VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow CLASSICAL arrow Archivio
Il ratto del Comunale. Mozart e l’interpretazione dell’opera seria
di Andrea Oddone Martin   

mozart.jpgCos'è uno singspiel? È l'erede diretto dell'opera seria seicentesca, della quale utilizza la forma del recitativo parlato (e non cantato) per l'azione e l'aria concertata per espressioni di sentimento e desiderio. I soggetti e le trame sono però diversi e si tramutano nello singspiel in vicende quotidiane, avventurose, storiche ma non mitologiche né tragiche.

 

Quale autore troviamo al vertice artistico di questo genere di opera? A questa domanda si può rispondere anche intuitivamente: è Mozart, che nel suo Zauberflöte (Flauto magico) e nella Die Entführung aus dem Serail (Il ratto dal serraglio) dimostra completamente l'altezza del suo genio.

 

Nella  Entführung, che potremo rivivere grazie all'allestimento del Teatro Comunale di Treviso in coproduzione con l'Opera Company di Philadelphia, apprezzeremo lo spirito giovanile, lo slancio e la freschezza del Mozart appena arrivato a Vienna e innamorato della sua Konstanze (Weber). Si sposeranno poche settimane dopo il debutto dell'opera.

 

L'aria di Belmonte che canta il suo amore per Konstanze assente (O wie ängslich, o wie feurig) è pervasa da un romanticismo sublime e assoluto. Da segnalare la seconda data di novembre al Comunale trevigiano: il pianista Krystian Zimerman e il violinista lituano Gidon Kremer, in programma le ultime sonate per violino e pianoforte di Beethoven.

 

«Il ratto del serraglio»
3, 5, 7, 9 novembre Teatro Comunale-Treviso
Info
www.teatrispa.it