VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow CLASSICAL arrow Archivio
Sigillo Sokolov. Si chiude la stagione della SVC
di Giovanni Greto   
sokolov.jpgCome spesso si è verificato nelle passate edizioni, spetta quest’anno al monumentale musicista russo Grigory Sokolov il compito di chiudere lunedì 2 Nuove Rigenerazioni, la stagione di musica da camera della Società Veneziana di Concerti. Il pianista e virtuoso di Leningrado, del quale la critica esalta la serietà e la profondità del pensiero musicale, unitamente all’originalità interpretativa e all’infinito dominio tecnico, compiuti da poco (il 18 aprile) i 61 anni, presenta nella prima parte due composizioni di J.S. Bach, il Concerto alla maniera italiana BWV 971 in tre movimenti e l’Overture in stile francese BWV 831 in sette.

 

Dopo una pausa di rito, il Maestro proporrà due opere di Robert Schumann: Humoreske in si bemolle maggiore e Scherzo, Giga, Romanza e Fughetta. Ancora una volta Sokolov conferma dunque come il suo repertorio, fin dagli esordi, sia stato particolarmente esteso, affiancando ai grandi classici autori talvolta inusuali del repertorio clavicembalistico e del XX secolo.

 

La sua vasta discografia, a differenza di un altro genio della tastiera come Glenn Gould, è fatta per la maggior parte di registrazioni dal vivo, poiché egli desidera e pretende di catturare i momenti sacri di un concerto, evitando le sterili atmosfere di una sala di incisione. Il recital alla Fenice - ne siamo certi - si arricchirà di una serie di bis, purtroppo spesso disturbati dal comportamento della platea, incapace di rimanere seduta per ascoltare ad libitum l’ispirazione di un Maestro.

Grigory Sokolov
2 maggio Teatro La Fenice
Info www.societavenezianaconcerti.it