VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ARTE arrow Archivio
Una Festa ad Arte
di Redazione   

gottlieb-untitled_6687.jpgCome ogni anno, in concomitanza con la Festa della Madonna della Salute, Venezia offre ai suoi cittadini, grazie soprattutto alle più importanti istituzioni culturali della città, la possibilità di visitare gratuitamente luoghi d’arte e bellissime mostre.


Prima fra tutti la Collezione Peggy Guggenheim, che rinnova l’appuntamento con la tradizione dedicando ai veneziani una settimana - dal 17 al 22 novembre – ricca di appuntamenti imperdibili, tra visite guidate gratuite, laboratori didattici per bambini, sconti sull’iscrizione agli Amici della Collezione e al Museum Cafè, e, domenica 21, dalle 15.30 alle 17.30, la cioccolata calda per tutti i visitatori nel giardino del museo, gentilmente offerta dalla storica cioccolateria VizioVirtù.

Presentandosi all’ingresso con un documento d’identità e/o tessera imob, i residenti di Venezia e provincia potranno visitare gratuitamente la collezione permanente, la Collezione Gianni Mattioli, il Giardino delle Sculture Nasher, e la mostra temporanea Adolph Gottlieb. Una retrospettiva, prima antologica nel nostro paese ad essere dedicata al grande pittore d’oltreoceano, tra i protagonisti indiscussi della Nuova Pittura americana. Durante la settimana, tutti i giorni alle 11 e alle 12, i visitatori potranno seguire visite guidate gratuite incentrate sulla figura di Peggy, sul suo rapporto con la città di Venezia.

 

 

Tutti i pomeriggi, alle 16 e alle 17, saranno poi presentati approfondimenti sulla storia di Palazzo Venier dei Leoni e sul movimento futurista attraverso le opere della Collezione Gianni Mattioli, mentre alle 15.30, ci sarà una visita guidata alla mostra temporanea (non è necessaria la prenotazione). In occasione della Settimana dei veneziani il consueto appuntamento domenicale con i laboratori didattici dei Kids day per i bambini dai 4 ai 10 anni, si fa in quattro: sabato 20 e domenica 21, alle 11 e alle 15 (le attività sono gratuite, è obbligatoria la prenotazione telefonica  041/2405444/401). 

 

polonia_biennale2010.jpg

Segue poi La Biennale di Venezia, che sarà gratis per i residenti nel Comune di Venezia - nella giornata di domenica 21 novembre, ultimo giorno della 12. Mostra Internazionale di Architettura People meet in architecture, diretta da Kazuyo Sejima. Sabato 20 novembre, invece, penultimo giorno, ricco di importanti appuntamenti, l’incasso della giornata sarà interamente devoluto a favore della popolazione colpita in questi giorni dal maltempo e dalle inondazioni in Veneto.

 

Si comincia con la Conferenza stampa di chiusura della 12. Mostra con interventi del Presidente Paolo Baratta e di Kazuyo Sejima, presso la Biblioteca della Biennale al Padiglione Centrale ai Giardini alle 11.30; segue, sempre sabato, la premiazione del concorso per la miglior foto di People meet in architecture (concorso aperto esclusivamente ai fotografi accreditati). infine, alle 14 Arsenale presso il Teatro alle Tese, ultimo attesissimo “Sabato dell’Architettura” con Paolo Baratta, Kazuyo Sejima e tre dei partecipanti della 12. Mostra - Antòn Garcìa-Abril, Christian Kerez e Hans Ulrich Obrist -.

 

piranesi.jpg

 

 

Altra imperdibile opportunità per i veneziani, l’apertura straordinaria e gratuita, sempre domenica  21 novembre, della mostra Le Arti di Piranesi. Architetto, incisore, antiquario, vedutista, designer, presso il Centro espositivo “Le Sale del Convitto” dell’Isola di San Giorgio Maggiore. Per ricevere il biglietto omaggio sarà necessario presentare alle biglietterie la carta d’identità; la mostra è aperta dalle 10.30 alle 18.30 (per info e prenotazioni: www.cini.it – tel. 199199111).

 

Le Arti di Piranesi è stata vista da oltre 15.000 visitatori ed è stata prorogata fino al 9 gennaio 2011. Una simile proroga (ben 41 giorni di apertura in più) è resa possibile, oltre che per il gradimento del pubblico, anche grazie al fatto che tutte le opere esposte sono di proprietà della Fondazione Giorgio Cini, a partire dalle oltre 300 incisioni originali di Giambattista Piranesi.