VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow CLASSICAL arrow Archivio
I Maestri della tastiera. Un cartellone 'alto' per la nuova stagione della SVC
di Giovanni Greto   

lonquich.jpgLa XXVI edizione della stagione di musica da camera della Società Veneziana di Concerti, Nuove Rigenerazioni, parte col botto, ospitando al Teatro La Fenice due insegni virtuosi della tastiera. Lunedì 18 ritorna il prodigioso pianista tedesco Alexander Lonquich, con un programma incentrato prevalentemente su autori nati verso la fine del XIX secolo. A partire da Aleksander Skriabin, che sulla scia di Chopin e Liszt tendeva esasperatamente a decomporre il Romanticismo occidentale.

 

Per proseguire con Anton von Webern, allievo di Schoenberg, attraverso il quale approdò alla dodecafonia, e Alban Berg, che, utilizzando l’atonalità, ruppe gli schemi armonici del tardo Romanticismo. L’unico autore in scaletta che si discosta cronologicamente sarà Robert Schumann, nato agli inizi dell’800. La sua musica seppe esprimere una vita tormentata, interrottasi prematuramente nel manicomio di Endenich.

 

Un gradito ritorno a Venezia, memori di un prezioso recital al teatro Toniolo sei anni fa, lunedì 25 per il clavicembalista inglese Trevor Pinnock, conosciuto dal pubblico di tutto il mondo sia come direttore di The English Concert, un’orchestra nata nel 1973, specializzata sia nell’esecuzione filologica di opere di musica barocca su strumenti d’epoca, che come interprete di Bach. Con le incisioni delle Sei Partite per Clavicembalo e dei Concerti Brandeburghesi, Pinnock si è infatti aggiudicato il Gramophone Award nella categoria Musica Strumentale Barocca, rispettivamente nel 2001 e nel 2008.
 

«Stagione di Musica da Camera 2010-2011»
18, 25 ottobre Teatro La Fenice
Info
www.societavenezianaconcerti.it