VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow TEATRO arrow Archivio
Dreaming and awakening. Al via l'8. Festival Internazionale di Danza Contemporanea
di Raffaele Avella   

biennaledanza1.jpgIl festival in assoluto a più alto tasso di emozioni dà appuntamento a Venezia, dall’8 al 24 giugno, per presentare il meglio della danza contemporanea mondiale. Produzioni audaci, di grandissimo impatto, esaltate da intrecci fra corpi favolosi e da furie sceniche che seducono senza pietà, sono state scelte dall’iconico direttore del settore Danza della Biennale, Ismael Ivo, che ne ha dato un piccolo assaggio a maggio sorprendendo i viaggiatori dei vaporetti con brevi azioni coreografiche dei danzatori dell’«Arsenale della Danza».

 

I luoghi classici, che hanno ospitato le passate edizioni del Festival, tornano a fare da teatro: dagli affascinanti spazi dell’Arsenale – Artiglierie, Corderie, Teatro Piccolo Arsenale, Teatro alle Tese, - alla Sala delle Colonne di Ca’ Giustinian, sede della Biennale, fino al Teatro Malibran e a spazi inconsueti come la Chiesa di San Lio. Il titolo del Festival è Awakenings, scelto da Ivo per celebrare e invitare al risveglio della vita e della creatività. «Il movimento è vita, il cuore dà il ritmo e il corpo muove un passo: queste sono le dinamiche della sopravvivenza e dell’esistenza».

 

biennaledanza2.jpgCome da tradizione è proprio Ivo a inaugurare, al Teatro delle Tese, la serie di spettacoli, performance, installazioni e workshop – fra cui 5 prime mondiali e 5 novità per l’Italia – con la prima assoluta di Biblioteca del corpo, la sua nuova coreografia che coinvolge i 25 danzatori dell’Arsenale della Danza, ispirata a La Biblioteca di Babele di Borges. L’altra grande novità di apertura è l’inedito spettacolo del coreografo Virgilio Sieni incentrato sulle suggestioni del De Anima di Aristotele. Il 12 e 13 giugno, nella Sala delle Colonne di Ca’ Giustinian, si celebra l’indimenticabile anima e musa del Tanztheater Wuppertal Pina Bausch, omaggiata da Cristiana Morganti nel personalissimo Moving with Pina. Dal Brasile un’incursione nella potenza della quotidianità: 1Por1Praum di Jorge Vermelho mette in scena dieci ‘abitacoli’ per dieci danzatori, di cui si fa testimone uno spettatore per volta, seguito da A quem possa interessar di Henrique Rodovalho con la chitarrista e cantante di fama internazionale Badi Assad.

 

Dalla Gran Bretagna, l’esplosivo meticciato fra tradizione e innovazione di TooMortal, nella Chiesa di San Lio, della coreografa anglo-indiana Shobana Jeyasingh fonde la tradizione classica dell’India, il Bharatanatyam, con il linguaggio della danza occidentale. Torna a Venezia l’estro di William Forsythe, insignito del Leone d’oro alla carriera nel 2010, con l’installazione coreografica Nowhere and everywhere at the Same Time alle Artiglierie, mentre vedremo per la prima volta al Festival l’autrice islandese Erna Òmarsdòttir con un destabilizzante We saw monsters e il coreografo danzatore beninese Koffi Kôkô, apripista per la danza moderna africana, con La Beauté du Diable. Imperdibile anche l’ultimo spettacolo della star planetaria Sylvie Guillem, a cui sarà consegnato il Leone d’oro alla carriera il 20 giugno, che con il trittico 6000 Miles Away riunisce il meglio del panorama coreografico internazionale: William Forsythe, Mats Ek e Jirí Kylián.

 

biennaledanza3.jpgPer finire booty Looting, prima mondiale del fiammingo Wim Vandekeybus, ormai artista di culto, che aggiunge un fotografo e un musicista a sei danzatori per uno spettacolo evocativo ed inquieto. Torna anche l’iniziativa Marathon of the unexpected, spazio aperto dedicato a pezzi inediti e fulminei selezionati attraverso un bando per portare allo scoperto ciò che raramente trova visibilità. Degna conclusione del festival l’Awakenings Dance Party all’Arsenale, per celebrare la gioia e la bellezza della danza a coronamento del Festival.

«8. Festival Internazionale di Danza Contemporanea»
Dall’8 al 24 giugno-Arsenale e vari luoghi a Venezia
Info www.labiennale.org