VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ARTE arrow Archivio
Istantanee senza tempo. Erwitt e la sete di narrare storie, personaggi ed emozioni
di Carlotta Scarpa   

erwitt1.jpgQuelli del grande maestro Elliott Erwitt sono scatti che raccontano la vita, veri e propri still life, trama coerente della realtà, materia visiva volutamente perturbabile.
Una commedia umana dove il sense of humour si fonde con la denuncia, la posa con la casualità. Storie, momenti, personaggi ed emozioni in cui l’occhio del fotografo si aggira e seleziona istantanee scevre da filtri e pregiudizi.


In bilico tra lo sberleffo ed il perentorio j'accuse, dallo scatto casuale alla composizione minuziosamente costruita, dai ritratti dei ‘grandi’ ai volti dei passanti, Erwitt ferma l’istante, lo immortala in immagini senza tempo, dove l’alta maestria tecnica gioca con la sensibilità e una leggerezza tutta umana.




Naturalezza che incanta lo spettatore, come nello scatto del chihuahua vestito con cappottino e berretto sotto una giornata autunnale, o scuote come nell’immagine della madre del collega e amico Robert Capa, riversa in lacrime sulla lapide del figlio.

 

La Casa dei Tre Oci celebra oggi il maestro con Personal Best, una mostra che raccoglie 140 delle più celebri fotografie, già acclamata alla Maison Européenne de la Photographie (MEP) di Parigi, al Reina Sofia di Madrid e all’International Center of Photography (ICP) di New York. Curata da Denis Curti e realizzata personalmente da Erwitt, l’esposizione è prodotta da Civita Tre Venezie con la partnership straordinaria di Jacob Cohën e il patrocinio della Regione del Veneto e del Comune di Venezia, Assessorato alle attività culturali. 

erwitt2.jpg
Nato a Parigi nel 1928 da genitori russi di origine ebrea, trascorse l’infanzia in Italia fino al 1938 per poi trasferirsi definitivamente negli Stati Uniti con la famiglia. Membro dal 1953 della storica agenzia Magnum, fondata al termine della seconda guerra mondiale da Henri Cartier-Bresson e Robert Capa, Erwitt ha immortalato con taglio giornalistico gli ultimi sei decenni della nostra storia, dall’immagine del 1959 che riprende il dialogo fra Richard Nixon e Nikita Krusciov, passando per Che Guevara, Marilyn Monroe, Jacqueline Kennedy, a quella più recente che ritrae il presidente Obama e sua moglie Michelle.


«È la ricerca di qualcosa di interessante in un luogo anonimo… Ho scoperto che ha poco a che fare con le cose che vediamo e tutto a che fare con il modo di vederle». Così Erwitt racconta il suo meraviglioso mondo di scatti fotografici.

 

«Elliott Erwitt. Personal Best»
Fino al 15 luglio Casa dei Tre Oci
Info www.civitatrevenezie.it