VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow NIGHTLIFE arrow Conscious revolution. Da Capossela ad Altavoz passando per il Veneto Blaze
Conscious revolution. Da Capossela ad Altavoz passando per il Veneto Blaze
di Chiara Sciascia   

vinicio.jpg

 

Può certamente redigere un ottimo bilancio il Centro Sociale Rivolta di Marghera che, in una controtendenza quasi paradossale, tira le somme dell’attività degli ultimi tempi affacciandosi alla nuova stagione di apertura al pubblico. ‘Reduce’, con successo, dalla collaborazione con il festival estivo patavino, che ha portato ad una più che soddisfacente prima edizione del «Venice Sherwood» a Parco San Giuliano quest’estate, il Rivolta Pvc opera ormai nella consolidata consapevolezza che la sua formula autogestita è una necessità per la città che vuole rigenerarsi e riconquistare spazi da restituire ad una società partecipativa. I risultati sono lampanti a partire dal Progetto Senza Dimora, per cui il Rivolta prevede un piano di ampliamento degli spazi dedicati all’accoglienza dei senzatetto, da riconvertire in estate in ostello sociale. La nuova palestra popolare aperta a tutti offre l’occasione di praticare uno sport alternativo e solidale; e non poteva mancare la libreria Rivoltabooks, accessibile durante le serate Sherwood Open Live – perché le rivoluzioni, nascono dalle parole – mentre prosegue impeccabile anche il progetto della scuola di italiano per stranieri Libera la Parola.

 

themartinezbrothers.jpgPresentato solo qualche settimana fa, il nuovo impianto fotovoltaico, detto il “Rivoltaico”, con una superficie di 1000 metri quadri, provvede a rifornire di energia pulita l’intero stabile, producendo un significativo risparmio economico, ma, soprattutto, in termini di riduzione delle immissioni clima-alteranti. La scelta del fotovoltaico è stata naturale per il Rivolta, da sempre fautore del bene comune, in lotta contro i verticalismi monopolistici che prostrano la società al giogo della speculazione finanziaria. E se, da una parte, trovo essenziale informare il pubblico sulla linea di pensiero e la gestione ‘diurna’ del locale, d’altra parte fremo per dar notizia delle sue attività notturne – tra cui l'ultima data in assoluto del tour dei Subsonica il 10 novembre prima del ritiro per dedicarsi al nuovo disco e la prima data del tour nei migliori club d'Italia che Vinicio Capossela sta per intraprendere, partendo proprio da Marghera il 2 novembre, con il suo Rebetiko Gymnastas, tratto da l'ultimo album del cantautore, uscito lo scorso giugno.

 

Ma già fin da subito a ottobre vedremo delle notti che non mancheranno di sfruttare gran parte di quei 115 mila Kwh prodotti all’anno, convogliandoli ad esempio nella poderosa esplosione di decibel e visual effects che caratterizza ogni serata targata «Altavoz», in scena questo mese il 6 per la Grande Apertura con international guests del calibro di The Martinez Bothers from NY e da Singapore, Xhin l’eclettico futurista del suono che si diverte a contaminare strutture ritmiche e tecniche compositive sempre identiche, con elementi techno e ambient creando una caotica quanto raffinata sovrapposizione di dimensioni sonore. E se il grande evento «Altavoz» rinnova l’appuntamento il 31 per un Halloween ‘da paura’, il 20 ottobre l’attesissimo ottavo raduno Veneto Blaze – “eterogeneo” è la parola d’ordine – porterà al Rivola più di 25 crew e sound systemda tutta la regione, giunti per incontrarsi, confrontarsi, conoscersi, ma, soprattutto, per far riunire almeno una volta l’anno l’infuocata massive veneta nel nome del reggae più autentico e della dancehall più bollente di tutti i tempi. Non si esce dal seminato il 26, con il primo Dancehall Friday firmato dal salentino Mad Mike, con le sue selection caratterizzate da mixaggi rapidi in jugglin’ style arricchiti da un’impressionante serie di dubplates: dal classico roots al new bashment passando per l’hip hop, elektro e dirty south.

 

reggae1.jpgA novembre (30) ci penseranno le selection di Cisky from Bashfire – uno dei pilastri del sound system perugini – a scatenare ‘quelli della dancehall’ del venerdì, ma non posso chiudere prima di offrirvi una succulenta indiscrezione: l’organizzazione Rastasnob, attesissima dal pubblico del Rivolta, annuncia uno straordinario live reggae di portata internazionale, il 24 novembre, che proseguirà le celebrazioni iniziate a febbraio con il Jamaican Carnival veneziano, per il 50simo anniversario di indipendenza della Jamaica. L’identità dell’artista rimane per ora top-secret e la suspense aumenta. Reggae people, il toto-live è aperto!  (aggiornamenti in arrivo!)

 

Rivolta pvc

6, 20, 26, 31 ottobre 2, 10, 24, 30 novembre Marghera (Ve)

info www.rivoltapavc.org