VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow CLASSICAL arrow Narrar cantando. Una Fenice a misura di Puccini
Narrar cantando. Una Fenice a misura di Puccini
di Anna Barina   

bohme.jpgÈ quasi interamente dedicata alla produzione operistica di Giacomo Puccini, in particolare alle tre opere che formano il cuore del catalogo di teatro in musica, ovvero La bohème, Madama Butterfly e Tosca, la programmazione di maggio del Teatro La Fenice di Venezia. Con il Progetto Puccini, partito lo scorso 19 aprile, l’istituzione veneziana vuole, infatti, rendere omaggio al novantesimo anniversario della scomparsa del grande compositore toscano, morto a Bruxelles il 29 novembre del 1924. I tre titoli si alternano fino all’1 giugno per ventisette recite totali sul palcoscenico della Fenice con un nuovo allestimento di Tosca che debutta il 16 maggio. Ma è Madama Butterfly ad aprire gli appuntamenti di maggio, venerdì 2 alle ore 19.

 

L’opera viene riproposta nell’allestimento del 2013 del regista Àlex Rigola, con scene e costumi di Mariko Mori, il soprano Amarilli Nizza nel ruolo della protagonista e la direzione musicale di Giampaolo Bisanti.

 

Lo sfortunato amore della piccola Cio-cio-san, che scoperto l’inganno del tenente americano Pinkerton si inflisse l’harakiri per morire con onore, colpì dritto al cuore Puccini. «Fu come gettare benzina sul fuoco», scriveva il compositore dopo aver assistito a Londra al dramma di David Belasco tratto dalla novella di John Luther Long. Nonostante conoscesse poco l’inglese, restò talmente impressionato dalla potenza drammatica della pièce che chiese subito a Belasco di poter trasformare il suo lavoro in un libretto d’opera.

 

madamabutterfly.jpgSabato 10 alle ore 15.30 è la volta de La bohème, l’opera che nel 1896 aprì un nuovo corso della poetica musicale di Puccini. Conclusa la stagione romantica di Manon e Des Grieux, Puccini guardava alla vita reale, al quotidiano. Dall’amore eroico passò a quello prosaico, borghese, vissuto giorno per giorno come sofferenza e tormento ispirandosi al romanzo dello scrittore francese Henri Murger sulla vita degli artisti parigini. La bohème viene proposta diretta da Jader Bignamini nell’allestimento del 2011 firmato dal regista Francesco Micheli, dallo scenografo Edoardo Sanchi e dalla costumista Silvia Aymonino (repliche domenica 25, martedì 27 e venerdì 30).

 

Una nuova produzione di Tosca va in scena venerdì 16 maggio alle ore 19 con la regia della milanese Serena Sinigaglia, le scene di Maria Spazzi, i costumi di Federica Ponissi e la direzione musicale di Daniele Callegari (repliche il 18, 20, 22, 23, 28 e 31). Nel melodramma in tre atti del 1900 tratto dall’omonimo dramma di Victorien Sardou, amore, morte e gelosia si consumano nella tragedia emotiva e passionale dei tre protagonisti, alternando colpi di scena a celebri romanze tra cui le amatissime E lucean le stelle, Recondita armonia e Vissi d’arte. Contestualmente ai concerti a Venezia continuano a maggio gli appuntamenti del progetto L’Opera Metropolitana, avviato dalla Fondazione Teatro La Fenice e dalla Fondazione di Venezia con lo scopo di diffondere la cultura musicale e concertistica in tutto il territorio della provincia. 

«Stagione Lirica e Sinfonica 2013/14»
Programmazione di maggio Teatro La Fenice e Teatro Malibran
Info www.teatrolafenice.it