VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ARTE arrow Archivio
Realtà sotto assedio. Il linguaggio visionario di Sandy Skoglund
di Elena Furlanetto   

arte_skoglund.jpg

«Mi affascina come i popcorn somiglino a fiocchi di neve, ognuno è unico», afferma Sandy Skoglund in un’intervista, commentando una delle sue inquietanti arcadie americane. Intanto la mostra a Palazzo Giovannelli, inaugurata il mese scorso, prosegue per i mesi di luglio ed agosto, esponendo 70 opere della stage photographer americana. Fotografie che sembrano poesie surrealiste dove un bestiario pastello fosforescente si insinua nelle scialbe istantanee di vita quotidiana. Una sala di un ristorante infestata di volpi rosse, due anziani in cucina che sembrano soccombere ad un’armata di gatti verdi e dei titoli che sembrano vivere di luce pittorica propria: Piovono popcorn, Situazione rock, Gatti radioattivi, Maybe baby, Realtà sotto assedio.

 

Skoglund gioisce all’idea di paesaggi completamente artificiali, e spera di non essere la sola. Li celebra nella sua arte evitando accuratamente di rappresentare la realtà. Ciò che fa è piuttosto infondere l’inquietante nella quiete, sovrapporre due universi: uno adagiato sull’altro come pellicole trasparenti, e i dettagli dell’una si sommano a quelli dell’altra creando una terza realtà impossibile. Una tra le visioni più famose di Skoglund, La vendetta dei pesci rossi, è stata utilizzata di recente come copertina dell’ultimo best seller di Margaret Mazzantini.

«The Artificial Mirror»
Fino al 13 settembre Palazzo Giovannelli
Info www.sanmarcoaste.com