VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow TEATRO arrow Archivio
Dannato desiderio. Dalla prosa al mito, le parole del narrato al Groggia
di Filomena Spolaor   

villan.pngUn affresco di vita fuori dal cliché, un panorama veneto che rappresenta la sanguigna verità dei personaggi. Firma questo atto di teatro popolare transgenerazionale il narratore Andrea Pennacchi, indossando le lenti fabbricate da Angelo Beolco, detto Ruzante. Villan people, la solita mala storia, è un’indagine nel deserto della pianura padana, dove si aggirano uomini invidiosi, feroci, affamati. La macchina del desiderio d’amore, sicurezza, denaro o ‘roba’, trascina la gente nel vento della cronaca nera quotidiana. I protagonisti sono brutti, sporchi, cattivi villani, eroi familiari che parlano una koinè di dialetto veneto della grande metropoli, inglese scolastico, intervallando canzoni pop all’italiano della fiction tv.

 

Teatro di racconto di una ‘poetica del naturale’ che contrappone la vita artificiosa del lusso immaginato e del fugace benessere alla vitalità istintiva di ciò che ancora oggi agita la nostra vulnerabilità e la bestialità della sorte, lo spettacolo, oltrepassato da una scrittura teatrale di disperata ansia di felicità, è diretto da Michele Modesto Casarin, in scena con Manuela Massimi.

 

stefano-scandaletti.pngGli attori si riconoscono ancora nel ritmo e nel suono di una lingua arcaica, nella trasmissione dell’antico nell’arte, come nel percorso Variazioni sul mito, a cura del Centro studi ClassicA IUAV, fino ad oggi legato esclusivamente al Teatro Goldoni, ma che il 3 maggio si apre al Teatro Groggia grazie all’Associazione Engramma e alla cura della docente Monica Centanni. L’attore Stefano Scandaletti rievoca in sogno la tragica memoria di Antinoo, il bellissimo giovane sacrificatosi per amore dell’Imperatore Adriano nelle acque del Nilo. Sventurato padrone del suo cupo destino, il giovane offre immagine e parola all’aspetto amaro del possesso descritto da Marguerite Yourcenar, e che, da Asclepiade fino a Pavese e Pasolini, percorre la resistenza di un’identità nel ricordo del suo suicidio.


«Trangenerazioni 12/13»
3, 10 maggio-Teatrino Groggia
Info www.mpgcultura.it


 

 

:agenda teatro

    27|05|2017
  • STOMP
    Teatro Goldoni - Venezia
    "Eventi Speciali"
    Stomp Productions - Glynis Henderson Productions  in collaborazione con Terry Chegia   

  • 28|05|2017
  • STOMP
    Teatro Goldoni - Venezia
    "Eventi Speciali"
    Stomp Productions - Glynis Henderson Productions  in collaborazione con Terry Chegia