VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ARTE arrow Archivio
Aria di Natale. Punta della Dogana e Palazzo Grassi come non li avete mai visti
di Redazioneweb2   

puntadelladogana.jpgIl fascino di certi luoghi, pur nella loro monumentale immobilità, sta proprio nel sapersi declinare a secondo delle occasioni, offrendo possibilità di incontro e di scambio che li trasformano, capaci di creare, di volta in volta, l'atmosfera giusta, ora più che mai calda e assolutamente natalizia. L'impronta è immediatamente riconoscibile, offrire al pubblico l'idea di uno spazio d'arte, che diventa spazio sociale e soprattutto culturale, un’apertura cittadina permanente tenendo sempre vivo il calendario in una trama fitta di appuntamenti: laboratori per bambini, incontri per studenti e per il pubblico in generale, concerti nella formula lunch o dinner, ma anche semplicemente lasciando aperti al pubblico spazi per lo shopping ovviamente ‘ad arte’. L' idea sta proprio alla base della Fondazione François Pinault: coglie l’intensità dello spazio - storico, fisico, spirituale - e coltivare, inesorabilmente, tutte le modalità per valorizzarlo. Ecco, dunque, alcuni suggerimenti di questo ‘caldo’ dicembre.

 

 

 

Riflettori puntati su Punta della Dogana che offre occasioni di visita e di approfondimento in occasione dell'ultimo mese di apertura della mostra Mapping The Studio - a primavera (10 aprile 2011), infatti, riaprirà con la mostra Elogio del Dubbio, a cura di Caroline Bourgeois. Qui si concentrano gli ultimi appuntamenti per il 2010 con L'Opera Parla: il primo dicembre, Nicola Cisternino, docente di spazi sonori e di arti e musiche contemporanee dell'Accademia di Belle Arti, interviene con Quando l'opera ascolta sul discusso Boy with Frog di Charles Ray, scultura creata su richiesta di François Pinault e appositamente per Punta della Dogana, dove lo stupore del giovane uomo per la cattura di una rana vuole trasmettere l'emozione appunto del nuovo destino proprio di Punta della Dogana. Quanto l'artista ha voluto trasmettere, attraverso il candore della scultura, quella silenziosa comunicazione con le magiche facciate bianche delle chiese palladiane prospicienti, tanto quest'opera è al centro di rumorose proteste, tanto più ora che, una volta chiusa la mostra, rimarrà comunque al suo posto.

 

Per continuare questo viaggio nell'arte contemporanea, da non perdere la visita guidata domenica 12 dicembre (ore 10; 5 € + biglietto d'ingresso, prenotazione 041-5240119). Mercoledì 15 dicembre è la volta di Cornelia Lauf, docente di teoria e tecniche dell'allestimento dello IUAV, che con Showtime si confronterà su Felix Gonzales Torres e il suo sipario di perle rosse e bianche, da un lato fluida e leggera quinta, dall'altro evocazione cupa di gocce di sangue, pillole e malati. Al termine della ‘lezione’, Happy Hour al Dogana Café per gli auguri di Natale. Palazzo Grassi, vera e propria officina di pensiero e conoscenza, il 16 dicembre (ore 17), ospita l'appuntamento natalizio con Storie dell’arte, incontri con gli scrittori al museo, protagonista Vittorio Sermonti e una sua speciale lettura di Dante.

Il clima natalizio si surriscalda dall'11 dicembre fino al 23, con la possibilità di accesso libero all'atrio di Palazzo Grassi e, quindi, al bookshop, dove earlbynum.jpg acquistare cataloghi a prezzi scontati e oggetti di design per regali originali, ma soprattutto alla caffetteria, dove cinque ristoranti selezionati da Slow Food preparano a pranzo - l’1, l’8 e il 15 dicembre - piatti dei presidi abbinati a una selezione di vini, accompagnati dalla musica dal vivo (29 €; prenotazione 041-2401304). Gran finale la sera del 18 dicembre con il concerto jazz gospel, organizzato in collaborazione con Veneto Jazz.

 

Earl Bynum torna in Italia con la sua storica formazione As We Are e presenta la nuova collaborazione con una delle più interessanti voci femminili gospel della East Coast, Cora Harvey Armstrong. Il concerto sarà seguito da una degustazione Slow Food e dopo il concerto sarà possibile cenare presso il Palazzo Grassi Café, deliziati da Irina Freguia del Vecio Fritolin. Dulcis in fundo, i bambini, a cui è dedicato start Xmas, tre appuntamenti con i laboratori didattici – il 4, l'11 e il 18 dicembre -, per creare le decorazioni natalizie più originali e creative (prenotazione 041-2401304). Buon Natale a tutti!

 

www.palazzograssi.it