VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow NIGHTLIFE arrow Something for the weekend. L’eclettismo di Breach esplode al Pop Corn per l’unica data italiana
Something for the weekend. L’eclettismo di Breach esplode al Pop Corn per l’unica data italiana
di Redazioneweb   
breach01.jpgQuando si parla di club culture, il Pop Corn fa maledettamente sul serio e anche di più se c’è da dare il via ai folli festeggiamenti natalizi. Gli operosi e instancabili staff di Do Not Friday e Strictly, infatti, aprono il weekend prenatalizio sabato 21 dicembre, con un eccezionale evento in esclusiva nazionale per il club di Marghera. Britannico, classe 1980 Breach aka Ben Westbeech, è sicuramente uno degli astri più luminosi del panorama elettronico mondiale. Oggi lo conosciamo tutti per l’irresistibile Jack, hit ‘spaccapista’ dell’estate 2013 dal ritornello sex-friendly e dalla semplicità disarmante, che ha conquistato le dancefloor di clubs e festival di tutto il pianeta.

 

E poi, nemmeno il tempo di uscire dalla chart con Jack per rientrarci immediatamente lo scorso novembre con Everything you never had. Ben Westbeech nasce a Bristol città che già gli garantisce un background unico e fornisce linfa vitale al suo ecclettismo. La sua carriera spicca il volo nel 2007, quando l’inventore dell’acid jazz Gilles Peterson – scopritore di Jamiroquai e Incognito – consacra il primo demo di Breach Best New Thing dell’anno. Da qui la strada del pop singer Ben Westbeech è tutta in discesa, nel 2010 il suo secondo disco There’s more to life than this lo porta alla ribalta grazie ai singoli Something for the weekend, brano incalzante e scanzonato, e alla romantica ballad Falling, entrambe heavy-played su MTV e YouTube e hit irrinunciabili per qualsivoglia stazione radiofonica.

 

breach03.jpgNel suo studio di Brick Lane, Breach da una parte lavora con la crème della nuova scena deep-house ‘colta’ britannica, e dall’altra cede al fascino della cassa dritta, non resiste alle lusinghe del clubbing e traccia per primo la linea del filone UK garage, componendo tracce semplici ed efficaci in un trionfo di melodie house, casse techno e ispirazioni two step. Nel 2012 per la sua etichetta Naked Naked, e per la prima volta con lo pseudonimo Breach, pubblica You won’t find love again con cui ha conquistato la scena inglese ed è entrato a forza nelle selezioni dei dj di mezzo mondo. Dopo la svolta di quest’anno con Jack, per Breach arriva una lusinghiera fila di riconoscimenti: dalla scelta come testimonial della Sony all’uscita su !k7 della sua selezione Dj Kicks, dai successi della sua label alla vittoria dei DJ MAG Brit Awards per “Best track” del 2013, fino ad arrivare al tour internazionale che lo ha portato a fare il giro del mondo partendo da Londra, passando per il Giappone e l’Australia, per poi tornare verso casa e –come un moderno Santa Claus – regalare all’affezionato pubblico del Pop Corn l’unica tappa italiana del suo incredibile viaggio musicale.

«Breach»
21 dicembre Pop Corn Club-Marghera (Ve)

fb: Pop Corn Venezia