VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow MUSICA arrow Archivio
No Frontiers. Con «Jazz Groove», oltre i muri del suono
di Susanna Zattarin   

babasissoko.jpgFrutto della sinergia tra Comune di Venezia, Assessorato alle Attività Culturali, Centro Culturale Candiani e Circolo Culturale Caligola, la 7° edizione di «Jazz Groove» si presenta al pubblico con un ciclo di concerti capaci di avvicinare i suoni d’Africa, il jazz, il blues e la recente sperimentazione attraversando i luoghi che hanno dato origine alle musiche del nostro tempo, con attenzione particolare al Mali, terra natale di blues e jazz.

 

Primo appuntamento il 14 ottobre con il polistrumentista maliano Baba Sissoko, uno dei maggiori esponenti di musica etnica e jazz, impegnato nella diffusione della tradizione musicale del proprio Paese sulla scena internazionale. L’artista presenta African Griot Groove, alla testa del quartetto Taman Kan, sorta di concentrato d’Africa Occidentale, con il chitarrista senegalese Abubecer Diogou, il bassista camerunense Erick Jano e Philippe Kasse Lago, batterista della Costa d’Avorio.

 

mistakingmonks.jpg

 

 

In scena il 28 ottobre il trio Mistaking Monks, con il chitarrista Xabier Iriondo, esponente dell’avanguardia rock italiana, il batterista Cristiano Calcagnile e il sax soprano di Gianni Mimmo alle prese con la sonorizzazione live de Il colore del melograno, pellicola datata 1968 del regista armeno Sergei Parajanov.
Si prosegue l’11 novembre con il grande jazz del chitarrista newyorkese John Abercrombie, raffinato leader di gruppi quali il quartetto che lo accompagna in Piazzetta Candiani, impegnato in un tour europeo per promuovere il recente Within a song con la collaudata coppia ritmica formata da Drew Gress al contrabbasso e Joey Baron alla batteria, mentre il sassofonista Billy Drewes prende il posto di Lovano, presente invece nella versione del disco registrata in studio.

 

L’appuntamento del 25 novembre propone un’altra originale produzione del nuovo jazz italiano: Paolo Botti, virtuoso della viola, si esibisce per l’occasione anche con banjo, chitarra dobro ed armonica.

 

Un jazz che guarda dritto al blues quello espresso dal quartetto di Dimitri Grechi Espinoza al sax alto, Tito Mangialajo Rantzer al contrabbasso e Filippo Monico alla batteria, con la partecipazione di Betty Gilmore, poetessa e cantante coinvolta nell’ultimo album di Botti Slight imperfection.

«Jazz Groove»
14, 28 ottobre, 11, 25 novembre Centro Culturale Candiani-Mestre (Ve)
Info http://candiani.comune.venezia.it