VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ARTE arrow Archivio
Le metamorfosi di Medusa. Alla Querini Stampalia ospite illustre Bernini
di Chiara Casarin   

 

Image Simbolo di virtù e saggezza, antico monito all’avversario che vedeva nello scudo del condottiero raffigurata la più bella delle Gorgoni, Medusa ha avuto nell’interpretazione berniniana una resa efficace ed inquietante.

 

Eseguita in marmo di Carrara nel quinto decennio del Seicento, restaurata un’unica volta nel 2006, la testa arriva a Venezia il 5 ottobre e viene esposta al pubblico nel Museo della Fondazione Querini Stampalia corredata dalla sua base settecentesca.

 

La scultura fu commissionata per essere data in dono al Marchese Francesco Bichi e venne collocata, fin dal 1734, nella Sala delle Oche dei Musei Capitolini in Campidoglio, luogo che non ha mai, prima d’ora, abbandonato.

 

Il Bernini scultore ha segnato la nascita del barocco in casa di Scipione Borghese e, affermando la sua fama d’artista poliedrico, scultore e architetto, è presto divenuto una pietra miliare della svolta concettuale dell’arte post-rinascimentale.

 

La Medusa è l’oggetto privilegiato di uno scambio che la Fondazione Querini Stampalia ha accordato alle Scuderie del Quirinale. Nella capitale, infatti, è arrivata la tavola de La presentazionedi Gesù al tempio di Giovanni Bellini, capolavoro appartenente alla collezione della Fondazione che potrà essere visibile nella mostra monografica Giovanni Bellini dedicata al pittore veneziano. La presenza della Medusa a Venezia rientra nel progetto Ospiti Illustri che vede il Museo dell’Istituzione accogliere importanti opere d’arte dai maggiori musei del mondo.

 

Chiara Casarin

 

«Busto di Medusa» Dal 5 ottobre all’11 gennaio 2009

Fondazione Querini Stampalia Info

www.querinistampalia.it