VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow NIGHTLIFE arrow Archivio
Pete, libertino resistente. Il poeta maledetto del brit pop a… Roncade!
di FDS   

doherty.jpgPeter Doherty è la rock star anglosassone più nota degli ultimi dieci anni, un musicista di successo come pochi che ha saputo rinnovare il suono inglese e influenzare decine di brit band. Prima con i Libertines, poi con i Babyshambles e oggi con i suoi lavori da solista, Peter Doherty ha segnato una nuova via e modo di comunicare con i fan. Giovane, ribelle e dotato di grande talento, il suo problema è che ha sempre giocato con il lato oscuro della strada, tra alcol, droghe e pulsioni autodistruttive che comunque finora è riuscito sempre a controllare, traendo anche dal suo successo enorme come icona del new villain britannico delle buone rendite (famosa la sua tormentata relazione con Kate Moss e con altre fiancées).

 

Per cui, rispetto alla sua musica, che rappresenta un ottimo mix di cultura rock e di folk albionico, si rischia sempre di far prevalere la dimensione del gossip e delle infinite risse in cui è stato coinvolto, facendosi in pratica licenziare da tutti i gruppi cui ha appartenuto. Famosa fu quella volta in cui non si presentò ad un concerto degli Oasis, di cui i Babyshambles erano la spalla, perché ad un party francese con l’amata Kate.

 

doherty1.jpgTalento poliedrico, alterna l’attività di musicista a quella di poeta, scrittore e pittore. Nel 2006 ha firmato un accordo con la casa letteraria Orion Books per pubblicare i suoi diari che raccolgono poesie, disegni e foto della sua carriera. Il libro, intitolato The Books of Albion: The Collected Writings of Peter Doherty, è stato pubblicato il 21 giugno 2007. Tra il 2007 e il 2008 ha esposto in qualche galleria d’arte, con la mostra monografica Art of the Albion, dove ha ricevuto molte critiche per l’uso del suo sangue nelle opere stesse. Nel 2010 ha pure recitato in un film a fianco di Charlotte Gainsbourg. L’impressione è che l’uomo sia assolutamente genuino, come lo era un’altra grande disperata londinese che però ci ha lasciato poco tempo fa, Amy Winehouse, e non faccia apposta a farsi cacciare e finire sui giornali.


Il fatto è che nel cuore portiamo solo le stelle che gli dei chiamano presso di sé fin da giovani, da Janis Joplin in avanti, mentre quelli che lasciano invecchiare sulla terra tra risse e ‘cazzate’ ci fanno un po’ di tristezza perché non sono stati i prescelti. Se volete, è un ragionamento molto letterario e mitologico, ma il rock di questo è fatto.

Peter Doherty


12 febbraio New Age Club-Roncade (Tv)


Info www.newageclub.it