VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ARTE arrow Archivio
Disciplina della forma. Il codice di Gottlieb e le sue regole
di Valentina Bezzi   

gottliebochreandblack1962.jpgLa Fondazione Guggenheim prosegue il suo cammino di indagine nella grande pittura americana degli anni Cinquanta presentando la prima retrospettiva italiana dedicata ad Adolf Gottlieb (1903-1974) annoverato, con Mark Rothko e Arshile Gorky, tra i pionieri dell’Espressionismo astratto d’oltreoceano.

 

La mostra, che, insieme ad alcune esposizioni degli ultimi decenni, evidenzia l’originalità di Gottlieb rispetto agli altri protagonisti della sua generazione, ripercorre le evoluzioni del cammino pittorico dell’artista a partire dagli esordi espressionisti, fortemente partecipi del Cubismo e dell’astrattismo europeo, proseguendo verso lo studio dell’originale sviluppo di uno schema pittorico definito, da Gottlieb stesso, Pictograph, che organizza l’opera come una griglia, un luogo “disciplinato” in cui l’autore inserisce un proprio linguaggio simbolico e onirico evocativo di forme mitologiche primitive.

 

L’itinerario esplora, poi, la gestualità pittorica maturata da Gottlieb nella celeberrima serie dei Bursts e dei Landscapes della fine degli anni ’50, in cui la sua ricerca prosegue verso una nuova concezione della lettura dell’opera d’arte intesa come uno spazio universale di segni e simboli che danno voce a forze opposte dell’interiorità in uno stretto rapporto tra gesto, materia e colore.

 

«Adolph Gottlieb. Una Retrospettiva» Dal 4 settembre
al 9 gennaio 2011 Collezione Peggy Guggenheim
Info
www.guggenheim-venice.it