VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow CLASSICAL arrow Archivio
Melodia ebraica. Alle Sale Apollinee suoni per la Giornata della Memoria
di Redazione   

In occasione della Giornata della Memoria 2008, l’Associazione MusicaVenezia ha presentato il Concerto della Memoria nelle Sale Apollinee presso il Teatro della Fenice, eseguendo brani di compositori ebrei, come Arnold Schoenberg e Hanns Eisler e di compositori che si sono interessati a tematiche ebraiche come Ravel e Prokofiev. Anche per la Giornata della Memoria 2009 è in programmazione un concerto dal titolo Niggùn - I suoni dell’ebraismo, giovedì 22 gennaio alle ore 20, per far risuonare ancora le Sale Apollinee della Fenice della melodia (Niggùn significa appunto “melodia”) della tradizione ebraica.

 

La prima parte, affidata a Federica Lotti, consiste nell’esecuzione di composizioni novecentesche per flauto e pianoforte di tre autori che hanno in comune la matrice ebraica. Si tratta del francese Darius Milhaud, del boemo Erwin Schulhoff e dello svizzero naturalizzato statunitense Ernst Bloch, con stili ed estetiche molto differenti fra loro. Il primo, con le Sonatine del 1922, propone un linguaggio scanzonato, leggero, raffinato, con micro-contaminazioni jazzistiche; Erwin Schulhoff, un compositore ebreo nato in Boemia, scrive la sua Sonata nel 1927 agli albori del nazismo; chiude il trittico Ernst Bloch, emigrato negli Usa prima che i venti di guerra iniziassero a soffiare sull’Europa.


La seconda parte consiste nella presentazione di canti della liturgia eseguiti in occasione di importanti feste bibliche così come in occasioni speciali o ricorrenze minori, usati da varie comunità italiane (più che altro venete e giuliane) ma anche della tradizione spagnola e tedesca. La selezione, a cura di Elia Richetti, il Rabbino Capo di Venezia, costituisce un’importante interpretazione del ricchissimo patrimonio liturgico musicale che viene tramandato oralmente da secoli. Un’occasione anche per apprezzare il suono dello Shofàr, il corno d’ariete strumento atavico della tradizione ebraica.


Chiude il concerto la parte dedicata a Dmitrij Shostakovich e alla sua composizione From Jewish Folk Poetry, interpretata da Alina Stankevitch e Olga Ermambetova.


L’ingresso è libero fino a esaurimento posti.

 

«Niggùn - I suoni dell’ebraismo
22 gennaio 2009 Sale Apollinee, Teatro La Fenice
Info tel. 3480608528
www.musicavenezia.org