VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ARTE arrow Archivio
Politically correct. Gastone Novelli e la sua ereditą contemporanea in mostra alla Guggenheim
di Chiara Casarin   

temivariazioni.jpg

Divenuto celebre per un gesto che segnò la rivolta degli artisti alla Biennale sessantottina, Gastone Novelli (1925-1968) è stato in vita uno dei protagonisti dell’arte italiana ed ora, a più di quarant’anni dalla scomparsa, continua la sua scalata tra le più grandi personalità che segnarono la nascita del contemporaneo. In quell’anno Novelli rispose alle provocazioni della polizia nei Giardini della Biennale girando i suoi dipinti contro il muro: un gesto che compiuto da un artista invitato ad una personale nella kermesse veneziana dell’epoca non rimase certamente sotto silenzio. Ma non era la prima volta che lo si vedeva in laguna. Gastone Novelli fu invitato nel 1960 alla Crack presso la Galleria Il Canale, nel 1961 alla Galleria Il Traghetto, nel 1964 alla Fondazione Bevilacqua La Masa e partecipò alla XXXII edizione nello stesso anno in cui vinse il Premio Gollin. Ora, alla Peggy Guggenheim gli viene dedicata la mostra, curata da Luca Massimo Barbero, Temi e Variazioni. Scrittura e spazio.

temivariazionibacon_scimpanze.jpgGastone Novelli a Venezia, realizzata in collaborazione con l’Archivio Gastone Novelli di Roma. Qui sono esposti i taccuini che ritraggono i suoi periodi veneziani, di quando aveva lo studio alla Giudecca, di quando usava il rosso che tanto gli ricordava il Rinascimento lagunare, disegni in cui raffigura Venezia nell’intento di trasmettere graficamente le potenzialità di isolamento che l’animo creativo sa trovare tra l’acqua e il cielo, tra la pietra d’Istria e il profumo di cultura sempre incalzante per ogni spirito sensibile. I temi, i soggetti prediletti da Novelli, in questi appunti grafici, spaziano dalla natura come nella migliore tradizione veneta all’appunto di un’ideologia politica che sfida la forza creativa, dai conflitti interni alla ricerca di un’espressione adeguata ai temi dell’esistenza.

 

L’opera di Gastone Novelli trova posto all’interno della Collezione Guggenheim in una perfetta assonanza di linguaggi, tempi e forme. Il progetto di rendere maggiormente leggibili le opere permanenti attraverso il dialogo con altri autori si dimostra di particolare efficacia in questo caso in cui la ‘scrittura’ nelle sue varianti grafiche, cromatiche, plastiche e pittoriche diviene una chiave di lettura multifunzionale per quel confronto tra produzioni artistiche che tanto aggiunge alla critica solistica. Al termine del percorso durante il quale si incontrano i lavori di Weiner, Agnetti, Mondrian, Colombo, Nigro, Pollock, Stingel, solo per citarne alcuni, gli ultimi spazi espositivi sono interamente dedicati a Novelli e alla sua poetica produzione artistica perlopiù inedita.

 

«Temi & Variazioni»
Fino al 1° gennaio 2012 Collezione Peggy Guggenheim
Info www.guggenheim-venice.it