VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow VENICENESS arrow Archivio
CARNIVAL 2012 | La dieta al contrario
di Fabio Marzari   

festaveneziana.jpgIl mese di febbraio coincide in gran parte con il periodo carnascialesco; parlare di penitenze quaresimali a tavola, ancor prima che la festa abbia inizio, sembrerebbe un omaggio a Torquemada, decisamente fuori contesto. Diviene perciò inevitabile, come il cacio sui maccheroni, portare il discorso sul Carnevale della gola, che è un qualcosa in più del gusto in sé; rappresenta la licenza di ‘abbuffarsi’ con ricche libagioni, in nome della festa trasgressiva per eccellenza.

 

Cannaregio da anni è divenuto il sestiere del gusto, qui ha inizio un percorso nella tradizione più autentica della festa, quella che ricorda più da vicino gli antichi baccanali, in cui rimanere ebbri era considerato offensivo e sconveniente.

Senza arrivare all’esplosione, in senso letterale, dei partecipanti, il dies a quo della no diet zone parte il 5 febbraio con La Festa Veneziana sull’acqua, momento dedicato ai cittadini di Venezia e ai turisti, che assiepati lungo le rive del Rio di Cannaregio assistono all’arrivo del corteo di barche organizzato dal coordinamento delle associazioni remiere, che dopo aver sfilato lungo il Canal Grande, danno il la all’apertura degli stand eno-gastronomici, in cui abbondano cicheti, specialità della cucina veneziana e fritole e galani come piovesse.

 

La città durante il Carnevale diviene un’unica e ‘simpatica’ bomba calorica, neppure i balli sfrenati o le lunghe camminate aiutano nella riduzione delle circonferenze umane. Il cibo, inoltre, si sposa con la sensualità, anche se a Venezia dire che si impazzisce per la fritola riveste un ambito da Casanova piuttosto che da Vissani!

 

«La Festa Veneziana sull’acqua»
5 febbraio Sestiere Cannaregio e Canal Grande
Info
www.carnevale.venezia.it