VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow MUSICA arrow Archivio
Genova-Mestre, andata e ritorno. Al Candiani arriva la tradizione musicale genovese
di Redazioneweb2   

descalzi.jpgFare il punto sullo stato della canzone d'autore genovese, che ha prodotto in mezzo secolo un gran numero di talenti (Gino Paoli e Luigi Tenco, Fabrizio De Andrè e Ivano Fossati, giusto per fare qualche nome… ) è l’obbiettivo principale della rassegna ospitata il 20 e 27 ottobre dal Centro Culturale Candiani di Mestre intitolata «Genova città dei cantautori (con il mare nella testa)».

 

Sono stati affiancati un artista più celebre ed uno meno noto: il nome di spicco della serata d’apertura è quello di Vittorio De Scalzi, storico fondatore dei New Trolls, uno dei più importanti gruppi della scena rock italiana, diventato celebre per aver firmato nel ‘68 il primo esperimento italiano di concept album, Senza orario senza bandiera, avvalendosi dei testi del poeta Riccardo Mannerini e della collaborazione musicale di Fabrizio De André. De Scalzi presenta un suo recente progetto intitolato Il suonatore Jones, concerto che ha girato l’Italia rievocando le molteplici collaborazioni con l’amico De André, di cui propone anche alcuni brani originali.

 

max_manfredi_2.jpgProtagonista dell’ultima serata è invece un cantautore appartenente alla generazione successiva, Max Manfredi, che ha pubblicato il primo album nel 1990. Il suo disco più recente, Luna persa, al cui interno è stato ripescato un brano inedito cantato con De André, ha vinto nel 2009 la Targa Tenco.
Le esibizioni di De Scalzi e Manfredi sono precedute da quelle di altri due cantautori, meno famosi ma già molto quotati sulla scena della canzone d’autore nazionale.

 

Il 20 tocca a Franco Boggero, messosi in luce nel 2009 con Lo so che non c’entra niente, presentato al Premio Tenco. Precede invece la performance dell’eclettico Manfredi lo spezzino, ma ormai genovese d’adozione, Cristiano Angelini, attivo musicalmente sin dagli anni ’80. Nonostante sia da tempo fra i più quotati interpreti della nuova scena musicale genovese, Angelini ha pubblicato solo quest'anno il suo primo disco solista, L’ombra della mosca, entrato nella cinquina dei finalisti della Targa Tenco 2011 come ‘Miglior opera prima’.

«Genova città dei cantautori (con il mare nella testa)»
20, 27 ottobre Centro Culturale Candiani-Mestre (Ve)
Info www.centroculturalecandiani.it