VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow CLASSICAL arrow Di concerto. Tante vocazioni, un unico obiettivo
Di concerto. Tante vocazioni, un unico obiettivo
di Martina Buran   

johnaxelrod.jpg

 

Il mese di settembre al Teatro La Fenice è dedicato, come è nuova consuetudine, a due grandi titoli di repertorio, in allestimenti già rodati ed apprezzati dal pubblico di affezionati e ottimi per il turista di passaggio, intervallati da un appuntamento dell’Orchestra Filarmonica della Fenice diretta da John Axelrod, dal 2011 direttore principale dell’Orchestra Verdi di Milano.

 

Sotto la sua direzione, la Filarmonica esegue, lunedì 16 settembre, la Quinta Sinfonia di Gustav Mahler, con il celeberrimo Adagietto. I titoli che si alternano con cadenza quasi giornaliera sono La Traviata verdiana e la Carmen di Georges Bizet. Per l’opera in tre atti di Giuseppe Verdi, in scena già dal 30 agosto, rinnoviamo l’incontro con uno degli allestimenti più longevi degli ultimi anni, quello di Robert Carsen, che andò ad inaugurare nel 2004 la nuova Fenice ricostruita dopo l’incendio e che è stato ripreso ogni anno nel Teatro veneziano.

 

latraviata.jpg

 

 

Si tratta di una versione con spettacoli di spogliarello, paillettes e pioggia di banconote all’inizio del secondo atto, che tante critiche aveva suscitato appena presentata ma che il tempo ha saputo svelare ristabilendo il giusto riconoscimento alla maestria del regista canadese.

 

Il secondo titolo è affidato al regista iberico Calixto Bieito (con le scene di Alfons Flores e i costumi di Mercè Paloma), vincitore nel 2011 del prestigioso Premio Abbiati proprio con questa Carmen, «ambientata in una malfamata terra di confine tra Spagna e Africa [e che] restituisce al capolavoro di Bizet la sua teatralità ruvida, svelata da istantanee vitali e a volte scioccanti che si susseguono in sintonia con i momenti cruciali della partitura componendo uno strepitoso racconto», come la motivazione del riconoscimento recita. Insomma, due titoli della tradizione riletti e adattati alle situazioni della contemporaneità. E forse sta proprio nella facilità di aderenza tra un testo di più di 150 anni fa e il sentire di oggi la modernità di un capolavoro senza tempo.

«Stagione Lirica e Sinfonica»
Programmazione di settembre Teatro La Fenice
Info www.teatrolafenice.it