VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ZOOM arrow Archivio
Effetto romantico francese al Palazzetto Bru Zane
di Anna Barina   

bruzane.jpgVenezia si prepara ad accogliere una ventata di musica francese: manca poco infatti all’attesa inaugurazione di Palazzetto Bru Zane-Centre de Musique Romantique Française, le cui porte apriranno al pubblico martedì 3 ottobre. Posizionato nel quartiere di San Stin, vicino alla Basilica dei Frari e alla Scuola Grande di S. Giovanni Evangelista, il Centre de Musique Romantique Française è collocato negli spazi del Casino Zane, costruito alla fine del 1600 come luogo di svago del vicino Palazzo Zane, oggi sede dell’Istituto Sanudo.

Fu Domenico Zane ad affidare il progetto del Palazzetto all’architetto Baldassare Loghena, ma morì prima della fine dei lavori lasciandone la gestione al nipote Marino. Quest’ultimo lo adibì anche a luogo di studio e concerti per la giovane figlia violinista.

Il Palazzo, che è tutelato dalla Soprintendenza di Venezia, ritorna così alla sua antica funzione, grazie alla lungimiranza di Madame Nicole Bru che, innamorata della “città dei Dogi” e della musica, lo acquistò nel 2007 per crearne un centro di ricerca ed esecuzione della musica romantica francese. Gli importanti lavori di restauro hanno restituito alla città le sedici splendide stanze che costituiscono gli 800 mq distribuiti su tre piani. Un intervento che ha permesso di riscoprire la preziosa balaustra in legno dello scultore bellunese Andrea Brustolon, sovrastante la sala principale al centro dell’edificio che diverrà sala da concerti. Grande valore artistico hanno anche gli affreschi recentemente scoperti e attribuiti a Sebastiano Ricci.

 

Palazzetto Bru Zane-Centre de Musique Romantique Française nasce come emanazione della Fondazione Bru con lo scopo di divulgare il repertorio musicale romantico francese, ma soprattutto di riscoprirne e rivalutarne la parte meno conosciuta sia attraverso stagioni di concerti sia con seminari, edizioni e incisioni discografiche.

 

Artisti come Thomas, Onslow, Alkan, Boieldieu, Méhul, Hérold, Dubois, Paladilhe, poco o per nulla noti al pubblico moderno ma la cui opera rivela un aspetto non prevedibile delle influenze del movimento romantico nella musica, troveranno ampio spazio nei cartelloni dei tre festival in programma fino a maggio: Le origini del Romanticismo francese, Le salon romantique e Il Pianoforte romantico. Le giornate inaugurali del 3 e 4 ottobre, dedicate alla nascita delle scuola sinfonica francese, porteranno a Venezia due formazioni di notevole spessore come il Concerto Köln, diretto da Andreas Spering con il pianista Alain Planès che eseguirà il raro concerto n. 2 di Hyacinthe Jadin (il 3) e Les Musiciens du Louvre-Grenoble, che diretti da Marc Minkowski saranno impegnati con musiche di Cherubini, Gluck e Haydn (il 4).

 

Per chi non riuscisse a trovare i biglietti per i primi due concerti, ottobre offrirà numerose altre occasioni con appuntamenti dedicati al salotto romantico, alla musica da camera per archi, e all’opera francese alle porte del Romanticismo. Per dare voce a questo repertorio musicale non poteva esserci luogo più evocativo di Venezia, patria ideale nell’Ottocento della sensibilità romantica con la sua malinconia e la sua atmosfera di dècadence seguita alla caduta della Serenissima.


Anna Barina

 

Le origini del Romanticismo francese (1780-1830)
Dal 3 ottobre al 7 novembre
Info
www.bru-zane.com

 

 

PROGRAMMA

SABATO 3 OTTOBRE ORE 20.30
Scuola Grande San Giovanni Evangelista
CONCERTO KÖLN
Andreas Spering, direttore
Alain Planès, fortepiano
Joseph Haydn: Le Stagioni (Ouverture)
George Onslow: Sinfonia n.1 in la maggiore
Ludwig van Beethoven: Ouverture «Coriolan»
Louis-Ferdinand Hérold: Sinfonia n. 2 in re maggiore
Hyacinthe Jadin: Concerto per pianoforte n. 2 in re minore

 

DOMENICA 4 OTTOBRE ORE 15.00
Scuola Grande San Giovanni Evangelista
LES MUSICIENS DU LOUVRE-GRENOBLE
Marc Minkowski, direttore
André Ernest Modeste Grétry: Le jugement de Midas (Ouverture)
Christoph Willibald Gluck: Suite dal Don Juan
Joseph Haydn: Sinfonia n. 85 in si bemolle maggiore «La Reine» - Sinfonia n. 88 in sol maggiore

 

MARTEDÌ 6 OTTOBRE ORE 20.30
Palazzetto Bru Zane
Alain Planès, fortepiano
Hélène de Montgeroult: Studi
Jean-Louis Adam: Sonata in sol minore (op. 7 n. 2)
Hyacinthe Jadin: Sonata in do diesis minore (op. 4 n. 3)
Jean-Frédéric Edelmann: Sonata in mi maggiore (op. 10 n. 4)
Wolfgang Amadeus Mozart: Variazioni su un tema di Grétry (K. 352)

 

GIOVEDÌ 8 OTTOBRE ORE 20.30
Palazzetto Bru Zane
TRIO ANPAPIÉ
Alice Piérot, violino
Fanny Paccoud, viola
Elena Andreyev, violoncello
Hyacinthe Jadin: Trio n. 3 in fa maggiore
Joseph Haydn: Trio n. 3 in re maggiore (Hob XVI: 42)
Alexandre-Pierre-François Boëly: Trio in do maggiore (op. 5 n. 2)

 

SABATO 10 OTTOBRE ORE 20.30
Palazzetto Bru Zane
Jean-Paul Fouchécourt, tenore
Olivier Baumont, fortepiano
Florence Malgoire, violino
André Ernest Modeste Grétry: Suite dal Jugement de Midas
Nicolas-Marie Dalayrac: Suite dalla Nina ou la Folle par amour
Joseph Bologne de Saint-George: Sonata per violino e pianoforte
Antoine Dauvergne, François-Adrien Boieldieu, Louis-Ferdinand Hérold: Romanze

 

LUNEDÌ 12 OTTOBRE  ORE 20.30
Scuola Grande San Giovanni Evangelista
LE CERCLE DE L’HARMONIE
Jérémie Rhorer, direttore
Mireiller Delunsch, soprano
Maria Riccarda Wesseling, mezzosoprano
Luigi Cherubini: Médée (estratti)
Antonio Salieri: Les Danaïdes (estratti)
Gaetano Donizetti: La Favorite (estratti)
Gaspare Spontini: La Vestale – Olympie (estratti)
Gioachino Rossini: Le Siège de Corinthe – Guillaume Tell (estratti)

 

LUNEDÌ 12 e MARTEDÌ 13 OTTOBRE
Palazzetto Bru Zane
CONVEGNO LE ORIGINI DEL ROMANTICISMO FRANCESE: AL CROCEVIA TRA INFLUENZE TEDESCHE E ITALIANE (1780-1830)

 

VENERDÌ 16 OTTOBRE ORE 20.30
Palazzetto Bru Zane
Christine Schornsheim, fortepiano
George Onslow: Air écossais varié pour le piano
Louis-Ferdinand Hérold: Sonata in la maggiore (op. 3 n. 1)
Alexandre-Pierre-François Boëly: Trente caprices pour le piano (op. 3) – Sonata in do minore (op. 1 n. 1)

 

SABATO 24 OTTOBRE ORE 20.30
Palazzetto Bru Zane
QUATUOR MOSAÏQUES
Erich Höbarth, Andrea Bischof, violini
Anita Mitterer, viola
Christophe Coin, violoncello
Rodolphe Kreutzer: Quartetto n. 2 in sol maggiore
Hyacinthe Jadin: Quartetto in do maggiore (op. 3 n. 1)
Alexandre-Pierre-François Boëly: Quartetto in la minore (op. 27 n. 1)

 

MERCOLEDÌ 28 OTTOBRE ORE 20.30
Palazzetto Bru Zane
QUATUOR DIOTIMA
Yun-Peng Zhao, Naaman Sluchin, violini
Franck Chevalier, viola
Pierre Morlet, violoncello
Félicien David: Quartetto n. 4 in mi minore
George Onslow: Quartetto in do minore (op. 56)
Juan Crisóstomo de Arriaga: Quartetto n. 1 in re minore

 

SABATO 7  NOVEMBRE ORE 20.00
Teatro La Fenice
Orchestre national de France
Sir Colin Davis, direttore
Sophie Koch, mezzosoprano
Sabine Toutain, viola
Hector Berlioz: Ouverture «Waverley» (op. 1)
Les Nuits d’été (op. 7) – Harold en Italie (op. 16)