di acidi), gli acini iniziano a fermentare e in un periodo da 5 a 20 giorni si svolge la macerazione a circa 20°/30°; quindi l’uva macerata viene pigiata normalmente e il mosto avviato alla fermentazione alcolica.

 

Si ottiene un vino particolarmente fruttato, subito maturo e pronto per il consumo. È da sottolineare che il metodo di vinificazione della macerazione carbonica, oltre alle caratteristiche olfattive particolari, dona al vino un colore particolarmente vivo, con tonalità che ricordano il porpora e un gusto dove predomina la freschezza.


In Italia la produzione spazia su quasi tutto il territorio nazionale, Isole comprese.