VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow CLASSICAL arrow Archivio
Pianoforte in salita
di Filo Sganga   

La sagra della primavera di Stravinsky, in esecuzione il 7 febbraio al Teatro Toniolo per la «Stagione di Concerti 2007-2008» a cura degli Amici della Musica di Mestre, non è solo un ottimo programma di sala...

 

...ma rappresenta un vero e proprio punto cruciale nella vita e nella carriera di Fazil Say, giovane pianista turco quella sera sul palco mestrino per eseguirla.

 

Il trentatreenne musicista, dopo aver studiato in Oriente, tra i canti bizantini e la musica tradizionale turca, ed aver vinto a 17 anni una borsa di studio, si trasferisce in Occidente, per completare la sua preparazione in Europa, a Düsseldorf studiando i classici all’Istituto “Robert Schumann”.

 

La svolta decisiva avviene a diciannove anni quando, dopo un acuto periodo di crisi, è proprio La sagra della Primavera a riportarlo indietro dal ‘lato oscuro’: se ne appassiona, ne suona di getto la versione a quattro mani; la fa propria elaborandone in seguito una versione personale. È proprio grazie a quell’opera che il 7 febbraio possiamo vedere Fazil Say seduto al suo pianoforte, un Fazil Say che negli anni a seguire miete successi internazionali: New York, Washington,Boston, Montpellier, uscendo anche dai confini della classica e sperimentando il jazz, superando la pura esecuzione e cimentandosi nella composizione.

 

Il mese di febbraio riserva anche altre sorprese per gli appassionati. Il 14 arriva al Teatro Toniolo un duo molto particolare: sono Richard Hyung-Ki Joo e Aleksey Igudesman, due artisti che propongono A little Nightmare Music, uno spettacolo giocato (nel vero senso della parola) su meccanismi quanto meno bizzarri, trascinando il pubblico con duetti irresistibili.

 

Tecnicamente eccellenti, si divertono eseguendo grandi classici della classica mescolati con pezzi moderni (il brano Mozart Bond dovrebbe già rendere l’idea…). Uno spettacolo forse poco ‘classico’ ma decisamente spassoso. Chiude il mese l’Orchestra d’Archi Italiana con Renaud Capucon, direttore e violino, il 26 febbraio con un programma dedicato a Schubert, Mendelssohn e Dvorak.

 

Filo Sganga

 

«Stagione di Concerti 2007-2008»
7, 14, 26 febbraio

Teatro Toniolo-Mestre (Ve)
Info
www.culturaspettacolovenezia.it