VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow MUSICA arrow Archivio
E le stelle stanno a guardare. I grandi live di Piazza San Marco
di Alessandra Frontini   

jamestaylor.jpgCi sono notti in cui il silenzio, da queste parti, è irreale. Le architetture, lungo il pregevole trapezio giacciono, mute e bonarie, a vegliare sui masegni di trachite, sul sonno dei leoni del santo, sulla meritata tregua giunta a ristorare gradini e colonne dopo lunghe sedute di posa, allestite per far spalancare occhi e bocche di turisti curiosi. Tacciono il ciangottio dei piccioni e il moto perpetuo di tacchi e carretti, le orchestrine dei caffè storici, l’oro, le cupole, i mosaici e i cavalli della basilica; tace il campanile, impavido e solitario protagonista di mille ritratti, foto sbilenche, infinite cartoline patinate.

Anticamente questo luogo incantevole fu un orto, che traeva sali e vigore dal Rio Batario, e non è difficile figurarselo come un giardino dell’Eden, pronto a donare frutta e verdure squisite. Un cibo che ristorava, allora, il ventre dei veneziani, oggi, gentile metafora, si fa nutrimento per l’anima: qui è possibile prendere per sé un boccone di eterna bellezza. Il volto sereno e altero della basilica sfoggia uno sguardo brillante, capace di abbracciare il sempiterno splendore di una perla unica al mondo, avvolta nella trama sottile di antiche sete d’Oriente.

 

biagio.jpgDelicata come carta di riso eppure maestosa, fragile e fiera, cuore di una città che non teme cloni, Piazza San Marco attende, funambolo sospeso tra gelsomini aulenti e cieli stellati, preziose melodie raminghe, l’eco delle quali già pare risuonare nell’aria. Immerse nel tepore di luglio, proprio qui, in questa cornice così speciale, si rincorreranno le note di tre artisti d’eccezione: James Taylor il 19 del mese, il 23 Biagio Antonacci e, il 29, l’immarcescibile, camaleontico Sting (in merito alle veneziane gesta dell’ex Police, si veda l’approfondimento all’interno della rubrica «Zoom»). Ad aprire le danze, dunque, dopo i successi macinati al Carnegie Hall di New York, sarà il buon Jimmy, un artista (dal passato maledetto quanto basta) che ha fatto conoscere il folk americano ben oltre i confini della propria terra d’origine, vestendo un genere musicale spesso ritenuto marginale di un’aura magica e poetica. Accanto a lui, per quest’unica data italiana, la famigerata Legendary Band (un nome, una garanzia), pronta a rispolverare successi senza tempo come Sweet baby James e Carolina in my mind.

Quattro giorni dopo, il palco sarà tutto per l’ugola di Biagio Antonacci. Riempiti l’Arena di Verona e, con il Concerto per l’Unesco, il Colosseo, il cantautore milanese proporrà un evento live, a chiusura del suo Viaggio in Italia, intimo e suadente, speciale quanto le luci e le ombre della piazza che ne ospiteranno le suggestive atmosfere.

 

Infine, ciliegina amabilmente assestata sulla torta dagli organizzatori del «Venezia Jazz Festival», a far calare il sipario sulla kermesse estiva sarà Sir Gordon Matthew Thomas Sumner, meglio noto come Sting, britannico esemplare di biondo aedo dalla voce di velluto. Ma, dico io... vi attende Piazza San Marco, mica la sagra della salsiccia di qualche agreste località sconosciuta! Quanto alla musica - non si può negare - ce n’è davvero per tutti i gusti, no? Ebbene: che diamine ci fate, ancora lì, a girarvi i pollici?!


James Taylor 19 luglio
BiagioAntonacci 23 luglio
Piazza San Marco
Info www.veneziamarketingeventi.it www.venetojazz.com