VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ARTE arrow Archivio
Narrativa sperimentale. Le letture visuali di Gianfranco Baruchello
di Chiara Casarin   
Nel 2007 Paolo Fabbri ha scritto una dedica a Gianfranco Baruchello nella quale, con la sapiente maestria dell’analista poeta, ha colto alcuni tratti che consentono di ‘leggere’ l’opera nel suo complesso pur rispettandone sfumature e piccoli tratti singoli.

 

Le tele di Baruchello sono degli ampi spazi attivati da piccole formule che invitano ad essere lette più che guardate, descritte a bassa voce più che ammirate per la loro figuratività.

 

Si tratta di note, di iscrizioni, di spunti, schizzi e diagrammi in cui si percepisce l’intento narrativo che le ha generate. Fabbri, nel suo saggio, è quasi tentato di definirli “Baruglifici” così come Raymond Queneau ha definito “Miroglifici” i segni di Mirò.

 

Le tele raccolgono indicazioni grafiche per una lettura, per una spiegazione che all’improvviso si manifesta nella sua chiarezza, nel suo rigore quasi cronologico seppure mai descrittivo.

 

Ai Magazzini del Sale, fino al 18 aprile, nella mostra Sperimentazioni desideranti si indagherà anche l’intimo rapporto artistico e vitale che Baruchello intrattiene con l’agricoltura, intesa nella sua forma d’arte riservata ormai a pochi.

 

Il 2 aprile è previsto un incontro con l’artista, l’8 aprile la presentazione del libro Processo sette aprile. Padova trent’anni dopo. Voci della città degna, il 16 aprile ci sarà Angelo Maj in concerto.

 

Chiara Casarin

«Gianfranco Baruchello - Sperimentazioni desideranti»
Fino al 18 aprile Magazzini del Sale
Info tel. 0376-244769 www.sale-docks.org