VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow NIGHTLIFE arrow Archivio
Electrospritz da Peggy

Finalmente qualcosa di glamour e accattivante per le sere veneziane di inizio estate.  Le location deputate sono il giardino e il terrazzo di uno dei palazzi più belli sul Canal Grande, all’ombra di una collezione d’arte che ha fatto la storia della cultura mondiale, la collezione Peggy Guggenheim.


Si tratta del museo più importante in Italia per l’arte europea ed americana della prima metà del ventesimo secolo, inaugurato a Venezia nel 1980 in quella che fu l’abitazione di Peggy Guggenheim, il Palazzo Venier dei Leoni. Il museo, oltre ad ospitare la collezione personale di Peggy, custodisce anche i capolavori della collezione Gianni Mattioli, il Giardino delle sculture Nasher e importanti mostre temporanee.

 

Ci voleva quindi il mito di Peggy Guggenheim per ridare fasto alla mondanità cittadina, negli stessi luoghi dove Peggy stessa ha ospitato le feste più leggendarie. «Happy Spritz @ Guggenheim» è il titolo scelto per i quattro appuntamenti di maggio a Palazzo Venier dei Leoni: ogni lunedì, infatti, le porte del museo sono aperte a tutti gli amanti dell’arte che vogliano ritrovarsi in giardino ascoltando buona musica, godendosi la collezione di Peggy e le mostre temporanee che magari non si è avuto occasione di visitare.

Fino al 17 maggio c’è infatti la possibilità di vedere Temi e Variazioni. Dalla grafica all’azzeramento sulle avanguardie storiche e le tendenze più recenti dell’arte contemporanea, mentre fino al 31 dicembre è presente l’omaggio al movimento futurista Capolavori Futuristi alla Collezione Peggy Guggenheim. Senza contare che dal 30 maggio prende il via la grande rassegna dedicata al mito di Rauschenberg.

 

Trattandosi di Happy Spritz, il main sponsor degli eventi non poteva che essere Aperol, sicura garanzia di bei momenti conviviali fra aperitivi colorati e ottima musica. L’entrata al museo, aperto per l’occasione dalle 18.30 alle 21.00, costa 7 euro e oltre a dare l’opportunità di visitare le esposizioni fuori dall’orario di apertura consueto, offre la possibilità di sperimentare una dimensione diversa: il biglietto dà infatti diritto a due spritz accompagnati dalla musica del Nu Festival by Veneto Jazz e dalle stuzzicanti proposte dell’happy hour.

 

Si inizia lunedì 4 maggio con la performance electro musicale del due parigino-veneziano Lumiere, seguito il lunedì successivo dalla musica elettronica alternativa del gruppo veneziano dei Madriema al loro primo album in uscita. Il 18 è la volta di Riddim Guerrilla e di Kreyk e delle loro particolarissime sonorità techno, IDM ed electro. Conclude la rassegna, lunedì 25, la new wave elettronica di Idga, Isko e Bntmrc77, aderenti al progetto collettivo e spontaneo ABusers dove musicisti, artisti visivi e djs sono uniti nella sperimentazione della sintesi elettronica di occhio e orecchio. Insomma si tratta di scoprire la Collezione Peggy Guggenheim sotto una nuova luce, una sorta di esperienza multisensoriale che non a caso viene proposta all’inizio della primavera, quando il clima e la voglia di emozioni spingono le persone fuori, all’aperto. Con la possibilità, da maggio, di sperimentare un nuovo luogo di aggregazione, dotato di indiscutibile appeal glamour e indubbio fascino culturale.

Raffaele Avella

«Happy Spritz @ Guggenheim»
4, 11, 18, 25 maggio Palazzo Venier dei Leoni
Info www.guggenheim-venice.it