VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow VENICENESS arrow Archivio
Tradizioni e giochi in Piazza con il "Zogo dell'Oca de Miran"
di Elena Semenzato   

zogodelloca.jpgCorreva l’anno 1982 quando la curiosità per le tradizioni popolari spinse l’imprenditore miranese Sandro Albano Zara a proporre all’amico pittore Carlo Preti di reinterpretare graficamente in versione “miranese” il classico Gioco dell’Oca. Nasce così, traendo spunto dalla forma ovale della pizza di Mirano, un’ironica tavola da gioco che ripropone in ognuna delle 63 caselle che la compongono, noti luoghi, avvenimenti e personaggi della storia di Mirano, tutti disegnati a china e “raccontati” nel classico dialetto veneziano, regolamento compreso.

 

Ma è solo nel 1998 che il Zogo dell’Oca de Miran diventa, in occasione della Festa di San Martino, il Grande Gioco (vivente) dell’Oca in Piazza, in un’ambientazione tipica dei primi ’900, con lo scopo di rivivere un importante momento storico dal sapore genuino, non così molto lontano dai giorni nostri ma quel che basta perché sia facilmente dimenticato.


L’appuntamento è fissato nella piazza di Mirano, circondata da bancarelle in legno, stand gastronomici, saltimbanchi, giocolieri, signori e signore in costume che simulano la quotidianità di quegli anni e soprattutto da loro, le protagoniste di questi 2 giorni di festa: le oche.

 

L’edizione 2010 del Zogo dell’Oca de Miran si apre ufficialmente sabato 13 novembre alle 15.30 con l’apertura della Fiera de l’Oca con l’Ocaria: da questo momento in poi è un susseguirsi di giochi, intrattenimenti e concorsi (l’elezione di Miss Oca) che terminano domenica 14 alle ore 15:00 con la sfilata dei figuranti e con il Zogo de l’Oca in Piazza.


Programma completo consultabile su www.giocodelloca.it