VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ZOOM arrow Gran Tour de Venise. Dopo YSL e Valentino, D&G conquista Venezia
Gran Tour de Venise. Dopo YSL e Valentino, D&G conquista Venezia
di Redazioneweb   

Milano – Venezia / andata e ritorno, ma anche Parigi – Venezia. La moda, finalmente ma temporaneamente, ha scelto Venezia come seconda casa. In realtà da molti anni i grandi gruppi avevano già scelto la città per aprire i loro spazi culturali e artistici a partire da Pinault Collection, Fondazione Prada e Fondation Louis Vuitton. L’esigenza di trovare nuovi modi di presentare le collezioni di moda, interdette momentaneamente le sfilate “tradizionali”, ha portato i diversi marchi a produrre una vera e propria rivoluzione visiva e dopo le sfilate in forma digitale, uno show spettacolare che faccia il giro del mondo sui social in 10 minuti supportato da una massiccia strategia di comunicazione, per le nuove collezioni il diktat è sposare il linguaggio dell’arte e le modalità di rappresentazione di quel mondo e tornare allo show dal vivo (con o senza ospiti).

stefano-gabbana-e-domenico-dolce-1621610533.jpg

Venezia capitale della moda nell'estate 2021

Venezia e in particolare l’Isola della Certosa, luce e riflessi tra acqua e terra, ha potuto ospitare solo per 15 giorni un padiglione tutto specchi e piante che Anthony Vaccarello, direttore creativo di Saint Laurent, ha commissionato all’artista Doug Aitken come quinta della Collezione maschile YSL Autunno Inverno ‘21-‘22. Sfilate contemporanee le definiscono, in cui gli artisti lavorano in atelier assieme a sarte e collaborano direttamente con lo stilista, come nel caso Pierpaolo Piccioli per la sfilata Valentino che ha scelto le metafisiche Gaggiandre dell’Arsenale per far sfilare la collezione Haute Couture Autunno Inverno ‘21-‘22. Un vero e proprio «omaggio a Venezia e al suo panorama culturale, la città che genera spontaneamente vibrazioni sull’arte, il teatro, la musica, l’architettura, il cinema e tutto ciò che concerne la creatività».

 

Dopo Saint Laurent e Valentino, arriva anche D&G

Ora è la volta di Dolce&Gabbana che dal 28 al 30 agosto hanno scelto Venezia come tappa del loro “Grand Tour d’Italia”, partito con slancio 9 anni fa a Taormina per poi toccare tra le altre Agrigento, Napoli, Lago di Como, Sicilia, Valle dei templi e Sciacca. Si tratta di un viaggio alla (ri)scoperta della bellezza italiana, quella vera e autentica. Esplorazione che fonde il genio creativo della maison di moda, non solo con l’arte, ma con le maestranze locali di eccellenza, capaci di creare capolavori sartoriali unici. Domenico Dolce e Stefano Gabbana si sono posti infatti in dialogo con il prezioso patrimonio rappresentato dalle eccellenze manifatturiere e artistiche locali, che nel corso dei secoli hanno reso Venezia e il territorio circostante una grande fucina di talenti, idee e meraviglie senza eguali. In città presentano tre nuove collezioni couture – alta moda (donna), alta sartoria (uomo), alta gioielleria e alta orologeria e in anteprima assoluta il nuovo progetto D&G Casa –, in tre diversi contesti monumentali della città: Palazzo Ducale e la Biblioteca Marciana il 28 agosto con le modelle che arriveranno in gondola scortate di veri gondolieri, il 29 in Piazzetta San Marco, il 30 all’Arsenale.

Oltre ai 500 invitati a cui viene riservata una tre-giorni di totale immersione nella bellezza della città, saranno esposti abiti D&G in luoghi iconici di Venezia: alla Scuola Grande della Misericordia, alla Scuola Grande San Rocco, alla Pescheria di Rialto e alla sede del Casinò di Ca’ Vendramin Calergi. La Venezia di Dolce e Gabbana potrebbe apparire troppo tradizionale, molto in linea con il loro stile fortemente identitario, mai banale, certamente capace di esaltare la pura bellezza della città, riportandola al centro di una nuova storia, non solo fatta di acque alte e over tourism!
Con Armani Beauty impegnato alla Mostra del Cinema di Venezia e Dior con la sua direttrice creativa, Mariagrazia Chiuri che ha voluto incontrare di persona gli studenti del corso di laurea in Design della moda allo IUAV, manca all'appello solo Gucci, ma siamo sicuro che non tarderà!