VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ZOOM arrow Archivio
Surfin’ Venice. Stand Up Paddle: Venezia vista dall’acqua tra passato, presente e futuro
di Yuliya Ioffe   
dsc_6129.jpgÈ tutta ‘colpa’ dell’acqua. È lei a rendere Venezia così attraente, facendola figurare tra le prime dieci città al mondo da visitare almeno una volta nella vita. È ‘colpa’ sua se la città lagunare ha nel sangue il desiderio costante di rimanere in bilico tra passato e futuro. L’acqua protegge la città-creatura, sospingendola al contempo ad andare verso un futuro fatto di nuove iniziative. Non è un caso, quindi, se il Canal Grande, ancora una volta via di commercio e comunicazione con il mondo, lo scorso giugno si è trasformato in una ‘pista da gara’ per SUP (Stand Up Paddle) durante l’evento Nissan RRD-Surfin’ in Venice 2010. Lo sport acquatico, in grande espansione in Italia, per il suo aspetto si avvicina al windsurf, con la pagaia a sostituire la vela. Non fatevi ingannare: sebbene il SUP si presenti in maniera assai moderna e grintosa, ha alle spalle una storia ricca e articolata. I primi cenni storici si trovano già nei diari di James Cook del 1778, in cui l’esploratore inglese descrive alcuni hawaiiani che cavalcano le onde in piedi, usando grosse tavole di legno e sospingendosi con pagaie.

 

Flessibile per sua natura, il SUP si presta non solo alle emozioni delle grandi onde, ma anche alle tranquille acque della Laguna. Ideata da RRD-Roberto Ricci Design e promossa da Nissan Sports Adventure, la manifestazione è stata accolta e sostenuta con entusiasmo dalla città di Venezia. Il prezioso contributo del Circolo Culturale InVenice, promotore da anni del turismo culturale, insieme all’Associazione Remiera SetteMari, ha reso indimenticabile questo evento inaugurando l’anno zero per il Surfin’ in Venice. Definire questa manifestazione una semplice competizione sarebbe stato riduttivo: è stata una vera e propria sfilata di tavole da SUP incorniciate dall’architettura veneziana, un’insolita passeggiata ‘turistica’ sull’acqua al ritmo scandito dalla gara. Non era importante vincere quanto piuttosto partecipare. Legata non solo all’aspetto sportivo, ma anche a quello storico e culturale, l’iniziativa ha dato vita a un gemellaggio tra l’antica tradizione remiera veneziana e quella hawaiiana, riducendo così le distanze e mettendo a confronto due grandi culture del remo. L’appuntamento con il prossimo Surfin’ in Venice è per il 2011. E nel frattempo diverse iniziative legate al SUP vengono promosse da InVenice (www.invenice.org), come ad esempio quella che ha di recente accompagnato la Regata Storica offrendo la possibilità di assistere pagaiando, occasione per scoprire e ammirare Venezia da una posizione privilegiata, una ‘via’ unica al mondo, quella del Canale. È tutto merito dell’acqua…