VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow CINEMA arrow #Daily 1 (27 agostoAugust)
#Daily 1 (27 agostoAugust)
di Redazioneweb   

daily1_2014.pngDAILY#1

Sarà Luisa Ranieri, madrina dal fascino partenopeo, a solcare per prima il red carpet di questa edizione della Mostra, che si preannuncia in perfetto equilibrio tra cinefilia e ribalta, col suo programma ricchissimo di titoli sorprendenti e uno stuolo di attori bravi, che spesso, ed è il miracolo, sono anche divi. Fughe e voltafaccia, questo sembra essere il tema della giornata d’apertura della Mostra che comincia proprio da una riflessione su divismo e notorietà con Birdman (Venezia 71) di Alejandro González Iñárritu, accompagnato da un cast d’eccezione: Michael Keaton, che fu il primo Batman di Tim Burton, l’istrionico Edward Norton, Naomi Watts, che a settembre troneggia sull’elegante cover di «Town & Country», l’eterea britannica Andrea Riseborough e la californiana Amy Ryan. Le Giornate degli Autori, in partnership con il Tribeca Film Festival, ci regalano un indie movie d’eccezione, l’intimista Before I Desappear di Shawn Christensen e promettono di scioccare la platea del Lido con il nuovo film di Kim Ki-duk One on One, storia di un’efferata e disturbante caccia allo stupratore che vuol essere un’ulteriore metafora della Corea di oggi. Orizzonti invece apre con la nuova produzione (internazionale) dell’iraniano Mohsen Makhmalbaf, The President: storia di un dittatore caduto, costretto alla fuga clandestina nel suo stesso paese./ The Festival opens with a reflection on stardom and showbiz: Birdman by Alejandro G. Iñárritu, starring Michael Keaton, Edward Norton, and Naomi Watts. Venice Days will show us a great new indie movie, intimate Before I Disappear by Shawn Christensen and Kim Ki-duk’s One on One, the story of a bloody, disturbing haunt of a sexual predator. Orizzonti opens with The President by Mohsen Makhmalbaf, the story of a fallen dictator forced on the flee in his own country.

 

 

 

(Riccardo Triolo)